Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Canne fumarie, distanze dal confine e problemi condominiali

NEWS Parti comuni21 Marzo 2013 ore 12:59
Le canne fumarie necessarie all'evacuazione dei fumi derivanti dal funzionamento degli impianti di riscaldamento devono essere portate sopra il colmo del tetto.

La canna fumaria è uno dei sistemi di evacuazione dei fumi prodotti per la combustione.

Canna fumariaA dire il vero la canna fumaria è quell'elemento di un qualsiasi impianto che necessita di uno scarico dei fumi.

La cappa della cucina, per fornire un esempio, dev'essere collegata ad una canna fumaria che consenta lo scarico dei fumi prodotti.

Installare una canna fumaria, specie se non si vive in un'abitazione isolata ma magari in una villetta unifamiliare strettamente confinante o in un condominio, è operazione che dev'essere eseguita rispettando alcune specifiche norme. Vediamo quali.


Altezza della canna fumaria


La prima questione riguarda l'altezza alla quale dev'essere portata la canna fumaria.

Ce lo dice il d.p.r. n. 412/1993 e più nello specifico il comma 9 dell'art. 5, che recita:

Gli impianti termici siti negli edifici costituiti da più unità immobiliari devono essere collegati ad appositi camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei prodotti di combustione, con sbocco sopra il tetto dell'edificio alla quota prescritta dalla regolamentazione tecnica vigente, fatto salvo quanto previsto dal periodo seguente.
Qualora si installino generatori di calore a gas a condensazione che, per valori di prestazione energetica e di emissioni nei prodotti della combustione, appartengano alla classe ad alta efficienza energetica, più efficiente e meno inquinante, prevista dalla pertinente norma tecnica di prodotto UNI EN 297 e/o UNI EN 483 e/o UNI EN 15502, il posizionamento dei terminali di tiraggio avviene in conformità alla vigente norma tecnica UNI 7129 e successive integrazioni
.

Quindi la prima indicazione di massima ritraibile dalla norma è che la canna fumaria debba sempre essere portata sopra il tetto.

Rispetto alla formulazione originaria della norma, infatti, è sparito il riferimento alla deroga per gli impianti già esistenti alla data di entrata in vigore del D.P.R. e quindi per gli interventi di mera sostituzione.

Resta la possibilità di scarico a parete (questo dice l'ultimo periodo della norma citata con riferimento alla normativa UNI 7129) per le caldaie a condensazione.Canne fumarie

In questo contesto bisogna distinguere le canne fumarie, di impianti termici alimentati a combustibile liquido o solido, da quelle di impianti termici alimentati a combustibile gassoso.

Le prime devono essere realizzate (per quanto attiene sezioni, altezze, distanze da edifici vicini ed ogni altro aspetto costruttivo) in conformità alle prescrizioni contenute nella legge n. 615 del 1966 oltre che delle norme UNI-CIG 7129.

Le canne fumarie di impianti a gas devono essere realizzate in conformità alle norme UNI-CIG 7129; nello specifico per ciò che concerne l'altezza della canna fumaria rispetto alla quota di sbocco sulla copertura, si applicano le disposizioni citate nelle norme UNI-CIG 7129 al punto 4.3.3.

In relazione all'altezza, inoltre, è sempre bene consultare che cosa è stabilito dal regolamento edilizio locale del Comune nel quale l'immobile è ubicato.


Canne fumarie e distanze in condominio


Innanzitutto bisogna specificare che la canna fumaria non dev'essere considerata una costruzione.

Ciò, almeno, secondo la Cassazione, la quale ha affermato che vi è difficoltà di concepire una canna fumaria (nella specie un tubo in metallo) come costruzione ai sensi dell'art. 907 cc, trattandosi di manufatto che costituisce un semplice accessorio di un impianto (nella specie forno), facente parte di una unità immobiliare di proprietà esclusiva, collocato non nel fondo adiacente a quello del condomino che ne denunzia la illegittimità, ma nello spazio non condominiale .

