• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Case Green: obiettivo arrivare a classe energetica E entro il 2030

Ecco la proposta avanzata dal Governo Meloni e dalla maggioranza di destra contro gli obiettivi di efficientamento energetico della direttiva UE sulle Case Green
Pubblicato il

Case Green: classe D entro il 2033, eccezioni e incentivi statali


Contro gli ambiziosi obiettivi di efficientamento energetico della direttiva UE sulle Case Green, il Governo Meloni e la maggioranza di destra hanno lanciato un'offensiva, avanzando una proposta che ha avuto l'ok della Commissione Industria del Parlamento europeo con 49 voti a favore, 18 contrari e 6 astenuti.

Entro il 2030, quindi, tutti gli edifici residenziali (escluse deroghe ed eccezioni) dovranno rientrare nella classe energetica E e poi entro il 2033 nella D.

In generale, entro il 2050 si dovrebbe arrivare a emissioni zero.

La proposta avanzato dal Governo è stata approvata dalla Commissione Industria del Parlamento europeo
Sulla base delle stime di Enea, il 74% delle abitazioni italiane (ovvero 11 milioni) apparterrebbero a classi energetiche inferiori alla D. Pertanto, come ha spiegato il Presidente Gilberto Dialuce, per realizzare gli obiettivi della direttiva UE circa le case green entro i tempi prefissati, sarebbe necessario un enorme sforzo e imprese in grado di intervenire su larga scala.

Oltre al notevole onere economico che ricadrebbe sui privati o sullo Stato, chiamato a introdurre degli incentivi con meccanismo simile a quello del Superbonus.

Il Governo sostiene che bisogna tenere in considerazione le peculiarità proprie dell'Italia ed è altresì necessario aiutare e sostenere senza obbligare e senza penalizzare. Altrimenti, la direttiva europea diventerebbe una sorta di patrimoniale.

Ciaran Cuffe, relatore per l'Europarlamento ci ha tenuto a specificare che gli emendamenti adottati lascerebbero un ampio margine di flessibilità in quanto i patrimoni immobiliari dei 27 Paesi interessati sono fra loro molto differenti, anche per storia e latitudine.

La definizione di classe D, ad esempio, non è univoca per tutta l'Unione europea. Di conseguenza, le classi andranno armonizzate inserendo in classe G il 15% delle abitazioni italiane con le prestazioni peggiori, e non il 40% come paventato dai critici.

In ultimo, la proposta prevede svariate eccezioni quali palazzi storici protetti, case vacanza, chiese e abitazioni indipendenti di meno di 50 mq.

E ancora, potranno essere concesse ulteriori deroghe in caso di prezzi esorbitanti delle materie prime, scarsità di manodopera qualificata ed impossibilità tecnica nel realizzare gli interventi.

Cappotto termico, nuove caldaie a condensazione, sostituzione infissi e pannelli solari potranno essere cofinanziati sia con risorse nazionali che con un eventuale fondo europeo.

Ad ogni modo, la Ue non obbligherà gli Stati a sanzionare i proprietari, né tantomeno vieterà la possibilità di vendere o affittare case in classi energetiche basse.

riproduzione riservata
Case green: arrivare ad una classe energetica E entro il 2030
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 2 voti.
gnews

Case green: arrivare ad una classe energetica E entro il 2030: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti