Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

La cedolare secca esclude l'imposta di registro sulla fideiussione

NEWS Affittare casa24 Febbraio 2020 ore 15:46
L'opzione per la cedolare secca non fa scattare l'imposta di registro sull'eventuale fideiussione inserita nel contratto di locazione. Dovuta invece quella di bollo

La cedolare secca: aspetti generali


Il canone di locazione riguardante immobili ad uso abitativo può essere assoggettato al regime opzionale della cedolare secca in luogo della tassazione ordinaria.

La cedolare, altro non è che un’imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle relative addizionali comunale e regionale. Inizialmente venne introdotta solo con riferimento a i contratti di locazione avente a oggetto immobili abitativi ma con la Manovra di bilancio 2019 è stata estesa anche per i locali commerciali di categoria catastale C/1 e pertinenze.

Tuttavia, riguardo quest’ultimo aspetto, l’opzione è stata possibile solo per i contratti stipulati nel 2019 (la manovra 2020 non ha previsto la proroga anche per quelli stipulati quest’anno) ed a condizione che la superficie non fosse superiore a 600 mq al netto delle pertinenze stesse.

Altro aspetto fondamentale da considerare è che per i contratti sotto cedolare secca non andranno pagate l’imposta di registro e l’imposta di bollo, ordinariamente dovute per registrazioni, risoluzioni e proroghe dei contratti di locazione.

La cedolare secca non sostituisce, invece, l’imposta di registro per la cessione del contratto.

Affitto con cedolare
L’opzione può essere esercitata alla registrazione del contratto o nelle annualità successive e il locatore che vuole avvalersene ha l’obbligo di comunicarlo preventivamente all’inquilino con lettera raccomandata. Con tale comunicazione egli rinuncia alla facoltà di chiedere l’aggiornamento del canone, anche se era previsto nel contratto, incluso quello per adeguamento Istat.

Ad ogni modo, non è necessaria la predetta comunicazione per i contratti di durata complessiva nell’anno inferiore a 30 giorni (per i quali non vige l’obbligo di registrazione) e per quelli in cui è indicata espressamente la rinuncia, a qualsiasi titolo, all’aggiornamento del canone.


Le aliquote e gli effetti sul reddito


Il canone derivante da un contratto di locazione sotto cedolare sarà assoggetto ad aliquota d’imposizione del 21%. È tuttavia prevista un’aliquota ridotta del 10% per quei contratti di locazione a canone concordato relativi ad abitazioni ubicate nei comuni con carenze di disponibilità abitative (articolo 1, comma 1, lettere a) e b) del decreto legge 551/1988).

Si tratta, in pratica, dei comuni di Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia e dei comuni confinanti con gli stessi nonché degli altri comuni capoluogo di provincia e per quelli situati nei comuni ad alta tensione abitativa individuati dal Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economia).

Effetto sul reddito
Tale aliquota è però possibile solo per i contratti di affitto avente a oggetto immobili abitativi e non anche nel caso di cedolare applicata sui locali commerciali (in tale ipotesi l’unica aliquota è quella del 21%). Riguardo poi gli effetti della scelta sul reddito assoggettato a cedolare (ossia il canone di locazione) questi è escluso dal reddito complessivo ai fini IRPEF (ed addizionali) del locatore (poiché tassato con imposta sostitutiva) e di conseguenza, su di esso, non possono essere fatti valere rispettivamente oneri deducibili e detrazioni.

Va, invece, ricompreso nel reddito complessivo ai fini del riconoscimento della spettanza o della determinazione di deduzioni, detrazioni o benefici di qualsiasi titolo collegati al possesso di requisiti reddituali (determinazione dell’ISEE, determinazione del reddito per essere considerato a carico, ecc.).

La liquidazione e il versamento dell’imposta avviene secondo lo stesso meccanismo (acconto e saldo) e le stesse scadenze previste per l’IRPEF. L’acconto è pari al 95% di quanto pagato per l’anno d’imposta precedente (dal 2021 la misura sale al 100%).


Cosa succede se c'è fideiussione?


Alla stipula di un contratto di locazione frequente è il caso in cui il locatore si faccia rilasciare dal conduttore (inquilino) un deposito cauzionale o comunque una garanzia (ad esempio fideiussione).

In merito al deposito cauzionale, la disciplina vigente, prevede che, in caso di tassazione ordinaria della locazione (quindi non cedolare secca) laddove il deposito sia dato dallo stesso inquilino nessuna imposta di registro è dovuta su questa somma. Nel caso in cui, invece, il deposito è pagato da un terzo estraneo al rapporto di locazione, scatterà l’imposta nella misura dello 0,50%. Tuttavia, se per il contratto di affitto si è deciso di optare per la cedolare secca, siccome come detto quest’ultima sostituisce anche l’imposta di registro, anche il deposito cauzionale rilasciato dal terzo estraneo non sarà assoggetto.

Alla stessa conclusione è possibile giungere nel caso in cui in luogo del deposito cauzionale il locatore ottiene dal conduttore una fideiussione.
SI ricorda che la fideiussione, in diritto, è quel negozio giuridico con il quale un soggetto, chiamato fideiussore, garantisce un'obbligazione altrui, obbligandosi personalmente nei confronti del creditore del rapporto obbligatorio. Ad esempio, in un contratto di locazione, il padre può diventare fideiussore del figlio garantendo al locatore che paghi regolarmente il canone mensile.

Lo scopo della garanzia è quello di far ottenere la stipula del contratto al figlio.
La fideiussione, come per il deposito cauzionale prestato da un terzo estraneo al contratto, è soggetta ad imposta di registro dello 0,50% che però non scatta se per la locazione si è scelto la cedolare secca.


