• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Cosa fare se il comodatario non va via

Come funziona il contratto di comodato d'uso e in quali casi il comodante può legittimamente chiedere al comodatario il rilascio dell'immobile dato in prestito.
Pubblicato il

Comodato d'uso gratuito: come funziona?


Prima di soffermarsi sugli strumenti a disposizione del comodante per mandare via il comodatario che si rifiutasse di lasciare l'immobile a lui dato in prestito, occorre esaminare innanzitutto quali sono i casi in cui il comodante può legittimamente richiedere la restituzione del bene prestato.

Partiamo specificando che il comodato è il contratto (solitamente gratuito e a forma libera) con il quale una parte consegna all'altra una cosa affinché se ne serva per un certo tempo (scadenza) o per un uso determinato, con l'obbligo di restituire la cosa ricevuta.

Comodato d'uso gratuito
Dal contratto sorge un'obbligazione unilaterale (a carico del comodatario) ovvero quella di restituire il bene ricevuto in prestito.


Tipologie di contratto di comodato gratuito


Il contratto di comodato gratuito immobile può essere non precario, quando viene stabilita una data precisa di scadenza dello stesso. In tal caso il comodante è obbligato a restituire il bene alla scadenza convenuta.

La scadenza può essere messa nero su bianco ma, in alternativa, può non venire indicata esplicitamente nel contratto, in quanto risulta desumibile dalla finalità per cui il bene viene dato in prestito (la scadenza si desume dall'uso che si deve fare del bene).

Comodante e comodatarioIn assenza di una qualche forma di scadenza si ha un contratto precario e in tal caso il negozio si reputa concluso a tempo indeterminato.


Restituzione dell'immobile alla scadenza del contratto


In riferimento alla tipologia di contratto si applicano delle regole ben precise in tema di restituzione dell'immobile. Vediamo quali. A parte il caso di estinzione del comodato per decesso del comodante, il codice civile ha stabilito una disciplina specifica in tema di restituzione del bene.

Partiamo da un esempio per chiarire la situazione. Ipotizziamo che il figlio abbia ottenuto dal padre una seconda casa in prestito per andarci a vivere con moglie e figli, in attesa di trovare la disponibilità di denaro che gli consenta di comprare un immobile.

A fronte della manifesta crisi della coppia che lascia presagire una separazione dei coniugi, con assegnazione della casa coniugale alla moglie, il genitore intende richiedere la restituzione immediata dell'immobile.

La legge stabilisce che il comodatario deve restituire la cosa alla scadenza del termine convenuto o, in mancanza di termine, quando se ne è servito in conformità del contratto.


Comodato uso gratuito: altri casi in cui richiedere la restituzione dell'immobile


Tuttavia, il comodante può recedere immediatamente dal contratto e pretendere la restituzione dell'immobile al verificarsi di alcune situazioni.

Restituzione immobile comodato
Certamente in caso di inadempimento contrattuale da parte del comodatario perché, ad esempio, ha fatto un uso improprio del bene, ovvero diverso da quanto risultante nel contratto di comodato stesso o non conforme alla natura del bene.

L'inadempimento sussiste anche qualora il comodatario conceda a un terzo il godimento dell'immobile senza avere l'autorizzazione da parte del comodante.
Oltre alla restituzione del bene è prevista la possibilità di ottenere il risarcimento del danno per il fatto commesso.

Altra ipotesi è che vi siano comprovate esigenze del comodante a riottenere la cosa, come nel caso di un bisogno del comodante che rivesta carattere di urgenza.

In caso di bisogno urgente e imprevedibile il comodante è legittimato a chiedere la restituzione del bene prima della scadenza o prima che il comodatario abbia cessato di utilizzarla secondo gli usi stabiliti.

Il motivo che giustifica il recesso del comodante non deve essere in alcun modo voluttuario e capriccioso e deve essere imminente, cioè non astratto e futuro.


Come ottenere la restituzione dell'immobile se il comodatario si oppone


Per avanzare la richiesta di restituzione dell'immobile concesso in prestito, il comodante non deve seguire una procedura particolare.
Può, ad esempio, semplicemente inviare una lettera raccomandata nella quale fare presente le sue esigenze sopravvenute.

A differenza del contratto di locazione, non è previsto un termine di preavviso, a meno che questo non sia specificato nel contratto. Resta fermo l'obbligo di adottare un comportamento improntato alla correttezza e buona fede che, in tale circostanza, deve sempre assumere il comodante.


Cosa fare se il comodatario si rifiuta di restituire il bene in prestito?


Nel caso sussistano i requisiti che abbiamo sopra evidenziato, il comodante sarà legittimato ad agire in giudizio al fine di ottenere la restituzione.
Il primo passo sarà quello di inviare una ulteriore lettera raccomandata con la quale intimare il rilascio della casa, qualora la prima richiesta inoltrata non abbia sortito effetto.

Da precisare, inoltre, che il mancato rilascio dell'appartamento costituisce fatto illecito extracontrattuale da parte del comodatario e integra gli estremi dell'occupazione abusiva dell'immobile, rilevante anche da un punto di vista penale.


Restituzione e risarcimento del danno


In conclusione, facendo riferimento alla sentenza n. 9907 dell'11 luglio 2013 del Tribunale di Milano possiamo concludere che, la mancata restituzione dell'immobile da parte del comodatario oltre il termine di rilascio, costituisce un atto illecito di natura extracontrattuale.

Continuare senza alcun titolo a occupare l'immobile, legittima il comodante ad agire in giudizio per ottenere il rilascio immediato e per pretendere il risarcimento dei danni eventualmente subiti per l'occupazione abusiva.

In merito alla quantificazione del risarcimento del danno, possiamo asserire che il Giudice provvederà a liquidarlo in via equitativa, tenendo conto del valore locativo del bene illecitamente occupato. Si terrà conto altresì del tipo di immobile prestato, della presenza o meno di arredo e della sua collocazione.

Il risarcimento verrà calcolato dunque a prescindere dalla prova di un concreto pregiudizio subito dal comodante, inteso come perdita della possibilità di concedere in locazione l'immobile.

riproduzione riservata
Come mandare via il comodatario
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 4 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
  • Angelo27
    Angelo27
    Venerdì 29 Dicembre 2023, alle ore 09:16
    Vorrei sapere come comportarmi in questa situazione.
    Aprile 2023 con la morte di mia madre si e' chiuso il contratto di comodato gratuito che mio fratello aveva fatto firmare a mia madre a favore di mio nipote.
    Alla morte di mia madre lui è rimasto dentro l'appartamento giustificando che aveva ancora 6 mesi di tempo, ma ora a fine dicembre ne sono passati altri 3 senza che lui mi abbia corrisposto almeno meta affitto della stessa avalenfosi del fatto che l'altro comproprietario della casa è suo padre e logicamente lui non fa pressioni.
    Ora questo mese con il pagamento dell'imposta di registro è stata ultimata la successione e io sono divenuto comproprietario dell'appartamento.
    Come posso muovermi per riavere libera la casa.
    rispondi al commento
  • Claudio
    Claudio
    Giovedì 20 Luglio 2023, alle ore 08:56
    Buongiorno vorrei una informazione.
    Io ho dato la mia casa a una persona con il contratto di comodato d'uso gratuito.
    Io vivo in Brasile ma sto passando molte difficoltà ed ho urgente bisogno di ritornare in Italia con la mia famiglia, e di conseguenza ho bisogno di riavere la mia casa, visto che la mia unica residenza.
    Il contratto prevede un preavviso di trenta giorni tramite raccomandata.
    Io lo mandata già in gennaio 2023, ma non ho avuto risposta.
    Ora come ho letto nel vostro articolo ho mandato una seconda raccomandata in luglio 2023.
    Ma da quello che posso percepire il signore che occupa il mio immobile non ha intenzione di uscire.Io non ho la possibilità di rientrare in Italia perché non mi posso permettere economicamente di arrivare in Italia ed ospitarmi in hotel o case in affitto aspettando che la giustizia faccia il suo corso.
    Vorrei sapere come o cosa posso fare per riavere la mia casa.Esiste una assistenza per gli italiani che vivono a l'estero?
    Claudio
    rispondi al commento
  • Manuelamargilio
    Manuelamargilio
    Martedì 23 Agosto 2022, alle ore 16:53
    Il comodatario sarà obbligato ad andare via alla scadenza del contratto o in mancanza di questa quando il comodatario si sia servito del bene secondo le finalità identificate nell'accordo.Nella fattispecie, essendo convivente della figlia, dovrebbe andare via solo lei secondo il comodante?
    rispondi al commento
  • Bruno Schettin
    Bruno Schettin
    Martedì 23 Agosto 2022, alle ore 10:28
    Vivo in abitazione in comodato d'uso gratuito ma senza registrazione di alcun contratto.
    Ora mi si vuole mandare via ma senza motivazioni avendo il locatario oltre 20 appartamenti quindi non c'è urgenza personale, nè termini concordati per scritto.
    Verbalmente mi si disse che sarei rimasto a vita essendo convivente della figlia del locatario.
    Può mandarmi via?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
346.965 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img mancuso giusy
Se mio padre mi fa un contratto di comodato d'uso gratuito i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria sono a carico di chi?Inoltre, se io volessi usufruire del bonus...
mancuso giusy 17 Febbraio 2023 ore 09:07 2
Img raf52
Salve, ho un appartamento da ristrutturare internamente con il 50% di detrazione.Ho due figli che lavorano e vorrei che fossero loro a pagare la ristrutturazione e avere la...
raf52 30 Dicembre 2020 ore 10:02 4
Img raf52
Buongiorno, oltre alla mia prima abitazione ho un'appartamento da ristrutturare con detrazione al 50%. Siccome non ho sufficente credito IRPEF vorrei fare un contratto registrato...
raf52 30 Novembre 2020 ore 19:33 4
Img mag2
Buongiorno, mi sto addentrando nella "giungla" delle agevolazioni e vorrei dei chiarimenti. Sono comodataria di un immobile (contratto regolarmente registrato), in cui risiedo e...
mag2 27 Novembre 2019 ore 13:21 1
Img login
Salve, sull'atto di comodato che ho registrato presso l'agenzia delle entrare, il CAF ha indicato come residenza l'immobile in oggetto che è in fase di ristrutturazione (ma...
login 30 Marzo 2017 ore 15:53 2