Bolletta dell'acqua in condominio e problematiche connesse alla ripartizione spese

NEWS DI Ripartizione spese26 Gennaio 2016 ore 08:52
Il costo della bolletta dell'acqua, in condominio, va ripartito secondo i reali consumi rilevati, oppure in base alle disposizioni del regolamento contrattuale.

Bolletta dell’acqua in condominio


Contatore acquaTra i costi da sostenere, in relazione alle esigenze della vita quotidiana, quello della bolletta dell'acqua è tra i più importanti.

Per le abitazioni in condominio, poi, a questa spesa si accompagnano spesso malumori dovuti agli importi da versare.

Per sintetizzare in un unico termine, quando arriva la richiesta di pagamento da parte dell' amministratore molti di noi dicono: è troppo!

È utile, allora, capire come deve essere ripartita la spesa per la bolletta dell'acqua e quali siano le norme di riferimento.

Prima di analizzare la disciplina normativa è necessaria una premessa.

Quella delle spese condominiali è materia disponibile, ossia i condomini con accordo unanime posso decidere dei criteri di ripartizione personalizzati in deroga a quelli previsti dalla legge.

Che cosa significa ciò?

Significa che il regolamento di condominio (contrattuale), o una delibera adottata con il consenso di tutti i comproprietari, possono stabilire che le spese della bolletta dell'acqua siano suddivise, ad esempio:

a) in parti uguali;

b) sulla base dei millesimi di proprietà;

c) in relazione al numero degli occupanti l'unità immobiliare, ecc.

Quando manca quest'accordo è necessario fare riferimento alla legge.


Ripartizione spese dell’acqua secondo legge


Tre sono le norme di rilievo:

1) l'art. 146, primo comma lett. f, d.lgs n. 196/03 - rubricato Risparmio idrico che sostituisce, abrogandolo, l'art. 5 della legge n. 36 del 1994 - a norma del quale:

Entro un anno dalla data di entrata in vigore della parte terza del presente decreto, le regioni, sentita l'Autorità di vigilanza sulle risorse idriche e sui rifiuti, nel rispetto dei principi della legislazione statale, adotta norme e misure volte a razionalizzare i consumi e eliminare gli sprechi ed in particolare a:

f) installare contatori per il consumo dell'acqua in ogni singola unità abitativa nonché contatori differenziati per le attività produttive e del settore terziario esercitate nel contesto urbano;

2) il decreto della presidenza del consiglio dei ministri (d.p.c.m. n. 62 del 4 marzo 1996), il quale prevede che:

La misurazione dei volumi consegnati all'utente si effettua, di regola, al punto di consegna, mediante contatori, rispondenti ai requisiti fissati dal decreto del Presidente della Repubblica 23 agosto 1982, n. 854, recepente la direttiva comunitaria n. 75/33.

Là dove esistono consegne a bocca tarata o contatori non rispondenti, deve essere programmata l'installazione di contatori a norma.In relazione a quanto disposto dall'articolo 5, comma 1, lettera c), della legge 5 gennaio 1994, n. 36 (oggi art. 146 comma 1 lett f) d.lgs 152 del 2006 N.d.A.), dove attualmente la consegna e la misurazione sono effettuate per utenze raggruppate, la ripartizione interna dei consumi deve essere organizzata, a cura e spese dell'utente, tramite l'installazione di singoli contatori per ciascuna unità abitativa.

E’ fatto obbligo al gestore di offrire agli utenti l'opportunità di fare eseguire a sua cura, dietro compenso e senza diritto di esclusività, le letture parziali e il riparto fra le sottoutenze e comunque proporre procedure standardizzate per il riparto stesso.

Consumo acquaQuello che si introduce, per legge, è il così detto sistema di ripartizione per consumi effettivi.

In sostanza nel condominio , accanto al contatore generale (che solitamente è quello di riferimento per l'ente erogatore è quello che fa fede ai fini della fatturazione) e facendo salve le eventuali diverse disposizioni del regolamento contrattuale o di una deliberazione unanime, devono esserci dei contatori per ogni singola unità immobiliare (così detti contatori di sottrazione) al fine di poter ripartire la spesa in base ai consumi effettivi.

Che cosa può fare il condomino che vuol far applicare questa norma di legge?

Se si è in presenza dei summenzionati regolamenti o delibere, è necessario, prima di ogni cosa, provvedere alla loro modifica che deve essere approvata con il consenso di tutti i partecipanti al condominio.

Superata questa fase, o nel caso di assenza di disposizioni pattizie, il condominio può sollecitare l'assemblea a prendere una decisione del genere, oppure, nel caso di disinteresse dell'assise, rivolgersi al giudice affinché sia questo soggetto a ordinare l'adeguamento dell'impianto idrico alle norme di legge.

Per quanto riguarda le varie voci, diverse dai consumi, che compongono la bolletta (es. costi fissi) il primo documento cui fare riferimento è il contratto con l'ente erogatore.

Può accadere, infatti, che nell'accordo sia specificato quante siano le unità immobiliari che compongono il condominio. In questi casi la spesa andrà ripartita secondo i millesimi di proprietà, salvo diverso accordo tra i condomini.

Che cosa accade se esiste solamente il contatore condominiale e fino alla installazione dei contatori di sottrazione individuali?

Al riguardo è necessario fare riferimento all’art. 1123 c.c. e cioè alla ripartizione del costo dell’acqua in base ai millesimi di proprietà.

In tal senso si è espressa anche la Suprema Corte di Cassazione, secondo la quale il sistema dell'art. 1123 cod. civ. non ammette che, salvo diversa convenzione tra le parti, il costo relativo all'erogazione dell'acqua, con una delibera assunta a maggioranza, sia suddiviso in base al numero di persone che abitano stabilmente nel condominio e che resti di conseguenza esente dalla partecipazione alla spesa il singolo condomino il cui appartamento sia rimasto disabitato nel corso dell'anno. Il comma 1 della citata disposizione, infatti, detta un criterio per le spese di tutti i beni e servizi di cui i condomini godono indistintamente, basato su una corrispondenza proporzionale tra l'onere contributivo ed il valore della proprietà di cui ciascuno condomino è titolare (Cass. 1 agosto 2014 n. 17557).


Bolletta dell’acqua e morosità


Che cosa accade se i condòmini risultano morosi rispetto al pagamento della bolletta dell’acqua.

Al riguardo è necessario guardare alla problematica da due angoli visuali:

a) quella che riguarda il rapporto tra condominio ed ente di erogazione del servizio idrico;

b) quella che riguarda i rapporti interni alla compagine.

Nel primo caso l’ente a fronte di una situazione di morosità attiva la procedura di messa in mora che può portare alla sospensione dell’erogazione del servizio quale conseguenza del mancato pagamento – totale e/o parziale – anche di una sola bolletta. La sospensione è operata verso tutti i condòmini indistintamente (oggetto dell’intervento, infatti, è il contatore condominiale ). Questa procedura che non manca di sollevare polemiche da parte dei condòmini adempimenti quando viene posta in essere è stata criticata anche da associazioni dei consumatori in ragione delle nuove norme dettate dalla così detta riforma del condominio.

Per quanto riguarda i rapporti tra condominio e condòmino, il mal pagatore può star certo che la sua morosità verrà perseguita con un’azione giudiziaria. Laddove la ripartizione del costo dell’acqua sia stato approvato dall’assemblea, non vi sono dubbi sulla possibilità, per l’amministratore di condominio, di ottenere un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo, così come previsto dall’art. 63, primo comma, disp. att. c.c.

A ciò bisogna aggiungere, poi, che laddove gli venga richiesto l’amministratore deve fornire all’ente gestore del servizio il nome del condomino moroso al fine di consentire l’azione diretta di recupero del credito.

