Aspetti costruttivi correlati al sisma

NEWS DI Ristrutturazione12 Giugno 2012 ore 15:30
Esiste una stretta correlazione tra lo stato di manutenzione e consistenza di un fabbricato esistente e gli effetti dovuti a un sisma di bassa violenza.

Dopo il Sisma di qualche giorno fa in Emilia e quello dello scorso 2009 in Abruzzo, si stanno mettendo alla luce delle problematiche piuttosto evidenti sulla stabilità del nostro patrimonio edilizio.


effetti di scosse sismiche su un fabbricatoDa qualche tempo si parla di sistemi in grado di anticipare i terremoti ma è pur vero che, allo stato attuale e in base alle conoscenze scientifiche, non è possibile fare nessuno studio se non di tipo probabilistico, derivato da una ricerca di sismicità storica.

Tali analisi consentono di prevedere l'intensità di un eventuale terremoto in una certa area geografica, ma non offrono chiaramente nessun dato certo e attendibile.

Il terremoto, secondo la classificazione più conosciuta, è misurato in base alla quantità di energia sprigionata (magnitudo Richter).

strumentazione per la misurazione del sismaA differenza della scala Mercalli, che si basa sugli effetti del sisma sui luoghi, la Richter è più obiettiva, e quindi solitamente utilizzata dagli esperti del settore.

Le scosse di lieve entità possono essere avvertite dall'uomo (soprattutto nei piani alti degli edifici) e solitamente non provocano danni evidenti.
Basta tuttavia che l'intensità sia leggermente superiore per costatare le prime conseguenze sulle strutture edilizie.

Tralasciando l'aspetto più generale di questo tema, ci si sofferma su alcune pecurialità che, pur se marginali rispetto alla complessità dell'argomento, contribuiscono comunque a determinare alcuni standard di sicurezza.

Consistenza delle strutture edilizie esistenti


stato di degrado della malta di allettamento dei conciNelle foto di seguito allegate, sono evidenziate delle condizioni che interessano lo stato di fatto e di manutenzione di alcuni fabbricati esistenti.

Una prima illustrazione riporta lo stato di consistenza della struttura basamentale di un vecchio fabbricato dove, l'incuria e l'assenza di manutenzione, stanno causando il progressivo deterioramento della malta d'allettamento dei conci compromettendo in maniera assoluta la stabilità dell'apparecchio murario.

accumulo di materiale di risulta su sottotettoNell'altra foto è visibile, oltre allo stato di degrado della struttura di legno di una copertura, una massa di materiale di risulta (costituita da vecchie tegole), depositata all'interno del sottotetto sucessivamente a qualche intervento di riparazione.

È evidente come una simile condizione causi un sovraccarico sia sul solaio dell'ultimo piano sia sulla struttura portante del fabbricato.

tracce per passaggi impiantistici eseguiti su muro portanteIn altri due esempi si notano delle profonde tracce eseguite su un muro portante (per il passaggio di linee elettriche), e il deterioramento delle barre di armatura di una struttura in cemento armato soggetta presumibilmente a infiltrazione continuata di acqua.

È evidente che ciascuno di questi elementi deve essere visto nella sua complessità, e quindi non è in questa sede che ci si sofferma sulle cause e per formulare eventuali rimedi.

degrado delle barre di armatura di una struttura in cemento armatoQuello che deve fare riflettere sono le eventuali anomalie, di ordine statico, che queste condizioni determinano sulla naturale resistenza della struttura edilizia.

Bastano, infatti, lievi sollecitazioni esterne (poste fuori dai carichi naturali) conseguenti a scosse sismiche, ad aggravare ulteriormente il quadro complessivo della resistenza strutturale, già in parte compromessa da queste difformità.

Anche in questo caso, tale descrizione non esaurisce in toto tutto l'argomento, ma rende evidente i conseguenti effetti dinamici legati a ogni singolo aspetto.

Interventi eseguiti su strutture edilizie esistenti


struttura in legno non spingente e cordolo perimetralePer trattare questo tema si prendono come riferimento alcuni esempi molto comuni, e riscontrabili in ambito edilizio.

Il primo riguarda un adeguato intervento di consolidamento di una struttura muraria in cui sono stati previsti: un cordolo sommitale, la realizzazione di una connessione tra il vecchio e nuovo apparecchio murario, e la posa di un sistema di copertura con travi di legno(poggiate) non spingenti.

Queste soluzioni sono adottate nei casi in cui sia necessario riconfigurare (in pendenza) il piano di copertura, per il rialzo dei muri perimetrali o per realizzare l'orditura portante (principale e secondaria) di legno.

Esistono chiaramente altre tecnologie edilizie ma, l'esempio su evidenziato, è stato inserito semplicemente per indicare l'importanza nella gestione di ciascun intervento tramite una valutazione di ordine strutturale.

stato precario di muretti e serbatoi idrici collocati su un terrazzinoÈ, infatti, necessario, prima di eseguire i lavori, verificare la natura e consistenza del fabbricato esistente, compatibilmente con le caratteristiche costruttive dei nuovi materiali.
Di ordine e consistenza diversa sono gli ultimi due casi esposti.

Nel primo, anche se il fabbricato denuncia un avanzato degrado, dovuto allo stato di abbandono, quello che interessa è di individuare il corpo edilizio costituito dai serbatoi idrici e dai muretti poggianti sul terrazzino.

Quello che deve fare riflettere, non è solamente il peso eccessivo che grava sulla copertura, ma quanto l'esilità della struttura che potrebbe facilmente crollare anche a seguito di una scossa sismica di modesta entità.

stato precario delle tegole sistemate a quota grondaLa stessa dinamica, si pone anche per l'altro esempio, dove l'assoluta mancanza di manutenzione del manto di copertura, ha determinato la scomposizione della prima fila di tegole poste a quota di gronda.

Anche in questo caso non è difficile pensare alle eventuali conseguenze di caduta dall'alto di questi elementi (trattenuti in maniera precaria), successivamente a lievi sollecitazioni, e dell'eventuale danno a persone o cose.

riproduzione riservata
Articolo: Aspetti costruttivi correlati al sisma
Valutazione: 5.58 / 6 basato su 12 voti.

Aspetti costruttivi correlati al sisma: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Aspetti costruttivi correlati al sisma che potrebbero interessarti
Studio geologico e effetti del sisma

Studio geologico e effetti del sisma

Normative - Tra gli aspetti inerenti il settore delle costruzioni, non deve trascurarsi lo studio delle caratteristiche del terreno di fondazione condotto dal professionista.
Il ministro Delrio propone l'obbligo del certificato di staticità per i fabbricati

Il ministro Delrio propone l'obbligo del certificato di staticità per i fabbricati

Leggi e Normative Tecniche - Il ministro Delrio propone d'inserire nei contratti d'affitto e compravendita immobili la certificazione statica obbligatoria a partire dalla Legge di Stabilità
Il legno e i terremoti

Il legno e i terremoti

Soluzioni progettuali - I ricercatori del DIMS simulano gli effetti sismici su edifici in legno: i risultati del progetto Chi Quadrato.

Interventi antisismici

Ristrutturazione - In zone soggette a sollecitazioni sismiche è bene sapere come intervenire per poter ridurre al minimo il rischio di crolli: ecco alcune indicazioni su cosa fare.

Sisma Emilia: colpita anche Ceramica Sant'Agostino

Arredamento - Colpita dal sisma del 20 maggio Ceramica Sant'Agostino si stringe alle famiglie delle vittime e mira a riprendere quanto prima la produzione

Terra cruda antisismica

Ristrutturazione - La terra cruda è un materiale così antico quanto ecologico, che ha una serie di proprietà tecniche che spesso vengono sottovalutate: alcune indicazioni utili.

Legno come materiale antisismico

Strutture in legno - La bioedilizia ha dimostrato attraverso test e simulazioni come il legno sia effettivamente un materiale molto più resistente al sisma del cemento armato.

Emilia Romagna - Linee Guida per ricostruzione post sismica

Leggi e Normative Tecniche - Con Decreto n.2013 del 22 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna ha approvato l'aggiornamento delle linee guida inerenti i contributi per la ricostruzione post-sisma.

Casa antisismica del Cinquecento

Soluzioni progettuali - La prima casa antisismica della storia fu progettata paradossalmente proprio a Ferrara, nel corso del Cinquecento, dall'illustre architetto ed erudito Pirro Ligorio.
REGISTRATI COME UTENTE
295.652 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Aqualab trappole per il monitoraggio delle zanzare
    Aqualab trappole per il...
    18.30
  • Progettazioni e costruzioni edili Milano e dintorni
    Progettazioni e costruzioni edili...
    1500.00
  • Tinteggiatura esterna al mq
    Tinteggiatura esterna al mq...
    8.00
  • Zanzariera araknis 1
    Zanzariera araknis 1...
    98.00
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Weber
  • Kone
  • Black & Decker
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.