Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

È possibile spostare i cassonetti dei rifiuti sotto casa?

NEWS Leggi e Normative Tecniche11 Settembre 2017 ore 14:54
Quali norme regolamentano la posizione dei cassonetti per i rifiuti nei pressi delle abitazioni? Che cosa è possibile fare per chiedere l'eventuale spostamento?

Cassonetti nei pressi delle abitazioni


Cassonetti rifiuti e abitazioniLa presenza dei cassonetti per i rifiuti urbani nei pressi della abitazioni è uno dei motivi di maggior contesa nei rapporti con il comune e nei rapporti di vicinato.

Il problema non è stato ridotto ma al contrario aggravato dalla diffusione del metodo della raccolta differenziata porta a porta.

Tale metodo ha infatti prodotto il moltiplicarsi dei punti di deposito per il ritiro dei rifiuti e dei relativi cassonetti.

La questione si nota in particolare nei condomini, dove ragione di contesa è spesso in quale punto delle parti comuni posizionare il cassonetto, dunque in soldoni, il naso di quale o quali condòmini sacrificare alla causa della raccolta del rifiuto.

Tanto più nella bella stagione, dove, tra caldo, servizio di raccolta rallentato dalle ferie degli operatori ecologici e orari sregolati dei vicini, il maleodore non è un rischio remoto.

E quest'ultimo non è poi l'unico problema: anche ragioni estetiche, per quanto con meno urgenza, chiedono la loro parte. Allora, se la lite è in certi casi pressocché inevitabile, è opportuno informarsi per capire cosa prevede la legge e dunque cosa ci è possibile fare per difendere le nostre ragioni, oppure, in maniera più pragmatica, raggiungere un compromesso con chi ha motivazioni (inevitabilmente) opposte alle nostre.


Posizione dei cassonetti dei rifiuti: le norme


Le fonti normative sono varie: abbiamo il Codice della Strada (D.Lgs. n. 285/1992) e il relativo regolamento (D.P.R. 405/1992), fonte valevole per tutto il territorio nazionale; abbiamo poi i regolamenti comunali, valevoli ovviamente per il comune di riferimento; infine, per quanto concerne i condomini, esistono le decisioni assunte dall'amministratore o dall'assemblea, che hanno un valore esclusivamente per quello specifico condominio e nella misura in cui il loro contenuto non contrasti con le fonti normative .

In che rapporto si trovano le varie fonti tra di loro?

Andiamo per ordine vedendo innanzitutto qual è il contenuto delle norme nazionali in relazione al nostro caso, naturalmente in sintesi e rinviando sin da ora alla lettura dei testi integrali, rinvio indispensabile poi per gli specifici regolamenti comunali.


Cassonetti per i rifiuti: il codice della strada


Cosa prevedono in proposito il Codice della Strada e il suo regolamento di esecuzione e di attuazione?

Il Codice della Strada dispone (all'art. 25, co.3) che:

I cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani di qualsiasi tipo e natura devono essere collocati in modo da non arrecare pericolo od intralcio alla circolazione art. 25, co.3, C.d.S.


Sempre il Codice della Strada dispone poi che la sosta di veicoli è vietata (ovviamente, per quanto qui interessa): davanti ai cassonetti dei rifiuti urbani o analoghi contenitori (v. art. 158, co.2, lett. n).

Posizione e spostamento dei cassonetti e abitazioni

A sua volta, l'art. 68 del successivo regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della Strada dispone (a integrazione del citato art. 25 co.3) che i cassonetti devono essere posti in genere fuori della carreggiata, al fine comunque di non causare pericolo o intralcio per la circolazione.

L'articolo prevede, inoltre, le caratteristiche che devono avere i detti cassonetti: in sintesi, è previsto che sugli spigoli verticali del cassonetto devono essere apposti pannelli di pellicola rifrangente a strisce bianche e rosse.

Nei casi in cui detta segnaletica non può essere applicata, può essere sostituita con quattro pannelli ridotti (v. art. 158, co.2 e 3 c.c.). In tali casi, i cassonetti devono essere collocati in aree riservate destinate a parcheggio e poste fuori della carreggiata o entro la stessa.

I cassonetti non dotati della segnaletica devono essere ubicati in una sede propria.

