Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Modi, tempi e costi di convocazione dell'assemblea condominiale senza amministratore

I condomini senza amministratore hanno comunque un'assemblea che è centrale nell'assunzione delle decisioni: chi, quando e come può provvedere alla convocazione?
09 Novembre 2018 ore 09:41 - NEWS Assemblea di condominio

Condomini senza amministratore


La legge ci dice che i condomini che contano fino a otto condòmini, ovvero otto differenti proprietari di altrettante unità immobiliari (i comproprietari di un appartamento vengono conteggiati come uno) non hanno l'obbligo di nominare un amministratore di condominio.

convocazione-assemblea
Il limite otto condòmini, contenuto nell'art. 1129 del codice civile, è stato innalzato dalla legge n. 220 del 2012; prima di questa modifica, infatti, il numero oltre il quale la nomina diveniva obbligatoria era fissato a quattro condòmini.

Ciò detto, sovente ci vengono posti quesiti come quelli seguenti:

- chi può convocare l'assemblea condominiale quando non è presente l' amministratore ?

- quali regole bisogna seguire nella convocazione di condomini senza amministratore?

- chi sopporta i costi della convocazione dell'assemblea condominiale?

- che cosa succede se ci sono errori nella procedura?

È utile rispondere alle domande che ci siamo posti per valutare l'intera fattispecie: s'è vero che la legge pone dei limiti numerici precisi, la realtà dei fatti, alle volte, ci restituisce situazioni nelle quali condomini con una decina di partecipanti non hanno amministratore.


Convocazione assemblea condominiale quando non è presente l'amministratore


Alla convocazione dell'assemblea condominiale in assenza di amministratore è dedicata una norma, specificamente il secondo comma dell'art. 66 delle disposizioni di attuazione del codice civile, la quale prevede che in tali casi sono i condòmini, anche singolarmente considerati, a poter provvedere alla convocazione dell'assemblea ordinaria o straordinaria.

Per completezza è utile rammentare che, come specificato dalla Corte di Cassazione, non esistono sostanziali differenze tra assemblea condominiale ordinaria o straordinaria (Cass. 8 giugno 1984 n. 3456).

La differenza sostanziale sta nel potere d'iniziativa dei condòmini; nei condomini con amministratore, infatti, l'art. 66 disp. att. c.c. subordina il potere di convocazione alla richiesta inevasa di convocazione dell'assemblea condominiale presentata all'amministratore da parte di almeno due condòmini che rappresentino per lo meno un sesto del valore (millesimale dell'edificio) e limita il diritto dell'autoconvocazione ai soli condòmini che hanno avanzato quella richiesta.

convocazione-assemblea-condominiale
Nei condomini con amministratore, invece, l'iniziativa è libera. Vediamo, pertanto, come dev'essere esercitata.


Modi e tempi di convocazione della riunione di condominio in assenza di amministratore


Non essendo dettate specifiche disposizioni in merito alla convocazione della riunione condominiale in assenza dell'amministratore, deve ritenersi che la stessa soggiaccia alle medesime regole dettate per la convocazione da parte dell'amministratore.

Ciò vuol dire, in primis, che l'avviso di convocazione deve avere forma scritta e deve contenere l'indicazione:

- del giorno, dell'ora e del luogo di svolgimento dell'assemblea tanto per la prima che per la seconda convocazione;

- dell'ordine del giorno che s'intende affrontare, cioè degli argomenti sui quali si vorrà discutere.

Tale avviso dovrà essere recapitato almeno cinque giorni prima dello svolgimento della data fissata per la prima convocazione (Trib. Roma 7 luglio 2009 n. 15048) e dovrà essere recapitato in uno dei seguenti modi, stabiliti dall'art. 66, terzo comma, disp. att. c.c.:

- a mezzo di posta raccomandata;

- tramite posta elettronica certificata;

- con fax;

- attraverso consegna a mani.

Com'è stato affermato dalla giurisprudenza di merito (Trib. Genova n. 3350/2014), le modalità di convocazione indicate dalla legge sono da ritenersi tassative (cioè l'assemblea può essere convocata solamente in quel modo).