Sembra più corretto valutare la legittimità dell'opera in funzione non dell'art. 907 c.c. ma del principio desumibile dall'art 1102 c.c., secondo cui, come dedotto, ciascun partecipante può servirsi della cosa comune purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso (Cass. 23 febbraio 2012 n. 2741).

In questo contesto, è sempre la giurisprudenza a parlare, l'appoggio di una canna fumaria al muro comune perimetrale di un edificio condominiale individua una modifica della cosa comune conforme alla destinazione della stessa che ciascun condomino può apportare a sua cura e spese, ma a condizione che, tra l'altro, non alteri il decoro architettonico , fenomeno - quest'ultimo - che si verifica non già quando si mutano le originarie linee architettoniche, ma quando la nuova opera si rifletta negativamente sull'insieme dell'armonico aspetto dello stabile (Trib. Busto Arsizio 8 aprile 2011).

È evidente che siccome la canna fumaria dev'essere portata sopra il tetto, la distanza dalle abitazioni dei vicini ha valore solamente in relazione all'uso delle cose comuni e non per ciò che concerne gli scarichi dei fumi.

E per quelle fattispecie in cui non v'era l'obbligo?

Ad avviso di chi scrive siccome la normativa è cambiata, ad oggi è possibile pretendere che la canna fumaria sia portata fin sopra il tetto.

Resta fermo, in ogni caso, il diritto di agire se si ritiene che dalla canna fumaria provengano immissioni intollerabili.


Distanze delle canne fumarie dalle costruzioni vicine


Nel caso di abitazioni non in condominio (abbiamo visto perché la canna fumaria non può essere considerata costruzione) la norma di riferimento è l'art. 890 c.c., rubricato Distanze per fabbriche e depositi nocivi o pericolosi, che recita:

ComignoliChi presso il confine, anche se su questo si trova un muro divisorio, vuole fabbricare forni, camini, magazzini di sale, stalle e simili, o vuol collocare materie umide o esplodenti o in altro modo nocive, ovvero impiantare macchinari, per i quali può sorgere pericolo di danni, deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, quelle necessarie a preservare i fondi vicini da ogni danno alla solidità, salubrità e sicurezza.

I regolamenti locali, dunque, assumono fondamentale importanza.

Quanto alle canne fumarie per gli scarichi delle cucine, infine, le norme di riferimento solo quelle contenute nei regolamenti edilizi locali; solitamente tali regolamenti impongono anche per queste strutture l'obbligo di posizionamento al di sopra delle coperture degli edifici.

riproduzione riservata
Articolo: Canne fumarie, distanze dal confine e problemi condominiali
Valutazione: 3.57 / 6 basato su 476 voti.