Se il cassonetto viene posto ai margini della carreggiata, l'area in cui è ubicato deve essere delimitata con segnaletica orizzontale.

Successivamente (v. art. 152), è prescritto che gli spazi dedicati al posizionamento sulla carreggiata dei cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani, che non siano fisicamente delimitati, devono essere segnalati con una striscia gialla continua; inoltre, è vietata la sosta in permanenza in corrispondenza della parte di delimitazione parallela al margine della carreggiata.

Come già detto, la materia è regolata anche dai regolamenti comunali, i quali ad es. dispongono come devono essere posizionati i cassonetti lasciati dai privati per la raccolta porta a porta.


Cassonetti per i rifiuti in condominio


Nei condomini la materia è altresì regolata dalle decisioni assunte all'interno del condominio.

Al di là delle disposizioni normative (nazionali e locali) e nel rispetto delle stesse, nei condomini in questa materia vale quanto previsto dal regolamento condominiale, dall'amministratore (anche in via provvisoria) e dall'assemblea, se la questione è delicata o comunque se la situazione lo richiede.

Ricordiamo, infatti, che tra i compiti dell'ammistratore vi è anche quello di

disciplinare l'uso delle cose comuni e la fruizione dei servizi nell'interesse comune, in modo che ne sia assicurato il miglior godimento a ciascuno dei condomini v. art. 1130, co.1, n.2 c.c.

però, data la delicatezza della materia – l'esperienza ci insegna che ci sarà sempre qualche scontento - è spesso opportuno che decida l'assemblea.

Cassonetti dei rifiuti urbani
Naturalmente, nella decisione dovranno essere rispettati le norme (nazionali e locali) e i diritti dei singoli, sempre avendo riguardo alle possibilità d'uso delle cose comuni.

Cosa fare se così non è?

Sarà possibile, secondo chi scrive, valutare se impugnare il provvedimento dell'amministratore (art. 1133 c.c.) e/o la delibera (art. 1137 c.c.).

Si segnala la decisione del TAR Piemonte n. 1169 del 2015 con cui è stato stabilito - in un caso relativo alla raccolta differenziata porta a porta presso il Comune di Torino - di stabilire la correttezza della norma del regolamento comunale che impone il posizionamento dei cassonetti per la raccolta dei rifiuti urbani all'interno delle aree condominiali, anche se si ammette la possibilità che il condominio possa indicare al Comune un diverso posto all'interno dell'area condominiale, più consono alle esigenze dei condòmini e sempre se tale diversa collocazione sia secondo il gestore dei rifiuti

tecnicamente attuabile senza pregiudizio per l'efficace gestione del servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani TAR Piemonte n. 1169/2015



Rimedi contro la posizione errata dei cassonetti


In genere, cosa fare contro un posizionamento di un cassonetto scorretto e/o dannoso?

È opportuno valutare insieme a un legale, se rivolgersi al giudice per ottenere lo spostamento dei cassonetti o l'adozione di eventuali misure da parte del responsabile.


Si segnala in proposito la sentenza n.419 del 2015 con cui la Corte d'Appello di Lecce ha confermato la condanna nel confronti del gestore del servizio (in quel caso veniva esclusa la responsabilità del Comune), al risarcimento dei danni prodotti da un incendio (causato da ignoti) di un cassonetto dei rifiuti, per violazione del dovere di custodia.

In primo grado la condanna era pervenuta con la motivazione che il detto cassonetto, piuttosto che essere collocato nei modi e luoghi di legge, risultava essere stato invece addossato all'abitazione e al negozio del danneggiato, poco importava chi avesse collocato il cassonetto in quel punto, dovendo in ogni caso – anche se il bene fosse stato spostato da terzi ignoti - rimproverare al gestore il mancato controllo sullo stesso.

riproduzione riservata
Articolo: Cassonetti dei rifiuti, posizione e possibile spostamento
Valutazione: 5.13 / 6 basato su 8 voti.

