Carichi Elettrici in Casa

NEWS DI Impianti19 Gennaio 2012 ore 17:16
Qualsiasi apparecchiatura collegata ad un impianto elettrico, dalla quale trae alimentazione per il suo funzionamento, è considerata un carico elettrico.

Il numero di carichi elettrici che abbiamo in casa può pesare notevolmente sulla bolletta dell'energia elettrica; quest'ultima è determinata dal numero di ore durante le quali i vari carichi assorbono corrente elettrica.

Per carico elettrico si intende un qualsiasi apparecchio che, collegato ad un impianto elettrico, ne assorbe l'energia necessaria al suo funzionamento, generalmente presso il punto di adduzione dell'energia elettrica che è la classica presa a muro.


Rischi dei carichi elettrici


Ogni spina, con il relativo cavo di alimentazione di un elettrodomestico, è dimensionata per assorbire una certa quantità di energia elettrica, sottoforma di corrente e di tensione di alimentazione con un valore massimo di 230 V.

Per tale motivo non si dovrebbe mai sostituire una spina elettrica fornita insieme ad un elettrodomestico, con un'altra, ad esempio sostituire una spina dimensionata per un certo valore di corrente con un'altra compatibile.

In tal modo si potrebbe ricorrere nell'errore banale di sostituire una presa di 10A con una di 16A, compromettendo il corretto funzionamento dell'elettrodomestico e provocando un rischioso surriscaldamento della presa elettrica di adduzione.

La maggior parte degli elettrodomestici che assorbono potenze elettriche significative, non inferiori ad 1 kW, hanno cavi di alimentazione con spine elettriche di 16A.


Prolunghe e multiprese


I rischi sopra descritti diventano non trascurabili nel caso di utilizzo delle prolunghe, per far fronte all'esigenza di avere più punti di erogazione dell'energia elettrica o raggiungere un punto non posizionato in prossimità di una presa.

Un fattore di rischio delle prolunghe è l'utilizzo contemporaneo di tutte le prese disponibili su di esse, le cosidette ciabatte. Il cavo di alimentazione delle prolunghe, infatti, non è in grado di sopportare la corrente assorbita da tutte le prese, se ad ognuna di esse viene collegato un apparecchio elettrico.

Altrettanto rischiose possono essere le diffuse multiprese o ciabatte elettriche, le quali, pur avendo il collegamento a terra nel cavo di alimentazione, non garantiscono che lo stesso raggiunga le prese della ciabatte. Da ciò ne deriva che gli elettrodomestici alimentati, risultano non collegati a terra con le loro parti meccaniche ed eventuali dispersioni di corrente non permettono l'intervento del classico salvavita (dispositivo differenziale di 30 mA), presente in tutti i quadri o centralini elettrici nelle comuni abitazioni.

I maggiori rischi che derivano dall'utilizzo delle prolunghe sono legati proprio alla loro lunghezza. È una buona norma utilizzare delle prolunghe che non abbiamo una lunghezza superiore a due o tre metri.

Infatti, con la lunghezza di una prolunga aumenta proporzionalmente il valore della resistenza offerta al passaggio della corrente in essa. Tenendo conto che il calore prodotto da un corpo attraversato da corrente è a sua volta proporzionale al prodotto del quadrato della corrente (valore efficacie) per il valore della resistenza, ne deriva che anche un piccolo valore di corrente può produrre in una prolunga molto lunga un eccessivo riscaldamento della stessa prolunga.

riproduzione riservata
Articolo: Carichi Elettrici in Casa
Valutazione: 4.75 / 6 basato su 4 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Carichi Elettrici in Casa: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Francopennisi
    Francopennisi
    Domenica 23 Marzo 2014, alle ore 19:45
    Salve Ing.Granato,Perchè sostituire una presa di 10 A con una di 16 A, sarebbe un errore banale e comprometterebbe il corretto funzionamento dell?elettrodomestico, provocando un rischioso surriscaldamento della presa elettrica di adduzione? L'errore banale non dovrebbe essere quando succede il contrario e ovvero sostituire una presa di 16 A con una di 10 A? Grazie e cordiali saluti
    rispondi al commento
    • Ing.granato
      Ing.granato Francopennisi
      Domenica 23 Marzo 2014, alle ore 22:52
      Salve, a monte della presa di 10A potrei avere cavi e protezione che potrebbero non essere idonei ad assorbimenti maggiori.
      rispondi al commento
      • Francopennisi
        Francopennisi Ing.granato
        Lunedì 24 Marzo 2014, alle ore 12:41
        Grazie per la risposta,ho pensato solo alla corrente elettrica che dalla rete attraverso la presa alimentava un carico senza considerare l'assorbimento di quest'ultimo. Quindi se ho ben ho capito, lo stesso problema si pone anche quando sostituisco un componente delle rete o di un elettrodomestico con uno con caratteristiche elettriche inferiori. ES. un cavo di alimentazione che dovrebbe supportare una 16A con uno da 10A? E' corretto?
        rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Carichi Elettrici in Casa che potrebbero interessarti
Cavi elettrici in casa

Cavi elettrici in casa

Semplici osservazioni e salde conoscenze di base possono farci capire i principi e le modalità con cui è stato realizzato l'impianto elettrico di casa.
Cercare guasto impianto elelttrico

Cercare guasto impianto elelttrico

L'intervento delle protezioni automatiche in un impianto elettrico può essere provocata dalla presenza di un guasto all'impianto stesso o ad un'apparecchiatura.
Casa Evoluta

Casa Evoluta

Per casa evoluta si intende, secondo la variante V3 della norma CEI 64-8, una casa con specifiche funzionalità  che forniscono elevati livelli di comfort.
CEI 64-8 V3 Impianti Residenziali

CEI 64-8 V3 Impianti Residenziali

Da Settembre 2011 e' in vigore la variante V3 alla Norma tecnica CEI 64-8: Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1.000 V in corrente alternata e a 1.500 V in corrente continua.
Fasi realizzazione impianto elettrico

Fasi realizzazione impianto elettrico

La realizzazione dell'impianto elettrico in una casa si effettua di regola dopo la realizzazione degli impianti idrici e prima degli impianti di climatizzazione.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.203 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Cucina monoblocco completa
    Cucina monoblocco completa...
    1265.00
  • Scooter elettrici per anziani e disabili
    Scooter elettrici per anziani e...
    1.00
  • Battiscopa passacavi smiletop
    Battiscopa passacavi smiletop...
    9.50
  • Ristrutturazione cucina Milano e dintorni
    Ristrutturazione cucina milano e...
    3500.00
  • Gres in massa colorata .3WOOD
    Gres in massa colorata .3wood...
    65.00
  • Trumeau antico
    Trumeau antico...
    5625.00
  • Marmo calacatta grigio oro Carrara
    Marmo calacatta grigio oro carrara...
    80.00
  • Abbeveratoio a livello costante con serbatoio da
    Abbeveratoio a livello costante...
    25.01
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.