Contratto preliminare e condizione sospensiva: di cosa si tratta

NEWS DI Comprare casa12 Maggio 2018 ore 09:41
In caso di stipula di un preliminare di compravendita le parti possono accordarsi per l'inserimento di una condizione sospensiva. Vediamo cos'è e come funziona

Contratto preliminare e condizione sospensiva


Può capitare che nei contratti preliminari di compravendita immobiliare il promittente acquirente accetti di impegnarsi all’acquisto solo in presenza di determinate condizioni.
Si pensi all’ipotesi in cui il futuro compratore voglia essere sicuro, prima di chiudere l’affare, di aver venduto l’abitazione dove risiede o di essere riuscito a ottenere dalla propria banca l’erogazione del mutuo finalizzato all’acquisto.

Nel caso in cui il futuro acquirente abbia delle questioni da risolvere prima di addivenire alla stipula del compromesso, si potrà apporre al preliminare una clausola specifica contenente la cosiddetta condizione sospensiva. In tal modo, condizionando l'efficacia del preliminare al verificarsi di determinate situazioni, si potrà evitare di dover rinunciare a priori alla trattativa e di tutelarsi.

Compromesso e condizione sospensiva
Vediamo meglio in cosa consiste la condizione.
Si tratta di un elemento del contratto che rientra tra quelli che la legge definisce elementi accessori, ovvero quegli elementi meramente eventuali del contratto, che vengono inclusi per volontà delle parti e che sono destinati ad agire non sulla validità ma sull’efficacia dell'accordo.
Se previsti dalla legge, avremo invece termine e condizione legale.

L’articolo 1353 che disciplina la condizione afferma che:

Le parti possono subordinare l’efficacia o la risoluzione del contratto o di un singolo patto a un avvenimento futuro ed incerto Art. 1353 cod. civ.


La legge prevede che la condizione possa essere sospensiva o risolutiva.
In questa sede ci occuperemo della condizione sospensiva. Si tratta di un avvenimento futuro e incerto al verificarsi del quale è subordinata l’iniziale efficacia del negozio giuridico.
Il contratto non produrrà alcun effetto giuridico fino a quando non si verificherà l’evento in essa previsto.

La condizione sospensiva può essere accompagnata dalla previsione di un termine entro il quale l’evento dedotto in condizione debba o meno verificarsi.

In mancanza di un termine, posto a tutela della parte alienante, potrebbero infatti insorgere controversie in pendenza della condizione.

Il promittente venditore, per ritornare nella piena disponibilità del bene, potrebbe essere costretto a rivolgersi all’autorità giudiziaria per l’accertamento del mancato avveramento della condizione entro un lasso di tempo congruo.
Per evitare dunque liti e il successivo intervento dei giudici, è opportuno riportare nella clausola apposta sul contratto, l'indicazione di una data di scadenza della condizione stessa.
La condizione deve necessariamente avverarsi o non avverarsi entro un determinato termine.
Questo al fine di evitare che il proprietario dell’immobile resti sospeso a tempo indeterminato e veda sfumare la possibilità di trovare nuovi acquirenti.

Finché perdura l’incertezza circa il verificarsi o meno della condizione, si dice che questa pende.
In pendenza della condizione le parti devono comportarsi secondo buona fede, cioè secondo le regole della correttezza. Il dovere di buona fede, non impone di adoperarsi in tutti i modi per l’avveramento della condizione ma di astenersi dal compiere atti che possano ostacolarne il suo verificarsi.

Contratto preliminare e condizione sospensiva
Qualora l'evento descritto nella condizione si avverasse, il compromesso inizierà a produrre i propri effetti e le parti saranno obbligate alla stibula del rogito definitivo.
Qualora l’evento condizionante, entro il lasso di tempo indicato, non dovesse verificarsi, il compromesso non sarà efficace e le parti non saranno obbligate a vendere e ad acquistare.

Gli effetti che conseguono all’avveramento della condizione retroagiscono alla data di sottoscrizione del contratto.

Solitamente nel contratto preliminare di vendita immobiliare la condizione sospensiva viene apposta nell’interesse esclusivo di una delle parti (il futuro acquirente), e in tal caso nel contratto si dovrà indicare il contraente a favore del quale la clausola è stata inserita.

L’avvenimento futuro e incerto che condiziona il contratto preliminare può essere indipendente dalla volontà della parte nel cui interesse è inserita e in questo caso si dice condizione casuale.
In alternativa, la condizione può essere potestativa se dipende dalla volontà di una delle parti.

In conclusione, in presenza di un contratto preliminare condizionato, al momento della sottoscrizione, il negozio sarà valido e completo ma privo di efficacia e nessuna delle parti potrà pretenderne la sua esecuzione.

Riportiamo un esempio di clausola che può essere apposta quando si vuole inserire una condizione sospensiva, precisando che la stessa può essere apposta sia sul compromesso che, ancor prima, sulla proposta di acquisto: la validità della presente proposta/compromesso è subordinata alla vendita di un immobile di proprietà del proponente sito in (città) via (indirizzo) entro la data del ( gg/mm/aa); diversamente la proposta/compromesso perderà di efficacia a tutti gli effetti e nulla sarà dovuto al proprietario dell’immobile (e all’agente immobiliare) a nessun titolo.


Condizione sospensiva ed erogazione del mutuo


Una delle condizioni più frequentemente apposte sul contratto preliminare, è quella che subordina la sua efficacia all’erogazione del mutuo da parte dell’istituto di credito.
In tal modo colui che acquista ha la possibilità di assicurarsi, prima di impegnarsi definitivamente a comperare, di avere la disponibilità delle risorse economiche necessarie per l’acquisto dell’immobile e per poter far fronte agli obblighi nascenti dal compromesso.

Una volta trovato l’immobile che fa al caso proprio, magari grazie all’intervento di un’agenzia immobiliare, si potrà formulare una proposta di acquisto che, ove accettata da ambo le parti, si tramuterà in contratto preliminare di compravendita.

Con la sottoscrizione del preliminare le parti si impegneranno reciprocamente a vendere e ad acquistare alle condizioni ivi indicate, in ordine a prezzo, termine per la stipula del rogito , caratteristiche dell’immobile e modi di consegna dello stesso.


Contratto preliminare condizionato
Alla stipula potrà seguire, come solitamente accade, la consegna dell’assegno avente natura di caparra confirmatoria. Questo verrà consegnato direttamente al venditore ma in presenza di preliminare convenzionato si potrà stabilire che venga depositato presso il mediatore immobiliare, fino all’avverarsi della condizione.

Sono evidenti per il futuro acquirente dell'immobile, i risvolti positivi di una condizione sospensiva.
In mancanza, infatti, in caso di rifiuto da parte della banca a concedere il finanziamento, si dovrà comunque adempiere alle obbligazioni sorte con il contratto, con rischio di esposizione del proprio patrimonio in caso di inadempimento.

È ancora opportuno precisare che, qualora la condizione sospensiva sia finalizzata all’ottenimento del mutuo da parte della banca, sarebbe meglio specificare nel dettaglio in cosa consista tale condizione, descrivendo nel dettaglio le ragioni per le quali il mutuo potrebbe non essere erogato.
La condizione non si verificherà, non solo in caso di mancata accettazione da parte della banca ma anche qualora, ad esempio, l’istituto di credito eroghi una somma inferiore alle esigenze del futuro acquirente oppure proponga un rateo e condizioni da lui ritenute troppo onerose.


Tutele per il venditore


Quando si parla di contratto preliminare condizionato è doveroso prendere in esame anche la posizione del venditore per chiarire quali sono gli effetti della clausola nei suoi confronti, nonché le tutele a sua disposizione.

Dal punto di vista del venditore la condizione sospensiva può rivelarsi un ostacolo alla conclusione dell’affare se il futuro acquirente non dispone di sufficienti risorse per ottemperare ai suoi impegni.

