Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Come avviene la tassazione del canone di locazione ridotto per migliorie?

Se il proprietario dà uno sconto sull'affitto in cambio di lavori di miglioria sull'immobile, deve dichiarare al Fisco l'intero canone o solo quanto percepito?
13 Aprile 2021 ore 11:44 - NEWS Affittare casa

Le migliorie nel contratto di locazione


Costituisce pratica assai diffusa, soprattutto nelle locazioni immobiliari a uso abitativo, che il proprietario di un immobile accordi uno sconto del canone di affitto a favore dell’inquilino, ottenendo in cambio la ristrutturazione dell’appartamento o l’esecuzione di migliorie.

Migliorie contratto locazione
Da un punto di vista fiscale la variazione del Canone di locazione assume rilevanza?

La risposta è sì. Proviamo a capire in che termini.


Consegna dell’immobile concesso in locazione


Come noto, una delle principali obbligazioni dell’affittuario, oltre alla corresponsione del canone di locazione, consiste nell’obbligo di consegna dell’immobile nelle stesse condizioni (salvo il normale deterioramento dovuto all’utilizzo nel tempo) in cui si trovava prima della locazione.

Ciò nondimeno, il codice civile prevede, e dunque legittima, una serie di azioni e comportamenti dell’inquilino finalizzate a migliorare o innovare l’immobile oggetto di contratto di affitto.

Migliorare il contratto d'affitto
Tali modifiche devono essere concordate con il proprietario per evitare spiacevoli situazioni al termine della locazione, ovverosia al momento della restituzione dell’immobile, che in alcuni casi possono giustificare la richiesta si risarcimento da parte del proprietario.

In linea generale, gli eventuali interventi dell’inquilino non devono alterare lo stato della cosa locata, né da un punto di vista funzionale o strutturale né inerente il decoro.


Migliorie, addizioni e trasformazioni nel contratto di locazione


La definizione di miglioria è stata coniata dalla giurisprudenza, la quale ha individuato nel miglioramento, le opere che con sistemazioni diverse apportano all’immobile un aumento di valore, accrescendone in modo durevole il godimento, la produttività e la redditività (in tale senso, Cass., 14 luglio 2004, n. 13070; Cass., 14 maggio 1998, n. 4871).

Opere miglioria locazione
L’opera di miglioramento è differente dalla trasformazione che presuppone una attività preordinata ad alterare, da un punto di vista anche strutturale, il bene cui si riferisce, al fine di renderlo sostanzialmente diverso rispetto a quello originariamente locato, ovvero da mutarne la natura.

Ulteriore necessaria distinzione riguarda le addizioni, disciplinate dall’art. 1593 c.c. che consistono in opere che si aggiungono al bene concesso in locazione da cui sono facilmente distinguibili e in alcuni casi separabili.


Conduttore nel contratto di affitto: deve corrispondere un'indennità all’inquilino per migliorie?


Effettuata tale preliminare distinzione fra miglioria, addizione e trasformazione, veniamo ora ad analizzare cosa accade se nell’ambito di un contratto di locazione siano eseguite opere di miglioria.

Occorre precisare come, per espressa previsione normativa dell’art. 1593 c.c., l’affittuario non ha diritto a una indennità per i miglioramenti apportati all’immobile locato.

Un eventuale riconoscimento dell’indennità a favore dell’inquilino deve essere previamente accordata dal proprietario e corrisponde alla minor somma tra l’importo della spesa e il valore del risultato utile al tempo della riconsegna.

Ulteriore modalità per indennizzare il conduttore potrebbe essere quella di compensare i deterioramenti all’immobile locato, purché verificatisi senza colpa grave, con i miglioramenti.


La tassazione del canone di locazione ridotto


Quanto sopra è espressamente previsto dalla legge e disciplinato all’art. 1593 c.c.

È possibile, tuttavia, che nella pratica immobiliare il conduttore impegnatosi a realizzare le migliorie sull’immobile locato sia ripagato con una riduzione del canone di locazione.

Facciamo un esempio. Supponiamo di avere un contratto di locazione in cui è indicato un canone pari a 600 €. Supponiamo ancora che le parti si accordino in favore di una riduzione, per alcune mensilità, della quota pari 400 €.

Tale riduzione è calcolata come controprestazione dei lavori di ristrutturazione eseguiti dall’affittuario quali, a esempio, la sostituzione degli apparecchi igienico-sanitari con altri più nuovi e più funzionali, o ancora, l’installazione di una porta blindata.

Calcolo imposta locazione
In questo caso, il proprietario dell’immobile dovrà dichiarare al Fisco il canone di locazione integrale o quello scontato?

In altri termini, ai fini fiscali, in sede di calcolo dell’Irpef concorre tutto il canone pattuito in origine nel contrattoo quello scontato?

La risposta non è così immediata.

Per rispondere ai suddetti quesiti, occorre operare un netto distinguo.

