Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Chi ripara lo scaldabagno della casa appena locata?

NEWS Affittare casa02 Marzo 2020 ore 11:47
Se si prende un'abitazione in locazione e si scopre, malauguratamente, che lo scaldabagno non funziona, come ci si comporta? A chi spetta sostenere la spesa.
manutenzione , locazione , scaldabagno rotto , boiler rotto

Scaldabagno rotto nella casa in affitto, chi se ne deve occupare?


Nel presente articolo cercheremo di dare risposte agli interrogativi posti da un utente di lavorincasa, sul forum dedicato alle problematiche condominiali, alle prese con uno scaldabagno rotto nell'abitazione cha ha preso da poco in locazione .

Locazione
Egli ci informa di averne parlato con l’amministratore, il quale ha declinato ogni responsabilità, perché l’impianto fornisce solo acqua e non il gas che è fornito da impianto separato.

Poi, da quanto risulta nel messaggio, l’amministratore avrebbe detto che se l’abitazione viene locata non ammobiliata e il boiler non funziona, spetta al conduttore comprarselo.

E infine, l’utente ci chiede se può essere dato in locazione un appartamento sfornito di acqua calda. Allora chiariamo questi tre aspetti uno per uno.


Scaldabagno rotto in casa in affitto e rapporti con il condominio


Lo scaldabagno rotto nell’appartamento dato in locazione è un problema da risolvere con il condominio?

No, perché si tratta di un impianto in dotazione del’abitazione.

Secondo quanto riportato dal nostro utente, l’amministratore - non è specificato, ma dovrebbe trattarsi dell’amministratore del condominio - nega che spetti a lui occuparsi della questione con la motivazione, da quanto si deduce, che non si tratta di un bene condominiale.

Scaldabagno
Aggiungiamo che in ogni caso, anche ove l’impianto sia condominiale, la parte che è situata nell’ambito dell’appartamento è del singolo proprietario e non del condominio e quindi spetta a lui la manutenzione. In ogni caso, ricordiamo che, salvo aspetti specifici (che riguardano il diritto di partecipazione e, in alcuni casi, di voto in assemblea), il conduttore non ha un rapporto diretto con il condominio.

Infatti, il referente per il condominio è il proprietario dell’immobile.

Quindi, in ogni caso il conduttore avrebbe dovuto rivolgersi al locatore , il quale, a sua volta si sarebbe rivolto, se si fosse trattato di un problema riguardante un bene comune, al condominio e quindi all’amministratore, dove esistente.


A chi spetta la manutenzione dello scaldabagno nella locazione?


Ciò, nel caso in cui l’intervento spetti al locatore, perchè in effetti alcune attività di manutenzione dell'immobile spettano al conduttore.

E passiamo così al secondo quesito posto dall’utente.
Se la casa non è ammobiliata, il conduttore deve occuparsi della manutenzione del boiler?

Il contratto di locazione è descritto dal codice civile (che lo disciplina agli artt. 1571 e ss.).

In particolare, l'art. 1571 lo descrive come il contratto con cui una parte si impegna a far godere all’altra un bene mobile o immobile per un certo periodo dietro un determinato corrispettivo.

Spese casa in locazione
Rientra tra gli obblighi del locatore quello di consegnare la cosa in buon stato manutentivo e mantenerla in stato tale da servire all’uso pattuito, mentre al conduttore spettano gli interventi di piccola manutenzione e sui beni mobili locati.

Secondo l’art. 1609 del codice civile gli interventi di piccola manutenzione sono quelli dipendenti da deterioramenti prodotti dall'uso ma non quelli dipendenti da vetustà o da caso fortuito; le riparazioni in assenza di patto sono individuate dagli usi locali.

Il conduttore, inoltre, al momento della riconsegna, non risponde del deterioramento o del consumo del bene dovuto all'uso, se conforme al contratto.

Dunque, ne dobbiamo dedurre, secondo chi scrive, che l’inquilino appena immesso in casa non è tenuto alla manutenzione dello scaldabagno, dato l'obbligo del locatore di consegnare il bene in un determinato stato; a maggior ragione, se la soluzione è la sostituzione dell’impianto, o comunque una manutenzione di carattere straordinario, che spetterà in ogni caso al locatore (come d’altronde prevede anche la tabella per il riparto delle spese nelle locazioni a canone agevolato, transitorie e per studenti universitari di cui al DM 16.01.2017); il tutto, salvo che non emerga che il problema dipende dal conduttore.

Sembra altresì difficile che la dotazione dello scaldabagno possa essere esclusa dagli obblighi del locatore solo perché l’immobile viene locato non ammobiliato, salvo che sia chiaro tra le parti che lo scaldabagno è proprio assente o le parti prevedano qualcosa a contratto; ma se il locatore consegna l’immobile con dentro uno scaldabagno che non funziona, secondo chi scrive, non può concludersi che il conduttore debba accollarsene la manutenzione o la sostituzione: fosse così, il locatore dovrebbe almeno curarsi dello smaltimento del bene, che è, anche quello, un costo.

Infatti, resta la norma generale per cui l’immobile dev’essere consegnato in buon stato manutentivo e manutenuto in stato tale da servire all’uso pattuito e che il conduttore sia tenuto alla riparazione per quanto derivi dall'uso o comunque da un suo comportamento.

E veniamo così all’ultimo quesito, collegato al precedente: è possibile locare un immobile senza acqua calda?


Si può locare un immobile senza acqua calda?



Si tratta pur sempre di un immobile locato per un uso abitativo e quindi richiede l’utilizzo dell’acqua calda.

Da quanto sin qui detto, secondo chi scrive, la questione sarebbe problematica se l’immobile locato fosse senza acqua o se l’assenza di acqua calda derivasse da difetti o lacune strutturali dell’immobile.

Ma, se le parti convengono che l’immobile è locato senza scaldabagno, ciò è possibile.

Se le parti nulla convengono, potrebbe in effetti ipotizzarsi un’anomalia.

Se viene dunque stipulato un contratto di locazione ad uso abitativo, va da sé che il conduttore si aspetti che vi sia l’uso dell’acqua calda e che funzioni l’impianto.

In generale poi è bene che al momento della consegna delle chiavi o della visita dell’immobile lo si valuti con attenzione e si verbalizzi gli elementi necessari; infatti, se al momento della consegna la cosa è affetta da vizi che ne diminuiscono in modo apprezzabile l’idoneità all’uso, il conduttore può chiedere la risoluzione del contratto o la riduzione del corrispetttivo, salvo che i vizi fossero da lui conociuti o facilmente riconoscibili.

In ogni caso, è sempre bene leggere cosa prevede il contratto perché, se è vero che alcune condizioni contrattuali sono illecite, e dunque anche se sottoscritte sono invalide, molte altre sono invece valide, in nome del principio della autonomia contrattuale delle parti.

In ogni caso, il patto con cui si esonera il locatore dalle responsabilità per i vizi della cosa non ha effetto, se il locatore li ha in mala fede taciuti o se i vizi sono tali da rendere impossibile il godimento della cosa.

Bisogna poi sempre badare alla specificità del caso concreto.

Infine, è certamente consigliabile risolvere la questione in via pacifica e non davanti a un giudice; i motivi sono vari: sappiamo quanto sia costoso e lungo un giudizio, a fronte spesso in questa materia di liti dal valore esiguo; la stessa legge impone poi prima di iniziare la causa in materia di locazione un tentativo di mediazione, che altro non è che tentare di risolvere la questione in via stragiudiziale; infine, in questa materia ancor più che in altre, l'esito del giudizio (ad es. proprio nella materia delle manutenzioni) è tutt'altro che scontato.

riproduzione riservata
Articolo: Casa in affitto e scaldabagno fuori uso
Valutazione: 5.25 / 6 basato su 4 voti.

Casa in affitto e scaldabagno fuori uso: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
314.361 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.40
  • Zanzariera VELUX
    Zanzariera velux...
    131.00
Notizie che trattano Casa in affitto e scaldabagno fuori uso che potrebbero interessarti


Allacci Scaldabagno

Impianti idraulici - La maggior parte degli scaldabagni funzionano con gas metano e propano liquido in ogni caso occorre verificare la correttezza degli allacci idrici ed elettrici.

Anomalie Scaldabagno

Impianti idraulici - Il quadretto comandi di uno scaldabagno è caratterizzato generalmente da un led di colore giallo e uno di colore rosso, le loro combinazioni ne individuano lo stato.

Installazione Scaldabagno fai da te

Idee fai da te - Le operazioni per installare uno scaldabagno elettrico, per la produzione di acs, devono prediligere la sicurezza e rispettare le indicazioni delle case costruttrici.

Manutenzione dello scaldabagno

Impianti idraulici - La manutenzione dello scaldabagno è un'operazione da effettuare periodicamente per mantenere il corretto funzionamento dell'apparecchio e garantire la sicurezza.

Mancanza acqua calda

Impianti idraulici - Manca l'acqua calda sanitaria quando lo scaldabagno non funziona bene, il motivo più comune di ciò è l'intasamento da calcare della resistenza elettrica.

Se il riscaldamento non funziona si può avere una riduzione dell'affitto?

Affittare casa - Quali sono le contromisure che un conduttore può adottare se il riscaldamento dell'abitazione non funziona? Può ridurre o sospendere il pagamento del canone?

Anomalie di uno scaldino a gas o fotovoltaico

Impianti idraulici - Un'anomalia per uno scaldabagno richiede l'intervento di un tecnico abilitato, i moderni scaldabagni possono essere a pompa di calore e sfruttare il fotovoltaico.

Lo Scaldabagno

Impianti idraulici - Lo scaldabagno è ancora un elettrodomestico molto diffuso per la produzione di acqua calda sanitaria per la cui installazione vanno seguite precise norme.

Sistemazione del bagno: chi paga le spese di riparazione, il locatore o il locatario?

Affittare casa - Nell'ambito della locazione, le due parti hanno precisi obblighi in relazione alle riparazioni sebbene l'applicazione pratica delle norme non sempre è semplice.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img arcangelo.calo
Salveil mio contratto di locazione scade il 1° luglio 09, a quale indice Istat dovrei aggiornarlo giugno o luglio (che non è ancora stato pubblicati) e qual'è il...
arcangelo.calo 28 Giugno 2009 ore 16:37 1
Img gabrielee
Spiego il più brevemente e chiaramente possibile la situazione. Entro nell'appartamento sabato 1/2/2020. Mi accorgo subito la sera stessa che il citofono non funziona.
gabrielee 20 Marzo 2020 ore 14:30 1
Img vicky
Buongiorno a tutti,avrei bisogno di un vostro consiglio in quanto mi trovo in una situazione di stallo con i lavori di manutenzione del mio appartamento.Trattasi un appartamento...
vicky 03 Ottobre 2008 ore 12:29 3
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Img nastia2020
Buonasera! Ho due vicini, una al primo piano uno al piano terra.la vicina del primo piano non vuole ripiastrellare e isolare la terrazza in comune fuori dalla casa, circa 60mq...
nastia2020 02 Marzo 2020 ore 18:18 5