Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Come impugnare una donazione per lesione della quota legittima

NEWS Proprietà06 Novembre 2019 ore 13:43
Come l'erede tutela i propri diritti se il defunto ha effettuato donazioni in vita che riducono il patrimonio? Come impugnare la donazione con azione di riduzione

Quando impugnare la donazione


Se ti è capitato di fare una donazione a qualcuno dovresti sapere che l’atto compiuto non rende il trasferimento della proprietà definitiva.
Soprattutto se si è fatta una donazione importante, come un bene immobile, è bene essere consapevoli del fatto che il regalo effettuato può non essere al sicuro e la donazione può essere impugnata.

Ci sono dei soggetti che possono sentirsi danneggiati dall’atto di donazione: sono i legittimari (coniuge e figli) del donante che, in caso di decesso di quest'ultimo, ritengono lesa la quota di legittima.
La donazione, in pratica, non è altro che un’anticipazione della successione in caso di decesso del donante; ne consegue che una donazione potrebbe intaccare l’asse ereditario costituito dal patrimonio del de cuius. Una donazione può infatti ridurre il patrimonio che verrà trasmesso agli eredi in caso di morte del donante.

Ecco che i legittimari potranno agire davanti al giudice, poiché la legge riconosce loro il diritto ad una quota ben precisa dell’eredità che in alcun modo può essere intaccata, sia mediante disposizione testamentaria che attraverso una donazione. Vediamo di seguito cos’è una donazione e come può essere impugnata.

Impugnare donazione
La donazione è un contratto disciplinato dal codice civile con il quale una parte, per spirito di liberalità, arricchisce un'altra parte, disponendo in suo favore di un diritto o assumendo un’obbligazione. Siamo in presenza di un atto per il quale la legge richiede una forma precisa.

Il contratto deve essere redatto in forma scritta con atto pubblico e in presenza di due testimoni.
Ove così non fosse la donazione sarà nulla. Il donatario potrà accettare la donazione anche in un momento successivo.

Può accadere, tuttavia, che la donazione effettuata in vita da un soggetto leda la quota dei cosiddetti eredi legittimari. Chi sono i legittimari? Sono coloro a cui la legge riconosce una specifica quota dell’eredità, detta legittima. Essa spetta anche contro la volontà del defunto che non può in alcun modo lederla con atti compiuti quando ancora era in vita.

Se sei dunque un legittimario che non hai ricevuto quanto a te spettante, sappi che l’ordinamento riconosce un’azione specifica per la tutela dei tuoi interessi.

La donazione infatti può essere impugnata agendo in giudizio, al fine di vedere reintegrata la quota lesa esercitando l’azione di riduzione.


L’azione di riduzione


Nel caso in cui il legittimario ritenga lesa la quota a lui riservata, potrà rivolgersi al tribunale per veder tutelate le proprie ragioni. Eserciterà a tal fine l’azione di riduzione.

Si tratta dell’azione giudiziaria esercitata presentando un atto di citazione con il quale il soggetto dovrà richiedere il ripristino della quota legittima.

Facciamo un esempio per meglio comprendere la situazione.

Tizio, padre di due figli, dona un immobile (del valore di 200.000 euro) a uno dei due.
Alla sua morte i figli dovranno dividere a metà il patrimonio del padre (di 100.000) al quale è stato sottratto l’immobile donato ad uno dei due. Il figlio al quale è stata fatta la donazione avrà ricevuto oltre al bene donato anche la metà dell’eredità (50.000 euro), con evidente diseguaglianza rispetto a quanto ricevuto dall’altro figlio. Quest’ultimo potrà impugnare la donazione dell’immobile.

Il figlio che per l’atto del padre ha subito una diminuzione dei sui diritti di successione dovrà esercitare la cd. azione di riduzione della donazione contro chi ha avuto di più.

Per reintegrare la quota legittima bisognerà sommare al patrimonio lasciato in eredità pari, nell’esempio fatto, a 100.000 euro, l’importo della donazione di 200.000 euro e dividere per due, al fine di stabilire la quota del 50% a ciascuno spettante, che sarà pari a 150.000 euro.
Ricordiamo che la donazione in quanto tale resta un atto valido ed efficace.

Azione di riduzione
Le donazioni, in base all’articolo 559 del codice civile, si riducono cominciando dall’ultima, ove siano più di una, e rivolgendosi via via a quelle anteriori.

Prima di procedere in tal senso occorrerà appurare che la quota legittima non sia stata lesa da disposizioni testamentarie. Solo dopo il legittimario potrà procedere con la riduzione delle donazioni. Si dovranno inoltre tener conto delle donazioni ricevute dal legittimario quando il donante era ancora in vita. Nel caso in cui queste donazioni siano di importo tale da coprire il valore della legittima, l' erede leso non avrà diritto ad alcunché.

Da un punto di vista pratico, nel caso si tratti di beni immobili sarà molto importante, ove possibile, separare la parte necessaria per poter integrare la quota legittima.
Nel caso in cui la separazione non sia comodamente eseguibile, il donatario è tenuto a lasciare l’immobile qualora l’eccedenza sia maggiore del quarto della porzione disponibile.

È fatto salvo il diritto a conseguire il valore della porzione disponibile. Nel caso in cui l’eccedenza sia inferiore al quarto, il donatario avrà facoltà di mantenere il bene immobile e versare il denaro all’erede legittimario per la parte non spettante.

