Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Autocostruzione, Linee Guida in Puglia

Un'importante iniziativa che parte dalla Regione Puglia per favorire i processi di autocostruzione e autorecupero edilizi e contrastare il disagio abitativo.
31 Luglio 2012 ore 10:23 - NEWS Normative

Che cos'è l'autocostruzione?



Da un po' di tempo anche in Italia si sta diffondendo la modalità costruttiva definita autocostruzione o autorecupero, già da tempo sperimentata ed ampiamente adottata nei paesi del Nord Europa.

Si tratta di un sistema grazie al quale i proprietari, privati cittadini, intervengono direttamente con il proprio lavoro nel processo realizzativo dell'opera edilizia, in collaborazione con gli Enti pubblici.

autocostruzioneCon l'autocostruzione il singolo proprietario ed il suo nucleo familiare possono partecipare alla realizzazione materiale di ogni singolo alloggio per un ammontare massimo di ore di lavoro pari al 70% di quelle totali occorrenti per costruirlo. Quindi si tratta, in genere, di circa 1000 – 1200 ore complessive.
Si parla, invece, di autorecupero, nel caso in cui non si tratti di interventi di nuova costruzione, ma di ristrutturazione di edifici già esistenti.

Il tutto avviene sotto la guida attenta di professionisti che seguono gli autocostruttori affinchè il manufatto da realizzare rispetti le prescrizioni tecniche, normative, di sostenibilità ambientale e di sicurezza richieste.

L'esigenza di ricorrere a queste forme di intervento nasce anche dal particolare periodo che stiamo attraversando, in cui il crescente disagio abitativo determina l'esigenza di studiare modalità alternative di costruzione, ed anche di investimento economico, che possano rispondere ai bisogni delle famiglie, senza rappresentare un sacrificio insostenibile.

L'esperienza finora avvenuta in Italia ha dimostrato che ci può essere un abbattimento dei costi di costruzione che può arrivare fino al 50% rispetto agli investimenti necessari con le modalità tradizionali.

Ma i vantaggi di questo sistema non sono solo economici, e quindi legati alla possibilità di costruirsi una casa ad un prezzo più contenuto, ma anche di carattere sociale.
Infatti, con la partecipazione diretta dei futuri abitanti dell'alloggio, è possibile costruire un immobile più rispondente alle esigenze del nucleo familiare e dare a questo la possibilità di sentire un maggior senso di appartenenza al luogo in cui andrà ad abitare.

Inoltre, con l'autocostruzione si dà ampio spazio all'utilizzo di materiali locali e alla riscoperta di antiche tradizioni costruttive locali, dando vita, così a manufatti edilizi che certamente avranno caratteristiche di maggiore compatibilità ambientale.

Autocostruzione ed autorecupero in Puglia



Naturalmente un intervento edilizio presenta tanti aspetti delicati, da quello normativo a quello legato alla sicurezza, per cui è necessario indirizzare i cittadini interessati sugli aspetti da seguire.

autocostruzioneÈ proprio in quest'ottica che la Giunta regionale della Regione Puglia ha annunciato la pubblicazione di una serie di linee guida che definiscono i parametri per stimolare autocostruzione ed autorecupero ed ampliare, così, la possibilità di acquisto di una casa, per le fasce più deboli economicamente della popolazione.

L'annuncio è stato dato dall'Assessore all'Assetto del Territorio Angela Barbanente, la quale ha sottolineato come queste linee guida siano una risposta a diverse istanze già presentate sul territorio regionale di una nuova modalità, non convenzionale, di costruzione.

In particolare, l'Assessore fa riferimento ad un protocollo d'intesa già stipulato con il comune di Barletta nel 2010, con l'associazione Fraternità per il diritto alla casa.
Ed infatti è proprio in questa città che presto verrà aperto il primo cantiere sperimentale.

I contenuti delle Linee Guida regionali per l'attuazione di interventi di autocostruzione e auto recupero sono finalizzati ad individuare i soggetti partecipanti, i ruoli, le responsabilità, le fasi attuative necessari a determinare un efficace processo di autocostruzione o autorecupero nei comuni della Regione Puglia.

Un ruolo molto importante è attribuito, accanto a quello della cooperativa di autocostruzione ed autorecupero, ai Comuni ed agli IACP, che avranno il compito di coordinare l'attività della cooperativa e di fornire i servizi.
Nel progetto sono coinvolti, inoltre, anche l'Osservatorio regionale sulla condizione abitativa e l'Università di Bari.

Contenuti delle Linee Guida sull'autocostruzione ed autorecupero in Puglia



autocostruzioneVediamo alcune delle principali indicazioni contenute nelle Linee Guida.
La cooperativa di autocostruzione o autorecupero deve essere iscritta ad un apposito Registro provinciale e la sua creazione deve essere segnalata all'Agenzia delle Entrate, aprendo in tal modo una posizione fiscale.

