Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Condono edilizio per opere abusive su un'area con vincolo idrogeologico

Si può condonare un'opera abusiva realizzata su un'area soggetta a vincolo idrogeologico? La risposta a tale quesito in una recente sentenza del Consiglio di Stato
- NEWS Leggi e Normative Tecniche

Abusi edilizi


Come noto, per abusi edilizi si intendono illeciti di natura amministrativa, aventi in alcuni casi anche rilevanza penale.

Si tratta di illeciti che si ritengono configurati per assenza di titoli abilitativi, in caso di omessa comunicazione preventiva al Comune o ancora allorquando l'opera presenti difformità totali o anche parziali rispetto alla normativa edilizia vigente.

Abusi edilizi
È altrettanto noto che, tali illeciti possono, in presenza di specifici presupposti, essere sanati attraverso una apposita domanda di condono che, di fatto, consenta la sanatoria abusi edilizi.

Ma cosa accade nello specifico caso in cui l'opera abusiva insista su una zona soggetta a vincolo idrogeologico?

Tale opera può essere condonata?

A questi interrogativi ha risposto il Consiglio di Stato, con la sentenza 1 settembre 2021, n. 6140.


Edilizia abusiva e vincolo idrogeologico


Per vincolo idrogeologico si intende essenzialmente la tutela garantita dallo Stato, per determinate zone territoriali caratterizzate da un maggior rischio di danneggiamento, per motivi idrogeologici, rispetto ad altre aree.

Tale tutela si concretizza attraverso la previsione di una serie di autorizzazioni rilasciate da Uffici e controlli eseguiti dalle Autorità competenti in caso di eventuali interventi.

Alla luce di ciò, preliminarmente all'avvio di un cantiere in un simile contesto territoriale, è sempre necessario anteporre un attento studio sui rischi e sui relativi costi, con l'ausilio di tecnici professionisti.


Abusi edilizi su zone soggette a vincolo idrogeologico: il caso risolto dal Consiglio di Stato


È possibile condonare una opera nel caso in cui essa si trovi in una zona soggetta a vincolo idrogeologico?

Come rilevato, sul punto si è pronunciato il Consiglio di Stato, con una recente (e interessante) sentenza n. 6140/2021, con la quale è stato infatti chiarito un aspetto per molto tempo rimasto controverso.

Abusi edilizi condono su aree con vincolo
Il caso sottoposto all'attenzione dei Giudici, riguardava una istanza di Condono edilizio, presentata ai sensi del d.l. n. 269/2003, convertito in legge n. 326/2003, c.d. terzo condono), presentato da una società a seguito della installazione di impianti e ripetitori.

L'area, dove sono state eseguite tali opere di installazione, era stata sottoposta a vincolo idrogeologico dopo la presentazione della domanda di condono.

Tale circostanza era stata considerata dalla società non ostativa alla richiesta condono.


Condono edilizio e vincolo idrogeologico


Secondo il Consiglio di Stato, il punto di partenza per stabilire se una opera costruita su una area soggetta a vincolo idrogeologico può essere oggetto di condono edilizio è l'analisi della legge sui condoni edilizi.

Nel caso specifico, l'art. 32 del d.l. n. 269/2003, c.d. condono 2003 poneva limiti più stringenti rispetto alle precedenti normative (leggi n. 47/1985 c.d. primo condono edilizio o condono 1985e n. 724/1994 c.d. secondo condono edilizio).

Il nuovo condono edilizio escludeva la possibilità di ottenere la domanda di condono edilizio, con riferimento alle zone sottoposte a vincoli se:

  • il vincolo di inedificabilità risulti preesistente all'esecuzione delle opere abusive;

  • le opere realizzate in assenza o in difformità del titolo abilitativo non siano conformi alle norme e alle prescrizioni degli strumenti urbanistici.


Al riguardo, occorre precisare che tali condizioni ostative devono sussistere congiuntamente.


Si può condonare un abusivismo edilizio su una area con vincolo idrogeologico?


È questo l'interrogativo centrale sul quale si concentra la sentenza del Consiglio di Stato.

Al riguardo, i giudici stabiliscono che, in linea generale, la sussistenza di un vincolo idrogeologico non comporta l'inedificabilità assoluta sull'area.

Abusi edilizi e ordine demolizione
Ciò nondimeno, la previsione di tale vincolo comporta la necessità di ottenere, prima della realizzazione dell'intervento, una apposita autorizzazione, rilasciata dal competente Ufficio dell'Amministrazione in aggiunta al titolo abilitativo edilizio (cfr. Cons. Stato, Sez. V, 24 settembre 2009 n. 43731 e Sez. IV, 3 novembre 2008 n. 5467).

