Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Contratto di locazione a canone concordato: come funziona?

Quali sono le caratteristiche dei contratti d'affitto a canone concordato, durata e agevolazioni fiscali. Cosa sono il canone concordato e gli accordi territoriali
- NEWS Affittare casa

Contratto di locazione immobiliare


Nel presente articolo cerchiamo di capire in cosa consista il contratto di locazione a canone concordato, quali siano le sue caratteristiche e le agevolazioni previste.

Andiamo con ordine e ricordiamo che, in senso più generale, il contratto di locazione è il contratto con il quale (in base a quanto stabilito dall'articolo 1571 del codice civile) una parte (detta locatore) si obbliga a far godere all'altra parte (detta conduttore) un bene immobile o mobile per un certo periodo di tempo e previa corresponsione di una somma di denaro (il canone di locazione).

Si tratta di un contratto a prestazioni corrispettive, poiché in cambio del godimento del bene concesso dal proprietario, viene versata una somma di denaro.

Canone concordato
Altri aspetti essenziali del contratto di locazione sono: una durata dell'accordo ben determinata e il fatto che la misura del corrispettivo deve essere commisurata alla durata del rapporto di locazione.


Tipi di contratto di locazione: canone libero e canone concordato


Per quanto concerne i contratti di locazione ad uso abitativo, sulla base di quanto previsto dalla legge numero 431 del 1998, la durata può essere di due tipi.

In forza dell'articolo 2, comma uno, la durata può essere 4+4 (ovvero 4 anni prorogabili di altri 4): in questo caso il canone da corrispondere è libero, cioè liberamente determinato previo accordo delle parti.

In forza dell'articolo 2, comma 3, la durata può essere di 3+2 (ovvero 3 anni prorogabili di 2) per i contratti di locazione convenzionati.
In questo caso il canone non sarà determinato dalle parti contraenti in quanto dovrà rispettare limiti ben precisi.

Tali vincoli sono fissati mediante accordi territoriali tra le associazioni degli inquilini e le organizzazioni che rappresentano i proprietari di immobili.

Locazioni canone concordato
I contratti 3+2, un tempo limitati ai Comuni ad alta tensione abitativa, possono avere a oggetto le abitazioni situate in tutti i Comuni del territorio italiano.

Nel caso in cui un accordo a livello locale non esista, i valori cui fare riferimento per la redazione del contratto a canone concordato saranno acquisiti in base al DM 14 luglio 2004.

Altre tipologie di contratti di locazione


Alle tipologie di contratti di locazione sopra menzionati si aggiungono i contratti degli studenti universitari e le locazioni ad uso transitorio.

I primi hanno una durata che va dai 6 mesi ai 3 anni; i secondi da uno a 18 mesi.


Caratteristiche del contratto concordato


Ponendo l’attenzione ai contratti di locazione a canone concordato ci chiediamo quale sia la normativa di riferimento.

In primo luogo il decreto infrastrutture del 16 gennaio 2017, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale serie generale numero 62 del 15 Marzo 2017, entrato in vigore a far data dal 30 Marzo 2017.

Con le nuove disposizioni sono stati fissati nuovi criteri per determinare i canoni di locazioni nelle convenzioni territoriali. Altro aspetto innovativo concerne l'aggiornamento della modulistica per poter stipulare tale tipologia di contratto.

Accordi territoriali
Una caratteristica importante della locazione concordata è che a seguito del rinnovo le parti possono stabilire nuove condizioni o possono rinunciare del tutto a rinnovare il contratto.

Inoltre, è venuto meno l'obbligo di essere assistiti dalle associazioni delle proprietà edilizia e degli inquilini in fase di redazione del contratto e di definizione del canone effettivo e questo rende lo strumento contrattuale alquanto appetibile per i vantaggi fiscali che ne conseguono.


Qual è la funzione degli accordi territoriali


Per poter stipulare un contratto a canone concordato è necessario in primo luogo verificare l'accordo territoriale in vigore nel Comune in cui è situato l'immobile da affittare.
Si tratta delle linee guida da seguire per individuare il modello contrattuale da utilizzare, i criteri di determinazione del canone e ogni altra regola relativa a tale tipologia contrattuale.

Gli accordi territoriali servono a stabilire delle fasce di oscillazione del canone di locazione. Tenendo conto di tali limiti il canone è determinato sulla base delle caratteristiche dell'immobile o della porzione di unità immobiliare.


Come viene determinato il canone nella locazione a canone concordato


Cosa significa canone concordato?

Significa canone oggetto di accordi territoriali tra le associazioni di categoria del Comune di riferimento.

Il canone dunque non è libero perché calcolato in base ad accordi derivanti dalla Convenzione nazionale regolata dal DM 30 dicembre 2002.

Essi definiscono, per ogni zona, in base a criteri ben precisi (ad esempio la tipologia di alloggio, lo stato di manutenzione degli immobili, il totale della superficie calpestabile ed altri elementi accessori), un valore minimo e uno massimo del canone di locazione.

Come abbiamo visto in fase di stipula del contratto ci si potrebbe avvalere dell'assistenza di una delle associazioni rappresentative di categoria ma questo requisito non è più obbligatorio.

Le attestazioni delle associazioni di categoria


Per i contratti di affitto che non siano assistiti dalle associazioni, sarà necessario chiedere alle organizzazioni firmatarie il rilascio di apposita attestazione volta a certificare la conformità del contratto a quanto previsto nell'accordo territoriale.


Tale attestazione non deve essere richiesta ogni volta.
In base a quanto previsto dal Decreto Semplificazioni 73/2022 infatti l'attestazione si considera valida per tutti i contratti stipulati successivamente al suo rilascio, a condizione che resti invariato il contenuto della locazione.


Contratto a canone concordato e agevolazioni fiscali: la cedolare secca


In caso di locazione a canone concordato, il locatore potrà scegliere il regime di tassazione alternativo a quello ordinario.

Via libera dunque alla cedolare secca del 10%.

Si tratta del regime sostitutivo IRPEF che, per le altre tipologie di locazioni, è pari al 21%. Sostituisce oltre che IRPEF, anche addizionali, imposta di registro e di bollo.

La cedolare secca è soltanto una delle agevolazioni previste, alla quale si affianca la possibilità di beneficiare della riduzione dell’IMU.

Sono proprio le agevolazioni fiscali a far sì che il contratto a canone concordato risulti particolarmente vantaggioso.

Il contratto a canone concordato consente sia all’inquilino che al proprietario dell’immobile di accedere ad una serie di importanti agevolazioni fiscali.

Questi ultimi oltre a poter beneficiare di un costo calmierato per la locazione potranno fruire di importanti detrazioni fiscali per un importo massimo pari a:

  • 495,80 euro se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro;

  • 247,90 euro se il reddito complessivo è superiore a 15.493,71 euro ma non a 30.987,41 euro.

riproduzione riservata
Articolo: Contratto di locazione a canone concordato
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Contratto di locazione a canone concordato: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
340.171 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Contratto di locazione a canone concordato che potrebbero interessarti


Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Affittare casa - In caso di contratto di locazione a canone concordato non assistito, per le agevolazioni fiscali è necessaria l'attestazione delle organizzazioni di categoria.

DL Semplificazioni e contratti a canone concordato: quali sono le novità?

Affittare casa - Con l'entrata in vigore del DL Semplificazioni cambiamenti in materia di affitti canone concordato. Più lunga la durata delle attestazioni per contratti non assistiti

Agevolazioni fiscali per i proprietari che affittano

Affittare casa - Il reddito della locazione, viene tassato in maniera differente a seconda del tipo di contratto e anche per i proprietari vi sono delle agevolazioni fiscali.

Cedolare Secca: la raccomandata all’inquilino non è sempre necessaria

Affittare casa - In quali casi il locatore che opta per il regime alternativo della cedolare secca non è obbligato a darne comunicazione all'inquilino mediante lettera raccomandata

Riduzione del canone di locazione

Affittare casa - Nel caso di locazioni immobiliari destinate all'uso abitativo, non sempre, anzi quasi mai, il canone di locazione può essere abbassato senza nuovo accordo tra le parti.

Chiarimenti sul Contributo a fondo perduto per riduzione canone di locazione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Per quale arco temporale è possibile richiedere il contributo a fondo perduto per chi ha applicato la riduzione del canone di affitto, come da Decreto Ristori?

Arriva la cedolare secca per locazioni commerciali con canone variabile

Affittare casa - Cedolare secca per locazioni commerciale. Il contratto prevedere un canone variabile. È quanto chiarito dall'Agenzia delle Entrate con risposta ad interpello.

Locazione: nulli i canoni pattuiti in nero

Fisco casa - Nulla la scrittura privata successiva al contratto che stabilisce un canone di locazione più alto per evadere le tasse(Cassazione, sent.n°18213 del 17/09/2015).

Dichiarazione IMU e TASI: quali novità con il Decreto Crescita?

Fisco casa - Semplificazioni per comodato d'uso e locazioni a canone concordato. Niente obbligo di comunicazione al Comune per beneficiare degli sconti fiscali su IMU e TASI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lucav22
Salve a tutti, volevo sapere se io (conduttore) potessi chiedere la restituzione dei canoni versati per un immobile ad uso abitativo tramite contratto di locazione non registrato...
lucav22 29 Dicembre 2020 ore 19:08 19
Img maurizio35
È possibile applicare il contratto concordato se la locazione è stipulata con una ONLUS che intendere adibire l'unità immobiliare ad abitazione per i suoi...
maurizio35 10 Giugno 2020 ore 16:54 1
Img maurizio35
Caso: Posso stipulare entro il 20 giugno un contratto di locazione "canone concordato" con decorrenza 1 agosto p.v.? Evidentemente procederò alla registrazione entro 30...
maurizio35 08 Giugno 2018 ore 16:12 1
Img maurizio35
Nel caso di contratto di locazione a canone concordato, relativo ad immobile ubicato in comune nel quale, a seguito della pubblicazione del DM 2017, NON è stato rinnovato...
maurizio35 29 Aprile 2018 ore 10:42 1
Img maurizio35
Ho in proprietà un appartamento che intenderei affittare a canone concordato. Nel comune in cui risiedo è in vigore un accordo territoriale che individua valori...
maurizio35 28 Giugno 2017 ore 16:08 2