Canne fumarie, distanze dal confine e problemi condominiali: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Enricobiondetti
    Enricobiondetti
    Martedì 29 Gennaio 2019, alle ore 19:55
    Buongiorno,il mio vicino ha una canna fumaria di stufa che non è a tetto ma a parete ad un'altezza di 2 metri dal suolo e a 3 metri da casa mia. Il fumo viene costantemente nella mia proprietà per tutto l'inverno.Come posso fare per far fare un controllo sulla legalità della canna fumaria e eventualmente fargliela modificare?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Enricobiondetti
      Mercoledì 24 Aprile 2019, alle ore 11:27
      Coinvolgi l'ente interessato alla verifica della corretta funzionalità degli impianti con apposita segnalazione.
      rispondi al commento
  • Antonio16
    Antonio16
    Lunedì 19 Novembre 2018, alle ore 12:06
    Ho una canna fumaria distante 5-6 metri dal mio vicino di casa e che supera il mio tetto abbondantemente e il suo solaio penso mezzo metro.
    Vuole insistentemente che io salga ancora di un altro metro.
    Ha ragione ?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Antonio16
      Mercoledì 21 Novembre 2018, alle ore 15:21
      Se la canna fumaria va oltre il suo tetto, nessun problema.
      rispondi al commento
    • Ugo B
      Ugo B Antonio16
      Sabato 24 Novembre 2018, alle ore 10:51
      Potrebbeessere utile chiedergli garbatamente su quali regolamenti basa la sua richiesta d'innalzamento della canna fumaria, e in subordine per quali motivi tecnici/pratici.
      Può darsi che che tenga saltuariamente aperto un abbaino o una botola/lucernario non visibile dall'altra abitazione  e possa dimostrare che in quelle circostanze il mezzo metro (ammesso che di mezzo metro si tratti) non è sufficiente a scongiurare l'ingresso di fumi.
      In tal caso è da vedere se tale apertura è consentita dai regolamenti edilizi (ad esempio nei centri storici possono esserci limitazioni ad interventi di varia natura sui tetti).
      Inoltre se la botola è solo d'ispezione può darsi che la sua esistenza non costituisca un diritto al suo pieno utilizzo per arieggiare ecc.
      rispondi al commento
  • Vincenzoscaiella
    Vincenzoscaiella
    Mercoledì 22 Agosto 2018, alle ore 22:59
    E' lecita una canna fumaria di questo locale di ristoro?L'impalcatura riguarda il condominio adiacente per dipintuta facciata. 
    rispondi al commento
  • Angelo
    Angelo
    Sabato 21 Aprile 2018, alle ore 22:21
    Sotto il mio balcone c'è un tubo di una caldaia termica del inquilino sottostante che emana vapori, si è deteriorato il cemento ed è fuoriuscita la struttura ferro.
    I vapori dell'ossido possono aver causato la rottura del cemento?
    Ho letto la normativa UNI 7129 sotto il balcone deve avere una distanza di 300 mm, invece è a contato diretto con il mio balcone.
    Posso chiedere il ripristino del distacco del cemento causato dal tubo di scarico?
    Se qualcuno mi puo' aiutare in una risposta
    Angelo
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Angelo
      Giovedì 26 Aprile 2018, alle ore 17:07
      Credo proprio che tu possa chiedere che il tutto sia messo a norma, eventualmente anche chiamando l'ente che si occupa delle verifiche sugli impianti termici per le opportune verifiche.
      rispondi al commento
  • Tytty
    Tytty
    Lunedì 19 Febbraio 2018, alle ore 10:02
    Abito in un complesso di villini a schiera, il mio vicino ha installato una stufa a pellet (che per 2 anni ha fatto sfiatare in giardino).
    Dopo una accesa discussione ha installato una canna fumaria che porta al tetto dei villini, solo che il nostro tetto in realtà è un terrazzo dove vi sono state installate le lavatrici e pertanto ci vengono stesi i panni ad asciugare.
    Quindi il fumo che esce dal camino finisce direttamente sul mio terrazzo e sui panni.
    Posso fare nulla per impedirlo?
    rispondi al commento
  • Dago1
    Dago1
    Giovedì 15 Febbraio 2018, alle ore 16:08
    Due abitazioni confinanti, di un antico fabbricato rurale del 1300.
    Una ha la canna fumaria incastonata nella pietra del muro portante, canna fumaria contestuale probabilmente alla costruzione dell immobile, mai modificata, né spostata nel corso del tempo.
    A conferma dell' antica esistenza di questa canna fumaria vi sono le foto aeree dell archivio militare.
    La canna fumaria di cui sopra fuoriesce sul tetto ovviamente.
    L' immobile confinante, negli anni 90 é stato oggetto di concessione, grazie alla quale, i proprietari, hanno potuto costruire un grande terrazzo a ridosso della canna fumaria di cui sopra.
    Il problema che si pone adesso riguarda l'uso del camino del primo immobile.
    I proprietari del secondo lamentano il fumo, sebbene l'utilizzo del camino sia " normale ".
    Come sta la faccenda?
