Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Covid-19: al via accordi tra inquilini e proprietari per la riduzione del canone

NEWS Affittare casa15 Aprile 2020 ore 09:59
A causa dell'emergenza Coronavirus inquilini e proprietari potranno accordarsi per la riduzione dell'affitto. Ecco come effettuare la registrazione dell'accordo

Riduzione del canone di locazione


In questo periodo caratterizzato da crisi sanitaria e difficoltà economiche connesse alla diffusione del Coronavirus si segnalano novità importanti in materia di affitto.
Inquilini e proprietari di casa potranno stipulare un accordo per la riduzione del canone di locazione. In questa maniera sarà anche possibile evitare di pagare le imposte sui canoni rimasti insoluti.

Per poter ufficializzare la riduzione del canone applicato su un contratto di affitto occorre redigere una scrittura privata e registrare l’accordo entro 30 giorni dalla sua sottoscrizione.

Canone di locazioneA seguito dell’emergenza da Coronavirus molti inquilini si trovano in difficoltà con i pagamenti del canone. La perdita del lavoro o la riduzione dell’orario lavorativo possono avere un impatto sulla puntualità dei pagamenti. La questione si riversa conseguentemente sui padroni di casa che hanno bisogno di quelle entrate economiche a fronte di mutui da pagare o di interruzione della propria attività lavorativa. Ecco che la stipula di un accordo che consenta la revisione del prezzo della locazione può rivelarsi vantaggioso per entrambe le parti contraenti.


Quando effettuare la riduzione del canone di locazione


Gli accordi di riduzione del canone di locazione tra inquilini e proprietari possono essere stipulati sia in riferimento a locazioni aventi ad oggetto unità abitative che ad immobili impiegati per usi commerciali o professionali. Sono ammessi dunque tutti i contratti di locazione, a prescindere dalla tipologia di contratto stipulato. Non rileva in alcun modo la durata dell’affitto o il regime fiscale di tassazione prescelto. Come stabilito dall’articolo 19 del DL n. 133/2014 la registrazione degli accordi di riduzione dei canoni di locazione in vigore è esente dal pagamento dell’imposta di registro e di bollo.


Come redigere l'accordo di riduzione del canone di locazione


L’accordo di riduzione del canone di locazione deve essere redatto in forma scritta deve essere registrato presso l'Agenzia delle Entrate.

Come deve essere redatto l’accordo di riduzione?

Redigere un accordo finalizzato alla revisione del canone di locazione è molto semplice.
Occorre innanzitutto fare riferimento al contratto di locazione in vigore riportando i seguenti dati:

  • I dati anagrafici relativi al locatore e all’inquilino;

  •  l'ammontare dell canone annuo stabilito in contratto;

  •  L'importo ridotto oggetto dell'accordo tra le parti;

  •  Il numero di mesi per i quali l’inquilino è autorizzato a corrispondere un importo inferiore;

  •  La data e la firma apposta da entrambe le parti.



Anche se trattasi di un periodo di sospensione/riduzione temporaneo non si è obbligati a comunicare all’Agenzia delle Entrate il momento in cui i canoni riprenderanno ad essere versati con regolarità.

Le parti possono prendere visione dell’atto tramite posta elettronica.

Un aspetto che deve essere con chiarezza essere presente è l'oggetto dell'accordo.

Si tratta delle nuove regole fissate dalle parti in ordine al pagamento del canone di locazione. Possono essere le seguenti:

  1. riduzione temporanea del canone e poi ripresa del versamento del precedente importo;

  2. sospensione temporanea del pagamento del canone (ad esempio per alcuni mesi);

  3.  Differente rateazione degli importi da corrispondere.


Riduzione canone di locazione
Facciamo di seguito un esempio per maggior chiarezza. Supponiamo che il contratto di locazione stipulato tra le parti stabilisca che l’inquilino è obbligato al pagamento di un canone mensile pari a 700 euro. In tal caso egli dovrà corrispondere un canone annuo per il 2020 di 8.400.

Il proprietario accetta mediante accodo di ridurre il canone a 500 euro mensile per la durata di 6 mesi. Per il restante periodo il canone sarà pari a quello normalmente dovuto. Il canone annuo ricalcolato da comunicare all’Agenzia delle Entrate sarà pari a 7.200 euro (4200 piu 3000 euro).
Le parti non sono obbligate a comunicare alcunché nel momento in cui il canone verrà corrisposto come pattuito nel contratto iniziale.


Come fare la registrazione dell’accordo


Per poter effettuare la riduzione del canone di locazione è necessario provvedere alla registrazione dell’atto con il quale le parti stabiliscono l’entità della riduzione.

Il proprietario con questa pratica burocratica darà comunicazione al Fisco del nuovo ammontare del corrispettivo ricevuto per la locazione dell’immobile. Su tale canone il locatore dovrà versare le imposte che saranno quindi dovute esclusivamente in base alla cifra effettivamente riscossa.

Accordi di riduzione canone
Per dare luogo alla registrazione si dovrà utilizzare il Modello 69 che conterrà i dati relativi al contratto di locazione. Il modello è reperibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
Ad esso dovrà essere allegata una copia dell’accordo tra inquilino e proprietario da essi sottoscritto.
Il Modello 69, debitamente compilato, deve essere inoltrato all’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate presso il quale è stato registrato il contratto di locazione.

È evidente, da quanto segnalato sinora, che in un periodo in cui molti versano in condizioni di difficoltà economiche certamente per gli inquilini questa possibilità di revisione del canone è un indiscutibile vantaggio. Anche per il locatore l'accordo presenta i suoi lati positivi.