Non vi sono ragioni per ritenere che non si possa fare applicazione alla riunione convocata dai condòmini anche del quinto comma dell'art. 66 disp. att. c.c., il quale consente a chi convoca l'assemblea condominiale di fissare più date eventuali di prosecuzione dell'assemblea con il medesimo avviso. Ciò fa sì che non serva riconvocare una nuova assemblea laddove i condòmini, vista l'ora tarda o per differenti ragioni, abbiano deciso di aggiornarsi a nuova riunione.


Comunicazione del verbale e costi dell'intera procedura di convocazione dell'assemblea condominiale


Come per ogni assemblea, non solo tutti i condòmini hanno diritto a essere convocati (art. 1136 c.c.), ma tutti i condòmini devono essere posti nelle condizioni di conoscere il contenuto delle decisioni.

contestazione delibera
Per i presenti tale circostanza è conseguita per il fatto stesso d'avere partecipato all'assemblea, mentre gli assenti hanno diritto di ricevere copia del verbale, in quanto la sua comunicazione rappresenta la condizione per il decorso del termine d'impugnazione delle delibere (art. 1137 c.c.).

Un aspetto certamente spinoso della convocazione dell'assemblea condominiale è quella dei costi. Se una persona deve convocare l'assemblea, ipotizziamo in un condominio senza amministratore con otto partecipanti, allora per raccomandate non spenderà certamente meno di 35-40 euro. E poi dovrà comunicare il verbale, affinché gli assenti siano messi nelle condizioni di sapere cos'è stato deciso. Insomma, si possono ipotizzare circa 60 euro di spesa.

Si tratta di costi che il convocante anticipa: egli ha diritto di ottenerne il rimborso?

Ad avviso dello scrivente dipende, cioè bisogna valutare gli accordi di quello specifico condominio e le ragioni di convocazione dell'assemblea.
Quanto alle ragioni, la necessità di decidere su un qualche argomento, ad esempio visto l'approssimarsi di una scadenza individuata dalla legge unita al bisogno che la decisione sia assunta dall'assemblea, può essere una motivazione sufficiente a farsi vedere rimborsati i costi; certo, resta il fatto che davanti al no di alcuni condòmini alla richiesta di rimborso, l'unico modo per vederselo riconosciuto è l'azione giudiziaria.


Conseguenze per gli errori nella convocazione dell'assemblea condominiale


Se si sbaglia a convocare l'assemblea, ad esempio tardando nell'invio dell'avviso rispetto ai termini prescritti dalla legge, ovvero non compilando correttamente l'avviso di convocazione, allora la decisione assunta successivamente rischia di essere impugnata.

Le impugnazioni per errori nella convocazione possono essere fatti valere solamente da chi l'ha subiti (es. chi non è stato convocato o correttamente convocato), ovvero da chi non era d'accordo a discutere; se l'assemblea delibera su argomento non inserito nell'ordine del giorno, chi ha partecipato alla discussione entrando nel merito non ha diritto ad eccepire quel vizio.


I vizi nella convocazione rendono la delibera annullabile e come tali impugnabile entro trenta giorni dalla sua adozione (per i presenti dissenzienti ed astenuti) o comunicazione (per gli assenti).

Nei condomini senza amministratore la causa va intentata citando tutti gli altri condòmini, ovvero chiedendo al tribunale la nomina di un curatore speciale ex art. 65 disp. att. c.c.

riproduzione riservata
Articolo: Convocazione assemblea condominiale senza amministratore
Valutazione: 4.33 / 6 basato su 3 voti.