Alcune precisazioni



Resta fermo che, come si apprende anche direttamente dal sito istituzionale dell’Agenzia delle Entrate, possono optare per il regime della cedolare secca solo le persone fisiche titolari del diritto di proprietà o del diritto reale di godimento (per esempio, usufrutto), che non locano l’immobile nell’esercizio di attività di impresa o di arti e professioni.

Con riferimento ai contratti di affitto aventi ad oggetto immobili abitativi, la cedolare può essere scelta per unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali da A1 a A11 (esclusa l’A10 - uffici o studi privati) e per le relative pertinenze, locate congiuntamente all’abitazione, oppure con contratto separato e successivo rispetto a quello relativo all’immobile abitativo, a condizione che il rapporto di locazione intercorra tra le medesime parti contrattuali, nel contratto di locazione della pertinenza si faccia riferimento al quello di locazione dell’immobile abitativo e sia evidenziata la sussistenza del vincolo pertinenziale con l’unità abitativa già locata.


Il regime non può essere applicato ai contratti conclusi con conduttori che agiscono nell’esercizio di attività di impresa o di lavoro autonomo, indipendentemente dal successivo utilizzo dell’immobile per finalità abitative di collaboratori e dipendenti, salvo quanto è stato previsto per i locali commerciali classificati nella categoria C1. L'opzione può essere esercitata anche per le unità immobiliari abitative, locate nei confronti di cooperative edilizie per la locazione o enti senza scopo di lucro, purché sublocate a studenti universitari e date a disposizione dei comuni con rinuncia all'aggiornamento del canone di locazione o assegnazione.

In caso di contitolarità dell’immobile l’opzione deve essere fatta distintamente da ciascun locatore e chi di essi non esercita l’opzione è tenuto al versamento dell’imposta di registro calcolata sulla parte del canone di locazione ad esso imputabile in base alle quote di possesso (deve , comunque, versare l’imposta di bollo sul contratto di locazione).

riproduzione riservata
Articolo: Cedolare secca: esclusa imposta registro su fideiussione
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Cedolare secca: esclusa imposta registro su fideiussione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
317.160 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Membrana bituminosa autoadesiva granigliata
    Membrana bituminosa autoadesiva...
    33.05
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.40
Notizie che trattano Cedolare secca: esclusa imposta registro su fideiussione che potrebbero interessarti


Manovra 2020 e affitti agevolati: stop all'aumento della cedolare secca

Affittare casa - Tra le misure della nuova manovra economica spiccano quelle sulla casa: oltre alla proroga dei bonus fiscali, conferma dell'aliquota del 10% della cedolare secca

In aumento la cedolare secca su affitti concordati

Fisco casa - Manovra 2020: quali gli effetti per i contribuenti. Triplicano le imposte ipotecarie e catastali e aumenta al 12,5% la cedolare secca. Vediamo quali sono le novità

Arriva la cedolare secca per locazioni commerciali con canone variabile

Affittare casa - Cedolare secca per locazioni commerciale. Il contratto prevedere un canone variabile. È quanto chiarito dall'Agenzia delle Entrate con risposta ad interpello.

Cedolare secca: tutte le novità del 2017

Affittare casa - La cedolare secca è un regime fiscale dei contratti di locazione alternativo e facoltativo che comporta benefici e rinunce. Vediamo come è disciplinato nel 2017.

Cedolare secca 2019: come funziona la tassazione sostitutiva

Fisco casa - Contratto di locazione cedolare secca: come esercitare l'opzione del regime di tassazione facoltativo, aliquote e modalità di versamento. Le novità per il 2019.

Come registrare il contratto di locazione

Affittare casa - Tutta la procedura da seguire, le tasse da pagare e l'opzione alla cedolare secca per la registrazione del contratto di locazione di immobili ad uso abitativo.

Registrazione del contratto di locazione, tempi e costi

Affittare casa - La registrazione del contratto di locazione rappresenta un obbligo per le parti che dev'essere adempiuto in breve termine e che comporta l'esborso di denaro.

Quali sono le imposte per i contratti d'affitto?

Affittare casa - Ecco quali sono le imposte da pagare quando si stipula un contratto d'affitto di un immobile a uso abitativo per chi sceglie la cedolare secca o altre soluzioni

Come indicare i redditi dei fabbricati nel modello Unico

Fisco casa - Oltre al 730 per dichiarare i redditi c'è anche il modello Unico: ecco una mini guida per la compilazione del quadro RB per indicare i redditi dei fabbricati.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img alexciri
Possiedo un appartamento che ho affittato con un contratto di locazione di 4+4, rinnovabile automaticamente a meno che io avvisi gli inquilini 6 mesi prima con raccomandata A/R...
alexciri 26 Marzo 2014 ore 16:05 1
Img maryquant
Buonasera.Vorrei chiedere come si fa a stipulare un contratto di affitto per l'appartamento di proprietá del condominio.Grazie...
maryquant 27 Agosto 2015 ore 23:09 7
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Img arcangelo.calo
Salveil mio contratto di locazione scade il 1° luglio 09, a quale indice Istat dovrei aggiornarlo giugno o luglio (che non è ancora stato pubblicati) e qual'è il...
arcangelo.calo 28 Giugno 2009 ore 16:37 1
Img elisamts88
Buongiorno, ho un dubbio riguardo la pertinenza di spese per la riparazione di due problemi strutturali verificatisi nell'appartamento (anni '70) in cui sono in affitto. Un...
elisamts88 12 Settembre 2019 ore 14:09 3