Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Doppia auto in condominio se c'è doppio appartamento

NEWS Parti comuni06 Marzo 2020 ore 09:54
L'area condominiale destinata a parcheggio rientra tra le parti comuni di cui all'art. 1117 del codice civile e il diritto al posto auto non deve limitarne l'uso
condominio , posto auto , box auto , garage

Il posto auto in condominio

A livello normativo non esiste una specifica disciplina per i posti auto in condominio , salvo che quest’ultimo sia acquistato a titolo di proprietà dal condomino insieme all’appartamento facente parte dello stabile condominiale (si pensi al box auto acquistato).

Posto auto in condominio
In sintesi, con riferimento è possibile trovarsi di fronte a tre tipologie di posti auto, ossia:

  1. garage, in genere sotterranei, costruiti in aree comunali e concessi in diritto d’uso (in genere per sessant’anni) a proprietari privati;

  2.  posti auto su aree di proprietà solo di alcuni condomini, del tutto esterne all’edificio.
    Si tratta di immobili o terreni in semplice comunione: in mancanza di regolamenti, valgono le regole sulla comunione;

  3. garage, in genere suddivisi in box, collocati sotto il cortile o posti auto in aree scoperte, ma interne alla proprietà condominiale . Possono essere accessibili da rampe fuori dall’edificio oppure passando attraverso gli androni.

Il problema si pone a fronte di posti auto non di proprietà del singolo condomino ma assegnati a ciascuno di essi come un diritto sull’area comune del condominio stesso.


Le parti comuni


Le aree condominiali destinate al parcheggio rientrano tra le parti comuni di cui all’art. 1117 del codice civile. Ai sensi di quest’ultimo, sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell’edificio, anche se aventi diritto a godimento periodico e se non risulta il contrario dal titolo: tutte le parti dell’edificio necessarie all’uso comune, come il suolo su cui sorge l’edificio, le fondazioni, i muri maestri, i pilastri e le travi portanti, i tetti e i lastrici solari, le scale, i portoni di ingresso, i vestiboli, gli anditi, i portici, i cortili e le facciate.

Parti condominiali
Sono altresì parti comuni le aree destinate a parcheggio nonché i locali per i servizi in comune, come la portineria, incluso l’alloggio del portiere, la lavanderia, gli stenditoi e i sottotetti destinati, per le caratteristiche strutturali e funzionali, all’uso comune; le opere, le installazioni, i manufatti di qualunque genere destinati all’uso comune, come gli ascensori, i pozzi, le cisterne, gli impianti idrici e fognari, i sistemi centralizzati di distribuzione e di trasmissione per il gas, per l’energia elettrica, per il riscaldamento e il condizionamento dell’aria, per la ricezione radiotelevisiva e per l’accesso a qualunque altro genere di flusso informativo, anche da satellite o via cavo, e i relativi collegamenti fino al punto di diramazione ai locali di proprietà individuale dei singoli condomini , ovvero, in caso di impianti unitari, fino al punto di utenza, salvo quanto disposto dalle normative di settore in materia di reti pubbliche.


Uso e diritti sulla cosa comune



È l’art. 1118 del Codice civile a disciplinare i diritti dei singoli condomini sulle parti comuni.
Nella citata disposizione normativa si legge espressamente che il diritto di ciascun condomino su di esse, salvo che il titolo non disponga altrimenti, è proporzionale al valore dell’unità immobiliare che gli appartiene.

Il condomino non può rinunziare al suo diritto sulle parti comuni; non può sottrarsi all’obbligo di contribuire alle spese per la loro conservazione, neanche modificando la destinazione d’uso della propria unità immobiliare, salvo quanto disposto da leggi speciali.
Può rinunciare all’utilizzo dell’impianto centralizzato di riscaldamento o di condizionamento, se dal suo distacco non derivano notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini (in tal caso il rinunziante resta tenuto a concorrere al pagamento delle sole spese per la manutenzione straordinaria dell’impianto e per la sua conservazione e messa a norma).

Utilizzo parte comune
Le regole per l’uso della cosa comune, invece, sono contenute all’art. 1102 del medesimo c.c. dove si stabilisce che ciascun partecipante (condomino) può servirsi di essa, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto.

A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il miglior godimento della cosa. Il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso.


Doppio posto auto


Laddove l’area comune condominiale destinata al parcheggio sia tale da permettere di assegnare un posto auto a ciascun condomino, in genere si procede a sorteggio per l’assegnazione oppure all’unanimità in assemblea.

Quando ciò è possibile, allora in applicazione della previsione di cui al citato art. 1118 c.c. (i diritto di ciascun condomino sulle parti comuni, salvo che il titolo non disponga altrimenti, è proporzionale al valore dell’unità immobiliare che gli appartiene) ne consegue che se un condomino è proprietario nello stabile condominiale di due distinti appartamenti (ciascuno con propri dati catastali) avrà diritto all’assegnazione di due posti auto, sempre che ciò non vada a limitare l’uso dell’area comune per gli altri condomini.

