• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Pulire i tubi di scarico otturati senza dover chiamare l'idraulico

L'ostruzione dei tubi di scarico del bagno o della cucina crea un malfunzionamento e anche cattivi odori in casa. Vediamo come risolvere il problema in fai da te
Pubblicato il

Cosa fare quando i tubi di scarico sono otturati


Una cosa davvero fastidiosa è un tubo di scarico otturato, non è vero?

Sì, perché una tubazione ostruita implica due situazioni: interruzione o riduzione della sua funzionalità e anche la possibilità di reflusso di cattivo odore.

Per ovviare ad entrambi, l’unica cosa da fare è pulire il tubo otturato e questo vale sia per lo scarico intasato dei sanitari del bagno sia per quello del lavabo della cucina.

Fortunatamente, è un’operazione semplice che possiamo effettuare da soli senza la necessità dell’intervento di un idraulico.

Perdita di funzionalità se il tubo di scarico è ostruito - foto Getty ImagesPerdita di funzionalità se il tubo di scarico è ostruito - foto Getty Images

A seconda del livello di intasamento e della sua causa, ecco gli strumenti per risolvere il problema:

  • bagnoschiuma, detersivo per i piatti oppure aceto, sale grosso e acqua calda;

  • sturalavandino a ventosa, pistola o pompa sturalavandini;

  • molla sturalavandini;

  • prodotti chimici specifici (come la soda caustica) se l’intasamento è importante.


Cosa provoca l’intasamento dei tubi di scarico del bagno?


Generalmente, a monte di un tubo otturato, soprattutto se si tratta di quelli dei sanitari del bagno, le cause sono: l’accumulo di capelli e peli, la formazione di grumi di sapone, oltre al calcare dovuto alla presenza di acqua dura.

Per evitare, o comunque ridurre l’intensità e la frequenza del problema, è sufficiente ricordarci di avere cura di pulire la vasca da bagno, il piatto doccia, il lavandino e il bidet al termine di ogni utilizzo, in modo tale da rimuovere subito sporco, sapone e capelli.

Tubo intasato del lavandino in cucina: cosa fare - foto Getty ImagesTubo intasato del lavandino in cucina: cosa fare - foto Getty Images

Infatti, tutti questi elementi finiranno altrimenti dentro lo scarico quotidianamente e a lungo andare si trasformeranno in un vero e proprio tappo solido che impedirà lo scorrere dell’acqua al suo interno.

La permanenza di questi residui è anche la causa principale del cattivo odore.


Perché si ottura il tubo di scarico della cucina?


Per quanto riguarda il tubo di scarico collegato al lavandino della cucina, sono i residui di cibo che creano nel tempo l’ostruzione.

Giorno dopo giorno, si accumulano anche in piccolissime quantità all’interno del tubo finché ci rendiamo conto che l’acqua incontra difficoltà a essere risucchiata dallo scarico del lavabo.

Come evitare che il tubo di scarico della cucina si otturi


La stessa accortezza richiesta nell’uso dei sanitari, va riservata allo scarico della cucina.

Dobbiamo assicurarci di avere rimosso bene tutti gli eventuali avanzi di cibo presenti nei piatti prima di posizionarli all’interno del lavandino per procedere al lavaggio.

Fa eccezione il lavandino con triturarifiuti incorporato in quanto è fatto proprio per questo scopo.

In questo caso, dobbiamo solo ricordarci di far scorrere leggermente l’acqua dal rubinetto del lavandino mentre il tritarifiuti è in funzione, appunto, per agevolare il passaggio della poltiglia attraverso il tubo di scarico.


Liberare i tubi di scarico dall’ingorgo senza chiamare l’idraulico


Ci sono diverse tecniche efficaci che ci consentono di ripristinare la funzionalità dei tubi di scarico di casa senza dover ricorrere all’intervento di un professionista.

Vediamoli uno a uno, partendo dall’opzione più soft a quelle più invasive e strong.


Lavare lo scarico con detersivo per i piatti


Questo rappresenta il primo tentativo da fare e, spesso, risulta più che sufficiente.

Versare dentro il tubo otturato una piccola quantità di docciaschiuma oppure di detersivo per i piatti e lasciarlo agire per un lasso di tempo: può trattarsi di un’ora oppure anche dell’intera giornata (dipende dall’entità del blocco).

Ad esempio, possiamo eseguire questa operazione e poi uscire per andare in ufficio.

Al rientro a casa la sera, versiamo all’interno dello scarico dell’acqua calda.

Il rimedio biologico


In alternativa a sapone o detersivo, possiamo fare un lavaggio del tubo con acqua calda, sale grosso e aceto, al contrario unendo all’aceto un bicchiere abbondante di bicarbonato non rimedierà all'ingorgo.


Sturalavandino a ventosa, pistola o pompa sturalavandini


Riempiamo la vasca, il lavandino o il bidet, di acqua.
Dopodiché, esercitiamo ripetutamente pressione sullo scarico con l’ausilio della ventosa.

Liberare lo scarico ostruito con la ventosa - foto Amazon.itLiberare lo scarico ostruito con la ventosa - foto Amazon.it

In questo modo, il meccanismo di aspirazione fa sì che il tubo si liberi dai detriti presenti.

Pistola sturalavandini - foto Amazon.itPistola sturalavandini - foto Amazon.it

Altri attrezzi simili alla classica ventosa e che hanno un funzionamento analogo sono la pistola e la pompa sturalavandini

CONSIGLIATO amazon-seller
Stura lavandino
€ 11.79
invece di € 16.15 COMPRA


Questi utensili sono efficaci ed economici e si possono acquistare anche comodamente online su Amazon.


Liberare lo scarico con la molla sturalavandini


La molla sturalavandini è in sostanza un tubo flessibile (simile alla molla utilizzata dagli elettricisti per far passare i cavi elettrici all’interno dei tubi in plastica) fissato a un’impugnatura dotata di apposita manovella, da una parte, e all’altra estremità si trova una punta simile a quella di un cavatappi.

La sua conformità le consente di agganciare e rimuovere i detriti che hanno provocato l’effetto tappo all’interno dello scarico.

Molla sturalavandini - foto Amazon.itMolla sturalavandini - foto Amazon.it

Ruotando la manopola, infatti, questo sottile tubo flessibile si fa strada all’interno del tubo e lo libera dall’ingorgo. Anche la molla è acquistabile su Amazon.


Pulire lo scarico con prodotti chimici quando l’intasamento è notevole


Se le soluzioni precedentemente prospettate non hanno dato i risultati sperati, possiamo ricorrere all’acquisto di uno dei tanti prodotti chimici ad hoc.

Prima di maneggiarli, però, il must have è dotarci di mascherina e guanti per proteggerci dalle esalazioni e dal contatto con sostanze irritanti se non addirittura tossiche.

È importante leggere le indicazioni riportate sulla confezione per le modalità di impiego del prodotto e per accertarci che sia compatibile con i materiali che compongono le tubature, altrimenti, anziché pulirle potremmo danneggiarle (in particolare, con la soda caustica).

Soda caustica a scaglie - foto Amazon.itSoda caustica a scaglie - foto Amazon.it

La soluzione più strong è rappresentata dall’impiego della soda caustica, ovvero l’idrossido di sodio, per il cui utilizzo è bene ripararci anche gli occhi indossando appositi occhiali.

È sufficiente versare dentro il tubo due cucchiai di soda caustica con l’aggiunta di acqua molto calda, attendere qualche minuto, stando a debita distanza sempre per le esalazioni chimiche, e infine far scorrere l’acqua dal rubinetto.


riproduzione riservata
Come pulire i tubi di scarico otturati
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
  • Rosalba M
    Rosalba M
    Martedì 2 Aprile 2024, alle ore 13:14
    I tubi di scarico, specialmente quelli sotto il pavimento che hanno poca pendenza, si otturano con le incrostazioni della saponina ( residui di detersivi che pian piano si accumulano nei tubi e che formano un vero proprio blocco duro di sapone).
    Bisognerebbe sempre sciacquare con acqua corrente tutte le volte, per esempio se ci facciamo la doccia non lasciamo mai la schiuma di sapone nei tubi.
    Oppure alla fine di ogni doccia o bagno gettare dell'anticalcare nello scarico.
    rispondi al commento
  • Silvia Yanni
    Silvia Yanni
    Giovedì 2 Marzo 2023, alle ore 15:18
    Purtroppo ho letto l'articolo troppo tardi.
    Invogliata da un video su tiktok ha provato la cocacola come disgorgante ed è stato un disastro.
    Mi son ritrovata il lavabo totalmente appiccicato che dopo qualche giorno ha iniziato anche a puzzare parecchio.
    rispondi al commento
    • Danieleferruccio
      Danieleferruccio Silvia Yanni
      Giovedì 2 Marzo 2023, alle ore 16:54
      Mi spiace averlo scritto solo ora. Purtroppo fidarsi dei social non è sempre una cosa giusta.
      rispondi al commento
  • Alberto
    Alberto
    Sabato 4 Giugno 2016, alle ore 16:28
    La spiegazione di come accedere al sifone a pavimento mi sembra poco comprensibile.

    Quel disco di metallo lucido fissato con una vite altro non è che un coperchio estetico del sifone vero e proprio.

    Tolto il coperchio appare un disco di ottone inserito all' interno ad una sorta di bicchiere largo e basso, che va svitato inserendo un "compasso" in due cavità poste sulla diagonale del disco.

    Il problema sta proprio qui: primo avere a disposizione quell'attrezzo a compasso, secondo quando il sifone è un pò datato, svitarne il coperchio non è per nulla facile, perché spesso il filetto è incrostato da depositi di vario tipo.

    Lavoro da lasciare a un professionista o a un fai da te molto esperto.
    rispondi al commento
  • Massimo
    Massimo
    Venerdì 23 Novembre 2012, alle ore 11:01
    Per procedere ad uno sturamento direttamente alla tubazione nel muro esistono pompe o particolari acidi non corrosivi.
    Ora ho la tubazione diretta dal lavandino al tubo di scarico al muro senza gomiti o sifoni ( cipolla ).
    Attesa riscontro cordialità
    rispondi al commento
    • Arch.oliva
      Arch.oliva Massimo
      Venerdì 23 Novembre 2012, alle ore 12:32
      Per Massimo: per poterle consigliare il miglior modo d'intevenire nel suo caso, occorrerebbe conoscere una serie di elementi relativi al tipo, alla lunghezza ed al posizionamento del tubo interessato, in ogni caso può utilizzare uno sturatubi collegato ad una idropulitrice, che sotto forte pressione è capace di sturare senza danneggiare la tubazione.
      rispondi al commento
  • Tiziana
    Tiziana
    Domenica 29 Luglio 2012, alle ore 16:50
    Esce acqua dal pozzetto, ma non è più ostruito il lavandino. come faccio?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
346.938 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI