Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Casa sicura in caso di terremoto

È possibile rendere sicura la propria abitazione in caso di terremoto adottando alcune regole di comportamento e semplici accorgimenti a bassissimo costo.
- NEWS Soluzioni progettuali
Barra Preventivi Online

Perché prevenire il rischio sismico


Poiché l'Italia è un paese ad alto rischio sismico, è importante capire come rendere più sicura la nostra abitazione.Poiché l'Italia è un paese ad alto rischio sismico, è molto importante pensare non solo a informarsi adeguatamente su quali comportamenti adottare durante una scossa, ma soprattutto aumentare la sicurezza della propria abitazione, per quel che riguarda sia l'edificio vero e proprio (sul quale in caso di ristrutturazione è sempre possibile intervenire per migliorarne le prestazioni durante un evento sismico), sia l'arredamento, allo scopo di minimizzare i pericoli in caso di scosse non molto forti.

Infatti, durante un terremoto non particolarmente distruttivo - e cioè con danni riferibili al VII-VIII grado della Scala Mercalli, in cui gli edifici vengono lesionati anche gravemente ma si registrano pochi crolli - la maggioranza delle persone non resta ferita perché sepolta dalle macerie, ma si infortuna in seguito alla caduta di mobili e oggetti pesanti, alla rottura dei vetri delle finestre e al crollo di calcinacci, comignoli e cornicioni: è quindi possibile evitare simili rischi mettendo in pratica i semplici accorgimenti descritti in questo articolo.


Cosa fare prima del terremoto


È consigliabile non posizionare il letto sotto a una finestra, perché in caso di terremoto si verrebbe sicuramente feriti dalle schegge del vetro.Prima del terremoto, è dunque fondamentale eliminare dalla propria abitazione qualsiasi potenziale elemento di rischio, costituito principalmente da:

- mobili alti non adeguatamente fissati alla parete (armadi, credenze e librerie), che durante una scossa tendono a rovesciarsi crollando addosso agli occupanti e ostruendo le possibili vie di fuga;

- oggetti pesanti contenuti all'interno di mobili, e in particolare le stoviglie di vetro e ceramica, che cadendo dall'alto e rompendosi causano gravi ferite da taglio;

- specchiere, porte a vetri e finestre, che esplodono facilmente sparando schegge affilate come rasoi;

- scale interne, sopratutto se da arredo e autoportanti, che durante la scossa potrebbero rompersi o crollare.

È comunque possibile limitare questi pericoli mettendo in atto alcuni semplici accorgimenti a bassissimo costo:

- non sistemare il letto molto vicino a una finestra o a uno specchio di grandi dimensioni;

- non appendere a capo del letto oggetti pesanti, come ad esempio bassorilievi o cornici voluminose, soprattutto se dotate di vetro;

- se sopra il letto si trovano una libreria, un armadio a ponte o alcune mensole, non appoggiarvi oggetti pesanti (vasi, sculture, televisori, acquari, libri molto voluminosi);

- dotare i pensili della cucina e le credenze di un sistema di apertura magnetico o del tipo a push-pull, per evitare che scosse anche lievi ne causino l'apertura accidentale;

- ancorare i mobili alti alla parete con appositi dispositivi (generalmente forniti dalle stesse aziende produttrici, o reperibili facilmente in qualsiasi negozio di ferramenta e articoli di fai-da-te), e sistemare gli oggetti più voluminosi e pesanti negli scaffali più bassi;

- proteggere le finestre e le porte interne con pellicole trasparenti, appositamente studiate e molto utili anche in caso di vento forte, cadute o urti accidentali.


È inoltre consigliabile pianificare accuratamente cosa fare in caso di terremoto, provvedendo in anticipo a:

- individuare un posto sicuro (o meglio ancora un posto sicuro per ciascuna stanza dell'abitazione) dove rifugiarsi durante la scossa: sono particolarmente indicati una scrivania, un letto alto e/o un tavolo robusto sotto cui accucciarsi (ottimi ad esempio i mobili antichi di legno massiccio, mentre vanno ovviamente evitati i tavoli di cristallo e quelli molto vicini a finestre o porte a vetri, grandi specchiere e mobili alti non adeguatamente fissati), il vano di una porta (meglio se all'interno di un muro maestro) e l'incrocio tra due muri portanti, soprattutto se nella parte più interna dell'edificio (che solitamente risulta meno danneggiata rispetto alle facciate);

- tenere in un luogo facilmente accessibile un piccolo kit di emergenza, costituito da alcune coperte, una o più torce elettriche, un fischietto e alcune bottiglie d'acqua (da rinnovare periodicamente), e portarlo con sé uscendo all'esterno: questi oggetti potrebbero rivelarsi fondamentali, perché, qualora si finisse intrappolati o sepolti dalle macerie, consentirebbero di ripararsi dal freddo, non patire la sete e farsi individuare più facilmente dai soccorritori;

- conoscere la posizione dei contatori del gas, dell'acqua e della corrente elettrica;

- assicurarsi che tutti i membri della famiglia e i frequentatori abituali della casa (compresi gli anziani e i bambini) sappiano cosa fare in caso di terremoto, e inoltre conoscano i luoghi sicuri e la via di fuga da utilizzare;

- stabilire un posto di ritrovo in cui riunirsi dopo la scossa: deve essere un luogo all'aperto (un giardino, una strada larga, una piazza o un parco pubblico) e lontano da ogni pericolo (altri edifici pericolanti, frane, allagamenti, linee elettriche aeree, fughe di gas).


Cosa fare durante il terremoto


È molto pericoloso fuggire durante una scossa di terremoto, perché uscendo da un edificio si potrebbe venire travolti dal crollo di cornicioni, calcinacci e oggetti sospesi.Se durante il terremoto vi trovate in casa, dovete raggiungere nel più breve tempo possibile il rifugio precedentemente individuato, e attendere la fine della scossa cercando di ripararvi la testa con le braccia o - meglio ancora - con un cuscino o una coperta: fuggire durante la scossa è infatti estremamente pericoloso, non solo perché si potrebbe finire travolti dal crollo delle scale o di una parete, ma soprattutto perché, una volta all'esterno, si verrebbe facilmente colpiti da calcinacci, tegole, schegge di vetro od oggetti sospesi (ad esempio vasi di fiori).

Se invece la scossa avviene di notte, la cosa più sicura è rimanere nel letto, coprendosi la testa con il cuscino e rannicchiandosi il più possibile: fuggire al buio - anche solo per raggiungere un luogo sicuro all'interno dell'edificio - è infatti estremamente pericoloso.


Cosa fare dopo il terremoto


Nell'uscire dall'edificio è fondamentale indossare le scarpe, perché il pavimento potrebbe essere cosparso di schegge taglienti.Una volta cessata la scossa, è necessario seguire queste regole di comportamento:

- per prima cosa, prima di uscire assicuratevi di indossare le scarpe, perché il pavimento potrebbe essere cosparso di schegge di vetro, legno e calcinacci taglienti;

- se possibile, portate con voi il kit di emergenza predisposto allo scopo;

- se l'edificio non sembra in immediato pericolo di crollo, prima di uscire chiudete il contatore del gas, dell'acqua e dell'energia elettrica: questo è molto importante, perché i cavi strappati dell'energia elettrica potrebbero causare folgorazioni, e inoltre uno dei maggiori pericoli in caso di terremoto è costituito proprio dagli incendi dovuti alle fughe di gas;

- nell'abbandonare l'edificio, evitare tassativamente gli ascensori, e sulle scale camminare con prudenza restando sempre vicino alla parete, che di solito è la parte del vano scala meno soggetta al rischio di crollo in caso di terremoto;

- se le scale fossero crollate o pericolanti, è possibile tentare la fuga dalla finestra di un piano basso (piano terra o primo piano), mentre in caso contrario è necessario aspettare i soccorritori segnalando la propria presenza con urla, suonando il fischietto e/o accendendo ritmicamente la torcia.

riproduzione riservata
Casa sicura per terremoto
Valutazione: 4.10 / 6 basato su 10 voti.

Casa sicura per terremoto: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Roberta9
    Roberta9
    Mercoledì 8 Gennaio 2020, alle ore 15:20
    Ho fatto installare da poco una porta blindata che risulta l'unico varco di accesso alla casa.
    Nel caso di terremoto e relativo blocco dell'apertura blindata, mi chiedevo se esistesse qualche cosa/dispositivo da poter predisporre magari anche dentro la muratura, che mi permettesse di non bloccare l'unica via di fuga.
    Idee?
    rispondi al commento
  • Miclav
    Miclav
    Giovedì 20 Giugno 2019, alle ore 10:13
    Tra le cose che si dicono c’è la avvertenza : “in caso di terremoto non usare le scale perché crollano”.
    Ma appunto, resta una cosa che si dice, non una cosa vera al 100 per 100.
    Infatti, se siamo in un edificio in cemento armato, la cassa scale è l’unico elemento dell’edificio che ha 4 (quattro) elementi in cemento armato, e spesso l’unico che resta integro!
    Il fatto che una “scala possa crollare” è appunto una cosa ASSOLUTAMENTE NON VEROSIMILE in edifici nuovi, ma anche in quelli vecchi e ristrutturati.
    Gli edifici che hanno l'agibilità statica, hanno appunto la caratteristica strutturale di scale che non DEVONO crollare.
    Le scale sono un punto FORTE dell’edificio, non un punto debole.
    rispondi al commento
  • Claudia
    Claudia
    Martedì 10 Gennaio 2017, alle ore 09:35
    È possibile avere dei link dove acquistare i kit per ancorare i mobili al muro?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
341.863 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Casa sicura per terremoto che potrebbero interessarti

Antisismica: le proposte per incentivare gli interventi di messa in sicurezza

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Durante la IV Giornata Nazionale della Prevenzione Sismica i tecnici hanno fatto varie richieste come il Fascicolo del fabbricato e la revisione delle detrazioni

Isolamento sismico degli edifici

Soluzioni progettuali - Uno dei modi per proteggere un edificio dal sisma è rappresentato dall'isolamento sismico, che permette agli edifici di resistere a terremoti anche distruttivi.

Rischio sismico e Sismabonus, come intervenire per limitare i danni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Cos'è il rischio sismico e a cosa serve la valutazione sismica? Di seguito tutte le modalità e i requisiti per accedere alle agevolazioni previste dal Sismabonus

Scheda sinottica per la riduzione del rischio sismico

Leggi e Normative Tecniche - In caso di manutenzione straordinaria o miglioramento sismico, sarà necessario allegare alla documentazione richiesta una scheda per la riduzione del rischio sismico.

Studio geologico e effetti del sisma

Leggi e Normative Tecniche - Tra gli aspetti inerenti il settore delle costruzioni, non deve trascurarsi lo studio delle caratteristiche del terreno di fondazione condotto dal professionista.

In vigore il nuovo prezziario Cratere 2022 per le ricostruzioni post sisma

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Ordinanza è un provvedimento che risponde in maniera adeguata a un momento critico segnato dal forte rialzo dei costi e dalla scarsa disponibilità di materiali

Sisma in Emilia e proposte di prevenzione

Normative - Tutte le associazioni professionali di categoria (geologi, ingegneri, architetti) concordano sull'importanza della prevenzione per evitare vittime e danni dei sismi.

La ricostruzione del muro di contenimento è possibile col Superbonus 110?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Un contribuente ha richiesto all'Agenzia delle Entrate se la ricostruzione di un muro di contenimento rientra tra gli interventi edilizi ammessi al Superbonus?

Dispositivi di allarme per terremoti

Impianti di sicurezza - Alcuni nuovi dispositivi elettronici di allarme permettono di segnalare l'imminente arrivo di onde sismiche pericolose e di effettuare rapide evacuazioni.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img fabiotodes
Buongiorno a tutti,Io mi trovo in una situazione difficile, da due mesi hanno iniziato i lavori di casa, quindi ora è impraticabile.Adesso l'azienda mi dice che ha il...
fabiotodes 30 Novembre 2022 ore 19:06 3
Img tonyevale
Buongiorno, stiamo acquistando da costruttore immobile (rogito a gennaio 2022 e preliminare nel 2020) che usufruirà del Super SismaBonus e pertanto del BonusMobili. E'...
tonyevale 14 Novembre 2022 ore 14:16 1
Img antongiulio curro
Buonasera a tutti.Vorrei porre il seguente quesito.Iil Sismabonus classico, con migliorento delle due classi di rischio, può essere cumulato, in termini di beneficio...
antongiulio curro 13 Aprile 2022 ore 18:37 3
Img massimo mazza
Buongiorno,devo ristrutturare la mia casa bifamiliare (pavimenti,impianti ecc ecc) e devo poi rendere abitabile un garage esterno(posizionato attualmente) a qualche metro dalla...
massimo mazza 01 Aprile 2022 ore 11:43 3
Img holden.dino
Buongiorno,espongo il mio quesito:devo ricostruire un muro pericolante del giardino di casa. Il muro affaccia sulla strada sottostante. La zona sismica è la 3, la categoria...
holden.dino 30 Settembre 2021 ore 20:55 2