Il vantaggio che consegue il proprietario è connesso al fatto che diversamente egli si troverebbero a pagare imposte su somme in realtà non riscosse per inadempimento del conduttore.
In questo modo pagherà le tasse solo in base a quanto effettivamente percepito.

riproduzione riservata
Articolo: Coronavirus e riduzione canone d'affitto
Valutazione: 5.60 / 6 basato su 5 voti.

Coronavirus e riduzione canone d'affitto: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Gabriele4
    Gabriele4
    3 giorni fa
    Rispondo al i dubbi sulla compilazione del Modello 69 per quanto ho avuto modo di capire dopo aver parlato direttamente con l'Agenzia delle Entrate.
    Le uniche parti che vanno compilate sono il QUADRO A e il QUADRO B (i Quadri successivi vanno lasciati in bianco).Quadro A - Compilare con i dati richiesti (C.F. del locatore ed estremi del contratto).
    Alla casella "Tipologia dell'atto" scrivere: Accordo di riduzione temporanea canone contratto registrato il ....... al n. ............. e codice identificativo ................
    Alla casella "Adempimento" barrare "Reg", essendo di fatto una registrazione di una modifica contrattuale, seppure temporanea.Quadro B - Va compilato con i dati di locatore e conduttore.
    Al n. ord. 1 indicare il locatore con i suoi dati anagrafici.
    Al n. ord. 2 il conduttore con i suoi dati anagrafici.
    rispondi al commento
  • Marioati
    Marioati
    Martedì 21 Aprile 2020, alle ore 17:25
    Come al solito, le interpretazioni su questo discorso sono diverse, in particolare come deve esser compilato il Modulo 69.
    Andando a consultare su Internet i consigli di vari Enti, le opzioni sono:
    1) si compila come se fosse un nuovo contratto, calcolando quanto diventa il nuovo canone annuo;
    2) si mettono solo i dati codice-di -registrazione-contratto e i nomi dei soggetti (come risulta nell' accordo fra locatore e locatario);
    3) Nella tabella ADEMPIMENTO che cavolo di casella occorre barrare?
    4) Occorre mettere i dati catastali degli immobili?
    Qual è l'interpretazione corretta?
    Mario A. Tiberi Torino
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
317.164 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Pittura impermeabilizzante California-P
    Pittura impermeabilizzante...
    166.32
  • Tappetino isolante Schluter-DITRA-SOUND
    Tappetino isolante...
    22.54
  • Isolante in lana di vetro Isover IBR K a rotolo
    Isolante in lana di vetro isover...
    27.28
  • Robot Piscina Dolphin Master M4 by Maytronics
    Robot piscina dolphin master m4 by...
    939.00
Notizie che trattano Coronavirus e riduzione canone d'affitto che potrebbero interessarti


Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Affittare casa - In caso di contratto di locazione a canone concordato non assistito, per le agevolazioni fiscali è necessaria l'attestazione delle organizzazioni di categoria.

Riduzione del canone di locazione

Affittare casa - Nel caso di locazioni immobiliari destinate all'uso abitativo, non sempre, anzi quasi mai, il canone di locazione può essere abbassato senza nuovo accordo tra le parti.

Arriva la cedolare secca per locazioni commerciali con canone variabile

Affittare casa - Cedolare secca per locazioni commerciale. Il contratto prevedere un canone variabile. È quanto chiarito dall'Agenzia delle Entrate con risposta ad interpello.

Agevolazioni fiscali per i proprietari che affittano

Affittare casa - Il reddito della locazione, viene tassato in maniera differente a seconda del tipo di contratto e anche per i proprietari vi sono delle agevolazioni fiscali.

Affitto: non sono dovuti i lavori di tinteggiatura a fine locazione

Affittare casa - Quando si lascia la casa in affitto l'inquilino non è obbligato a tinteggiare le pareti. Lo dice la Corte di cassazione con la recente sentenza n. 29329 del 2019

Locazione: nulli i canoni pattuiti in nero

Fisco casa - Nulla la scrittura privata successiva al contratto che stabilisce un canone di locazione più alto per evadere le tasse(Cassazione, sent.n°18213 del 17/09/2015).

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Pagamento del canone di locazione

Affittare casa - In tema di pagamento del canone di locazione, le parti del contratto devono rispettare delle regole, previste dalla legge e/o dal contratto, riguardo i tempi e i modi.

Registrazione del contratto di locazione, tempi e costi

Affittare casa - La registrazione del contratto di locazione rappresenta un obbligo per le parti che dev'essere adempiuto in breve termine e che comporta l'esborso di denaro.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img alexciri
Possiedo un appartamento che ho affittato con un contratto di locazione di 4+4, rinnovabile automaticamente a meno che io avvisi gli inquilini 6 mesi prima con raccomandata A/R...
alexciri 26 Marzo 2014 ore 16:05 1
Img arcangelo.calo
Salveil mio contratto di locazione scade il 1° luglio 09, a quale indice Istat dovrei aggiornarlo giugno o luglio (che non è ancora stato pubblicati) e qual'è il...
arcangelo.calo 28 Giugno 2009 ore 16:37 1
Img maryquant
Buongiorno.E' possibile avere dall'Agenzia delle Entrate la copia del contratto di locazione dell'alloggio comune stipulato per conto del condominio dall'amministratore e copia...
maryquant 22 Maggio 2015 ore 09:23 1
Img nici57
Un contratto di locazione firmato l'8 giugno 98 della durata di 5 anni si è rinnovato per 5 anni o per 4?Non avendo ricevuto disdetta in tempo?Quando un contratto non...
nici57 07 Agosto 2006 ore 14:56 1
Img maurizio35
Buongiorno, un mio inquilino mi ha richiesto la riduzione del canone di locazione di immobile privato (contratto già a cedolare secca). Ci siamo accordati per una...
maurizio35 15 Aprile 2020 ore 16:20 3