Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Conferma illegittima dell'amministratore condominiale

NEWS Amministratore di condominio03 Agosto 2012 ore 11:39
La conferma dell'amministratore condominiale non è una conseguenza della mancata revoca ma deve essere deliberata dall'assemblea.

Assemblea di condominioNel corso dell'assemblea non c'erano i numeri sufficienti per revocare l'amministratore ma lui ha ottenuto che si verbalizzasse che era stato riconfermato nella carica in quanto doveva considerarsi fallito il tentativo di revoca.

È legittimo questo modo di fare?

Queste in sostanza la storia e la domanda che mi sono state recentemente raccontate e poste.

La mia risposta è stata negativa:
no, l' amministratore non è confermato solamente perché non s'è riusciti a revocarlo; anche per proseguire il suo incarico dev'essere nuovamente votato.


Con quali maggioranze?

Secondo la Cassazione come ripetutamente affermato [...] (v. Cass. 3797-78; 71-80 ecc.), non solo in caso di nomina o revoca dell'amministratore, ma anche in quello di conferma è necessaria la maggioranza di cui all'art. 1136 4 c.c. civ., trattandosi di delibere che hanno contenuto ed effetti giuridici uguali (Cass. 4 maggio 1994, n. 4269).

Secondo il Tribunale di Roma la conferma dell'amministratore in carica è fattispecie ben diversa da quella della nomina e della revoca in quanto è rielezione dello stesso nella carica precedentemente ricoperta per la cui deliberazione è sufficiente la maggioranza prevista dal III° comma dell'art. 1136 c.c. (così Trib. Roma 15 maggio 2009 n. 10701).


Vista la maggiore autorevolezza della fonte, prendiamo come punto di riferimento la decisione della Corte di Cassazione.


Bene, avvocato, ed allora che cosa posso fare?

Questa la domanda che m'è stata posta come naturale conseguenza della mia risposta.

Le soluzioni, ho spiegato alla persona che s'era rivolta a me, sono due:
a) azione giudiziaria;
b) tentativo di risoluzione della questione per via assembleare.

Assemblea condominialeNel primo caso la causa vera e propria dev'essere preceduta dal tentativo di conciliazione (d.lgs n. 28/10) presso un organismo abilitato.

L'azione giudiziaria, comprendente in questo caso anche il tentativo di conciliazione, dev'essere proposta entro 30 giorni dalla deliberazione se il condomino era presente in assemblea ed era dissenziente, oppure dalla comunicazione del verbale per gli assenti.

Il costo del tentativo di conciliazione, al netto degli onorari dell'avvocato, varia a seconda del valore e dell'esito di questa procedura; il minimo, ossia in caso di fallimento dell'iniziativa è di 90 euro.

Il costo, intendendo con tale termine le spese vive al netto degli onorari dell'avvocato, per iniziare la causa è di circa € 500,00.

Il tentativo per via assembleare è sicuramente meno oneroso dal punto di vista economico; richiede, però, molta determinazione soprattutto se l'amministratore o gli altri condomini sono particolarmente prepotenti.

In sostanza bisogna far convocare, o autoconvocare (art. 66 disp. att. c.c.), un'assemblea per tentare di ridiscutere sulla nomina illegittima e sostituire la deliberazione precedente.

Questa strada, se percorsa rapidamente, non esclude la prima. Al condomino la scelta su come agire.

riproduzione riservata
Articolo: Amministratore condominiale: Conferma illegittima
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 2 voti.

Amministratore condominiale: Conferma illegittima: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
308.259 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Weber
  • Velux
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Adeguamento antincendio autorimesse Condominiali
    Adeguamento antincendio...
    250.00
  • Inferriate blindate di sicurezza
    Inferriate blindate di sicurezza...
    329.00
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
Notizie che trattano Amministratore condominiale: Conferma illegittima che potrebbero interessarti


Conferma nomina amministratore condominiale

Condominio - L'assemblea condominiale annuale provvede alla conferma o alla revoca dell'amministratore, ma è obbligatoria solamente nei condomini con più di quattro partecipanti.

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

L'amministratore del piccolo condominio

Condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

Amministratore di condominio, diritto alla retribuzione e limiti

Condominio - L?amministratore è il mandatario dei condomini in relazione alla gestione e conservazione delle parti comuni dell?edificio

Ripartizione compenso dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - Una volta incaricato l'amministratore, salvo diverso accordo, ha diritto ad una retribuzione, la quale nell'art. 1135 c.c. ha sollevato qualche interrogativo.

Assemblea condominiale e la ratifica delle scelte dell'amministratore

Condominio - L'assemblea condominiale è il centro nevralgico delle decisioni sulle parti comuni, anche quando si tratta di ratificare scelte dell'amministratore.

Richiesta di convocazione di un'assemblea straordinaria

Assemblea di condominio - È possibile distinguere due diverse tipologie di assemblea condominiale: assemblea ordinaria annuale e assemblea straordinaria. Come richiederne la convocazione?

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img 64brunica
Buon giorno,l'amministratore ha da poco nominato una s.a.s. a conduzione familiare.All'atto della nomina ha presentato una lettera di benvenuto con alcuni suoi dati (p. IVA,...
64brunica 17 Marzo 2015 ore 11:23 1
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
Img 64brunica
Buon giorno, Volevo sapere se l'amministratore pro tempore può emettere pagamenti a favore dell'amministratore cessato oltre la quota di diritto del suo mandato e...
64brunica 23 Maggio 2014 ore 16:06 2
Img lucag1979
Il mio amministratore ha convocato all'assemblea mia moglie (siamo conviventi non separati ed in comunione dei beni), ma non ha citato me nell'avviso di convocazione.Eppure la...
lucag1979 27 Gennaio 2014 ore 18:40 1
Img sillysally
Buonasera,l'amministratore ha qualche responsabilità nel non aver mai avvisato il proprietario per un intero anno che gli inquilini non pagavano le spese condominiali?In...
sillysally 23 Maggio 2014 ore 21:16 3