Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Abbattimento barriere architettoniche in condominio: come funziona

Come fare ad eliminare le barriere architettoniche sulle parti comuni di un condominio? Vediamo cosa dice la legge in tema di innovazioni e quorum assembleari.
31 Ottobre 2020 ore 09:20 - NEWS Parti comuni

Barriere architettoniche: cosa sono e quando eliminarle


Che fare se a causa di un incidente non puoi accedere al cortile condominiale a causa di un marciapiede troppo elevato?

O se non puoi arrivare all’appartamento di tua proprietà perché nel condominio non vi è l’ascensore che ti consentirebbe di evitare le scale impraticabili a causa della menomazione?

In queste situazioni e in molte altre la presenza di barriere architettoniche rende difficile o impossibile accedere in determinati luoghi dove vorresti recarti.
Concetti fondamentali come accessibilità, visitabilità e adattabilità vengono dunque meno.

Barriere architettoniche
Prima di capire come è necessario procedere per abbattere le barriere architettoniche precisiamo in cosa esse consistano. Per barriera architettonica si intende un qualsiasi elemento costruttivo che ostacoli o limiti in qualche modo la fruizione di un servizio o l’accesso a un luogo le persone da handicap o disabilità, le quali, per ridotta capacità motoria o sensoriale non sono in grado di effettuare spostamenti e svolgere normalmente le attività quotidiane.


Quindi eliminare le barriere architettoniche in un edificio vuol dire renderlo utilizzabile anche da parte di coloro che sono affette da una qualche menomazione.

Ricordiamo che il superamento delle barriere architettoniche non è solo un obbligo normativo ma anche un dovere civile e sociale. Il problema si pone soprattutto in quei fabbricati la cui costruzione risale nel tempo nei quali alcune parti erano state realizzate senza tener conto delle difficoltà alle quale i portatori di handicap potevano andare incontro per effettuarne l’accesso.


Eliminazione delle barriere architettoniche in condominio


Cosa succede se il soggetto disabile si trova a vivere in un condominio?

Occorre distinguere due tipi di situazioni. Qualora si rendano necessari dei lavori finalizzati alla eliminazione delle barriere architettoniche nel proprio immobile situato all’interno di uno stabile condominiale è bene sapere che non è necessario chiedere il permesso al condominio.
Dunque non si dovrà interessare l’amministratore affinché venga indetta la riunione assembleare.

L’unico limite nell’esecuzione di un intervento che riguardi la proprietà esclusiva è costituito da eventuali danni alle parti comuni nonché dal pregiudizio alla stabilità, sicurezza o al decoro architettonico dell’edificio. In ogni caso sul singolo condomino incombe il dovere di darne notizia all’amministratore dello stabile per rendere noto l’inizio e l’entità dei lavori da eseguire.

Come eliminare barriere architettoniche
Vediamo ora il caso in cui gli interventi debbano essere eseguiti all’interno del condominio in quanto riguardanti le parti comuni. Per fare degli esempi si pensi a:

  1. alla mancanza di una rampa in corrispondenza dei gradini posti subito prima o immediatamente dopo il portone d'ingresso;

  2. allo stesso portone d'ingresso troppo stretto;

  3. alla cabina dell'ascensore inadeguata.

Che cosa è possibile fare in questi casi?

In queste situazioni, per rendere le parti comuni agibili anche dalle persone con disabilità è necessario apportare delle modifiche strutturali allo stabile.
Se si agisce all’interno del condominio si deve considerare che tali interventi costituiscono vere e proprie Innovazioni. La principale norma di riferimento è il Codice Civile.

È la legge a stabilire quale sia la maggioranza necessaria per poter deliberare l’esecuzione dei lavori. Si dovrà fare riferimento, a tal fine, all’articolo 1120 del codice civile secondo il quale i condomini, con la maggioranza di cui al secondo comma dell’articolo 1136 codice civile, possono disporre delle innovazioni che abbiano ad oggetto le opere e gli interventi previsti per eliminare le barriere architettoniche.

L’articolo 1136 sopra citato cui si fa riferimento per il quorum assembleare prevede che per l’approvazione della spesa sia necessario il voto favorevole secondo le seguenti modalità: sono valide le deliberazioni approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio.

Una volta raggiunta la maggioranza necessaria il lavoro potrà essere realizzato e la spesa ripartita tra i vari condomini in ragione delle tabelle millesimali.

Si ricorda che l’amministratore è tenuto a convocare l’assemblea entro 30 giorni da quando il condomino interessato ne abbia fatta richiesta. Sono vietate le innovazioni che rechino pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza dell’immobile, che alterino il decoro architettonico o rendano altre parti dell’edifico inservibili all’uso da parte degli altri condomini.


Che fare se l’eliminazione delle barriere architettoniche non viene approvata dall’assemblea


Cosa succede in caso di mancata approvazione della decisione assembleare?

Il soggetto disabile non dovrà rinunciare all’esecuzione dei lavori che consentono l’abbattimento delle barriere architettoniche, tuttavia sarà costretto a sobbarcarsene interamente i costi.
Dunque i lavori si faranno lo stesso ma le spese saranno totalmente a suo carico.

Abbattere barriere
Dispone infatti l’articolo 1121 codice civile che qualora l’innovazione importi una spesa molto gravosa e consista in opere impianti o manufatti suscettibili di utilizzo separato, i condomini che non ne traggano vantaggio saranno esonerati dalla partecipazione alla spesa.