Per quanto riguarda proprio gli aspetti fiscali, tuttavia, bisogna registrare che mancano ancora degli indirizzi precisi a livello nazionale, per cui anche la Regione Puglia dovrà attendere dei chiarimenti in merito.

Il compito degli Istituti Autonomi per le Case Popolari sarà quello di coordinare il lavoro delle cooperative, mentre i comuni dovranno vigilare sul rispetto delle proprie normative urbanistiche dei nuovi edifici in autocostruzione.
L'Osservatorio Regionale della Condizione Abitativa, avrà invece il compito di occuparsi della promozione e della divulgazione del progetto.

riproduzione riservata
Articolo: Autocostruzione, Linee Guida in Puglia
Valutazione: 5.47 / 6 basato su 17 voti.

Autocostruzione, Linee Guida in Puglia: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Arch. Vito Aldo Schena
    Arch. Vito Aldo Schena
    Giovedì 13 Dicembre 2012, alle ore 18:41
    Il sistema dovrebbe presentare indubbi vantaggi economici, quindi maggiore possibilità ai meno abbienti di pervenire al bene casa, gradirei conoscere presso quale ufficio provinciale ottenere informazioni sulle procedure urbanistico-amministrative da seguire.
    rispondi al commento
  • Geom. Serafino Frisullo
    Geom. Serafino Frisullo
    Mercoledì 26 Settembre 2012, alle ore 17:34
    Mi sembra interessante e vorrei approfondire la questione.
    rispondi al commento
  • Arch. Gianluca Aresta
    Arch. Gianluca Aresta
    Venerdì 31 Agosto 2012, alle ore 12:06
    Felicissimo di questo passo in avanti da parte della Regione Puglia. Devo però esternare due critiche: - possono partecipare al processo costruttivo soltanto un'impresa per la realizzazione della parte strutturale ed il nucleo familiare in autocostruzione. Sarebbe stato invece interessante non limitare la partecipazione a solo nucleo familiare, bensì estendere la possibilità di parteciparvi anche ad amici, nonni, curiosi, studenti e volenterosi di imparare un mestiere, tutte persone opportunamente registrate e assicurate. - a quanto pare sono ammesse alla pratica dell'autocostruzione soltanto complessi residenziali plurifamiliari. Perché un privato, che possiede un terreno con il requisito dell'edificabilità o un edificio esistente da recuperare, non può avere il beneficio di eseguire le opere edili in autocostruzione? Apro un dibattito ed invito voi lettori a scrivere i propri commenti e punti di vista. Con stima Gianluca Aresta (sustainable architect) www.its-lab.it
    rispondi al commento
  • Matteo
    Matteo
    Lunedì 13 Agosto 2012, alle ore 09:10
    Buongiorno, Da 44 notti stiamo occupando il cantiere di autocostruzione di Filetto (RA). Con il termine autocostruzione nel campo dell'architettura si indicano le strategie per sostituire con operatori dilettanti le imprese che, in una struttura produttiva evoluta, si occupano normalmente della realizzazione dell?edificio per conto dei suoi futuri utenti. La storia inizia otto anni fa, quando l'Alisei Ong propose a diversi Comuni italiani di risolvere il problema dell'alloggio per le fasce sociali più deboli, offrendo una casa a prezzi inferiori di almeno il 50% rispetto a quelli di mercato. Iniziò così l'avventura di tanti autocostruttori. Tre progetti presero il via nella campagna ravennate, nelle frazioni di Piangipane, Savarna e Filetto. Solo il primo è stato portato a termine con successo, in tre anni di lavoro. Gli altri due hanno avuto sorte diversa: a Savarna, tra mille difficoltà, i lavori stanno per essere ultimati, grazie anche a un contributo di 200 mila euro della Regione, mentre a Filetto si è ancora in alto mare, alla ricerca di una soluzione che consenta agli autocostruttori di avere una casa e non perdere tutto il denaro già investito dal 2006 ad oggi. Questo l'esito dei progetti avviati da Alisei ONG Alisei ONG, riconosciuta e finanziata dal Ministero degli Affari Esteri, dal Ministero del Lavoro, dalla Commissione Europea e dalle principali agenzie delle Nazioni Unite nonché dalla Banca Mondiale, che ha come mission: "combattere le diseguaglianze, l'esclusione sociale e la povertà", o da società riconducibili ad essa: AMMETO MARSCIANO - PG: concluso nel 2007, gravi difetti di costruzione, infiltrazioni GABELLETTA - TERNI: nessuna informazione RIPA - PG: concluso BESANA BRIANZA - MI:nessuna informazione PADERNO DUGNANO - MI: non risulta avviato TREZZO SULL'ADDA - MI fermo dal 2009 PIEVE EMANUELE - MI: fermi, mancano 1,3 milioni di ? VIMODROME - MI: cantiere interrotto da 3 anni CASAMAGGIORE - CR: concluso con problemi strutturali, i proprietari abitano all'interno senza avere rogitato. SANT'ENEA - PG: finito nel luglio 2012 SANPOLINO - BR: case rase al suolo BAREGGIO - MI: annullato PADOVA: concluso, ma con fondi del Ministero PESCOMAGGIORE - AQ: concluso, ma con fondi post- terremoto CADONEGHE - PD: cantiere bloccato da gennaio 2012 PIEDIMONTE CE: in corso VILLARICCA - NA: in corso PIANGIPANE - RA: terminato con un finanziamento della Regione. SAVARNA - RA: avviato nel 2005 non è ancora stato completato FILETTO - RA: bloccato dal luglio 2009, buco di 500.000 ? Matteo Mattioli - matmattioli@gmail.com http://difesaconsumatori.eu/
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
323.023 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Autocostruzione, Linee Guida in Puglia che potrebbero interessarti


