Valore dell'immobile e assegno attribuito al coniuge

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche21 Gennaio 2016 ore 08:53
Il valore economico della casa familiare va, normalmente, decurtato dall'importo che uno dei due coniugi (o ex) deve corrispondere all'altro, se questi vi abita

Separazione, divorzio, casa familiare e assegno


assegnazione della casaCome noto, tra le conseguenze più importanti, in sede di separazione tra coniugi prima e di divorzio poi, vi sono l'assegnazione della casa familiare e la disposizione dell'obbligo di pagamento di una somma, detta assegno di separazione o di mantenimento (con la separazione) e assegno divorzile (con il divorzio).

Entrambe le conseguenze sono solo eventuali; la prima è, secondo la giurisprudenza nettamente prevalente, determinata essenzialmente dalla presenza dei figli, mentre la seconda dalle condizioni economiche del coniuge o ex coniuge più svantaggiato.

I due istituti rispondono dunque a esigenze completamente diverse che, però, sul piano pratico rischiano di confondersi.

La casa , infatti, ha comunque un valore economico; dunque vediamo come si regola la giurisprudenza quando assume entrambe le decisioni, cioè l'assegnazione della casa familiare e la determinazione dell'assegno, ovvero, vediamo in che modo, pur considerandone le diverse funzioni, ne fa alla fine una valutazione complessiva per quanto riguarda l'aspetto economico.


Assegnazione della casa familiare


Partiamo allora dall'assegnazione della casa familiare.

Al momento della separazione e successivamente del divorzio, in caso di presenza di figli, soprattutto se minori, la casa familiare viene assegnata al coniuge che starà con loro.

La giurisprudenza maggioritaria ammette, infatti, l'assegnazione della casa familiare solo in presenza di figli ed esclude che detta assegnazione possa esserci (v. ad es. Cass. n. 15367/2015 sul divorzio).

Funzione essenziale dell'istituto dell'assegnazione della casa familiare è quella di conservare il più possibile l'ambiente domestico dove i figli sono cresciuti.

In realtà, il riferimento di legge non dice esattamente questo, ma tant'è.

La legge infatti testualmente stabilisce nella separazione che Il godimento della casa familiare è attribuito tenendo prioritariamente conto dell'interesse dei figli (prima parte, co.1, art. 337-sexies, c.c.) e nel divorzio che L'abitazione nella casa familiare spetta di preferenza al genitore cui vengono affidati i figli o con il quale i figli convivono oltre la maggiore età (co.6, dell'art.6, della L. n. 898/1970).

Come si nota, le espressioni non escludono a priori l'ipotesi dell'assenza di figli.

È ad ogni modo un'altra la sede dove generalmente si dà luogo all'obbligo di soccorso materiale ed è appunto quella della determinazione dell'assegno di separazione e dell'assegno divorzile (v. ad es. Cass. n. 15367/2015 sul divorzio).


Assegno di separazione e assegno divorzile


Come noto, in entrambi i momenti della separazione e del divorzio la legge prevede anche la corresponsione di un assegno a carico del coniuge o ex coniuge che si trova nella situazione di maggiore forza economica nei confronti dell'altro (e/o anche dei figli).

Senza approfondire la questione, si precisa solo che l'assegno non può essere dato al coniuge cui sia addebitabile la separazione


Valore della casa familiare e determinazione dell'assegno


separazione e divorzioAd ogni modo, nella determinazione dell'assegno, si dovrà tenere conto del valore economico della casa assegnata.

In tal senso è orientata la giurisprudenza maggioritaria e comunque così dispone in maniera piuttosto chiara la legge.

Quanto all'assegno di separazione la legge, la prima parte del primo comma dell'art. 337-sexies c.c., dispone infatti che Il godimento della casa familiare è attribuito tenendo prioritariamente conto dell'interesse dei figli.

Dell'assegnazione il giudice tiene conto nella regolazione dei rapporti economici tra i genitori, considerato l'eventuale titolo di proprietà
.

Quanto invece all'assegno divorzile, il co.6, dell'art.6, della L. n. 898/1970 sul divorzio stabilisce che L'abitazione nella casa familiare spetta di preferenza al genitore cui vengono affidati i figli o con il quale i figli convivono oltre la maggiore età.

In ogni caso, ai fini dell'assegnazione il giudice dovrà valutare le condizioni economiche dei coniugi e le ragioni della decisione e favorire il coniuge più debole.


Tra le sentenze di merito si segnala ad esempio la n. 525/2011 della Corte d'Appello di Perugia, in cui, pur confermandosi che l'assegnazione della casa è data solo nell'interesse della prole, cionondimeno si stabilisce che il valore della detta casa debba essere decurtato dll'importo dell'assegno.

Il valore economico della casa può, secondo alcune decisioni, essere quantificato sulla base del canone di locazione determinato dalla legge sull'equo canone (v. ad es. Corte d'App. di Perugia, n. 525/2011 e Cass. n. 4203/2006).

Anche se poi, secondo alcune decisioni, in caso di revoca dell'assegnazione della casa familiare, l'aumento dell'importo dell'assegno non deve invece necessariamente corrispondere al detto canone, potendo il coniuge o l'ex coniuge trovare un alloggio meno costoso di quella che è stata la casa familiare, ma ugualmente dignitoso (v. ad es. Cass. n. 15272/2015).


Valore della casa familiare e giurisprudenza


Quanto alla giurisprudenza, l'orientamento è nel senso che il godimento della casa familiare costituisca un valore economico (corrispondente - di regola - al canone ricavabile dalla locazione dell'immobile) e che di tale valore il Giudice debba tener conto ai fini della determinazione dell'assegno dovuto all'altro coniuge per il proprio mantenimento o per quello dei figli (tra tante Cass. n. 4203/2006 e ord. Cass. 25420/2015).

Si segnala anche la recente sentenza n. 15272/2015, con cui in un caso di perdita dell'assegnazione della casa familiare per raggiunta autosufficienza del figlio, alla moglie, in quanto coniuge economicamente più debole, viene riconosciuto un aumento dell'assegno previsto in precedenza.


Abitazione de facto


Si segnala, per la particolarità, una recente decisione dal contenuto decisamente diverso: in un caso particolare relativo all'abitazione della casa familiare definito de facto, cioè non in base a diritto, ma di fatto, il valore della casa in sede di determinazione dell'assegno di divorzio non è stato considerato.

Nella decisione si deroga esplictamente al principio secondo cui In sede di divorzio, ai fini della determinazione dell'assegno divorzile, occorre tenere conto dell’intera consistenza patrimoniale di ciascuno dei coniugi e, conseguentemente, ricomprendere qualsiasi utilità suscettibile di valutazione economica, compreso l'uso di una casa di abitazione, valutabile in misura pari al risparmio di spesa che occorrerebbe sostenere per godere dell'immobile a titolo di locazione.

Tale decisione, con la quale si conferma la sentenza di grado di appello, si basa sulla circostanza che nel caso di specie l'immobile è occupato de facto e, pertanto, la valutazione di una tale utilità fuoriesce dall'ambito valutativo proprio dei valori legalmente posseduti da ciascuno dei coniugi, rimanendo la difficoltà di liberazione dell'immobile da parte del suo proprietario una dato di fatto estraneo alla ponderazione delle rispettive posizioni patrimoniali e reddituali (v. ord. Cass. n. 223/2016).

Nella stessa ordinanza, si afferma altresì che l'occupazione di fatto di un immobile, stante la sua provvisorietà e la sua eliminabilità tramite gli ordinari strumenti giuridici volti a recuperarne il possesso o la detenzione, non può essere considerata ai fini della determinazione dell'assegno divorzile.

riproduzione riservata
Articolo: Assegno e valore dell'immobile attribuito al coniuge
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Assegno e valore dell'immobile attribuito al coniuge: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Assegno e valore dell'immobile attribuito al coniuge che potrebbero interessarti
Assegno divorzile e convivenza

Assegno divorzile e convivenza

Leggi e Normative Tecniche - Il diritto all'assegno divorzile è sempre più incerto per l'ex coniuge più debole, se dopo il matrimonio va a convivere con un'altra persona e crea una famiglia di fatto.
Divorzio e abitazione: novità riguardo all'assegno divorzile

Divorzio e abitazione: novità riguardo all'assegno divorzile

Proprietà - No all'assegno divorzile se sei autosufficiente o puoi esserlo, anche se non hai il tenore di vita del matrimonio. La casa è tra gli indizi di autosufficienza.
Aspetti dell'assegnazione della casa familiare

Aspetti dell'assegnazione della casa familiare

Leggi e Normative Tecniche - In caso di separazione e divorzio tra coniugi, un posto a sè occupa l'assegnazione della casa familiare: vediamo alcuni importanti aspetti relativi all'argomento

Assegnazione casa familiare in caso di separazione: chi paga le spese?

Proprietà - In caso di assegnazione della casa familiare durante il procedimento di separazione dei coniugi, a chi spetta il pagamento delle spese per l'utilizzo della casa?

Rapporti di coppia, uso dell'abitazione e diritto

Leggi e Normative Tecniche - Matrimonio, convivenza, figli, separazione, muore uno dei due? L'uso dell'abitazione è una questione centrale nel rapporto di coppia. Ma cosa prevede il diritto?

Assegno di mantenimento e mutuo nella separazione

Mutui e assicurazioni casa - La presenza di un mutuo è un elemento che i giudici considerano nel momento della definizione degli obblighi di mantenimento nella sentenza di separazione.

Bonus ristrutturazioni: quando spetta al familiare convivente

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quando il familiare convivente può fruire del bonus ristrutturazione per i lavori eseguiti sull'immobile di proprietà del familiare. Ecco i chiarimenti del Fisco

Acquisti con assegni senza clausola di non trasferibilità: scattano Maxi Sanzioni

Leggi e Normative Tecniche - Acquisti con assegno senza clausola di non trasferibilità. Le maxi sanzioni applicate hanno reso necessario l'intervento del Parlamento per trovare una soluzione

I diritti d'uso e di abitazione

Proprietà - Il diritto d'uso e di abitazione sono diritti reali, che consentono l'uso e l'abitazione di un bene, in relazione ai bisogni del titolare e della sua famiglia.
REGISTRATI COME UTENTE
295.528 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Cancelletto estensibile 1510
    Cancelletto estensibile 1510...
    556.00
  • Cancelletto estensibile classico
    Cancelletto estensibile classico...
    329.00
  • One idrosolubile gr 800
    One idrosolubile gr 800...
    9.36
  • Resina decorativa spatolata
    Resina decorativa spatolata...
    100.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Kone
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.