Seconda scadenza del contratto di locazione, come comportarsi?

NEWS DI Affittare casa01 Novembre 2018 ore 10:02
Quali sono le cose da sapere quando sta per scadere, la seconda volta, il contratto di locazione? Il caso del contratto 4+4, del contratto 3+2 e di quello commerciale.

Seconda scadenza del contratto di locazione


La domanda che spesso viene fatta dai nostri lettori è relativa alla contratto di locazione quando si avvicina alla seconda scadenza.

Contratto di locazione
Molto spesso ci viene domandato cosa fare quando, passati sette anni dalla firma del contratto 4+4, si avvicina l'ora della scadenza e si ha la volontà di rinnovare il contratto.
Oppure, la domanda opposta viene da parte del locatore che vuole riprendersi l’appartamento.

Sovente lo stesso quesito ci viene posto per i contratti di locazione 3+2, per le locazioni commerciali, nonché in relazione alla procedura da seguire per liberare l’appartamento.

Nell’analisi delle problematiche relative alla seconda scadenza del contratto di locazione è utile guardare alle norme che disciplinano le singole fattispecie citate: partiamo dal così detto contratto di locazione 4+4.


Seconda scadenza contratto di locazione 4+4


La normativa di riferimento in relazione alla seconda scadenza dei contratti di locazione 4+4 è rappresentata dall’art. 2, primo comma, legge n. 431/1998.

Scadenza contratto locazione
Quello previsto dalla disposizione che andremo ad esaminare è un vero e proprio procedimento che può portare ad un nuovo accordo, alla chiusura del contratto ovvero alla conferma di quello già in essere.

Come vanno le cose?

Innanzitutto le date: la procedura per il rinnovo deve essere attivata prima di sei mesi dalla scadenza.

Entro questo limite ciascuna delle parti può mandare all’altra una lettera raccomanda con la quale comunicare che intende attivare una procedura:

- per il rinnovo a nuove condizioni;

- per la rinuncia al rinnovo del contratto.

Il contratto scade il 31 dicembre? Entro il 30 giugno il conduttore, se ad attivare la procedura è il locatore, ovvero quest’ultimo nel caso inverso, devono inviare la succitata raccomandata.

Si badi: si parla di procedura, ma quella che si attiva non è altro che una trattativa per il rinnovo, ovvero una comunicazione di recesso, o meglio ancora di cessazione del contratto per naturale scadenza. Come si vedrà da qui a breve, quest’ultima comunicazione è molto importante.

Che cosa deve fare il destinatario della comunicazione?
Quanto tempo ha a disposizione per rispondere?
Che succede se non risponde?

Al riguardo, sempre il menzionato art. 2, specifica che chi ha ricevuto la raccomandata deve rispondere entro sessanta giorni dalla sua ricezione. Ove non rispondesse, ovvero ove non si dovesse rinnovare l’accordo, allora il contratto si intenderà scaduto alla data di cessazione della locazione.

Sessanta giorni per rispondere, sì o no, oppure per fare una controproposta?
Ad avviso dello scrivente, per come è scritta la norma, sembrerebbe che entro sessanta giorni è necessario accordarsi.

E se le parti tacciono, ovvero non si scrivono entro i sei mesi dalla scadenza del contratto?
In quel caso, specifica il periodo finale del primo comma dell’art.2, il contratto è rinnovato tacitamente alle medesime condizioni.

Per quattro anni, oppure per un solo ulteriore quadriennio ovvero per un nuovo potenziale periodo di otto anni?

Secondo la Corte di Cassazione, che si è pronunciata sull’argomento, qualora la disdetta non venga comunicata entro i sei mesi dalla scadenza del secondo quadriennio, allora il contratto di locazione si intende rinnovato ulteriormente alle medesime condizioni, intendendosi con tale locuzione fare riferimento ad un rinnovo quadriennale, risultandone altrimenti una situazione difforme dalla volontà della legge ed eccessivamente sbilanciata a favore del conduttore (Cass. 1 gennaio 2016 n.1881).


Seconda scadenza contratto di locazione 3+2


E se il contratto è 3+2?
Qui la situazione è sostanzialmente uguale nella gestione della fase della procedura di rinnovo.

Fine locazionePrima di entrare nel dettaglio è utile ricordare che il contratto 3+2 è anche conosciuto come contratto a canone concordato, ossia un accordo nel quale le parti determinano il canone locatizio entro un range indicato dagli accordi locali tra le associazione di proprietari e conduttori maggiormente rappresentative.

Il quinto comma del medesimo art. 2 l. n. 431/98 specifica che alla seconda scadenza le parti possono attivare la procedura di rinnovo. Essa non è disciplinata nel dettaglio come quella per i contratti 4+4, ma deve intendersi qui applicabile proprio la medesima con la stessa cadenza temporale.

Se le parti tacciono, come nel caso del contratto 4+4, allora l’accordo in essere s’intende tacitamente rinnovato alle medesime condizioni.


Seconda scadenza contratto di locazione commerciale


Nei contratti per le locazioni commerciali, solitamente conosciuti come di durata 6+6, salvo particolari disposizioni sulla durata per la specificità dell’attività (es. attività alberghiera), la legge di riferimento (ossia la legge n. 392/78) specifica espressamente che il contratto si rinnova tacitamente di sei anni in sei anni (o delle diversa durata in relazione alla tipologia), salvo disdetta da inviarsi entro sei mesi dalla scadenza.

Solamente alla prima scadenza il diniego di rinnovo non è libero e può essere esercitata dal locatore per particolari motivi (art. 27 e ss. l. n. 392/78).


Sfratto per finita locazione


In relazione alle locazioni per uso abitativo è azionabile una procedura, nota con il nome di sfratto per finita locazione, la quale può essere attivata prima della conclusione del contratto, al fine di precostituirsi il titolo per l’allontanamento del conduttore dall’abitazione nel qual caso non lo facesse volontariamente, ovvero successivamente, nel caso di problemi sorti proprio in ragione della mancata liberazione dell’immobile.

Per i contratti di locazione ad uso diverso da quello abitativo, la procedura per il rilascio dell’immobile, così come stabilito dall’art. 447-bis del codice civile, sono disciplinate dalle regole dettate in relazione al contenzioso in materia di controversie di lavoro. Una procedura più snella e veloce rispetto a quella ordinaria, ma comunque differente da quella dettate per le locazioni ad uso abitativo.

riproduzione riservata
Articolo: Contratto di locazione alla seconda scadenza come fare
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Contratto di locazione alla seconda scadenza come fare: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Contratto di locazione alla seconda scadenza come fare che potrebbero interessarti
Seconda scadenza del contratto di locazione 4+4

Seconda scadenza del contratto di locazione 4+4

Affittare casa - Al termine del contratto di locazione 4+4, le parti hanno la possibilità di attivarsi per giungere a diverse conclusioni o di rimanere silenti per non cambiare nulla.
Risoluzione del contratto di locazione: obbligatoria la registrazione

Risoluzione del contratto di locazione: obbligatoria la registrazione

Leggi e Normative Tecniche - La risoluzione del contratto di locazione deve essere registrata. Lo afferma la CTP di Milano che condanna un contribuente per aver tardivamente versato l'imposta
Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Sfratto per finita locazione

Affittare casa - Al termine del contratto di locazione il proprietario ha due possibilit: intimare al conduttore di lasciare l'appartamento o sfrattarlo se non l'ha fatto in tempo.

Gravi motivi del conduttore per il recesso dal contratto di locazione

Affittare casa - Il recesso del conduttore per gravi motivi per essere esercitabile senza poter essere contestato deve fondarsi su motivi reali e deve essere comunicato nei modi di legge.

Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Affittare casa - In caso di contratto di locazione a canone concordato non assistito, per le agevolazioni fiscali è necessaria l'attestazione delle organizzazioni di categoria.

Agevolazioni fiscali per i proprietari che affittano

Affittare casa - Il reddito della locazione, viene tassato in maniera differente a seconda del tipo di contratto e anche per i proprietari vi sono delle agevolazioni fiscali.

Successione nel contratto di locazione

Affittare casa - Il contratto di locazione, come quasi tutti i contratti, vincola solamente le parti che lo sottoscrivono, ma la legge prevede delle eccezioni a questo principio.

Contratto di locazione ad uso foresteria

Affittare casa - Il contratto di locazione ad uso foresteria prevede che una società di capitali prenda in affitto un immobile da destinare ai suoi dipendenti, collaboratori o soci.
REGISTRATI COME UTENTE
295.582 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tenda glamour 160x280
    Tenda glamour 160x280...
    400.00
  • Scrittoio francese laccato e dorato in stile
    Scrittoio francese laccato e...
    2100.00
  • Veneziana da mm15084x227
    Veneziana da mm15084x227...
    49.00
  • Veneziana da mm15093x141
    Veneziana da mm15093x141...
    35.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.