Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Condominio, responsabilità, prova e risarcimento danni

S'ipotizzi che Tizio, proprietario in condominio Alfa, subisca danni da infiltrazioni proveniente da parti comuni. Cosa deve fare per ottenere il risarcimento danni.
30 Gennaio 2018 ore 10:38 - NEWS Parti comuni

Il condomino subisce un danno proveniente da parti comuni?Per ottenere il risarcimento deve comunque fornire la prova del danno.

Danni da parti comuni in condominio

Il fatto può apparire basilare ma evidentemente non lo è visto che a questa conclusione, di recente, è giunta la Cassazione con la sentenza n. 5977 dello scorso 16 aprile.


Responsabilità per danni da cose in custodia


Il tutto ruota attorno al significato da attribuire all'art. 2051 c.c., riguardante la responsabilità per danni da cose in custodia.

La pronuncia appena citata assume indubitabilmente discreto interesse in quanto ripropone quelli che sono i principi cardine in materia di responsabilità per questo genere di danni.

Cerchiamo di capire perché.

Si legge nella sentenza che la fattispecie di cui all'art. 2051 cod. civ. individua un'ipotesi di responsabilità oggettiva, essendo sufficiente per l'applicazione della stessa la sussistenza del rapporto di custodia tra il responsabile e la cosa che ha dato luogo all'evento lesivo.


Pertanto non assume rilievo in sé la violazione dell'obbligo di custodire la cosa da parte del custode, la cui responsabilità è esclusa solo dal caso fortuito, fattore che attiene non ad un comportamento del responsabile, ma al profilo causale dell'evento, riconducibile in tal caso non alla cosa che ne è fonte immediata ma ad un elemento esterno.

Ne consegue l'inversione dell'onere della prova in ordine al nesso causale, incombendo comunque sull'attore la prova del nesso eziologico tra la cosa e l'evento lesivo e sul convenuto la prova del caso fortuito.

Sia l'accertamento in ordine alla sussistenza della responsabilità oggettiva che quello in ordine all'intervento del caso fortuito che lo esclude involgono valutazioni riservate al giudice del merito, il cui apprezzamento è insindacabile in sede di legittimità se sorretto da motivazione congrua ed immune da vizi logici e giuridici (Cass. n. 6753/2004).

Danni frequenti in condominio

L'attore che agisce per il riconoscimento del danno ha, quindi, l'onere di provare l'esistenza del rapporto eziologico tra la cosa e l'evento lesivo, mentre il custode convenuto, per liberarsi dalla sua responsabilità, deve provare l'esistenza di un fattore estraneo alla sua sfera soggettiva, idoneo ad interrompere quel nesso causale (Cass. 4279708; 20427708; 5910/11 secondo cui la norma dell'art. 2051 cod. civ., che stabilisce il principio della responsabilità per le cose in custodia, non dispensa il danneggiato dall'onere di provare il nesso causale tra queste ultime e il danno, ossia di dimostrare che l'evento si è prodotto come conseguenza normale della particolare condizione, potenzialmente lesiva, posseduta dalla cosa.
- Principio enunciato ai sensi dell'art. 360-bis, n. 1, cod. proc. civ.)
(Cass. 16 aprile 2012 n. 5977).


Cosa fare per ottenere il risarcimento danni?

Un esempio ci aiuterà a spiegare meglio il contenuto della pronuncia in esame.

S'ipotizzi che Tizio, proprietario di un immobile nel condominio Alfa, subisca danni da infiltrazioni proveniente da parti comuni.

Il danneggiato, per ottenere il risarcimento deve provare:
a) il danno;
b) la provenienza;
c) il nesso causale.

Al convenuto che vorrà liberarsi da responsabilità, trattandosi di responsabilità obiettiva, spetterà la prova del caso fortuito.

riproduzione riservata
Articolo: Condominio, responsabilità, prova e danni
Valutazione: 4.57 / 6 basato su 7 voti.

Condominio, responsabilità, prova e danni: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
323.362 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Condominio, responsabilità, prova e danni che potrebbero interessarti


Danni da infiltrazioni

Condominio - Tra i danni agli appartamenti, o alle parti comuni nei condomini, quelli lamentati più frequentemente sono i così detti danni da infiltrazioni d'acqua.

Infiltrazioni e responsabilità condominiale, cosa fare?

Condominio - Infiltrazioni e responsabilità condominiale, ovvero che cosa poter fare quando si scopre che il danno all'appartamento proviene da parti condominiali?

Danni da allagamenti in condominio, quali responsabilità?

Parti comuni - Quando avviene un allegamento in un condominio è molto probabile che debba essere pagato un risarcimento danni: chi è responsabile e quando non si paga nulla?

L'inquilino, il condominio ed i danni

Condominio - L'inquilino di un un'unità immobiliare in condominio può essere risarcito dal proprietario anche se i danni provengono da parti comuni.

Marciapiede scivoloso? I danni li paga il condominio

Parti comuni - Il condominio, quale custode dei beni comuni, è responsabile per i danni da essi provocati a meno che non riesca a dimostrare un caso fortuito

Danni alle parti comuni e risarcimento

Condominio - I danni derivanti da comportamenti illeciti dei condomini non gli possono essere addebitati se non dopo una regolare sentenza di condanna.

Strade condominiali, danni e spese di manutenzione

Manutenzione condominiale - Le aree accessorie, come parcheggi e strade, dovranno essere considerate di proprietà comune, le spese di manutenzione andranno ripartite con i millesimi.

Risarcimento danni quando la lite in condominio è troppo lunga

Liti tra condomini - Liti condominiali troppo lunghe, importante sentenza della Corte di Cassazione relativamente alle liti condominiali ed alla loro eccessiva durata.

Fognatura e danni ai condomini

Liti tra condomini - Un condomino fa causa alla compagine per chiederle il risarcimento del danno provocato da un rigurgito della fognatura condominiale.Il fatto, fin qui,
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img devidi.79
Buongiorno a tutti, riassumo la mia vicenda sperando di avere utili consigli.Ho seguito dei lavori di ristrutturazione con regolare CILA, ho incollato i pavimenti a quelli...
devidi.79 03 Settembre 2019 ore 17:24 5
Img simonedorazio
Ho comprato un immobile 13 mesi fa da un privato tramite atto notarile. La casa era al grezzo avanzato e il proprietario ce l'ha consegnata chiavi in mano facendo finire i...
simonedorazio 01 Febbraio 2019 ore 11:48 4
Img falegna
Domani l'amministratore manderà il perito per il risarcimento danni di un allagamento che ha provocato danni al tetto della cucina e veranda. Com'è la prassi? In...
falegna 10 Febbraio 2017 ore 10:28 1
Img chiara.chiara
Buongiorno a tutti,un mese fa abbiamo firmato un contratto con una ditta per la ristrutturazione di un'appartamento.Dalla stipula del contratto sono venuti solo queste ultime due...
chiara.chiara 10 Dicembre 2016 ore 07:41 3
Img agatinomurabito
Buona sera,sto ristrutturando casa, ed iniziano già i primi grossi problemi.Ho acquistato un pavimento effetto legno in gres porcellanato listelli da 90 cm posato con...
agatinomurabito 24 Febbraio 2016 ore 12:49 16