La sentenza afferma il seguente principio di diritto: le opere soggette a vincolo idrogeologico non sono condonabili ove siano in contrasto con il suddetto vincolo, anche se questo sia stato apposto successivamente alla presentazione dell'istanza di condono (cfr. Cons. Stato, Sez. IV, 21 dicembre 2012 n. 6662), senza che residui alcun diaframma di discrezionalità in capo all'amministrazione interessata dalla domanda di condono ai fini del suo accoglimento, dovendosi anzi provvedere alla demolizione delle opere abusive.

Demolizione dell'opera abusivamente costruite su aree con vincolo idrogeologico


L'unica strada, secondo i Giudici, per rimediare all'edilizia abusiva è la demolizione dell'opera stessa, ancorché nelle ipotesi in cui il vincolo sia stato apposto in un secondo momento.

L'ordine di demolizione, infatti, ha natura di atto dovuto e rigorosamente vincolato, dove la repressione dell'abuso corrisponde, per definizione, all'interesse pubblico al ripristino dello stato dei luoghi illecitamente alterato.



L'obbligo di procedere alla demolizione dell'opera abusiva prescinde dal trascorrere del tempo.

Essendo un atto vincolato, posto a presidio di un interesse pubblico e conseguente al mero accertamento dell'abusivismo edilizio, l'ordine di demolizione può essere eseguito in qualsiasi momento.

Vale anche allorquando sia trascorso un considerevole arco temporale tra la realizzazione dell'opera e l'accertamento dell'abusivismo, non potendo in tale senso configurarsi una qualsivoglia forma di tutela del legittimo affidamento, stante la natura contra legem ab origine dell'opera e, in quanto tale, non oggetto di condono edilizio (Cons. Stato, 25 maggio 2021, n. 4049).

riproduzione riservata
Articolo: Condono edilizio e vincolo idrogeologico
Valutazione: 5.75 / 6 basato su 4 voti.

Condono edilizio e vincolo idrogeologico: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.973 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Condono edilizio e vincolo idrogeologico che potrebbero interessarti


Condono edilizio 2017: i criteri per stabilire demolizione o condono

Leggi e Normative Tecniche - Condono edilizio: il Ddl Falanga in fase di approvazione, consentirebbe di stabilire nuovi criteri per decidere quando condonare e quando demolire un'immobile.

Condono edilizio: a quale punto della costruzione è possibile ottenerlo?

Leggi e Normative Tecniche - Secondo una recente sentenza della Cassazione, non è necessario che tutti i lavori edili siano terminati, ma sono sufficienti anche coperture e tamponature dei muri

Concessione in sanatoria e beni d'interesse storico

Leggi e Normative Tecniche - La legge sul condono edilizio e la concessione in sanatoria per i beni sottoposti a vincolo storico artistico. Obbligatorietà del parere dell'Autorità preposta e conseguenze.

Condono edilizio: la Cassazione lo può annullare?

Leggi e Normative Tecniche - I giudici della Corte di Cassazione, avendone accertata l'illegittimità, hanno annullato una concessione edilizia in sanatoria per errata valutazione di volumetria

Condono edilizio e agibilità: vanno di pari passo o no?

Leggi e Normative Tecniche - I giudici hanno analizzato il caso di un immobile che, pur avendo già ottenuto il condono, non è stato considerato agibile e adatto all’utilizzo a scopo residenziale

Rischio idrogeologico e abusivismo

Progettazione - L'alluvione in Sardegna riporta alla luce i problemi che affliggono il territorio italiano: il rischio idrogeologico e lo sfruttamento eccessivo del territorio.

Condono edilizio: serve il permesso dell’assemblea condominiale?

Assemblea di condominio - Se un condòmino vuole richiedere il condono per sanare un abuso edilizio deve ottenere il consenso da parte dell’assemblea condominiale? La Cassazione risponde.

Condono per mini abusi

Normative - Allo studio un condono per le piccole irregolarita' edilizie, prima della presentazione della Manovra Finanziaria in Commissione Bilancio.

Decreto Sblocca Cantieri: niente mini condono per piccoli abusi edilizi

Leggi e Normative Tecniche - Il mini condono sfugge dal decreto Sblocca Cantieri: il provvedimento al vaglio del Consiglio dei Ministri senza la misura volta a sanare i piccoli abusi edilizi
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img godnalyd
Ho acquistato una villetta. Sto facendo le pratiche ecobonus, ma mi hanno fatto notare che la casa ha delle tettoie non condonate. Perciò mi bocciano le pratiche. Che posso...
godnalyd 13 Settembre 2020 ore 20:02 5
Img maurizio.vit
Buongiorno,la domanda è...il condono edilizio legge 47/85 si può scroporare???Nel 1994 è stato presentato un condono edilizio di garage, portici etcc da parte...
maurizio.vit 25 Novembre 2014 ore 17:44 1