Cosa fare in caso di terremoto?

NEWS DI Normative29 Giugno 2012 ore 17:10
E' la domanda a cui hanno cercato di dare una risposta i tecnici della Protezione Civile della Regione Emilia Romagna con un interessante opuscolo da tenere in casa.
terremoti , emilia , sisma , fenomeni sismici

Cosa fare in caso di terremoto?



Terremoto: graficoTerremoto: cosa fare? È una domanda che ricorre spesso, soprattutto dopo che se ne è appena verificato uno, come quello in Emilia, lo scorso maggio. È la domanda a cui hanno cercato di dare una risposta quanto più semplice ed esaustiva possibile i tecnici della Protezione Civile della Regione Emilia Romagna, con un piccolo opuscolo divulgativo che riassume un po' tutte le notizie, molto pratiche, che potrebbero essere utili alla popolazione di tutta la penisola.

Già, perché l'Italia è una nazione da sempre interessata da fenomeni sismici di diversa entità, in tutto, o quasi, il suo territorio. Questo opuscolo è quindi dedicato a tutti gli italiani.

Si parte dal presupposto, ormai dato per assodato, che un terremoto non si può prevedere né nei tempi né nei modi in cui si verificherà, e quindi è impossibile saperne l'intensità. È difficile anche, per questo motivo, controllare con raziocinio le proprie reazioni durante le scosse, motivo per cui è bene inquadrare il problema in anticipo, quando si è in condizioni di calma e lucidità necessarie.

Sentirsi preparati durante un terremoto


Italia: Paese di terremoti
Lo scopo è soprattutto quello di fornire notizie pratiche che torneranno utili al momento giusto, ove ce ne fosse malauguratamente bisogno, in modo da dare una certa tranquillità e sicurezza, allontanare quel continuo stato di incertezza e del non-sapere-cosa-fare tipico in quei momenti. Insomma, una sorta di vademecum semplice semplice da far diventare automatico e familiare, da tirare fuori dal cassetto in quei momenti in cui la mancanza di lucidità ci fa fare delle cose stupide che a volte possono avere purtroppo dei risvolti tragici.

Irpinia 1980: ho ancora davanti agli occhi, dopo più di trent'anni, le scene di case ancora in piedi, mentre le persone che le abitavano erano rimaste uccise sulle scale crollate, mentre fuggivano. Così come ricordo ancora la scena di un mio familiare impolverato, ma vivo!, perché, per un puro caso, in quel momento si era trovato sotto l'architrave di una porta, mentre l'intera casa crollava da una parte e dall'altra di questo architrave.

Se si rimane in casa durante la scossa



Ripararsi sotto il tavoloEcco dunque che piccole raccomandazioni si rivelano utilissime, a cominciare da quella che distingue situazioni diverse in casa: se si è al pianterreno uscire dalla porta d'ingresso solo se questa è immediatamente vicina e soprattutto se è in collegamento diretto con l'esterno; se si è invece ad un piano diverso, evitare balconi, scale e, ovviamente, ascensori.

Raccomandazioni utili anche se si rimane in casa: ripararsi sotto tavoli, architravi, vani di porte, negli angoli, vicino ai muri portanti, spegnere eventuali fornelli accesi. Attenzione a lampadari, mobili pensili e soprammobili.

All'aperto durante la scossaAll'aperto: evitare di camminare vicino ai muri



Se invece si è all'aperto, allontanarsi dagli edifici, soprattutto se hanno balconi, cornicioni sporgenti e insegne, andare in spazi ampi, lontano anche da pali elettrici. Ci sono consigli anche nel caso ci si trovasse in macchina o in spazi pubblici, dove a volte è il panico a generare problemi più gravi del terremoto stesso.

Dopo la scossa: gestire la paura



La sensazione di gestire le decisioni vi aiuterà anche a combattere la paura. I consigli, in questo caso, sono quelli di normale buon senso e riguardano soprattutto le azioni da fare e da evitare, del tipo: evitare l'uso del telefono se non per l'emergenza, per non intasare le linee; verificare se ci sono feriti e, nel caso, gestire un primo soccorso; evitare di accendere luci, accendini, candele, perché ci potrebbero essere fughe di gas; se si esce in strada evitare strade strette e camminare al centro, il più lontano possibile dai muri , e cose di questo genere.

La Protezione Civile e la prevenzione

Terremoto: life detector

Nell'opuscolo è descritta anche l'organizzazione della Protezione Civile a livello nazionale e a livello locale, con le azioni che le competono e le collaborazioni con gli altri enti territoriali.