Caratteristiche e vantaggi dell'autorecupero

Restauro edile - L'autorecupero (simile all'autocostruzione) consiste nell'eseguire personalmente la ristrutturazione o recupero di edifici esistenti, spesso fatiscenti e abbandonati.

Autocostruzione: adesso in Toscana è più semplice

Leggi e Normative Tecniche - La Toscana, per semplificare una materia complessa, ha approvato le proprie Linee di indirizzo per la sicurezza nei cantieri di autocostruzione e di autorecupero.

Autocostruzione e bioedilizia a Senigallia

Progettazione - Inaugurato in agosto, in provincia di Ancona, il primo cantiere residenziale ecosostenibile e di autocostruzione, che coinvolge persone di varie etnie.

Progettare con l'autocostruzione

Soluzioni progettuali - Con la crisi del mercato immobiliare e la scarsa possibilità di accedere ad un mutuo, una soluzione per potersi permettere una casa risiede nell'autocostruzione.

L'autocostruzione edilizia: una casa per tutti

Architettura - L'autocostruzione costituisce una soluzione all'emergenza abitativa e alla sostenibilità degli interventi edilizi, garantendo a tutti il diritto all'abitazione.

Come preparare un intonaco in argilla low-cost

Bioedilizia - Gli intonaci in argilla si possono realizzare comprando della terra pronta o riutilizzando quella scavata in cantiere, con le giuste quantità di sabbia e paglia.

Lavori in Economia

Leggi e Normative Tecniche - Prima di svolgere lavori in economia è opportuno che il committente si informi se i lavori rientrano in quelle ammesse dalle normative nazionali e locali.

Vita ecocompatibile

Bioedilizia - L'esperienza di Paolo Soleri unisce urbanistica, architettura, edilizia e vita in un esperimento che anticipa l'affermarsi delle moderne tematiche e teorie ecologiste.

Scopi, tecniche e principi del recupero di un edificio abbandonato

Restauro edile - Il recupero di un edificio abbandonato è un ottimo sistema per ottenere abitazioni di pregio, salvaguardare il territorio ed evitare cementificazioni inutili.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img brontolo86
Buongiorno, volevo porre un quesito in merito alla SCIA, il mio comune mi rilascerà autorizzazione per effettuare dei lavori di ristrutturazione (quindi non come...
brontolo86 04 Aprile 2020 ore 17:48 9
Img maksimon
Buongiorno a tutti, volevo sapere se fosse possibile autocotruirsi una tettoia avendo in mano il progetto completo o se fosse obbligatorio avvalersi di una ditta.Grazie...
maksimon 16 Febbraio 2020 ore 16:18 1
Img gepdiana
Buongiorno a tutti del forum.Mi sono appena iscritto per avere delle opinioni/chiarimenti da chi di voi mi possa aiutare.Sono in procinto di acquistare un immobile da restaurare.I...
gepdiana 08 Giugno 2018 ore 08:03 11
Img robart
Salute a tutti...nutro da un pò di tempo a questa parte un'idea un pò pazza...quella di voler costuire la mia casa. Fino a qui niente di strano, se non ché io...
robart 18 Aprile 2017 ore 09:00 61
Img davidrossiv
Salve, da una notizia pubblicata su Il Messaggero:USA: mamma di quattro figli costruisce la casa da sola guardando i tutorial su YouTubeChe ne pensate? Qui sarebbe possibile?...
davidrossiv 01 Febbraio 2017 ore 14:45 1