Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Chi paga il canone di locazione in caso di separazione

In caso di separazione, qualora la casa coniugale sia in affitto, chi paga i canoni di locazione? Il Giudice decide in base alla condizione economica dei coniugi
02 Novembre 2020 ore 13:38 - NEWS Affittare casa

Separazione e pagamento dell'affitto della casa coniugale


Quando ci si appresta a iniziare una causa di separazione o di divorzio, uno degli aspetti economici che maggiormente preoccupa i coniugi riguarda le spese per l’affitto della casa coniugale. L’assegnazione della casa all’interno della quale si è vissuta la vita matrimoniale unitamente all'attribuzione delle spese a essa connesse, acquisiscono un ruolo prioritario e costituiscono uno degli aspetti più critici delle separazioni.

Spesso accade infatti che la moglie, oltre al mantenimento pretenda dall’ex-coniuge il versamento di un assegno mensile pari al costo sostenuto per pagare il canone di locazione.

Sul punto sorgono spesso dubbi poiché la legge, nell’attribuire la casa coniugale al coniuge cui spetta l'accudimento dei figli, non precisa a chi spetti il pagamento delle spese per l’affitto qualora la casa sia in locazione .

Locazione separazione coniugi
Una domanda che ci si pone è: il contratto di locazione, ad esempio intestato al marito, viene trasferito in capo alla moglie alla quale viene assegnata la residenza coniugale?

Ebbene sì, sarà la madre che vive nella casa con i figli a dover farsi carico dei costi della locazione. Ma non sempre è così perché ci sono dei casi in cui sarà sempre il marito a dover sobbarcarsi le spese per la locazione.

Vediamo quale sia la posizione dei Giudici al riguardo


Assegnazione della casa coniugale


In caso di separazione o divorzio un principio dal quale non si può prescindere è che la casa coniugale dove gli sposi hanno vissuto durante la vita matrimoniale viene assegnata alla madre ove vi siano figli minori o maggiorenni non autosufficienti economicamente.

Ciò accade per evitare che i figli siano costretti a un trasloco presso altra abitazione, con effetti negativi sull’equilibrio psichico emotivo. La scelta non è effettuata a sostegno economico dell’ex moglie ma unicamente a tutela dei figli per i quali è preferibile il mantenimento del proprio habitat domestico.

Canoni locazione ex coniuge
A questa conclusione si giunge sia che l’abitazione appartenga a uno solo dei coniugi, ad esempio il marito, oppure nel caso in cui quest’ultimo abbia stipulato un contratto di affitto .
Ricordiamo, infatti, che la casa coniugale può appartenere a entrambi oppure a uno solo dei coniugi così come può essere data in prestito, per generosità dei genitori, oppure in affitto da un terzo.

La casa coniugale si definisce come il luogo in cui abitualmente vive il nucleo familiare e dove tutti i suoi componenti svolgono le normali attività quotidiane, il luogo di affetti e degli interessi familiari.

Quando il giudice si pronuncia sull’assegnazione dell’immobile che funge da residenza familiare, vi include anche le pertinenze, i mobili, gli elettrodomestici e gli elementi di arredo.


Casa in affitto: a chi viene assegnata e chi paga il canone?


Le regole sopra evidenziate nell'interesse della prole, vengono applicate dal giudice (qualora la ex coppia non trovi un accordo su tali aspetti) nel caso in cui l’immobile in questione sia stato preso in affitto. Il contratto di locazione proseguirà fino alla sua naturale scadenza in capo al coniuge al quale è stata assegnata la casa coniugale.

L’intestatario sarà il soggetto al quale sono stati riconosciuti i figli e il diritto di abitazione sull’immobile preso in affitto.


Nei rapporti con il locatore continueranno a valere le normali regole proprie del contratto di locazione in tema di disdetta o rinnovo.

Tutto ciò premesso, la domanda alla quale più interessa dare una risposta è quella relativa al pagamento del canone di locazione. Per dare una risposta si deve fare riferimento a quella che è la disciplina nel caso in cui l'abitazione sia di proprietà del marito.

Nella fattispecie, trova applicazione la regola in base alla quale le spese di ordinaria amministrazione e gestione dell’abitazione spettano al coniuge assegnatario.

Si pensi alle spese del condominio o per le utenze di luce, gas, acqua e alla tassa dello smaltimento dei rifiuti. In questo caso, nella determinazione dell’assegno di mantenimento solitamente il giudice terrà conto del fatto che il marito sarà costretto a cercare altra abitazione.

Ma chi paga il canone dell'affitto se la casa non appartiene a nessuno dei due coniugi?

Il marito, precedente intestario del contratto, dovrà continuare a versare i canoni di locazione?

La risposta è negativa. Nessuna norma impone all’ex coniuge di continuare a versare il canone di locazione. Tuttavia, Il giudice, tenendo conto delle sue capacità economiche, potrà considerare l’importo a carico dell’ex-marito, sommandolo all’ordinario mantenimento.
Sarà pertanto necessario tener conto dell’effettive risorse e capacità economica della moglie.

Poniamo il caso di una casalinga che si avvicini ai cinquant’anni, che si sia sempre dedicata esclusivamente alla cura dei figli e della famiglia; la donna non sarà probabilmente in grado di trovare un’occupazione e di provvedere al pagamento dei canoni di locazione.

In questa circostanza sarà il marito a dover provvedere al pagamento dell’affitto per l’immobile assegnato all’ex coniuge.

Canone affitto separazione
L’assegno di mantenimento, comprensivo dei costi del canone, è volto a riequilibrare la situazione economica della coppia dove lei aveva rinunciato a una propria indipendenza economica.

Questa impostazione è stata assunta dalla Corte di Cassazione con sentenza n. 18287 del 2018 emessa a Sezioni Unite.

Si ricorda che il riconoscimento dell'assegno di mantenimento a favore della moglie implica l'accertamento dell'inadeguatezza dei mezzi economici da parte dell'ex coniuge e la sua impossibilità a procurarseli in senso oggettivo.

L'assegno di mantenimento svolge altresì un ruolo riequilibratore del reddito degli ex coniugi pur non ponendosi l'obiettivo di ricostituire il tenore di vita goduto durante il matrimonio.

Esso rappresenta il riconoscimento dato dal Giudice al ruolo e al contributo fornito dall'ex coniuge economicamente più debole al patrimonio della famiglia e a quello personale dei coniugi.

riproduzione riservata
Articolo: Canone di locazione: chi paga in caso di separazione
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Canone di locazione: chi paga in caso di separazione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.398 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Canone di locazione: chi paga in caso di separazione che potrebbero interessarti


Successione nel contratto di locazione

Affittare casa - Il contratto di locazione, come quasi tutti i contratti, vincola solamente le parti che lo sottoscrivono, ma la legge prevede delle eccezioni a questo principio.

Affitto: non sono dovuti i lavori di tinteggiatura a fine locazione

Affittare casa - Quando si lascia la casa in affitto l'inquilino non è obbligato a tinteggiare le pareti. Lo dice la Corte di cassazione con la recente sentenza n. 29329 del 2019

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Registrare un contratto d'affitto

Affittare casa - I contratti di locazione, fatta eccezione per quelli di durata inferiore ai 30 giorni vanno tutti registrati e depositati presso l'ufficio dei registri immobiliari entro e non oltre i venti giorni che seguono la stipula del contratto.

Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Affittare casa - In caso di contratto di locazione a canone concordato non assistito, per le agevolazioni fiscali è necessaria l'attestazione delle organizzazioni di categoria.

Agevolazioni fiscali per i proprietari che affittano

Affittare casa - Il reddito della locazione, viene tassato in maniera differente a seconda del tipo di contratto e anche per i proprietari vi sono delle agevolazioni fiscali.

Contratto d'affitto e proroga imposta di registro in Decreto Cura Italia: come funziona?

Affittare casa - Quando è possibile prorogare il pagamento dell'imposta di registro a fronte di un contratto di affitto o comodato di immobile. Ecco i chiarimenti del Fisco sul tema

Risoluzione del contratto di locazione: obbligatoria la registrazione

Leggi e Normative Tecniche - La risoluzione del contratto di locazione deve essere registrata. Lo afferma la CTP di Milano che condanna un contribuente per aver tardivamente versato l'imposta

Locazione: contratto nullo in caso di mancata registrazione

Affittare casa - In caso di mancata registrazione di un contratto di locazione di immobile a uso abitativo, si prevede la nullità dello stesso contratto come ha precisato la Cassazione.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lucav22
Salve a tutti, volevo sapere se io (conduttore) potessi chiedere la restituzione dei canoni versati per un immobile ad uso abitativo tramite contratto di locazione non registrato...
lucav22 24 Maggio 2020 ore 23:07 12
Img elli06
Ho aperto un topic tre gg fa per chiedere consiglio sulla mia situazione, l'intolletabilitá di rumori di acqua ogni qual volta i nuovi vicini del piano di sopra usano...
elli06 03 Settembre 2019 ore 17:29 4
Img maurizio35
Caso: Posso stipulare entro il 20 giugno un contratto di locazione "canone concordato" con decorrenza 1 agosto p.v.? Evidentemente procederò alla registrazione entro 30...
maurizio35 08 Giugno 2018 ore 16:12 1
Img jirobatu
Buongiorno,  il 28/07/2010 ho stipulato un contratto d'affitto ad uso abitativo 4+4. Nel contratto che ho firmato trovo scritto quanto segue: Recesso anticipato: La parte...
jirobatu 23 Febbraio 2018 ore 14:56 2
Img taniaveganrodella
Salve a tutti, vorrei chiedere un parere sull'intervento di ristrutturazione che intenderei fare nella casa dei miei. Premetto che la casa in questione è una...
taniaveganrodella 22 Ottobre 2017 ore 14:24 2