Convocazione assemblea condominiale senza amministratore: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Lory
    Lory
    Domenica 11 Ottobre 2020, alle ore 21:54
    L'amministratore a titolo gratuito (io non lo voglio ma serve la maggioranza per cambiarlo e 2 sono suoi parenti) ha fatto riunione 2 mesi fa e non ha ancora mandato verbale.
    Inoltre ogni tanto si firma amministratore e spesso solo con nome e cognome.
    Vorrei anche sapere se per legge e quale ci sono in un condominio di 6 unità regole o obblighi antincendio come estintori ecc...
    Inoltre alcuni locali comuni vengono tenuti chiusi a chiave che ha solo lui, poi ha cambiato senza avvisare nessuno la porta del suo box (era tipo gabbia aperta, nell'androne sotto al condominio) cambiandola con una chiusa ed anche leggermente più larga dicendo che la spalla dove erano attaccate cerniere era cemento rapido ed è caduta.
    Purtroppo non ho le prove che sia più larga perché non l'avevo misurata prima ma mi sembra ad occhio almeno 10 cm in più e questo secondo me per legge non è corretto.
    Lui spadroneggia perché non facendosi pagare, tutti tacciono qualcuno mi risponde con numero delle leggi?
    rispondi al commento
  • Lory
    Lory
    Domenica 11 Ottobre 2020, alle ore 21:37
    Dopo 50 anni che esiste un piccolo locale l'amministratore a titolo gratuito (siamo in 6) ci ha chiuso con lucchetto un locale ad uso immondezzaio perché dice improvvisamente non a norma di legge 3.4.58 regolamento lombardia ATS Brianza.
    Forse perché la signora che fa le pulizie non in regola e sua amica è stata contestata per questo motivo da me ed altro condomini ( lui ha detto che se si fa male non ci denuncia?, )perciò sono stati chiesti preventivi di ditte per pulizie che facessero anche esposizione della spazzatura.
    Lui ha mandato e-mail citando questo articolo che secondo me riguarda condomini recenti e comunque abbiamo un locale sotto l'androne condominiale dove dopo 20 anni c'è ancora la vecchia caldaia a gasolio ex riscaldamento centralizzato.
    Avevamo chiesto all'amministratore prima (suo nonno) un preventivo per smaltirla, ma visto il costo alto si era detto a voce che ci avrebbe pensato lui, poi più parlato.
    Vorrei sapere se pericoloso e quale legge lo dice.
    loatma@libero.it
    rispondi al commento
  • Silver961
    Silver961
    Lunedì 9 Dicembre 2019, alle ore 19:36
    Importante e utilissimo.
    rispondi al commento
  • Alessio4
    Alessio4
    Venerdì 10 Maggio 2019, alle ore 16:37
    Volevo segnalare questo sito che offre un programma per la gestione del condominio completamente gratuito ed illimitato condomini-online.com
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
322.900 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Convocazione assemblea condominiale senza amministratore che potrebbero interessarti


Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

L'amministratore da chi viene nominato per un piccolo condominio?

Amministratore di condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.

Richiesta di convocazione di un'assemblea straordinaria

Assemblea di condominio - È possibile distinguere due diverse tipologie di assemblea condominiale: assemblea ordinaria annuale e assemblea straordinaria. Come richiederne la convocazione?

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

I provvedimenti dell'amministratore

Condominio - L'amministratore è il mandatario dei condomini. Egli agisce per loro nome e conto ai fini della gestione delle parti comuni dello stabile.

Per individuare l'amministratore basta la deliberazione dell'assemblea

Condominio - S'ipotizzi che una persona debba far causa ad un condominio: a chi dev'essere notificato l'atto introduttivo del giudizio?

Comunicazioni all'assemblea

Condominio - L'assemblea, è notorio, è il luogo in cui i condomini decidono sulla gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio.

Assemblea condominiale e la ratifica delle scelte dell'amministratore

Condominio - L'assemblea condominiale è il centro nevralgico delle decisioni sulle parti comuni, anche quando si tratta di ratificare scelte dell'amministratore.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lorenzomasi
C'è compatibilità tra amministratore di condominio e tecnico asseveratore di lavori superbonus?...
lorenzomasi 08 Gennaio 2021 ore 11:54 1
Img cristinaguarino
Cerco aiuto. Sono stata nominata, in una assemblea, rappresentante di un condominio in cui sono presenti 4 proprietari più una proprietà indivisa di cui io faccio...
cristinaguarino 04 Dicembre 2020 ore 16:27 3
Img manude80
Buongiorno a tutti, volevo porre un quesito riguardo il numero massimo di deleghe per ogni condomino.In questo periodo di Covid il numero di persone possibile per un assemblea...
manude80 16 Novembre 2020 ore 09:10 3
Img luca1954
Salve. Tre settimane fa è stata convocata l'assemblea condominiale che aveva come ordine del giorno l'incarico ad un termotecnico per iniziare il discorso sul superbonus...
luca1954 29 Ottobre 2020 ore 18:56 3
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 31 Luglio 2020 ore 10:32 9