Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

L'Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sulla cessione del diritto di superficie

Flash News Proprietà24 Aprile 2018 ore 09:40
Per il Fisco in caso di costituzione e cessazione di un diritto di superficie si applica la normativa fiscale prevista per i trasferimenti della proprietà piena

Cessione diritto di superficie: regime fiscale


L’Agenzia delle Entrate, con la circolare 6/E del 20 aprile scorso, fornisce dei chiarimenti in merito al trattamento fiscale da applicare in caso di costituzione e cessione del diritto reale di superficie su un immobile. In particolare, stabilisce che al corrispettivo conseguito per la cessione del diritto di superficie, si applicano le disposizioni del Tuir (Testo unico delle imposte sui redditi), previste per i trasferimenti a titolo oneroso della proprietà piena dell’immobile.

Viene smentito, con la predetta comunicazione, quanto asserito dalla stessa Agenzia delle Entrate con la precedente circolare 36/E del 19 dicembre 2013 avente a oggetto la cessione del diritto di superficie su un terreno.

Cessione del diritto di superficie
Per spiegare meglio precisiamo che il diritto di superficie è il diritto di costruire sul fondo di proprietà altrui, acquistando la proprietà di quanto edificato.
Il proprietario del terreno, ove costituisca un diritto di superficie sull’immobile, consente ad altri di costruire pur mantenendo la proprietà del suolo.

L’Agenzia delle Entrate con la nuova circolare intende adeguarsi all’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione in materia di regime fiscale, relativo alle plusvalenze derivanti dalla cessione del diritto di superficie su un terreno agricolo appartenente a persona fisica (si veda la sentenza n. 15333 del 4 luglio 2014).

Sulla base di quanto statuito dall’articolo 9, comma 5 del Dpr 917/1986 le disposizioni relative alle cessioni a titolo oneroso si applicano anche agli atti a titolo oneroso che implicano costituzione o trasferimento dei diritti reali di godimento. La predetta normativa si applica dunque alle cessioni di diritti di superficie in quanto diritti reali di godimento.
In particolare, trovano applicazione gli articoli 67 e 68 del Tuir relativi alle plusvalenze derivanti da cessioni a titolo oneroso di terreni e aree fabbricabili.

Ne consegue che se la persona fisica cede il diritto di superficie di un’area fabbricabile, il corrispettivo ricevuto rappresenta reddito diverso e la differenza tra il prezzo di cessione e il costo rivalutato e maggiorato delle spese sarà oggetto di tassazione.

Qualora venga ceduto il diritto di superficie di un terreno agricolo, il corrispettivo sarà soggetto a imposizione come reddito diverso esclusivamente nell’ipotesi in cui non siano trascorsi almeno 5 anni dalla data di acquisto del terreno o dello stesso diritto di superficie.

riproduzione riservata
Articolo: Cessione del diritto di superficie: chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate
Valutazione: 3.50 / 6 basato su 2 voti.

Cessione del diritto di superficie: chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Cessione del diritto di superficie: chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate che potrebbero interessarti

Ecobonus 2018 e cessione del credito: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate, con circolare del 18 maggio fornisce ai contribuenti dei chiarimenti in merito alla cessione del credito per la fruizione dell'Ecobonus

Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibile per i condomini di un condominio minimo portare in detrazione le spese per lavori di ristrutturazione su parti comuni. Cosa dice l'Agenzia delle Entrate

Ecobonus per condomini: il provvedimento dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - A quattro mesi dalle novità sull'ecobonus condomini ancora si attende il provvedimento dell'Agenzia delle Entrate per le modalità di cessione delle detrazioni fiscali


Bonus ristrutturazioni 2018: online la guida dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Pubblicata online la guida con la quale l'Agenzia delle Entrate spiega tutte le novità relative al bonus ristrutturazioni 2018. Chi può beneficiarne e molto altro

Bonus ristrutturazione per sostituzione infissi: chiarimenti dall'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Novità dall'Agenzia delle Entrate: al contribuente viene riconosciuto il bonus ristrutturazione per la sostituzione di infissi rientrante nell'edilizia libera

Bonus ristrutturazioni ed Ecobonus: non spetta a chi acquista casa da impresa

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Che succede se l'impresa che esegue lavori di recupero del patrimonio edilizio e risparmio energetico vende l'immobile? I chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Recupero edilizio: detrazione fiscale per prosecuzione di lavori iniziati

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali sono i limiti della spesa detraibile in caso di prosecuzione di interventi di ristrutturazione già iniziati. Ecco cosa sostiene l'Agenzia delle Entrate.

Il diritto di abitazione del convivente non rientra nella successione

Proprietà - In caso di convivenza more uxorio che succede se uno dei conviventi muore? Il diritto di abitazione previsto dalla legge con scadenza non rientra in successione

Ecobonus e Sismabonus: le istruzioni dell'Agenzia delle Entrate per lo sconto in fattura

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Le regole dell'Agenzia delle Entrate per dare attuazione al DL Crescita in caso di risparmio energetico e misure antisismiche: modalità per lo sconto in fattura