Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

NEWS Ripartizione spese09 Luglio 2013 ore 13:11
La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.

Nel condominio Gamma esiste un muro di confine posto nel cortile utilizzato come parcheggio che necessità di opere manutenzione.

Contestazione ripartizione spese condominiali
I condomini, in tempo remoto ed in assenza di indicazioni regolamentari, s'erano domandati quale criterio di ripartizione spese bisognasse applicare; alla fine, con regolare deliberazione, avevano scelto di utilizzare un criterio di ripartizione che coinvolgesse solamente i proprietari di posti auto.

Nel corso del tempo non si s'era mai posta la necessità di manutenere quel muro.

Sorta la necessità ed applicato il criterio prescelto, uno dei condomini cambia idea.

A suo dire non era giusto che i condomini che non hanno posto non dovessero pagare nulla.

Egli sostiene, infatti, che il muro di confine è di proprietà di tutti e non solo dei proprietari dei posti auto.

Irretito dal fatto di vedere completamente ignorate le proprie richieste, il condomino decide di agire per via giudiziaria ed impugna l'ultima deliberazione con la quale è stata ripartita la spesa.


Stando a quando affermato dalla Corte di Cassazione, la cui presa di posizione, di recente, è stata ribadita dal Tribunale di Savona, quell'impugnazione rischia di concludersi con un nulla di fatto.

Spese condominiali: come ripartirle equamente
Ciò perché, si legge in una sentenza degli ermellini resa nel 1995 (n. 1890 del 21 febbraio) e richiamata in una pronuncia del Tribunale di Savona dello scorso 5 giugno, in materia di condominio negli edifici, al potere dell'assemblea del condominio di deliberazione, nelle forme e con le maggioranze prescritte, l'esecuzione delle opere necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni e per l'esercizio dei servizi condominiali, fa riscontro l'obbligo di ciascun condominio di contribuire alle relative spese, discendente dalla titolarità del diritto reale sull'immobile ed integrante un'obbligazione propter rem preesistente all'approvazione, da parte dell'assemblea, dello stato di riparto, ed in concreto direttamente correlato alla precedente deliberazione, di esecuzione delle opere.

Ne consegue che, quando la contestazione del condominio investa, prima ancora che il quantum dell'obbligo di contribuzione, il relativo an, è tale ultima deliberazione che deve essere impugnata; nel termine di decadenza di cui all'art. 1137, comma 3, c.c., ove si assuma essere la deliberazione affetta da vizi formali, perché presa in violazione di prescrizioni legali, convenzionali o regolamentari attinenti al procedimento di convocazione o di informazione dell'assemblea, o da eccesso di potere o da incompetenza; svincolata da tale termine nel caso di delibera radicalmente nulla perché esorbitante dai limiti delle attribuzioni dell'assemblea o concernente innovazioni lesive dei diritti di ciascun condominio sulle cose o servizi comuni o su quelle di proprietà esclusiva di ognuno di essi (Tribunale di Savona 05 giugno 2013).

Detta diversamente:
l'impugnazione della deliberazione che applica il criterio prescelto non fa venire meno l'obbligo contributivo configurato in quel determinato modo: per arrivare a tale risultato è necessario contestare, se si è ancora in tempo, la deliberazione che ha istituito quell'obbligo.

riproduzione riservata
Articolo: Contestazione della ripartizione spese condominiali
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Contestazione della ripartizione spese condominiali: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.351 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Natale in Casa
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Adeguamento antincendio autorimesse Condominiali
    Adeguamento antincendio...
    250.00
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Ristrutturazioni Condomini
    Ristrutturazioni condomini...
    350.00
  • Porta basculante blindata
    Porta basculante blindata...
    690.00
Notizie che trattano Contestazione della ripartizione spese condominiali che potrebbero interessarti


Impugnazione delibere e ripartizione delle spese: vizi contestabili e casi ricorrenti

Ripartizione spese - L'impugnazione delle delibere è materia che s'intreccia spesso con quella della ripartizione delle spese: gli aspetti comuni e quelli principali dei due argomenti

Quando si può ottenere la sospensione dell'efficacia della delibera condominiale

Assemblea di condominio - L'impugnazione della delibera condominiale non comporta automaticamente la sospensione della sua efficacia. Come fare per ottenerla e quali sono i presupposti?

Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite

Lavori condominiali e contestazione delle deliberazioni

Condominio - Per l'impugnazione di deliberazioni che concernono interventi su cose comuni è necessario contestare la deliberazione con la quale si decide e non quella di spesa.

Spese condominiali contestate

Ripartizione spese - Le spese condominiali devono essere pagate perché si è proprietario di un'unità immobiliare ubicata in condominio. Chi e in che modo può contestarle se le ritiene errate?

Ripartizione delle spese e validità della delibera

Ripartizione spese - Per la ripartizione delle spese condominiali, ai fini della validità della delibera, scegliere un criterio errato è cosa diversa dalla deroga a un criterio esistente.

La delibera condominiale si contesta con atto di citazione

Assemblea di condominio - Una delle novità introdotte dalla riforma del condominio è stata la riscrittura dell'art. 1137 c.c. riguardante anche la forma dell'impugnazione delle delibere.

Sostituzione di delibere e sorte delle cause condominiali

Assemblea di condominio - In tema di condominio negli edifici, nel caso di sostituzione della delibera spetta sempre al giudice valutare se è intervenuta la cessazione della controversia.

La modifica delle tabelle millesimali contrattuali

Tabelle millesimali - La modificazione delle tabelle millesimali contrattuali deve avvenire con il consenso di tutti i condomini.Diversamente la deliberazione di modifca è nulla.