Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Comodato d'uso: chi paga i danni a terzi?

In caso di danni a terzi derivanti dall'immobile assegnato in comodato d'uso, il comodatario è responsabile per mancata custodia del bene concesso in godimento.
21 Maggio 2021 ore 16:18 - NEWS Affittare casa

Comodato: chi risponde dei danni da mancata custodia di un immobile?


Hai ricevuto un immobile in comodato, ad esempio per trascorrere il periodo delle vacanze invernali. A seguito del crollo di un pezzo di tetto per un’abbondante nevicata, viene danneggiata di una terza persona, parcheggiata vicino alla casa.

Ci chiediamo, nella fattispecie considerata, chi sia il responsabile del danno arrecato dalla caduta del pezzo di tetto, se il comodatario, detentore materiale dell’immobile o il proprietario dell'immobile.

Comodato d'uso e danni a terzi
La vicenda è incentrata sul problema della responsabilità per danni da cose in custodia di cui all’articolo 2051 cc, nel caso in cui l’immobile sia stato concesso in comodato d’uso.

Al fine di chiarire la situazione illustrata sarà pertanto necessario soffermarsi su entrambi gli istituti giuridici.


Il contratto di comodato: come funziona


Il contratto di comodato è una tipologia di negozio giuridico sempre più diffusa. Vediamo quelli che sono gli obblighi e le responsabilità in capo a chi riceve il bene oggetto dell’accordo.

Il primo aspetto da precisare è che il comodato può avere a oggetto beni immobili, come nel caso in cui si conceda ad altri l’uso di un appartamento.

Si perfeziona con la consegna del bene al comodatario affinché questi possa goderne senza corrispondere alcuna somma di denaro e per un tempo determinato.


Obblighi del comodatario


Il comodatario che riceve un bene in comodato d’uso deve osservare i seguenti obblighi:

  • custodire e conservare il bene con diligenza del buon padre di famiglia al fine di preservarlo da distruzione o deterioramento (oltre il normale uso);

  • utilizzare la cosa secondo le modalità stabilite in base alla natura del bene o alle clausole contrattuali;

  • non concedere a terzi il bene in godimento senza che vi sia il consenso del comodante;

  • restituire il bene alla scadenza convenuta;

  • restituire il bene nel caso in cui il proprietario ne abbia urgente bisogno anche prima del termine o prima che il comodatario abbia cessato di servirsi della cosa;

  • restituire il bene alla scadenza o quando il comodatario se ne sia servito.


Chi paga le spese in caso di comodato d'uso?


Per quanto concerne le spese che in vigenza del contratto possano rendersi necessarie, il codice civile prevede che siano a carico del comodatario che si serve della cosa.

Per i costi sostenuti non ha diritto ad alcun rimborso da parte del comodante.

Comodato danni a terzi: chi paga?
Tuttavia, per quanto concerne le spese straordinarie finalizzate alla conservazione del bene, aventi carattere di urgenza, da lui anticipate, il comodatario avrà diritto a essere rimborsato.


Responsabilità del comodatario per mancata custodia


Venendo al punto che qui maggiormente ci interessa, dopo aver descritto come funziona il contratto di comodato, per rispondere al quesito inizialmente posto in base all'esempio effettuato, dobbiamo evidenziare che, ai sensi dell’articolo 1804 cc il comodatario è obbligato a custodire e a conservare la cosa ricevuta.

Al dovere di custodia e alla disponibilità materiale a lui riconosciuta sulla cosa, è strettamente connessa la responsabilità di cui all’articolo 2051 codice civile.
Vediamo di cosa si tratta.
L’articolo 2051 cc dispone che ciascuno debba essere considerato responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che si provi il caso fortuito.

L'unica prova liberatoria è dunque la prova che il danno sia stato conseguenza del caso fortuito. Il custode dovrà dimostrare, per il venire meno della responsabilità, che il danno sia dipeso da un fatto a lui non imputabile.

Ad esempio dimostrare, nel caso considerato che il crollo del tetto sia dovuto a un terremoto improvviso.


Il comodatario deve risarcire i danni?


Affinché possa instaurarsi con rapporto di custodia tra il soggetto e il bene ricevuto è necessario che il soggetto ne abbia la materiale disponibilità, elemento questo in grado di attribuirgli un potere di intervento sulla cosa.

In caso di comodato d'uso, tale potere viene infatti trasferito dal proprietario al comodatario. Secondo l’orientamento giurisprudenziale di maggioranza e più recente la responsabilità per mancata custodia è di tipo oggettivo, poiché non si fonda su un comportamento colposo del soggetto, bensì sulla relazione che si instaura tra costui e la cosa.

Non è necessario dimostrare la colpa né un’intrinseca pericolosità del bene stesso.
Tra l'altro, non si può certo considerare pericoloso un appartamento.