Più dubbia, visto l’essenzialità del bene in questione, la sospensione del servizio idrico da parte dell’amministratore (art. 63 disp. att. c.c.) anche se non sono mancate pronunce giurisprudenziali che l’hanno considerata legittima (cfr. in tal senso Trib. Modena 5 giugno 2015).

In particolare, nella sentenza appena citata è specificato che la sospensione del servizio idrico può essere disposta dall'amministratore anche senza preventiva richiesta giudiziale laddove materialmente sia possibile eseguirla intervenendo su parti di proprietà comune e non su quelle di proprietà del singolo condomino.

riproduzione riservata
Articolo: Bolletta dell'acqua: ripartizione spese in condominio
Valutazione: 3.88 / 6 basato su 26 voti.

Bolletta dell'acqua: ripartizione spese in condominio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Andreareitano
    Andreareitano
    Mercoledì 2 Maggio 2018, alle ore 10:54
    Salve, vivo in una corte ove 2 case separate e con due proprietari differenti hanno la stessa utenza ed un unica bolletta ed unico contatore.
    io vivo con mia moglie in una delle due case e l'altra casa ha una sola persona.
    Come và suddivisa la bolletta? A) il totale diviso due appartamentiB) il totale diviso 3 persone (2 in casa mia e 1 nell'altra casa separata)C)  una parte diviso 2 per quanto riguarda le quote fisse e diviso 3 per quanto riguarda il solo consumo (non saprei che voce della bolletta guardare) Grazie anticipatamente
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Andreareitano
      Martedì 8 Maggio 2018, alle ore 10:43
      Se ci sono dei contatori di sottrazione, la spesa va suddivisa così: i consumi in ragione del consumo di ognuno, le quote fisse in parti uguali. Se non ci sono contatori di sottrazione dovete trovare un accordo.
      rispondi al commento
  • Cristina
    Cristina
    Domenica 18 Marzo 2018, alle ore 19:52
    Sto acquistando una casa che è stata ottenuta dalla suddivisione di una villetta.
    L’utenza dell’acqua è del proprietario, il quale ha chiesto ad Acea la modifica dell’utenza a di tipo condominiale, ma purtroppo è stata negata.
    Le fogne sono apparentemente sature.
    Abbiamo pensato di suddividere comunque le utenze con contatori per ogni appartamenti e gestire i consumi tra di noi del condominio ma il proprietario è in dubbio perché nel contratto è scritto: “e’ vietata l’utilizzazione dell’acqua per la fornitura a terzi o per scopi e immobili diversi da quelli specificati nel contratto di fornitura”.
    Come fare? 
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Cristina
      Lunedì 19 Marzo 2018, alle ore 16:11
      Se il proprietario è ancora unico, è normale che adesso non possa parlarsi di condominio. Io credo che a cessione avvenuta la volturazione e l'utenza possano essere cambiate. Suggerisco di parlare con il personale ACEA, spiegare la situazione e capire qual è la soluzione pratica (che sicuramente esisterà).
      rispondi al commento
      • Cristina4
        Cristina4 Lucag1979
        Lunedì 19 Marzo 2018, alle ore 16:24
        Grazie della risposta, ma putroppo al momento l'unica soluzione proposta da acea è attendere "un posto" nel depuratore su cui insiste l'impianto fognario del condominio.
        Ma da Acea non possono quantizzare questa l'attesa!.
        Il problema è che se procedo con l'acquisto e poi non ottengo l'utenza, rimango con una casa con un allaccio abusivo! 
        rispondi al commento
        • Lucag1979
          Lucag1979 Cristina4
          Lunedì 19 Marzo 2018, alle ore 18:05
          La questione, stando le così le cose, è bene che sia valutata con un avvocato, magari di comune accordo con il proprietario, essendo gli enti erogatori soggetti a ben precise regole in merito alle richieste dell'utenza.
          rispondi al commento
  • Maria2
    Maria2
    Sabato 9 Dicembre 2017, alle ore 15:31
    Sono in affitto da 4 mesi in un condominio di 5 appartamenti.
    Il contatore ACEA è uno solo, la bolletta è unica.
    La Signora che ha unico appartamento al secondo piano mi fa arrivare ogni mese un foglietto con scritto spesa acqua 57 spesa luce 10 spesa scale 15.
