Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Comportamento al fuoco delle murature

Il comportamento al fuoco dei materiali cambia a seconda della loro natura, ecco cosa accade ad una comune parete in muratura, sia essa semplice o composita.
30 Aprile 2014 ore 20:36 - NEWS Soluzioni progettuali

Rapporto con il fuoco


Come tutti noi ben sappiamo la produzione dei mattoni, qualsiasi sia la tipologia, presenta una fase che viene definita di cottura del mattone o del blocco in laterizio, che avviene in forni a tunnel lunghi anche 100 m con temperature elevatissime che variano in funzione del tipo di elemento che stiamo producendo e dal tipo di argilla che viene utilizzata.

Quindi per sua natura, possiamo dire che il mattone, durante la fase iniziale della sua nascita già subisce l'effetto di un incendio, durante la fase di cottura appunto, che gli permetterà di sviluppare determinate caratteristiche.

comportamento al fuocoMa il comportamento al fuoco di un materiale è tutt'altra cosa infatti si intende quell'insieme di trasformazioni fisico-chimiche che si hanno a seguito dell'esposizione, di un materiale o di un sistema costruttivo, all'azione del fuoco. Il comportamento al fuoco, viene definito attraverso due parametri importanti la reazione al fuoco e la resistenza al fuoco.

Per reazione al fuoco s'intende il grado di partecipazione di un materiale combustibile al fuoco al quale è sottoposto. A seguito di questo i materiali vengono suddivisi in classi 0, 1, 2, 3, 4, 5 che indicano appunto la partecipazione alla combustione di quel materiale, i materiali che appartengono alla classe 0 non sono combustibili. In questa classificazione il laterizio, sia esso normale o alleggerito, è un materiale non combustibile e quindi di classe 0. Quindi il parametro di reazione al fuoco non viene per niente tenuto in considerazione.

La resistenza al fuoco invece è definita come l'attitudine di un elemento costruttivo a conservare per un certo periodo di tempo, la stabilità, indicata con il simbolo R, la tenuta, indicata con il simbolo E e l'isolamento termico indicato con il simbolo I.
Quella che comunemente viene definita REI di un elemento, alla cui sigla è associato un numero che indica il tempo espresso in minuti. Ad esempio una parete in muratura REI 120, sarà una parete in grado di conservare sotto l'azione di un incendio resistenza meccanica, tenuta ed isolamento per un tempo di 120 minuti.

Per valutare la REI di un elemento si fa riferimento a quanto prescritto nella Circolare n. 91 del Ministero degli Interni, del 14/9/1961.


Effetto del fuoco sulle murature in mattoni


La muratura come abbiamo detto appartiene alla classe 0 pertanto il laterizio in se non ha alcun tipo di reazione al fuoco. Ma all'interno di un appartamento è quasi impossibile trovare un muro costituito a secco da soli mattoni, infatti una parete in muratura presenta altri elementi, come i giunti di malta, siano essi di tipo verticale o di tipo orizzontale e lo strato di intonaco.
Questo considerando un paramento semplice che non presenta alcun tipo di ulteriore strato isolante ecc…


Per queste pareti possiamo però parlare di resistenza al fuoco e vedere come questa cambia a seconda se stiamo considerando una parete intonacata o meno.
Da una serie di studi fatti si è visto che la presenza di intonaco influenza in modo molto evidente la resistenza offerta da pareti di spessore modesto, quindi intorno ai 6-8-10 cm, in cui il parametro dell'isolamento può essere compromesso dalla comparsa di fessure causate da fenomeni di dilatazione termica sulla faccia esposta al fuoco.


Infatti lo strato di intonaco costituisce una protezione, che incrementa quindi i tempi di resistenza, ovviamente questo incremento dipende sia dallo spessore che dal tipo di intonaco utilizzato.

intonaco protettivoLa presenza di questo intonaco, che costituisce quindi uno strato protettivo inoltre rallenta anche il fenomeno di sgretolamento dei giunti di malta che con le elevate temperature dell'incendio tendono a sgretolarsi, facendo perdere in questo modo resistenza all'intero paramento murario che tenderà a collassare su se stesso.

Quando la parete è composita, ovvero costituita da più strati oppure con intercapedini, oppure composta da blocchi forati, ecc… la valutazione della resistenza e quindi del comportamento al fuoco di quell'elemento murario risulta più complicata.

Il Consiglio Nazionale di Ricerca del Canada, ha definito una serie di regole, che possono essere d'aiuto quando si progetta la resistenza al fuoco di una struttura.