Custodia, danno e caso fortuito


Oltre alla relazione di custodia, chi ritiene di aver subito un danno e ne chiede il risarcimento dovrà dimostrare l’esistenza e l’entità del danno stesso nonché il nesso causale tra il danno e la cosa in custodia.

Una volta forniti tutti i necessari mezzi di prova da parte del soggetto danneggiato, il custode del bene potrà liberarsi dalla responsabilità solo provando l’esistenza del caso fortuito. Si tratta di un fatto estraneo alla sfera di azione del custode, caratterizzato da imprevedibilità ed eccezionalità, in grado da solo di produrre il danno.

Responsabilità cose in custodia
Tra i fattori idonei a determinare un danno a terzi la giurisprudenza individua sia cause esterne sia lo stesso comportamento del danneggiato che con il suo concorso potrebbe alleggerire la responsabilità del custode.


Il comodatario paga i danni a terzi


Nella fattispecie considerata, anche in qualità di semplice detentore e non di proprietario il comodatario è tenuto a risarcire i danni dovuti al crollo del tetto per mancata custodia dell'immobile.

Al diritto di godimento e di uso dell'immobile si collega dunque il potere di intervento su di esso e conseguentemente la responsabilità per i danni dovuti a mancata custodia.



Si ritiene dunque legittima e fondata la pretesa del terzo proprietario dell'autovettura danneggiata in mancanza della prova del caso fortuito. Una forte nevicata nel periodo invernale in montagna costituisce certamente un evento normalmente prevedibile.

riproduzione riservata
Articolo: Comodato d'uso e danni a terzi
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Comodato d'uso e danni a terzi: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
330.337 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Comodato d'uso e danni a terzi che potrebbero interessarti


Condominio, responsabilità, prova e risarcimento danni

Parti comuni - S'ipotizzi che Tizio, proprietario in condominio Alfa, subisca danni da infiltrazioni proveniente da parti comuni. Cosa deve fare per ottenere il risarcimento danni.

Scarichi fognari, allagamenti e responsabilità

Leggi e Normative Tecniche - Inflitrazioni d'acqua, danni a cose altrui e titolo della responsabilità del custode: tra responsabilità oggettiva e presunzione di colpa.

Danni da allagamenti in condominio, quali responsabilità?

Parti comuni - Quando avviene un allegamento in un condominio è molto probabile che debba essere pagato un risarcimento danni: chi è responsabile e quando non si paga nulla?

Danni al solaio e risarcimento

Condominio - Il famoso detto chi rompe paga ?  trova applicazione anche in campo giuridico.Non è vero che chi, con dolo o colpa, commette un fatto illecito che

Infiltrazioni e responsabilità condominiale, cosa fare?

Condominio - Infiltrazioni e responsabilità condominiale, ovvero che cosa poter fare quando si scopre che il danno all'appartamento proviene da parti condominiali?

Impianti, danni e risarcimento

Condominio - Una recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione (la n. 19045 del 3 settembre 2010) permette di tornare ad affrontare l?argomento dell?individuazione

Strade condominiali, danni e spese di manutenzione

Manutenzione condominiale - Le aree accessorie, come parcheggi e strade, dovranno essere considerate di proprietà comune, le spese di manutenzione andranno ripartite con i millesimi.

Umidità nel condominio: chi è responsabile?

Manutenzione condominiale - Il condominio, in quanto custode, è obbligato ad adottare tutte le misure necessarie affinché i problemi di umidità non rechino danno alla proprietà condominiale

Responsabilità civile da rovina di edificio

Proprietà - Il proprietario di una costruzione risponde dei danni causati dalla sua rovina, a meno che questa non derivi da difetto di manutenzione o da vizio di costruzione.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img devidi.79
Buongiorno a tutti, riassumo la mia vicenda sperando di avere utili consigli.Ho seguito dei lavori di ristrutturazione con regolare CILA, ho incollato i pavimenti a quelli...
devidi.79 03 Settembre 2019 ore 17:24 5
Img simonedorazio
Ho comprato un immobile 13 mesi fa da un privato tramite atto notarile. La casa era al grezzo avanzato e il proprietario ce l'ha consegnata chiavi in mano facendo finire i...
simonedorazio 01 Febbraio 2019 ore 11:48 4
Img falegna
Domani l'amministratore manderà il perito per il risarcimento danni di un allagamento che ha provocato danni al tetto della cucina e veranda. Com'è la prassi? In...
falegna 10 Febbraio 2017 ore 10:28 1
Img chiara.chiara
Buongiorno a tutti,un mese fa abbiamo firmato un contratto con una ditta per la ristrutturazione di un'appartamento.Dalla stipula del contratto sono venuti solo queste ultime due...
chiara.chiara 10 Dicembre 2016 ore 07:41 3
Img agatinomurabito
Buona sera,sto ristrutturando casa, ed iniziano già i primi grossi problemi.Ho acquistato un pavimento effetto legno in gres porcellanato listelli da 90 cm posato con...
agatinomurabito 24 Febbraio 2016 ore 12:49 16