Doppio posto auto
Nel caso in cui, invece, l’area destinata al parcheggio condominiale non sia sufficiente a contenere tanti posti auto quanti sono gli appartamenti condominiali, in genere si procede con un piano di turnazione. L’amministratore di condominio, infatti, è chiamato a disciplinare l'uso delle cose comuni e la fruizione dei servizi nell'interesse comune, in modo che ne sia assicurato il miglior godimento a ciascuno dei condomini (art. 1130 c.c.).

È, comunque, possibile disporre, all’unanimità, eventuali limitazioni mediante l'introduzione di una disposizione specifica all'interno del regolamento condominiale. Tali limitazioni però non devono escludere nessuno dall’uso della parte comune (quindi ad esempio all’unanimità si potrebbe decidere di ridurre l’area condominiale destinata a parcheggio ma non si può escludere nessuno dal fruire di quell’area).

Si rende, altresì, applicabile ai posti auto l’usucapione, con la conseguenza che se il posto auto assegnato è occupato per 20 anni sempre dallo stesso soggetto, questi ne acquisirà di diritto la proprietà.

riproduzione riservata
Articolo: Condominio: due appartamenti danno diritto a due posti auto?
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 4 voti.

Condominio: due appartamenti danno diritto a due posti auto?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
317.364 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Serrande avvolgibili per garage
    Serrande avvolgibili per garage...
    350.00
  • Adeguamento antincendio autorimesse Condominiali
    Adeguamento antincendio...
    250.00
  • Walky barrier divisorio per auto
    Walky barrier divisorio per auto...
    62.83
  • Box auto prefabbricato
    Box auto prefabbricato...
    6300.00
  • Compressore aria portatile per auto
    Compressore aria portatile per auto...
    39.99
  • Wall stickers per interruttore removibili
    Wall stickers per interruttore...
    1.99
Notizie che trattano Condominio: due appartamenti danno diritto a due posti auto? che potrebbero interessarti


Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Leggi e Normative Tecniche - Condominio 4.0: un convegno organizzato da Harley&Dikkinson a Roma per fare una analisi su tutte le opportunità lavorative relative alla gestione condominiale.

Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Ripartizione spese - La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.

Condòmini sempre più esposti ai creditori del condominio

Parti comuni - Qualora i creditori del condominio siano insoddisfatti sono pignorabili le quote del singolo condomino anche se non moroso. Le novità della Corte di Cassazione.

Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibile per i condomini di un condominio minimo portare in detrazione le spese per lavori di ristrutturazione su parti comuni. Cosa dice l'Agenzia delle Entrate

Condominio minimo: spese urgenti e rimborso

Ripartizione spese - Nel condominio minimo, così come in una normale compagine, le spese urgenti possono essere rimborsate solamente nel rispetto dell'art. 1134 cc.

Regolamento condominiale contrattuale e posizione dell'inquilino

Regolamento condominiale - Il regolamento condominiale non dev'essere rispettato dall'inquilino se il proprietario non l'ha accettato o se non c'è uno specifico accordo

Parcheggio in condominio: posti auto scoperti

Parti comuni - Principali caratteristiche dei posti auto scoperti nei condomini, come vengono regolamentati, cosa dice la legge, cosa accade se sono in numero minore rispetto ai condomini?

Condominio: la Corte Ue riconosce la qualifica di consumatore

Regolamento condominiale - Sulla base di una sentenza della Corte di Giustizia Ue il condominio può considerarsi un consumatore: quali sono le motivazioni e le conseguenze della decisione

L'ascensore per disabili in condominio prevale sul vincolo storico dell'immobile

Leggi e Normative Tecniche - La Corte di Cassazione riconosce il diritto al condomino disabile a installare un ascensore per accedere alla propria abitazione anche in caso di vincolo storico
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img anonimo
Buongiorno,e grazie in anticipo a chi saprà dipanare alcuni dei miei dubbi.Vi spiego le mie perplessità:sono proprietario di una maisonette in una palazzina da 4...
anonimo 06 Novembre 2008 ore 08:21 2
Img gabrielee
Spiego il più brevemente e chiaramente possibile la situazione. Entro nell'appartamento sabato 1/2/2020. Mi accorgo subito la sera stessa che il citofono non funziona.
gabrielee 20 Marzo 2020 ore 14:30 1
Img robbie1956
A corredo del mio appartamento vi è già un garage detenuto in proprietà indivisa con altro condomino.L'accesso al box con una autovettura, anche piccola,...
robbie1956 25 Luglio 2007 ore 07:03 5
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 7