È inoltre consigliato di informarsi sulle caratteristiche del proprio territorio e sulla sua classificazione a livello sismico, sulle caratteristiche costruttive della propria abitazione; inoltre qualche consiglio su cosa avere a portata di mano in casa per eventuali azioni di pronto soccorso oppure su cosa fare o evitare a livello di piccoli complementi di arredo che potrebbero risultare pericolosi in caso di scosse.

Prevenzione terremoto: parlarne in famigliaAnche parlare in famiglia di prevenzione e organizzare piccole esercitazioni può risultare utile: analizzare diversi momenti della giornata in cui può accadere, scegliere in ogni stanza punti sicuri in cui rifugiarsi e quelli da evitare perché pericolosi, insegnare anche ai più piccoli come chiudere gli impianti principali di gas, luce e acqua.

I terremoti



L'opuscolo prevede anche una sezione informativa molto semplificata, ma molto efficace, su alcuni dati riguardanti i terremoti: perché e come avvengono, i diversi metodi di misurazione della loro entità. Soprattutto, vengono esposti i significati dei principali termini che vengono usati in queste occasioni, in modo da renderli chiari anche a chi è profano della materia, ma che ascolta i notiziari televisivi e non vuole essere messo in difficoltà.Terremoto

Diventano dunque familiari termini quali: placche, faglie, ipocentro ed epicentro, sciame sismico, scosse premonitrici e repliche. Ancora: differenza tra rischio sismico e pericolosità sismica e come vengono misurati.

Altro argomento affrontato è la situazione dell'Italia, con delle specifiche sulle zone più o meno interessate a grandi eventi sismici, e sulla loro conseguente classificazione. Una particolare attenzione è ovviamente stata posta alla situazione, in questo senso, della Regione Emilia Romagna.

Per chi volesse approfondire o leggere l'opuscolo:


Protezione Civile Emilia Romagna

riproduzione riservata
Articolo: Cosa fare in caso di terremoto?
Valutazione: 5.30 / 6 basato su 10 voti.

Cosa fare in caso di terremoto?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Cosa fare in caso di terremoto? che potrebbero interessarti
Sisma in Emilia e proposte di prevenzione

Sisma in Emilia e proposte di prevenzione

Normative - Tutte le associazioni professionali di categoria (geologi, ingegneri, architetti) concordano sull'importanza della prevenzione per evitare vittime e danni dei sismi.
Emilia Romagna - Linee Guida per ricostruzione post sismica

Emilia Romagna - Linee Guida per ricostruzione post sismica

Leggi e Normative Tecniche - Con Decreto n.2013 del 22 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna ha approvato l'aggiornamento delle linee guida inerenti i contributi per la ricostruzione post-sisma.
Sisma Emilia: colpita anche Ceramica Sant'Agostino

Sisma Emilia: colpita anche Ceramica Sant'Agostino

Arredamento - Colpita dal sisma del 20 maggio Ceramica Sant'Agostino si stringe alle famiglie delle vittime e mira a riprendere quanto prima la produzione

Casa antisismica del Cinquecento

Soluzioni progettuali - La prima casa antisismica della storia fu progettata paradossalmente proprio a Ferrara, nel corso del Cinquecento, dall'illustre architetto ed erudito Pirro Ligorio.

Cellula antisismica

Soluzioni progettuali - Un imprenditore calabrese ha ideato e depositato il brevetto di una sorta di guscio protettivo, in grado di creare un'area protetta all'interno dell'abitazione.

Dispositivi di allarme per terremoti

Impianti di sicurezza - Alcuni nuovi dispositivi elettronici di allarme permettono di segnalare l'imminente arrivo di onde sismiche pericolose e di effettuare rapide evacuazioni.

Uso del laterizio nella progettazione antisismica

Materiali edili - Costruire in laterizio significa progettare edifici in grado di rispondere al meglio alle sollecitazioni sismiche che oramai interessano periodicamente il nostro Paese.

Aspetti costruttivi correlati al sisma

Ristrutturazione - Esiste una stretta correlazione tra lo stato di manutenzione e consistenza di un fabbricato esistente e gli effetti dovuti a un sisma di bassa violenza.

Rischio sismico e Sismabonus, come intervenire per limitare i danni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Cos'è il rischio sismico? A cosa serve la valutazione sismica? Di seguito tutte le modalità e i requisiti per accedere alle agevolazioni previste dal Sismabonus
REGISTRATI COME UTENTE
295.651 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Laterizio Porotherm BIO M.A. Evolution 25-30-19
    Laterizio porotherm bio m.a.
    98.00
  • Meteomax copriauto antigrandine
    Meteomax copriauto antigrandine...
    141.00
  • Tenda winter
    Tenda winter...
    700.00
  • Box modulare eco
    Box modulare eco...
    1050.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Faidacasa.com
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.