Come organizzare la cucina

Una cucina si dice funzionale quando si utilizzano materiali sostenibili, elettrodomestici di classe energetica alta e si ottimizzano gli spazi.
Pubblicato il

Come creare una cucina funzionale


Per creare una cucina funzionale bisogna scegliere accuratamente materiali, elettrodomestici, senza dimenticare però di ottimizzare lo spazio. Rendere poi la cucina sostenibile e tecnologicamente avanzata, farà compiere un grande balzo in avanti:

  1. l'adozione di elettrodomestici a induzione, che non solo migliorano l'efficienza energetica ma riducono anche il rischio di incendi e fumi pericolosi;
  2. La configurazione della cucina verso soluzioni più compatte e pratiche;
  3. L'abbandono delle grandi isole centrali a favore di layout più funzionali come il "triangolo della cucina";
  4. Lo sfruttamento della domotica, anche in questa stanza;
  5. La sostenibilità, non solo nella più evidente accezione di consumi energetici.


Esempio di cucina organizzata - Getty ImagesEsempio di cucina organizzata - Getty Images

La cucina rappresenta infatti uno degli investimenti a cui dedichiamo maggiori risorse e il range di spesa ad oggi è molto variabile: con 2.000 euro si porta a casa una cucina basic, mentre le top di gamma possono tranquillamente sfiorare i 60 mila euro.


I materiali per creare una cucina bella ed efficiente

La scelta dei materiali, prima di realizzare una cucina bella e funzionale, è importante per una maggiore durabilità nel tempo e facilità di manutenzione.
Tra i migliori materiali per la cucina figurano:

  1. il granito e il quarzo per i piani di lavoro;
  2. il legno massello per i mobili, rimane un classico intramontabile;
  3. le alternative come l'MDF con finiture laminate o laccate;
  4. l'acciaio inossidabile è la scelta ideale per gli elettrodomestici e gli elementi strutturali;
  5. il gres porcellanato, per il pavimento, rappresenta un'opzione versatile e duratura.


Ancora una volta non si può prescindere da un'analisi dei costi: Il granito, con la sua elevata resistenza alle alte temperature e ai graffi, ha un costo che varia dai 50 ai 100 euro al metro quadrato. Il quarzo, invece, è noto per la sua durevolezza e facile manutenzione, con un prezzo che va dai 70 ai 120 euro al metro quadrato.

Top in quarzo bianco in cucina - CanvaTop in quarzo bianco in cucina - Canva

Certamente il laminato può risultare economico - 20-50 euro al metro quadrato – ma perché ha una minore resistenza, mentre il marmo, nonostante la sua vulnerabilità alle macchie e ai graffi, raggiunge costi che possono superare i 150 euro.
Tale spesa è spesso giustificata da uno spiccato senso estetico del materiale.


Come rendere bella una cucina


Per rendere bella una cucina bisogna partire dai dettagli: piani di lavoro in quarzo o granito per una cucina elegante e funzionale, maniglie particolari per mobili e cassetti, finiture in ottone o acciaio inox, la scelta di elettrodomestici ed infine uno schienale decorativo in vetro o piastrelle particolari.


Ottimizzare lo spazio in cucina


Nelle case moderne le metrature sono sempre più ridotte, per tale motivo è importante ottimizzare lo spazio in cucina con:

  1. Armadietti verticali;
  2. scaffali estraibili;
  3. ripiani regolabili.

Un grande dibattito divampa intorno le isole multifunzionali, poiché potrebbe servire come area di preparazione, questo però quando le dimensioni lo permettono, in alternativa le isole dotate di ruote, che possono comodamente essere spostate.

Anche lo spazio di lavoro può essere "compattato" con la cosiddetta disposizione a triangolo, una disposizione che interseca i tre punti principali: frigorifero, lavello e zona cottura.




Questo sistema non solo minimizza i movimenti e ottimizza il flusso di lavoro, ma rende la cucina più ergonomica e funzionale, risultando, per gli spazi piccoli, la scelta migliore.

Gli elettrodomestici integrati spopolano tra le cucine salvaspazio, questo perché la rendono funzionale ed ordinata allo stesso tempo.
Ad esempio forno a microonde, forno, lavastoviglie, frigorifero, possono essere inseriti in una cucina per spazi ridotti senza alcun tipo di problema.

Cucina funzionale per spazi ridotti - Getty ImagesCucina funzionale per spazi ridotti - Getty Images

In ultimo, per ottimizzare gli spazi in cucina, laddove ci fosse un impianto elettrico che lo permette, si potrebbe optare per un piano cottura a induzione, il quale gioca un ruolo fondamentale nella ottimizzazione degli spazi, potendo essere sfruttato come piano di lavoro quando non si necessita una cottura.