Come prima cosa si dice che la resistenza al fuoco di una struttura costituita da una serie di strati di materiali diversi, è superiore alla somma delle singole resistenze al fuoco rilevate su ogni componente. Inoltre la resistenza al fuoco di una struttura non diminuisce con l'aggiunta di ulteriori strati di materiali. Relativamente alle pareti che contengono intercapedini o cavità la loro resistenza è superiore alla resistenza di strutture simili che però non presentano intercapedini.

Però c'è da specificare che la resistenza al fuoco di una parete non può essere incrementata aumentando lo spessore dell'intercapedine d'aria.
Un altro elemento che in maniera del tutto inaspettata influenza la resistenza al fuoco è la presenza di umidità, questa infatti aumenta la resistenza al fuoco.

C'è da specificare quindi che il comportamento al fuoco delle pareti in muratura non è univoco, ma varia a seconda del tipo di parete che stiamo considerando, se semplice o composita e da tutti gli elementi di finitura di cui essa dispone, a partire dal semplice strato d'intonaco di rivestimento.

riproduzione riservata
Articolo: Comportamento al fuoco delle murature
Valutazione: 5.64 / 6 basato su 11 voti.

Comportamento al fuoco delle murature: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
328.414 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Comportamento al fuoco delle murature che potrebbero interessarti


Legno per edifici e fuoco

Progettazione - Il legno è un ottimo materiale da costruzione con spiccate caratteristiche di risparmio energetico, ma necessita di accorgimenti particolari contro gli incendi.

Prevenzione incendi in presenza di gas

Impianti - Come potenziare la sicurezza in presenza di gas.

Le case in legno bruciano più facilmente?

Case prefabbricate - Uno dei motivi per cui non si sceglie di realizzare una casa in legno è il timore del fuoco. Si tratta in effetti di una paura infondata. Vediamo insieme perché

Maniglioni antipanico

Infissi - Caratteristiche e obblighi normativi di questo dispositivo di sicurezza antincendio.

Dati Tecnici Sistema Fumario

Normative - Tutte le canne fumarie devono essere dotate di una targa che ne riporta le principali caratteristiche tecniche, utili in fase di progettazione e di manutenzione.

Intonaco per la protezione dal fuoco

Facciate e pareti - L'incendio è un evento pericoloso che può scoppiare in qualsiasi momento, i suoi effetti sono devastanti, è opportuno quindi proteggere le strutture nel modo giusto.

La protezione al fuoco degli elementi metallici

Pittura e decorazioni - La vernice intumescente per acciaio e ghisa, rappresenta un sistema di protezione passiva poco invasivo necessario per salvaguardare le strutture dagli incendi.

Come evitare incidenti causati dal fuoco del camino

Impianti di riscaldamento - Non lasciare mai il fuoco acceso di notte e pulire ogni anno la canna fumaria: ecco alcuni consigli per utilizzare il camino in sicurezza e dormire sonni tranquilli.

Protezione dal fuoco a partire dalla progettazione di un edificio

Isolamento termico - Se l'aspetto della protezione dal fuoco viene considerato in fase progettuale, è possibile trovare soluzioni che portino a un sensibile abbattimento dei rischi.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img maurizio35
Buongiorno, in una villetta costruita nel 1980 venne aperta una porta di comunicazione tra abitativo e garage non prevista nel progetto e quindi non catastalmente rilevata. Per la...
maurizio35 02 Febbraio 2021 ore 20:57 2
Img zackem
Salve, una persona che conosco mi ha parlato di questa tecnica: surriscaldare il metallo per almeno 10 minuti, in 10 minuti il metallo diventa rosso incandescente.Nel caso di un...
zackem 29 Dicembre 2020 ore 12:09 1
Img lucacipolla
Ho subito alcuni giorni fa un incendio alla mia autorimessa costruita nel 1997 ed ho notato da subito:1) che le cassette di scarico del bagno si sono completamente svuotate in...
lucacipolla 22 Novembre 2019 ore 11:32 1
Img nonno1954
Salve, mio figlio sta costruendo una casa in legno prefabbricato senza Gas metano ma con pompe di calore e fotovoltaico. Il termotecnico richiede di dotare il garage che è...
nonno1954 28 Maggio 2019 ore 13:15 3
Img saraalbe
Salve, dovrei eseguire dei lavori di manutenzione straordinaria e ordinaria. Tra queste ci sono 2 cose che non so se necessitano di un progetto di un geometra e se rientrano nella...
saraalbe 05 Novembre 2018 ore 12:49 2