    In 4 mesi sono arrivate 3 spese acqua per un totale di 180 euro.
    Io mi sono lamentata in quanto sono sola con due bambini piccoli e ho contatore dell acqua per controllare il mio consumo il quale è di 8mc a bimestre, 4mc al mese.
    Ho chiesto copia della bolletta e non mi è stata data, mi hanno risposto che l'ACEA manda bolletta fissa che sono 360 euro l'anno per ogni appartamento indipendentemente da quello che si consuma, è vero?
    La signora dice di dividere ogni bolletta per i 5 appartamenti.
    A me sembra assurdo.
    Prima avevo in affitto una porzione di villa e il proprietario mi faceva pagare 10 euro al mese di acqua.
    Come posso fare per risolvere il problema?
    A malapena ce la faccio con l'affitto gas e luce.
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Maria2
      Martedì 12 Dicembre 2017, alle ore 10:35
      Anche a me pare strano. Ti conviene rivolgeri ad un'associazione di inquilini, ovvero ad un legale di tua fiducia per valurare "carte alla mano" la situazione è decidere il da farsi.
      rispondi al commento
  • Erik26cr
    Erik26cr
    Lunedì 20 Novembre 2017, alle ore 19:16
    Buongiorno, ho comprato casa a settembre dell'anno scorso. L'amministratore pretende che io paghi, per ciò che riguarda le spese condominiali, anche la parte del proprietario a cui ho coprato la casa giustificando questo col fatto che, a suo dire, la casa fosse vuota. E' corretto come approcio? Od ognuno paga in base alla percentuale di giorni di proprietà? grazie. EG
    rispondi al commento
    • Riccardo6
      Riccardo6 Erik26cr
      Lunedì 20 Novembre 2017, alle ore 20:12
      Le spese di condominio vanno pagate mensilmente dal proprietario; il fatto che la casa fosse vuota non importa. A lei spetta pagare solamente a partire dal mese in cui lei è diventato proprietario.Il fatto che la casa fosse vuota è esattamente uguale, da questo punto di vista, al caso in cui lei non ci abiti temporaneamente, ad esempio per qualche mese: in questo caso dovrebbe pagare lo stesso.L'amministratore dovrebbe quindi richiedere il pagamento degli arretrati al relativo proprietario nel periodo a cui gli arretrati stessi fanno riferimento.
      rispondi al commento
      • Erik26cr
        Erik26cr Riccardo6
        Lunedì 20 Novembre 2017, alle ore 22:57
        La ringrazio per l'aiuto Riccaro6 
        rispondi al commento
  • Riccardo6
    Riccardo6
    Mercoledì 25 Ottobre 2017, alle ore 12:20
    Vorrei una delucidazione.
    Vivo in un condominio in cui il pagamento della quota acqua avviene bimestralmente, dopo che ogni condomino ha inviato la propria lettura in mc all'amministratore del condominio.
    Ognuno paga una quota fissa (uguale per tutti) + una quota variabile (in base ai consumi in mc precedentemente comunicati), il cui totale va a coincidere con il totale della fattura (suddiviso in quota fissa e quota variabile secondo i mc totali del condominio) emessa dall'ente che eroga il servizio idrico.
    Bene, al momento del pagamento del 4 bimestre, nel conteggio di ogni condomino vengono considerati i mc già conteggiati nel pagamento del 2 e 3 bimestre. L'amministratore giustifica la cosa dicendo che l'ente del servizio idrico ha inviato una fattura di "conguaglio".
    Quindi chiedo, è possibile che in un conguaglio si debbano pagare di nuovo i mc precedenti?
    Che cosa indica il conguaglio in questo caso (visto che è riferito a consumi già pagati...)? Grazie.
    rispondi al commento
  • Silvio
    Silvio
    Lunedì 19 Giugno 2017, alle ore 17:34
    Mi sembra che vi siate dimenticati di una cosa importantissima: se ci sono i cosiddetti contatori di sottrazione e se la lettura per i singoli venisse fatta dal gestore o comunicata dall'amministratore al gestore, la spesa sarebbe calcolata con gli scaglioni tariffari ( costo come se si fosse in una casa singola ), mentre se il gestore come fa adesso, vede sempre un totale annuo elevato ( basta essere in 4 condomini per arrivare a 400 m3 ed oltre e quindi entrare largamente nella tariffa massima ) fa pagare il massimo.
    La legge mi pare dica che il gestore dovrebbe far pagare in base agli scaglioni o come indicato sopra proporre un modo per fare i calcoli per scaglioni alle singole utenze. 
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Silvio
      Giovedì 22 Giugno 2017, alle ore 19:35
      Al gestore deve essere comunicato quante sono le utenze singole "dietro" il contatore generale in modo che possa applicare correttamente le tariffe.
      rispondi al commento
  • Martinelli Loredana
    Martinelli Loredana
    Martedì 14 Marzo 2017, alle ore 16:34
    Vorrei delle delucidazioni,   ho acquistato un appartamento in cui ci sono due contatori dell'  acqua,  preciso che è un unico appartamento e che erano stati istallati due contatori per comodità dei vecchi proprietari  in quanto ci abitavano due famiglie,  l' amministratore mi fa pagare due volte il canone acqua e fogna, è lecito? 
    rispondi al commento
  • Roxya
    Roxya
    Martedì 21 Febbraio 2017, alle ore 17:59
    Cosa succede se il mio contatore è guasto e segna più di quanto è l'effettivo consumo?
    L'amministratore può fare la differenza tra contatore del condominio e letture degli altri condomini per rilevare l'effettivo consumo?
    Oppure sono obbligata a pagare in base la lettura (errata) del mio contatore?
    Attestato che il contatore era guasto (perché sostituito con un altro nuovo che adesso da l'effettivo consumo), posso chiedere che mi vengano "stornate" le quote pagate in eccedenza rilevate con il vecchio contatore guasto?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Roxya
      Venerdì 24 Febbraio 2017, alle ore 10:00
      Sì, puoi chiedere un ricalcolo dell'effettivo dovuto cioè di quanto effettivamente consumato.
      rispondi al commento
  • Minoli
    Minoli
    Martedì 7 Febbraio 2017, alle ore 22:12
    Siamo un condominio composto da 17 proprietà immobiliari per un totale di 15 condomini così suddivisi: piano terra 5 attività commerciali; I° piano due appartamenti di cui uno adibito a studio odontoiatrico e l’altro  abitazione; 2° piano uno studio Legale e l'altro abitativo; III°; IV°; V°; e VI° Piano uso abitazione.
    17 contratti con EAAP, fino a quando il conteggio dell'acqua ci veniva addebitato annualmente con il conteggio vecchio sistema  con la lettura annuale procedeva senza creare grosse problematiche.
    Con il trascorrere degli anni l'agenzia dell'EAAP ha cambiato metodologie di conteggio.
    Col sistema attuale con pagamento trimestrale ogni condomino era costretto a pagare la quota per la lettura più volte all'anno con relativo conteggio creava un costo abbastanza significativo, per giunta   per l’effetto dei 17 contratti non superavamo la quota minima di conseguenza non ci veniva addebitato la quota di eccedenza.
    Portare avanti questo sistema ci aumentava la spesa della lettura più volte all'anno e ci rendeva impossibile conteggiare chi consumava più acqua; non avendo un coefficiente da utilizzare. Pertanto a suo tempo deliberammo quanto segue:  di non effettuare più la lettura del contatore, dividere l'importo in 17 quote, dando un abbuono di 10 euro l'anno alle attività commerciali e suddividendo le spese dell'energia elettrica del condomino nel seguente modo: 10% Tab B luce scalinata ; 30% Tab.C Energia Elettrica Ascensore; 60% Tab. D  Energia Autoclave.
    Fin qui nessun male di pancia per nessuno.
    Tutto bene.
    Ora qualcuno vuole cambiare sistema  alla prossima assemblea desiderano  revocare quella delibera a suo tempo approvata e trovare un altro sistema.
    Gentilmente ci affidiamo alla vostra  esperienza siamo qui a chiedere  un sommesso suggerimento in merito.
    Se non Le chiedo molto: desidererei che mi inviaste la comunicazione anche alla mia email. 
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Minoli
      Giovedì 16 Febbraio 2017, alle ore 10:20
      Quello che richiedi può essere domandato al servizio di consulenza (a pagamento) presente sul sito a questo link: Consulenza Legale, Fiscale e Condominiale
      rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Bolletta dell'acqua: ripartizione spese in condominio che potrebbero interessarti
Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite
Ripartizione spese condominiali e scelta del criterio sbagliato