Quando si decide di vendere casa il primo problema che deve affrontare il venditore è infatti l’affidabilità e finanziabilità dell’acquirente. Trovare acquirenti che abbiano sufficiente ed immediata liquidità non è affatto semplice. In questi tempi di crisi economica anche ottenere un mutuo non è affatto scontato e per chi non dispone immediatamente delle necessarie risorse finanziarie, è l’unica strada percorribile per poter assolvere ai propri obblighi.

Una proposta o un compromesso condizionati all'erogazione del mutuo a favore del compratore, da un lato vincolano il venditore, impedendogli di ricercare altri acquirenti, ma nello stesso tempo non danno certezza circa l’effettiva futura vendita dell’immobile.

Se il mutuo non verrà erogato all’acquirente, il venditore non si incasserà alcunché.
Abbiamo già visto che l’assegno della caparra sovente resta depositato presso l’agenzia immobiliare e potrà essere incassato solo a delibera del mutuo avvenuta.

È bene quindi che il venditore pretenda di fissare un termine massimo per la delibera del mutuo.
È inoltre fondamentale accertarsi che l’acquirente presenti la documentazione alla banca tempestivamente per evitare inutili perdite di tempo.

riproduzione riservata
Articolo: Compromesso e condizione sospensiva
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 3 voti.

Compromesso e condizione sospensiva: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Compromesso e condizione sospensiva che potrebbero interessarti
Vendita immobile: il contenuto del preliminare e le verifiche da fare

Vendita immobile: il contenuto del preliminare e le verifiche da fare

Proprietà - Contratto con cui le parti si impegnano a stipulare una futura compravendita, nel preliminare devono esserci elementi essenziali ed è necessario fare delle verifiche.
Trascrizione del preliminare di vendita

Trascrizione del preliminare di vendita

Comprare casa - La trascrizione del preliminare di vendita viene eseguita da un notaio e tutela la parte acquirente qualora il venditore venga meno agli accordi stabiliti.
Preliminare di vendita e irregolarità urbanistiche e sanitarie

Preliminare di vendita e irregolarità urbanistiche e sanitarie

Normative - Se l'immobile oggetto del preliminare di compravendita è difforme rispetto a quanto pattuito, il compratore può chiedere la restituzione del doppio della caparra.

Esecuzione specifica dell'obbligo di concludere il contratto

Proprietà - Il codice civile contiene una norma che consente di ottenere una sentenza costitutiva degli effetti del contratto che non è stato concluso da chi è vi era obbligato.

Contratto preliminare: quali sono i rimedi giuridici se l'immobile è gravato da ipoteca?

Comprare casa - Cosa può fare il compratore se dopo la stipula del contratto preliminare si accorge che l'immobile è ipotecato? Quali sono le tutele a favore dell'acquirente?

APE e preliminare di vendita

Normative - Il D.L. 63/2013 stabilisce che il proprietario deve rendere disponibile l'attestato di prestazione energetica (APE) all'avvio delle trattative per la vendita.

Preliminare di vendita: che fare se il venditore cambia idea?

Comprare casa - Quali sono gli strumenti giuridici a disposizione dell'acquirente qualora, dopo il contratto preliminare il venditore si rifiuti di vendere l'immobile promesso.

Risoluzione contratto preliminare e restituzione dell'immobile prima del rogito

Comprare casa - In caso di risoluzione del contratto preliminare con consegna anticipata del bene, il promissario acquirente deve restituire il bene e pagare un corrispettivo.

Compromesso obblighi dell'acquirente in presenza di abuso

Comprare casa - Il compromesso: Obblighi del promissario acquirente in presenza di un abuso di modesta entità, è tenuto ad onorare la promessa di acquisto?
REGISTRATI COME UTENTE
293.347 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Resina decorativa cementizia nuvolata
    Resina decorativa cementizia...
    100.00
  • Consolidamento Roto&Push Parma e dintorni
    Consolidamento roto&push parma...
    80.00
  • Consolidamento ValveSystem Parma e dintorni
    Consolidamento valvesystem parma e...
    400.00
  • Resina decorativa spatolata
    Resina decorativa spatolata...
    100.00
Cersaie
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Pensiline.net
  • Black & Decker
  • Kone
  • Weber
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.