Conservazione degli immobili

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche20 Settembre 2010 ore 17:37
Gli interventi di conservazione degli immobili sono finalizzati a mantenerne funzionalià e sicurezza. Le tipolgie d'intervento e la normativa di riferimento

ConservazioneNel glossario tecnico definiamo lo stato di conservazione degli immobili come condizione strutturale manutentiva nella quale si trova un immobile, sia per quanto riguarda gli elementi materiali della costruzione (pavimenti, pareti, soffitti etc.) che per gli impianti (impianto elettrico, idraulico, riscaldamento etc.).

Conservare in buono stato un immobile, quindi, vuol dire salvaguardarne l'integrità ai fini della salubrità e della sicurezza per chi lo abita e di conseguenza preservarne anche il valore economico.

Quali sono gli interventi conservativi che possono riguardare un immobile?

A ben vedere, consultando le norme contenute nel testo unico per l'edilizia (d.p.r. n. 380/01), gli interventi edilizi a carattere conservativo che riguardano specificamente gli edifici sono tre e trovano una definizione specifica nel d.p.r.:

a) interventi di manutenzione ordinaria, gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti;

Conservazioneb) interventi di manutenzione straordinaria, le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni di uso;

c) interventi di restauro e di risanamento conservativo, gli interventi edilizi rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell'organismo stesso, ne consentano destinazioni d'uso con essi compatibili. Tali interventi comprendono il consolidamento, il ripristino e il rinnovo degli elementi costitutivi dell'edificio, l'inserimento degli elementi accessori e degli impianti richiesti dalle esigenze dell'uso, l'eliminazione degli elementi estranei all'organismo edilizio
(art. 3, primo comma, d.p.r. n. 380/01).


A seconda del tipo d'intervento che andrà ad essere effettuato, quindi, varia il titolo abilitativo che deve essere richiesto.

Il riferimento è alla così detta attività edilizia libera, alla D.I.A. ed al permesso di costruire.

L'iter per eseguire gli interventi manutentivi varia a seconda della proprietà degli immobili interessati dall'attività edilizia.
Se l'edificio o l'unità immobiliare è in proprietà di una sola persona, le autorizzazioni che questa dovrà richiedere saranno limitate a quelle indicate dal d.p.r. n. 380/01.


Se l'appartamento è in comunione (si pensi alla casa coniugale o ai casi di eredità) l'intervento dovrà essere concordato tra le parti tramite una deliberazione dell'assemblea della comunione (si vedano artt. 1105 e 1108 c.c.).

Nel caso d'inerzia e salvo il diritto d'agire per le vie giudiziali il partecipante che, in caso di trascuranza degli altri partecipanti o dell'amministratore, ha sostenuto spese necessarie per la conservazione della cosa comune, ha diritto al rimborso (art. 1110 c.c.).

Nell'ipotesi di interventi conservativi su edifici condominiali è necessario distinguere tra opere su parti di proprietà comune o di proprietà esclusiva.

Quanto a queste ultime esse dovranno essere effettuate in modo tale da evitare che possano recar pregiudizio alla stabilità e al decoro delle parti comuni (art. 1122 c.c.).

ConservazioneLe opere sulle parti condominiali, invece, dovranno essere approvate dall'assemblea e solo in caso d'urgenza ordinate dall'amministratore.

Per gli interventi ordinari e straordinari di normale entità le maggioranze in prima e seconda convocazione sono quelle indicate, rispettivamente del secondo e dal terzo comma dell'art. 1136 c.c.

Le maggioranze per gli interventi di manutenzione straordinaria di notevole entità, invece, sono quelle indicate nell'art. 1136, quarto comma, c.c.

Per gli interventi conservativi, infine, è possibile accedere al beneficio delle detrazioni fiscali del 50%.

riproduzione riservata
Articolo: Conservazione degli immobili
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Conservazione degli immobili: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Conservazione degli immobili che potrebbero interessarti
Manutenzione straordinaria bagno: comprende anche l'installazione sanitari?

Manutenzione straordinaria bagno: comprende anche l'installazione sanitari?

Leggi e Normative Tecniche - Dal Tar della Toscana arrivano importanti chiarimenti sulla possibilità o meno di considerare l'installazione di sanitari intervento di manutenzione straordinaria
Mutui per ristrutturazione casa

Mutui per ristrutturazione casa

Mutui e assicurazioni casa - Oltre che per l'acquisto, un mutuo può essere richiesto anche per finanziare lavori di ristrutturazione, manutenzione ordinaria e manutenzione straordinaria.
Manutenzione Straordinaria

Manutenzione Straordinaria

Restauro edile - Gli interventi di manutenzione straordinaria sono quelli necessari a rinnovare e sostituire parti anche strutturali o realizzare e integrare impianti e servizi igienici.

Iva agevolata per edilizia diventa permanente

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'aliquota Iva agevolata al 10% per interventi edilizi di recupero del patrimonio abitativo esistente è stata resa permanente con la Legge Finanziaria del 2010.

Manutenzione scale condominiali, ripartizione costi e agevolazioni fiscali per tinteggiatura

Manutenzione condominiale - Il costo per la tinteggiatura delle scale condominiali deve essere ripartito secondo quanto stabilito dall'art. 1124 c.c. e può essere detratto ai fini fiscali.

Detrazione 50% anche per nuove costruzioni e manutenzione ordinaria

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Alcuni particolari interventi di nuova costruzione e di manutenzione ordinaria possono beneficiare della detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie.

IVA per stufe a pellet

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Come si applica l'aliquota IVA in caso di installazione di stufe a pellet all'interno di fabbricati ad uso abitativo di nuova costruzione o già esistenti.

L'installazione di un condizionatore è sufficiente per avere diritto anche al bonus mobili?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'installazione di una pompa di calore che comporta risparmio energetico può godere della detrazione sulle ristrutturazioni ed è presupposto per il bonus mobili

Comunicazione Inizio Lavori (CIL)

Leggi e Normative Tecniche - La Comunicazione inizio lavori (CIL) introdotta nel 2010 dalla Legge 73/10 permette di semplificare l'iter per alcuni interventi tra cui la manutenzione straordinaria.
REGISTRATI COME UTENTE
295.400 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Manutenzione ordinaria e straordinaria bologna
    Manutenzione ordinaria e...
    35.00
  • Manutenzione condomini Monza e Brianza, Milano
    Manutenzione condomini monza e...
    19.00
  • Ristrutturazione casa Bologna
    Ristrutturazione casa bologna...
    350.00
  • Manutenzione caldaia
    Manutenzione caldaia...
    80.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Weber
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.