Ripartizione spese condominiali e scelta del criterio sbagliato

Ripartizione spese - Che cosa accade se l'assemblea decidesse, erroneamente, di applicare un criterio di ripartizione delle spese errato e le tabelle fossero, anch'esse, errate?
Ripartizione delle spese legali nel caso di transazione

Ripartizione delle spese legali nel caso di transazione

Condominio - Un condominio decide di promuovere una causa o di resistere ad un?avversa richiesta.Si pensi, per restare agli esempi più banali, alla necessità di

Ripartizione spese tra inquilino e proprietario

Ripartizione spese - Confedilizia, associazione dei proprietari, e i tre sindacati degli inquilini hanno aggiornato le tabelle di ripartizione spese tra inquilino e proprietario.

Ripartizione delle spese condominiali per facta concludentia

Ripartizione spese - In tema di ripartizione delle spese condominiali, la giurisprudenza considera lecita l'utilizzazione di un criterio di riparto approvato per facta concludentia.

Ripartizione delle spese legali derivanti da cause condominiali, ipotesi e soluzioni

Ripartizione spese - In tema di cause condominiali è utile distinguere le posizioni dei vari condòmini al fine di poter valutare se imporgli parte del pagamento per l'onorario dell'avvocato.

Spese condominiali e ricevuta di pagamento

Ripartizione spese - La ricevuta di pagamento delle spese condominiali attesta l'avvenuto pagamento delle quote e i condomini hanno diritto a chiederla e ottenerla dall'amministratore.

La modifica delle tabelle millesimali contrattuali

Tabelle millesimali - La modificazione delle tabelle millesimali contrattuali deve avvenire con il consenso di tutti i condomini.Diversamente la deliberazione di modifca è nulla.

Spese condominiali ripartite sulla base dell'utilità del solaio interpiano

Ripartizione spese - Che si chiami terrazza, lastrico solare o solaio interpiano, secondo il Tribunale di Trento è indifferente ai fini dell'applicazione analogica dell'art. 1125 c.c.
REGISTRATI COME UTENTE
294.269 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Sistema di raccolta acqua piovana Velletri Roma e dintorni
    Sistema di raccolta acqua piovana...
    4500.00
  • Tetra pond algorem ml 500
    Tetra pond algorem ml 500...
    21.23
  • Acquapure smart impianto filtro acqua smart con
    Acquapure smart impianto filtro...
    249.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Pensiline.net
  • Officine Locati
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.