Perché è importante la sostenibilità in cucina


Una cucina sostenibile è caratterizzata dalla scelta di materiali ecologici, ma soprattutto da elettrodomestici moderni, poiché riducono la bolletta elettrica e inquinano meno l'ambiente.

Un indice per capire dei buoni elettrodomestici pro sostenibilità è senz'altro la classe energetica, preferibilmente di classe A.

Tali dispositivi sono progettati per consumare meno energia rispetto ai modelli di classe inferiore, offrendo un risparmio significativo sulle bollette elettriche a lungo termine.

Un frigorifero di classe A può consumare addirittura fino al 60% in meno di energia rispetto a un modello di classe B.

Elettrodomestici e materiali per una cucina sostenibile - Getty imagesElettrodomestici e materiali per una cucina sostenibile - Getty images

In aggiunta, le tecnologie avanzate come l'induzione per i piani cottura, che riscaldano più velocemente senza disperdere il calore, o la cottura a vapore per i forni garantiscono un'elevata efficienza energetica.


Materiali sostenibili da usare in cucina


La scelta di materiali eco-sostenibili in cucina è fondamentale per ridurre l'impatto ambientale, tra i quali troviamo bambù, quarzo riciclato, legno certificato FSC, sughero, marmo riciclato, acciaio inossidabile riciclato, vetro riciclato, carta riciclata e resina e piastrelle ecologiche.

Bambù


Il bambù è una risorsa rinnovabile che cresce rapidamente e non richiede pesticidi o fertilizzanti, è resistente, durevole ed ha un aspetto estetico gradevole, rendendolo una scelta ecologica per pavimenti, mobili e piani di lavoro.

Legno certificato FSC


Il legno proveniente da foreste gestite in modo sostenibile e certificato dal Forest Stewardship Council (FSC) garantisce che la raccolta non abbia un impatto negativo sull'ecosistema e può essere utilizzato per mobili e piani di lavoro.

Sughero


Il sughero è una risorsa rinnovabile ottenuta dalla corteccia delle querce, che si rigenera naturalmente e viene utilizzato per pavimenti e rivestimenti murali grazie alle sue proprietà fonoassorbenti, isolanti e antimicrobiche.

Marmo riciclato


Da non sottovalutare il marmo riciclato, il quale viene prodotto utilizzando scarti di marmo, riducendo così i rifiuti e l'estrazione di nuove risorse.
Il marmo riciclato può essere un'ottima scelta per piani di lavoro, rendendoli eleganti, durevoli e sostenibili.

Acciaio inossidabile riciclato


L'acciaio inossidabile riciclato è un materiale duraturo, igienico, perfetto per piani di lavoro, elettrodomestici e lavelli; utilizzandolo ridurrai sia la domanda di nuova produzione che l' energia per una nuova produzione.

Vetro riciclato


Il vetro riciclato è un materiale ecologico utilizzato per piani di lavoro e piastrelle; prodotto utilizzando vetro di scarto, frantumato e combinato con resine ecologiche, viene installato per creare superfici durevoli e attraenti.

Carta riciclata e resina


La carta riciclata combinata a resine ecologiche viene utilizzata per i piani di lavoro, rendendoli estremamente resistenti e impermeabili.

Piastrelle ecologiche


Le piastrelle ecologiche sono realizzate con materiali riciclati come vetro, ceramica e porcellana ed offrono una vasta scelta senza compromettere l'ambiente.

Illuminazione LED per un risparmio energetico


Le luci LED sono efficienti dal punto di vista energetico, durano molto più a lungo rispetto alle lampadine tradizionali, e migliorano la visibilità sotto i mobili e sopra i piani di lavoro.


Domotica in cucina


La domotica è quella tecnologia che permette di controllare e automatizzare vari dispositivi, sistemi ed impianti attraverso smartphone, tablet o assistenti vocali come i più famosi Alexa e Google Home.
Può essere inserita in cucina attraverso lampadine LED ed elettrodomestici smart, così da collegarli ad un'unico dispositivo tramite rete Wifi, oppure prese e interruttori intelligenti, da poter gestire comodamente da app di terze parti oppure con assistenti vocali come Google Home e Alexa.


riproduzione riservata
Come organizzare una cucina funzionale
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
  • Lorella99
    Lorella99
    Giovedì 4 Luglio 2024, alle ore 09:34
    In questo articolo mi aspettavo anche un progetto tipo o delle idee di distribuzione in pianta o viste 3d, ma forse l'autore voleva solo parlare della scelta dei materiali e dei prodotti.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
347.094 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI