Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Doccia rotta in casa in affitto, chi paga?

NEWS Affittare casa25 Dicembre 2018 ore 09:52
Quando in una casa in affitto ci sono problemi di funzionamento della doccia, chi deve pagare le spese riguardanti gli interventi di manutenzione o sostituzione?

Locazione e spese di manutenzione e sistemazione della doccia


La manutenzione delle case in affitto è spesso argomento in grado di creare frizioni e litigi tra locatore e conduttore. Chi paga che cosa se si rompe qualche elemento o accessorio della casa in affitto?

Un caso emblematico è rappresentato dalle riparazioni necessarie con riferimento al bagno e più specificamente alla doccia. Ecco qualche caso concreto.

Doccia malfunzionante
Viviamo in affitto: nei giorni scorsi i miei vicini di casa , quelli che abitano al piano sotto il nostro ci hanno avvisato che abbiamo una perdita in bagno; si tratta di una perdita dalla doccia che va avanti da qualche giorno.
Abbiamo verificato assieme e ci è risultato evidente esserci un problema molto esteso di infiltrazioni. Ora c’è da verificare la causa del danno e quindi pagare il risarcimento: chi dovrà farlo noi o il proprietario?

E ancora: la doccia della casa dove vivo in affitto risulta otturata fin dall’inizio del contratto.
Il locatore ha riconosciuto che io non c’entro e mi ha promesso di sistemare la doccia, ma non fa nulla: come devo comportarmi?

E infine, solo per non dilungarci troppo: si è lesionato il piatto doccia della casa dove abito.
La doccia ha vent’anni, io abito lì da meno di cinque: devo pagare la sostituzione?


Bagni delle case in affitto, rottura della doccia e piccola manutenzione


Il primo aspetto che bisogna tenere a mente quando si affronta l’argomento della rottura della doccia nelle case in affitto è la ripartizione di massima dei costi tra proprietario e inquilino.

Al riguardo ci vengono in aiuto due articoli del codice civile e più nello specifico l’art. 1576 e 1609.

Che cosa dicono queste norme?

La prima citata specifica che nel corso della locazione è onere del locatore eseguire tutte le riparazioni necessarie, eccettuate quelle di piccola manutenzione che sono a carico del conduttore.

L’art. 1609 specifica il concetto di piccola manutenzione menzionato nell’art. 1576 c.c. specificando che con questa locuzione s’intende fare riferimento alle riparazioni dipendenti da deterioramenti prodotti dall'uso, e non a quelle dipendenti da vetustà o da caso fortuito.

Rispetto alla doccia dobbiamo ricordare che esistono due tipologie di componenti, ossia quelli esterni alla muratura, si pensi al tubo flessibile del soffione, al piatto doccia, alla cabina ed elementi interni al muro, quali tubazioni d’adduzione dell’acqua o le tubature di scarico.

La distinzione è fondamentale per l’individuazione di una prima ipotesi di responsabilità.
Come ha specificato la Corte di Cassazione in relazione alle case in affitto, nella categoria delle riparazioni di piccola manutenzione, che il conduttore deve eseguire ai sensi dell’art. 1609 c.c., non rientrano quelle relative agli impianti interni alla struttura dell'immobile (elettrico, idrico, termico) per l'erogazione dei servizi indispensabili al suo godimento (si vedano Cass. 14 marzo 2006, n. 5459; Cass. 22 maggio 2014 n. 11353).

Manutenzione della doccia
Fondamentale, ma non determinante; il perché lo vedremo parlando degli scarichi intasati.
Certo è che un tubo flessibile rotto, quasi sicuramente si sarà rotto per l’uso.
Un tubo flessibile può essere considerato vecchio (la vetustà fa andare la spesa a carico del proprietario) da un inquilino che ha preso da poco la casa in affitto, ma non certamente da quello che ci vive da anni.


Piatto doccia rotto


Un piatto doccia si può lesionare per varie cause, per dire quelle più frequenti:

- perché vi è caduto qualche oggetto;

- per l’assestamento rispetto al luogo di appoggio;

- a causa di una installazione non corretta.

Nel primo caso la spesa per la manutenzione spetta al conduttore, chiaramente se non è stato il proprietario o un precedente conduttore a causa il danno; in queste ultime due ipotesi è sempre il proprietario a dover pagare per il ripristino/sostituzione dell’elemento.

Docciae problematiche relative al calcare
Nelle restanti due ipotesi il costo del ripristino ovvero della sostituzione è in capo al proprietario, salva rivalsa verso il venditore se ci sono gli estremi per l’azione di garanzia.

Se la sostituzione è stata causata da azioni del conduttore e questi due difetti si manifestano dopo l’installazione di un nuovo piatto doccia, allora il conduttore potrà rivalersi verso chi gli ha venduto e/o installato il piatto doccia, salvo dover risponderne in prima persona verso il proprietario.


Doccia malfunzionante per il calcare


Se il problema del malfunzionamento della doccia nelle case in affitto è il calcare, allora la spesa per il ripristino della normale funzionalità sarà quasi certamente di spettanza dell’inquilino.

Perché quasi certamente? Poiché potrebbe anche darsi che una persona abbia preso la casa in affitto da poco tempo e allora i problemi causati dal calcare non potrebbero essergli imputati.

Ad ogni modo, è buona norma, anche in ragione di questi profili di carattere economico giuridico che il conduttore provveda costantemente a un’adeguata pulizia degli elementi della doccia la cui funzionalità possa essere compromessa dall’accumulo di calcare.


Scarichi della doccia intasati


Qui arriviamo a quanto anticipato in relazione alla responsabilità del conduttore con riferimento ai tubi incassati nei muri.

Nessuna responsabilità, dice la Cassazione, perché su quegli elementi degli impianti l’inquilino non ha diretta vigilanza.

Vero, ma ciò non vuol dire che se gli scarichi sono intasati e si rendano necessario, se possibile, un intervento di disostruzione, allora l’inquilino debba essere esonerato da quella spesa.

Forse a un primo e sommario sguardo si concluderà che i danni provenienti da una tubatura in una casa in affitto sono a carico del proprietario e non del conduttore, ma a ben vedere ciò che conta per la individuazione del responsabile è la causa del danno e questa va rintracciata caso per caso.

riproduzione riservata
Articolo: Casa in affitto: chi paga la doccia rotta
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Casa in affitto: chi paga la doccia rotta: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
307.893 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Saint-Gobain ISOVER
  • Kone
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Box doccia cristallo
    Box doccia cristallo...
    2000.00
  • Trasformazione vasca in-doccia.
    Trasformazione vasca in-doccia.
    2300.00
  • Trasforma vasca in doccia per anziani
    Trasforma vasca in doccia per...
    2300.00
  • Trasformazione vasca in doccia roma
    Trasformazione vasca in doccia roma...
    2500.00
  • Sistema di sicurezza domestico wireless
    Sistema di sicurezza domestico...
    111.97
  • Presa intelligente wifi
    Presa intelligente wifi...
    25.99
Notizie che trattano Casa in affitto: chi paga la doccia rotta che potrebbero interessarti


Tende per la doccia in lino

Vasche e docce - Oggi è possibile trattare un materiale naturale come il lino, in maniera tale da renderlo idrorepellente ed adatto all'uso come tenda per doccia in bagno.

Docce che arredano

Bagno - La doccia su misura

Piatti doccia ultraflat

Bagno - Escono sul mercato piatti doccia ultraflat, ultrapiatti e minimali che trasmettono eleganza e maggiore liberta' visiva

La doccia in una nicchia

Vasche e docce - Spesso nell'ambiente bagno i metri quadrati a disposizione sono davvero pochi. E lo spazio per il classico box doccia scarseggia.

Doccia passante

Zona bagno - Come una doccia può essere messa in condivisione fra due bagni adiacenti oppure fra un bagno ed un'altro tipo di stanza, ad esempio una cabina armadio/spogliatoio.

Prima di installare un Box doccia

Bagno - L'installazione di un box doccia in un bagno da ristrutturare può essere una grande comodità: dagli impianti ai materiali vediamo tutto ciò che occorre sapere.

Design e funzionalita' per docce moderne

Bagno - Come realizzare docce a filo pavimento funzionali ed esteticamente valide.

Interfaccia digitale per doccia

Bagno - Con questa interfaccia digitale e una valvola termostatica, la doccia si personalizza con il tocco di un solo pulsante.

Doccia all'aperto

Sistemazione esterna - Con l'arrivo della bella stagione si può cominciare a pensare all'arredo di giardini e terrazzi magari installando una doccia all'aria aperta