Miglioria permanente all’immobile dato in locazione


Se la miglioria si traduce in un vantaggio permanente all’immobile locato di cui, pertanto, anche il proprietario può usufruirne al termine dell’affitto, in tale caso, questi è tenuto a dichiarare al Fisco il canone di locazione integrale, dichiarato nel contratto di locazione.

Migliorie permanenti all'immobile
Nel nostro esempio, bisogna dichiarare 600€, indipendentemente dalla effettiva percezione di una quota di canone ridotta di 400 €, quale controprestazione dell’intervento di miglioria, realizzato dal conduttore.

Miglioria che apporta un beneficio per il solo affittuario dell’immobile in locazione


Situazione opposta si verifica allorquando la miglioria, realizzata dal conduttore non comporta un vantaggio per il proprietario, ma per il solo inquilino durante il corso della locazione.

In questo caso, la riduzione del canone di locazione non può ritenersi compensata dalla ristrutturazione o del lavoro di miglioria, non potendo il proprietario usufruirne al termine della locazione.

Il locatore dovrà dichiarare al Fisco il canone di locazione effettivamente percepito e, pertanto, versare le relative imposte sui redditi calcolate sulla sola quota di locazione ridotta.


L’accordo con riduzione del canone di locazione deve essere registrato?


La risposta a questo interrogativo è no!

Non vi è l’obbligo di provvedere alla registrazione dell’accordo di riduzione del canone se, è bene precisare, la modifica riguarda solo ed esclusivamente l’ammontare della quota concordata per il godimento dell’unità immobiliare.

La variazione del quantum del canone non comporta una modifica sostanziale del contratto di locazione, non determina una novazione del contratto di locazione con successiva costituzione di un nuovo rapporto giuridico.



Ne consegue che, nei confronti dell’Amministrazione finanziaria, non sussiste alcun obbligo di registrazione del nuovo accordo avente a oggetto la riduzione del canone di locazione, così come indicato nel negozio giuridico registrato.

riproduzione riservata
Articolo: Canone di locazione: tassazione scontata per migliorie
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Canone di locazione: tassazione scontata per migliorie: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
329.208 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Canone di locazione: tassazione scontata per migliorie che potrebbero interessarti


Affitto: non sono dovuti i lavori di tinteggiatura a fine locazione

Affittare casa - Quando si lascia la casa in affitto l'inquilino non è obbligato a tinteggiare le pareti. Lo dice la Corte di cassazione con la recente sentenza n. 29329 del 2019

Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Affittare casa - In caso di contratto di locazione a canone concordato non assistito, per le agevolazioni fiscali è necessaria l'attestazione delle organizzazioni di categoria.

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Agevolazioni fiscali per i proprietari che affittano

Affittare casa - Il reddito della locazione, viene tassato in maniera differente a seconda del tipo di contratto e anche per i proprietari vi sono delle agevolazioni fiscali.

Nuovo modello RLI per la registrazione e la rinegoziazione del canone d'affitto

Affittare casa - Dal 1° settembre obbligatorio l'uso di un nuovo modello RLI per la registrazione contratti di locazione immobiliari e per la richiesta revisione canone d'affitto.

Come registrare il contratto di locazione

Affittare casa - Tutta la procedura da seguire, le tasse da pagare e l'opzione alla cedolare secca per la registrazione del contratto di locazione di immobili ad uso abitativo.

Successione nel contratto di locazione

Affittare casa - Il contratto di locazione, come quasi tutti i contratti, vincola solamente le parti che lo sottoscrivono, ma la legge prevede delle eccezioni a questo principio.

Locazione: nulli i canoni pattuiti in nero

Fisco casa - Nulla la scrittura privata successiva al contratto che stabilisce un canone di locazione più alto per evadere le tasse(Cassazione, sent.n°18213 del 17/09/2015).

Appartamento in affitto

Normative - Il contratto di locazione e' soggetto ad una serie di norme finalizzate, di volta in volta, a disciplinarne durata, misura del canone e diritti e obblighi delle parti.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 23 Luglio 2020 ore 16:37 6
Img maurizio35
Buongiorno, un mio inquilino mi ha richiesto la riduzione del canone di locazione di immobile privato (contratto già a cedolare secca). Ci siamo accordati per una...
maurizio35 17 Aprile 2020 ore 16:13 3
Img elaran
Abbiamo dato mandato ad un agenzia per la vendita di una vecchia casa dopo mesi infruttuosi abbiamo deciso di dare in affitto alcuni locali dell'edificio per minimizzare i costi...
elaran 12 Giugno 2018 ore 21:32 5
Img maurizio35
Caso: Posso stipulare entro il 20 giugno un contratto di locazione "canone concordato" con decorrenza 1 agosto p.v.? Evidentemente procederò alla registrazione entro 30...
maurizio35 08 Giugno 2018 ore 16:12 1
Img maurizio35
Buongiorno a tutti. Nello scorso mese di settembre ho stipulato, in quanto locatore, contratto a canone concordato(3+2), con tre conduttori. Nello scorso mese di gennaio ricevo...
maurizio35 29 Aprile 2018 ore 10:49 3