Cassonetti dei rifiuti, posizione e possibile spostamento: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Vittimadellamonnezza
    Vittimadellamonnezza
    Sabato 6 Giugno 2020, all or 09:31
    Non riesco a venire a capo di una pessima amministrazione condominiale e una piccola mafia di pochi condòmini che tengono sotto scacco un condominio di 40 condòmini.
    Nello specifico mi ritrovo cassonetti davanti casa, anche del civico accanto.
    Sono stati posizionati da due dei piani terra che non li volevano vicino casa.
    Posso spostarli?
    L'amministratrice non mi risponde alle mail,posso denunciarla?
    Altri civici usano i nostri bidoni,si può fare?
    Su qualunque sito vada non trovo risposte concrete.
    Anche alla polizia non fanno nulla, i vigili urbani non sono responsabili,dicono, l'ama è una scatola cinese. Come faccio?
    Devo per forza pagare un avvocato?
    Anche quelli non è che risolvano molto.
    Una bomba?
    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Vittimadellamonnezza
      Martedì 30 Giugno 2020, all or 13:37
      Ciao, da quanto dici sembra che il cassonetto non sia collocato regolarmente, ma ovviamente bisogna approfondire il caso concreto. Prova a scrivere una raccomandata all’amministratore, le email non hanno valore di legge; se neanche così ti risponde, mi spiace deluderti, ma sarà opportuno rivolgerti ad un legale. Certamente non puoi e non potrai compiere atti illeciti, a meno che tu voglia risolvere il problema spostando il tuo domicilio in carcere ;). In bocca al lupo!
      rispondi al commento
  • Elisa2
    Elisa2
    Sabato 14 Ottobre 2017, all or 16:34
    Nel mio rione ci sono cassonetti dell'immondizia che emanano un fetore enorme.
    Abbiamo segnalata la cosa al Comune, all'ASL, che ha fatto un sopralluogo e ha detto che vanno spostati.
    Inoltre si trovano vicino allo stop, dove una strada secondaria si immette in quella provinciale.
    Anzi i cassonetti sono agganciati al segnale dello stop.
    I cassonetti potrebbero essere posizionati a cinquanta metri dal posto dove stanno ora, ma il sindaco ha detto di NO.
    Non sappiamo più a chi rivolgerci a noi sembra semplicemente una ripicca.
    Dateci un consiglio
    Elisa
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
318.737 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Cassonetti dei rifiuti, posizione e possibile spostamento che potrebbero interessarti


Tari maggiorata per errore: i consumatori chiedono il rimborso

Fisco casa - La Tari, tassa sui rifiuti urbani, in alcuni Comuni italiani sarebbe stata pagata addirittura il doppio a causa di un errore di calcolo della sua quota variabile

Immondizia: nuove scenografie urbane

Arredamento - Dai cassonetti dell'immondizia rivisitati in chiave glamour, ai sacchetti: nuovi modi di reinterpretare un gesto quotidiano.

Tari ridotta al 50% se la raccolta rifiuti non funziona

Fisco casa - L'importo della Tari può essere ridotto se il servizio di smaltimento dei rifiuti non viene eseguito correttamente. Vediamo quanto affermato dalla CTP di Roma.

I rifiuti? Passano sottoterra!

Impianti rinnovabili - La maggiore sensibilità alle tematiche ambientali si manifesta anche nella diffusione dei sistemi di raccolta sotterranei dei rifiuti, installati nelle vie cittadine.

RES: nuova tassa sui rifiuti

Leggi e Normative Tecniche - Manca poco più di un anno all'entrata in vigore della nuova tassa sui rifiuti, che andrà a sostituire le attuali TARSU e TIA.

Come schermare i bidoni della differenziata

Idee fai da te - In balcone, giardino o nel cortile condominiale è possibile nascondere i bidoni raccolta differenziata ricorrendo a copribidoni o schermature.

Raccolta mal differenziata: si può avere una multa per documento nel bidone?

Leggi e Normative Tecniche - Raccolta differenziata: è legittima la sanzione irrogata per scorretto conferimento solo sulla base di un documento tra i rifiuti? Secondo varie sentenze, no.

Mosaici e piastrelle in vetro riciclato

Pavimenti e rivestimenti - Ovvero: il riciclo che non ti aspettavi, guardando rivestimenti in impeccabile simil-marmo e lucide superfici dai colori delicati e dalle affascinati trasparenze.

Combustibile dai rifiuti indifferenziati

Impianti - Il Carbonverde è un combustibile che si ricava dai rifiuti indifferenziati ed è in fase di sperimentazione in alcune cementerie.