Che succede se l’immobile era stato gravato da ipoteca dal donatario?

Il legittimario in caso di restituzione lo riceve libero da pesi o vincoli.

Donazione immobile
Un aspetto da esaminare molto importante è dato dalle conseguenze di un’eventuale alienazione del bene da parte del donatario. Che succede dunque se questi abbia venduto la casa a lui donata?

Il legittimario dovrà prima aggredire i beni del donatario e solo successivamente potrà ottenere la restituzione dell’immobile da parte di chi lo aveva acquistato.

Quest’ultimo per evitare di privarsi del bene ha solo la possibilità di versare una somma in denaro pari al valore dell’immobile.


Quali sono i termini di prescrizione per l’azione di riduzione


L’azione di riduzione, per essere reintegrati della quota legittima, può essere esercitata dal legittimario entro il termine di 10 anni dall’apertura della successione. Vige dunque la prescrizione ordinaria per la tutela dei propri diritti.

Si deve tenere a mente che l’azione di riduzione non potrà più essere esercitata, oltre che per decorrenza del termine prescrizionale, anche in caso di rinuncia da parte del legittimario al momento del decesso del donante.

riproduzione riservata
Articolo: Azione di riduzione in caso di donazione
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Azione di riduzione in caso di donazione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
308.533 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Svezia
    Svezia...
    849.00
  • Previter fungicida ad azione sistemica 250 ml
    Previter fungicida ad azione...
    21.89
  • Pittura impermeabilizzante California-P
    Pittura impermeabilizzante...
    166.32
  • Posa massetto Bologna e provincia
    Posa massetto bologna e provincia...
    12.00
  • Parati 3D adesivi mattoni
    Parati 3d adesivi mattoni...
    33.42
  • Forno a microonde Samsung
    Forno a microonde samsung...
    109.99
Notizie che trattano Azione di riduzione in caso di donazione che potrebbero interessarti


Acquistare immobili provenienti da donazioni

Comprare casa - Quali sono i casi che si possono verificare e quali rischi può correre il promissario acquirente di un immobile se quest'ultimo deriva da una precedente donazione?

In quali casi è possibile revocare la donazione della casa al figlio?

Proprietà - Quando e come è possibile richiedere la revoca della donazione fatta dal padre al figlio. Quali sono i termini da rispettare e le regole previste dalla legge.

Cessione con obbligo di mantenimento

Comprare casa - Un'alternativa alla donazione indiretta che tutela maggiormente il donatore in caso di necessità future di assistenza è la cessione con obbligo di mantenimento.

Vendere una casa ricevuta in donazione: quali sono i rischi

Comprare casa - La vendita di una casa ricevuta in donazione è un'operazione difficile che presenta dei limiti e dei rischi per chi acquista l'immobile. Vediamo come si può fare

Acquisto casa con denaro del genitore: è donazione indiretta?

Comprare casa - Quando il genitore acquista la casa al figlio pagando direttamente il venditore si compie un atto di donazione indiretta: quali sono i rischi che è meglio evitare

Quali sono le tipologie di donazione immobili?

Proprietà - Indiretta, modale, remuneratoria, a nascituro: ecco una guida sulle tipologie di donazione immobili esistenti nel nostro ordinamento e quando sono annullabili.

Donazione, successione e diritti del secondo coniuge

Proprietà - Per la Cassazione i diritti ereditari del secondo coniuge valgono anche nei confronti delle donazioni disposte dal defunto in periodo antecedente al matrimonio.

Donazione di immobili

Leggi e Normative Tecniche - Breve guida su tutto quanto che c'è da sapere sulla donazione di un bene immobile: dai documenti da allegare all'atto, ai vari aspetti fiscali ad essa connessi.

Guida all'imposta catastale

Catasto - In caso di trasferimento immobiliare è obbligatorio versare la cosiddetta imposta catastale. Ecco un breve vademecum su cos'è, chi la paga, come e in che misura.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img campana
Sono intestatario di un immobile di cui i miei genitori hanno l'usufrutto.Io sono in affitto e desidero acquistare l'immobile in cui sono in affitto e in cui risiedo.Ora il primo...
campana 12 Dicembre 2014 ore 22:39 1
Img fabryx
Buongiorno,avrei bisogno delle indicazioni e dei chiarimenti riguardo ad una donazione di un immobile famigliare, che mio fratello maggiore vorrà condividere con me e altri...
fabryx 23 Ottobre 2014 ore 10:02 2
Img poffa
Mio padre ha donato ad ognuno dei 3 sui figli un appartamento di una villa trifamiliare. Non ha donato il terreno circostante la villa (ca 1600 mq) il garage (ca 50 mq) e un...
poffa 06 Settembre 2014 ore 15:34 1
Img matteo.bonfanti.10
Buongiorno a tutti,mia madre e mio zio hanno una casa con quote 50 e 50.Io sono interessato all'acquisto.Mia madre non vuole farmi pagar niente per la sua parte.Ho una sorella che...
matteo.bonfanti.10 02 Maggio 2014 ore 16:45 1
Img antonia.
Buonasera,mio marito ha la nuda proprietà dell'appartamento dove abitiamo, da 30 anni, gravato dall'usufrutto e diritto di abitazione della mamma, che abita al 2° piano...
antonia. 13 Novembre 2014 ore 20:56 2