Casa sicura in caso di terremoto

NEWS DI Soluzioni progettuali15 Dicembre 2014 ore 13:41
E' possibile rendere sicura la propria abitazione in caso di terremoto adottando alcune regole di comportamento e semplici accorgimenti a bassissimo costo.
rischio sismico , terremoto

Perchè prevenire il rischio sismico


Poiché l'Italia è un paese ad alto rischio sismico, è importante capire come rendere più sicura la nostra abitazione.Poichè l'Italia è un paese ad alto rischio sismico, è molto importante pensare non solo a informarsi adeguatamente su quali comportamenti adottare durante una scossa, ma sopratutto aumentare la sicurezza della propria abitazione, per quel che riguarda sia l'edificio vero e proprio (sul quale in caso di ristrutturazione è sempre possibile intervenire per migliorarne le prestazioni durante un evento sismico), sia l'arredamento, allo scopo di minimizzare i pericoli in caso di scosse non molto forti.

Infatti, durante un terremoto non particolarmente distruttivo - e cioè con danni riferibili al VII-VIII grado della Scala Mercalli, in cui gli edifici vengono lesionati anche gravemente ma si registrano pochi crolli - la maggioranza delle persone non resta ferita perchè sepolta dalle macerie, ma si infortuna in seguito alla caduta di mobili e oggetti pesanti, alla rottura dei vetri delle finestre e al crollo di calcinacci, comignoli e cornicioni: è quindi possibile evitare simili rischi mettendo in pratica i semplici accorgimenti descritti in questo articolo.


Cosa fare prima del terremoto


È consigliabile non posizionare il letto sotto a una finestra, perché in caso di terremoto si verrebbe sicuramente feriti dalle schegge del vetro.Prima del terremoto, è dunque fondamentale eliminare dalla propria abitazione qualsiasi potenziale elemento di rischio, costituito principalmente da:
- mobili alti non adeguatamente fissati alla parete (armadi, credenze e librerie), che durante una scossa tendono a rovesciarsi crollando addosso agli occupanti e ostruendo le possibili vie di fuga;
- oggetti pesanti contenuti all'interno di mobili, e in particolare le stoviglie di vetro e ceramica, che cadendo dall'alto e rompendosi causano gravi ferite da taglio;
- specchiere, porte a vetri e finestre, che esplodono facilmente sparando schegge affilate come rasoi;
- scale interne, sopratutto se da arredo e autoportanti, che durante la scossa potrebbero rompersi o crollare.

È comunque possibile limitare questi pericoli mettendo in atto alcuni semplici accorgimenti a bassissimo costo:
- non sistemare il letto molto vicino a una finestra o a uno specchio di grandi dimensioni;
- non appendere a capo del letto oggetti pesanti, come ad esempio bassorilievi o cornici voluminose, sopratutto se dotate di vetro;
- se sopra il letto si trovano una libreria, un armadio a ponte o alcune mensole, non appoggiarvi oggetti pesanti (vasi, sculture, televisori, acquari, libri molto voluminosi);
- dotare i pensili della cucina e le credenze di un sistema di apertura magnetico o del tipo a push-pull, per evitare che scosse anche lievi ne causino l'apertura accidentale;
- ancorare i mobili alti alla parete con appositi dispositivi (generalmente forniti dalle stesse aziende produttrici, o reperibili facilmente in qualsiasi negozio di ferramenta e articoli di fai-da-te), e sistemare gli oggetti più voluminosi e pesanti negli scaffali più bassi;
- proteggere le finestre e le porte interne con pellicole trasparenti, appositamente studiate e molto utili anche in caso di vento forte, cadute o urti accidentali.

È inoltre consigliabile pianificare accuratamente cosa fare in caso di terremoto, provvedendo in anticipo a:

- individuare un posto sicuro (o meglio ancora un posto sicuro per ciascuna stanza dell'abitazione) dove rifugiarsi durante la scossa: sono particolarmente indicati una scrivania, un letto alto e/o un tavolo robusto sotto cui accucciarsi (ottimi ad esempio i mobili antichi di legno massiccio, mentre vanno ovviamente evitati i tavoli di cristallo e quelli molto vicini a finestre o porte a vetri, grandi specchiere e mobili alti non adeguatamente fissati), il vano di una porta (meglio se all'interno di un muro maestro) e l'incrocio tra due muri portanti, sopratutto se nella parte più interna dell'edificio (che solitamente risulta meno danneggiata rispetto alle facciate);

- tenere in un luogo facilmente accessibile un piccolo kit di emergenza, costituito da alcune coperte, una o più torce elettriche, un fischietto e alcune bottiglie d'acqua (da rinnovare periodicamente), e portarlo con sé uscendo all'esterno: questi oggetti potrebbero rivelarsi fondamentali, perchè, qualora si finisse intrappolati o sepolti dalle macerie, consentirebbero di ripararsi dal freddo, non patire la sete e farsi individuare più facilmente dai soccorritori;

- conoscere la posizione dei contatori del gas, dell'acqua e della corrente elettrica;

- assicurarsi che tutti i membri della famiglia e i frequentatori abituali della casa (compresi gli anziani e i bambini) sappiano cosa fare in caso di terremoto, e inoltre conoscano i luoghi sicuri e la via di fuga da utilizzare;

- stabilire un posto di ritrovo in cui riunirsi dopo la scossa: deve essere un luogo all'aperto (un giardino, una strada larga, una piazza o un parco pubblico) e lontano da ogni pericolo (altri edifici pericolanti, frane, allagamenti, linee elettriche aeree, fughe di gas).


Cosa fare durante il terremoto


È molto pericoloso fuggire durante una scossa di terremoto, perché uscendo da un edificio si potrebbe venire travolti dal crollo di cornicioni, calcinacci e oggetti sospesi.Se durante il terremoto vi trovate in casa, dovete raggiungere nel più breve tempo possibile il rifugio precedentemente individuato, e attendere la fine della scossa cercando di ripararvi la testa con le braccia o - meglio ancora - con un cuscino o una coperta: fuggire durante la scossa è infatti estremamente pericoloso, non solo perchè si potrebbe finire travolti dal crollo delle scale o di una parete, ma sopratutto perchè, una volta all'esterno, si verrebbe facilmente colpiti da calcinacci, tegole, schegge di vetro od oggetti sospesi (ad esempio vasi di fiori).

Se invece la scossa avviene di notte, la cosa più sicura è rimanere nel letto, coprendosi la testa con il cuscino e rannicchiandosi il più possibile: fuggire al buio - anche solo per raggiungere un luogo sicuro all'interno dell'edificio - è infatti estremamente pericoloso.


Cosa fare dopo il terremoto


Nell'uscire dall'edificio è fondamentale indossare le scarpe, perché il pavimento potrebbe essere cosparso di schegge taglienti.Una volta cessata la scossa, è necessario seguire queste regole di comportamento:

- per prima cosa, prima di uscire assicuratevi di indossare le scarpe, perchè il pavimento potrebbe essere cosparso di schegge di vetro, legno e calcinacci taglienti;

- se possibile, portate con voi il kit di emergenza predisposto allo scopo;

- se l'edificio non sembra in immediato pericolo di crollo, prima di uscire chiudete il contatore del gas, dell'acqua e dell'energia elettrica: questo è molto importante, perchè i cavi strappati dell'energia elettrica potrebbero causare folgorazioni, e inoltre uno dei maggiori pericoli in caso di terremoto è costituito proprio dagli incendi dovuti alle fughe di gas;

- nell'abbandonare l'edificio, evitare tassativamente gli ascensori, e sulle scale camminare con prudenza restando sempre vicino alla parete, che di solito è la parte del vano scala meno soggetta al rischio di crollo in caso di terremoto;

- se le scale fossero crollate o pericolanti, è possibile tentare la fuga dalla finestra di un piano basso (piano terra o primo piano), mentre in caso contrario è necessario aspettare i soccorritori segnalando la propria presenza con urla, suonando il fischietto e/o accendendo ritmicamente la torcia.

riproduzione riservata
Articolo: Casa sicura per terremoto
Valutazione: 4.71 / 6 basato su 7 voti.

Casa sicura per terremoto: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Claudia
    Claudia
    Martedì 10 Gennaio 2017, alle ore 09:35
    È possibile avere dei link dove acquistare i kit per ancorare i mobili al muro?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Casa sicura per terremoto che potrebbero interessarti
Rischio sismico e Sismabonus, come intervenire per limitare i danni

Rischio sismico e Sismabonus, come intervenire per limitare i danni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Cos'è il rischio sismico? A cosa serve la valutazione sismica? Di seguito tutte le modalità e i requisiti per accedere alle agevolazioni previste dal Sismabonus
Scheda sinottica per la riduzione del rischio sismico

Scheda sinottica per la riduzione del rischio sismico

Leggi e Normative Tecniche - In caso di manutenzione straordinaria o miglioramento sismico, sarà necessario allegare alla documentazione richiesta una scheda per la riduzione del rischio sismico.
Isolamento sismico degli edifici

Isolamento sismico degli edifici

Soluzioni progettuali - Uno dei modi per proteggere un edificio dal sisma è rappresentato dall'isolamento sismico, che permette agli edifici di resistere a terremoti anche distruttivi.

Cosa fare in caso di terremoto?

Soluzioni progettuali - È la domanda a cui hanno cercato di dare una risposta i tecnici della Protezione Civile della Regione Emilia Romagna con un interessante opuscolo da tenere in casa.

Bonus unico per i lavori condominiali fino all'85%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Bonus unico in caso di lavori in ambito condominio per riqualificazione energetica e riduzione del rischio sismico. L'incentivo fiscale viene portato fino all'85%

Normative sulla prevenzione del rischio sismico

Leggi e Normative Tecniche - Per ridurre il rischio sismico e favorire l'adeguamento degli edifici esistenti, Stato e Regioni hanno emanato numerose leggi e regolamenti tecnici sulla materia.

Wireless antisismico

Ristrutturazione - La tecnologia wireless con appositi sensori permette di supportare interventi di ristrutturazione di edifici garantendo sicurezza in caso di fenomeni sismici.

Sismabonus anche per società e per immobili in locazione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Sismabonus: previsto anche a favore delle società che danno in affitto immobili sui quali sono stati effettuati interventi antisismici. Ecco cosa dice il Fisco.

Studio geologico e effetti del sisma

Normative - Tra gli aspetti inerenti il settore delle costruzioni, non deve trascurarsi lo studio delle caratteristiche del terreno di fondazione condotto dal professionista.
REGISTRATI COME UTENTE
296.544 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
integra
Natale in Casa
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Policarbonato online
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.