    La preesistenza della storica canna fumaria rispetto alla successiva costruzione del terrazzo mette al riparo i fruitori del camino rispetto al suo utilizzo?
    Il terrazzo è stato costruito proprio a ridosso del suddetto comignolo.
    La concessione e la relativa successiva costruzione del terrazzo può ledere il diritto preesistente all' utilizzo del camino?
    Dago 
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Dago1
      Mercoledì 21 Febbraio 2018, alle ore 12:40
      Io credo che quella sia una servitù, cioè che l'esistenza della canna fumaria vada tollerata. Data la particolarità della situazione, bisognerebbe studiare le carte.
      rispondi al commento
    • Ugo b
      Ugo b Dago1
      Domenica 8 Aprile 2018, alle ore 14:01
      Indipendentemente dalla molto probabile servitù citata da LucaG, è importante che il camino emetta fumo conforme all'impiego di corpi scaldanti a norma, ad esempio se l'abitazione rientra per altitudine tra quelle obbligate ad utilizzare nei camini inserti omologati ad alto rendimento.
      rispondi al commento
  • Peppino
    Peppino
    Martedì 25 Luglio 2017, alle ore 11:41
    Dopo varie ricerche nella rete ho trovato il sito www.caminoteca.it e da loro ho potuto acquistare in tutta semplicità la mia canna fumaria esterna in acciaio inox coibentata, e devo dire che la canna fumaria si é rivelata un ottimo acquisto visto che mi è stata garantita 25 anni, tutta certificata CE e l'installatore l'ha trovata molto semplice da montare.
    Circa i condomini, l'importante è che la canna fumaria non vada a deturpare il palazzo e non rechi problemi ai condomini.
    Non ci sono problemi se le cose vengono fatte con le dovute cautele e tenendo conto delle disposizioni riguardanti le canne fumarie del comune dove si vive.
    Saluti
    rispondi al commento
  • Patrizia Lombardi
    Patrizia Lombardi
    Martedì 4 Aprile 2017, alle ore 10:51
    Devo mettere a norma la canna fumaria del camino Palazzetti posato nel 2005. Mi serve un preventivo. Grazie
    rispondi al commento
  • Riccardo
    Riccardo
    Venerdì 31 Marzo 2017, alle ore 11:56
    Sto ristrutturando un appartamento all'ultimo piano di un condominio con lastrico solare a uso esclusivo. 
    Rifacendo il bagno abbiamo visto che la vecchia colonna di sfiato termina all'intradosso del solaio di copertura ed è stata chiusa.
    Quindi abbiamo deciso di forare il solaio, creare un piccolo comignolo sul lastrico in aderenza e alto come il parapetto, così da ripristinare lo sfiato. Il problema è che detto comignolo verrà realizzato a 6 metri dal terrazzo del condominio limitrofo.
    Idem per l'uscita della cappa della cucina, anche se quest'ultima sarà a 11 metri dal confinante, e per il condotto di aerazione della caldaia, a oltre 7 metri dal confine.
    Dal punto di vista legale è regolare o posso incorrere in problemi coi vicini?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Riccardo
      Mercoledì 12 Aprile 2017, alle ore 15:10
      Questo te lo può dire il tecnico che segue la realizzazione dei lavori e che più di ogni altro conoscere i limiti contenuti nei regolamenti edilizi locali.
      rispondi al commento
    • Ugo B
      Ugo B Riccardo
      Lunedì 23 Aprile 2018, alle ore 22:46
      Oltre a condividere il suggerimento del sig. Luca G, vorrei aggiungere (e spero di non passare da pedante) per quanto riguarda il solo sfiato della colonna di scarico dei WC che, comunque, se il relativo comignolo è alto come il parapetto e ad esso aderente nessuno dei confinanti lo vedrà,
      Ed anche se fosse visibile non si tratta comunque di canna fumaria che possa pregiudicare qualche loro diritto o ai fini edificatori o la qualità dell'aria circostante.
      Tecnicamente è quasi più una presa d'aria importante per le compensazioni di pressione nei sifoni, che uno scarico e anche quando agisce come tale difficilmente a quella distanza porterebbe miasmi insopportabili.
      Suppongo sia stato tappato per incompetenza e perchè magari il solaio è accessibile ma poco ventilato con quel che ne consegue in odori sgradevoli.
      rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
306.820 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Manutenzione caldaia
    Manutenzione caldaia...
    80.00
  • Canna pvc con croce e nodi altezza
    Canna pvc con croce e nodi altezza...
    2.99
  • Ristrutturazione appartamento Prato e dintorni
    Ristrutturazione appartamento...
    600.00
  • Prolifo ferma passatoia
    Prolifo ferma passatoia...
    18.00
  • Tiracamino per caminetti
    Tiracamino per caminetti...
    359.90
  • Telemetro distanziometro laser
    Telemetro distanziometro laser...
    32.99
Notizie che trattano Canne fumarie, distanze dal confine e problemi condominiali che potrebbero interessarti
Manutenzione canne fumarie in eternit

Manutenzione canne fumarie in eternit

Impianti di riscaldamento - Il problema dello smaltimento dell'amianto rappresenta un onere economico notevole per chiunque voglia ottemperare alle vigenti disposizioni di legge in materia.
Distanza delle canna fumaria dalle finestre

Distanza delle canna fumaria dalle finestre

Parti comuni - Quali sono le norme che i condòmini devono rispettare qualora decidano d'installare una canna fumaria sul muro perimetrale dell'edifico? Il ruolo dei regolamenti locali.

La canna fumaria non è una costruzione

Leggi e Normative Tecniche - La canna fumaria - la cui funzione è quella di consentire la canalizzazione e lo scarico dei fumi - quale elemento accessorio di un impianto, non è una costruzione.

Caminetti a gas

Impianti di riscaldamento - Il caminetto a gas, oltre a riscaldare, arreda l'ambiente in cui è inserito e in più richiede manutenzione quasi nulla con costi di gestione super economici.

Come si suddividono i costi di una canna fumaria tra i condòmini?

Affittare casa - La canna fumaria per lo scarico dei prodotti della combustione può essere un manufatto in proprietà condominiale. In questo caso, come si ripartiscono le spese?

Come migliorare il tiraggio della canna fumaria

Impianti di riscaldamento - Ecco alcune regole per la progettazione della canna fumaria e per la sua corretta manutenzione per consentirne l'adeguato tiraggio dei fumi della combustione.

Infiltrazioni da canna fumaria

Proprietà - In tema di danni da infiltrazioni provenienti da una canna fumaria, per agire per il risarcimento e la sistemazione è necessario comprendere chi è il suo proprietario.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img nunzio1942
Abito in un condominio di 5 piani con caldaia da riscaldamento autonoma esterna,vorrei installare una stufa a pellet.Il rivenditore dice che per i fumi posso utilizzare la canna...
nunzio1942 02 Marzo 2014 ore 14:01 1
Img gianfrsg75
Buonasera a tutti,spero di ricevere un consiglio da qualcuno più esperto di me per risolvere un problema annoso che mi si è presentato.Abito in un piccolo...
gianfrsg75 12 Febbraio 2014 ore 18:19 1
Img doc11
Buongiorno,dato per assodato che i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria da effettuare su una canna fumaria sono di competenza dei suoi utilizzatori, vorrei gentilmente...
doc11 05 Marzo 2014 ore 17:27 1
Img cipi86
Buonasera,ho un problema con una stufa a pellet installata dal proprietario del piano terra in quanto hanno montato la stufa facendo andare le scarico dei fumi in una canna...
cipi86 03 Ottobre 2013 ore 15:07 1
Img chiarale
Dovendo ristrutturare un locale di nostra proprietà al piano terra di un condominio, abbiamo scoperto che la canna fumaria originale, risalente a circa 30 anni fa, ma mai...
chiarale 27 Gennaio 2014 ore 16:17 1