Contributo per l’eliminazione delle barriere architettoniche


In proposito all'abbattimento delle barriere architettoniche dobbiamo rammentare che la legge in materia ha previsto la possibilità di fare richiesta di un contributo.
Per mettere a punto tali opere spesso è necessario farsi carico di costi ingenti. Ecco che un sostegno può essere offerto dai contributi concessi dal Comune dove è situato l'immobile presso il quale vengono eseguiti i lavori.

L'agevolazione è prevista sia che si tratti di edifici privati che di parti comuni di stabili condominiali (installazione di rampe o acquisto di servoscale o montacarichi ad esempio).

L'interessato dovrà presentare la domanda al Comune di residenza entro il 1 marzo di ciascun anno, tenendo presente che per accedere ai contributi avranno diritto di precedenza le persone che possano attestare, mediante certificazione, un’invalidità totale con difficoltà di deambulazione.

riproduzione riservata
Articolo: Condominio, distanze e barriere architettoniche
Valutazione: 5.20 / 6 basato su 5 voti.

Condominio, distanze e barriere architettoniche: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Legale
    Legale
    Martedì 22 Luglio 2014, alle ore 19:18
    Non è possibile rispondere sullo specifico quesito: in linea teorica potrebbe essere considerata una distanza sufficiente.
    rispondi al commento
  • Gil86
    Gil86
    Mercoledì 16 Luglio 2014, alle ore 17:50
    Buonasera, volevo chiederle una cosa, è possibile installare un'ascensore all'interno di un 'area cortilizia condominiale il cui ingombro non rispetta le distanze legali dai vani finestra degli altri appartamenti? per intenderci la distanza tra il filo della finestra e il filo esterno dell'ascensore è inferiore ad 1.50m Attendo una sua risposta. grazie...
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.657 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Condominio, distanze e barriere architettoniche che potrebbero interessarti


Barriere architettoniche: approvato il decreto per il riparto del fondo tra le Regioni

Leggi e Normative Tecniche - Approvato il decreto interministeriale che stabilisce la ripartizione tra le Regioni delle risorse per contribuire all'abbattimento delle barriere architettoniche.

Abbattimento delle barriere architettoniche e distanze tra le costruzioni

Leggi e Normative Tecniche - In base alla decisione del Tar della Lombardia si può derogare alle norme sulle distanze per eseguire opere finalizzate all'abbattimento barriere architettoniche.

Barriere architettoniche in condominio e innovazioni

Manutenzione condominiale - Le barriere architettoniche in condominio possono essere eliminate con le speciali maggioranze previste dalla legge 13/89 anche se non vi abitano disabili.

L'ascensore per disabili in condominio prevale sul vincolo storico dell'immobile

Leggi e Normative Tecniche - La Corte di Cassazione riconosce il diritto al condomino disabile a installare un ascensore per accedere alla propria abitazione anche in caso di vincolo storico

Abbattimento barriere architettoniche: buon gusto e civiltà

Pavimenti e rivestimenti - Il grado di civiltà di una società si misura anche in base alla quantità di barriere architettoniche che impediscono alle persone disabili di muoversi.

Barriere architettoniche in condominio

Ascensori e montacarichi - Eliminare le barriere architettoniche vuol dire rendere un edificio liberamente fruibile anche a persone portatrici di handicap. Che cosa fare nel caso di condominio?

Barriere architettoniche e ostacoli condominiali

Liti tra condomini - Le barriere architettoniche in condominio rappresentano il più pernicioso ostacolo per la fruizione dell'immobile ma possono essere eliminate velocemente.

Adattabilità di un edificio all'abbattimento delle barriere architettoniche

Soluzioni progettuali - L'adattabilità degli edifici prevede la possibilità, attraverso modesti interventi, di rendere accessibili gli spazi interni anche ai diversamente abili.

Detrazioni barriere architettoniche: niente bonus se in fattura la descrizione è generica

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di opere per l'abbattimento delle barriere architettoniche niente benefici fiscali se in fattura non vi è la descrizione dei lavori di cui al d.m n. 236/1986
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img sirimarco
Buongiorno, nel nostro condominio abbiamo effettuato un lavoro straordinario abbastanza costoso, in una prima riunione l'amministratore ha spiegato che la ripartizione spese si...
sirimarco 01 Dicembre 2020 ore 21:43 4
Img orefassam
In che forma e con quali maggioranze possono essere richiesti e decisi interventi condominiali che rientrino nel'ecobonus in modo tale da poter poi aggiungere dei lavori dei...
orefassam 15 Novembre 2020 ore 12:47 3
Img bruno cima
Qualcuno sa se si possa accedere al bonus facciate in caso di violazioni non sanate nel condominio?...
bruno cima 01 Novembre 2020 ore 16:11 3
Img tommaso_82
Buon giorno, scrivo per avere maggiori delucidazioni riguardo alla possibilità di effettuare lavori usufruendo del super bonus 110% in un piccolo condominio composto da 7...
tommaso_82 31 Ottobre 2020 ore 10:07 1
Img masmoo
Per i lavori di rifacimento di guaina bituminosa del cordolo di scarico delle acque piovane del tetto, in un piccolo condominio di tre unità abitative, si applica...
masmoo 29 Ottobre 2020 ore 18:21 2