Arredare con oggetti di modernariato

NEWS DI Complementi d'arredo24 Marzo 2012 ore 19:04
Riutilizzare oggetti che sono appartenuti ad altre persone per arredare le nostre case in modo originale e personale, dandogli una nuova funzione e un nuovo valore
modernariato , vintage , oggetti retrò , oggettistica
Arch. Maria Luisa Guerrini

In questi ultimi anni sono proliferati mercatini ed aste online di oggetti di modernariato molto richiesti da architetti, collezionisti, appassionati del genere. Per modernariato si intendono tutti quegli oggetti che sono stati prodotti dopo il 1930 siano essi mobili, complementi d'arredo, gioielli, vestiti e cose di casa.
C'è chi chiama questi oggetti vintage ma il concetto è sempre lo stesso.

In particolare, in questo articolo, ci si riferisce a tutti quei prodotti realizzati in modo industriale tra gli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta, figli di un periodo di grande fervore intellettuale e di grande sperimentazione nella forma e nel concetto dell'oggetto stesso, nella materia con cui venivano realizzati, nei colori alla moda di quei tempi.

Architetti, artisti e industriali illuminati hanno prodotto in questi anni non solo arredamenti futuristici ed ancora del tutto contemporanei, ma importanti oggetti e complementi d'arredo che accompagnando la vita quotidiana delle persone, la miglioravano per il loro design e la loro forma ergonomica, per la leggerezza dei nuovi materiali da costruzione, per il prezzo accessibile di un prodotto realizzato industrialmente su larga scala.

Architetti e designer del calibro di Joe Colombo, Marco Zanusso, Enzo Mari e molti altri hanno prodotto oggetti straordinari.
Tanti di questi oggetti sono usciti di produzione, molti altri vengono ancora prodotti sul disegno originale.
Chi apprezza questi oggetti cerca il pezzo originale e lo acquista nei mercatini di modernariato organizzati ormai in quasi tutte le città italiane o in negozi e aste virtuali in internet.


Valore degli oggetti di modernariato


Dare un valore a questi oggetti non è facile.
Ci sono due metri di misura: uno oggettivo e uno sentimentale. Il metodo oggettivo si basa sul valore commerciale dell'oggetto che dipende da diversi fattori: l'anno in cui è stato fabbricato, il numero di oggetti ancora in circolazione, lo stato in cui si trova l'oggetto, la presenza o meno dell'imballaggio, la richiesta del prodotto da parte di altri collezionisti.
Il valore affettivo è invece collegato al valore soggettivo che si vuole attribuire a quell'oggetto: i ricordi ad esso legati, il particolare trasporto emotivo che quel prodotto suscita nella persona, l'estetica, la funzione che gli si vuole ridare, il valore culturale attribuitogli.


Come riconoscere gli oggetti di modernariato?


Riconoscere un oggetto di modernariato è facile. Bisogna prendere quante più informazioni possibili studiando libri o informandosi su appositi siti Internet ad essi dedicati, dove si può scoprire per esempio l'anno di costruzione, i colori originali in cui veniva prodotto l'oggetto, il posto dove veniva apposto il marchio di fabbrica e la sua dicitura.

Questi oggetti possono far parte di una collezione o arricchire le stanze che abitualmente viviamo.
Sono oggetti di uso quotidiano i quali hanno avuto un passato, sono stati toccati ed amati da altre persone prima di noi, oggetti che hanno una storia, che può continuare vivendo nelle nostre case.
Molto spesso sono cose di cui altre persone si disfano, perché vecchie.

Chi acquista questi oggetti di solito è una persona che ha una cultura in merito, che conosce il perché, il quando e il come è stato costruito, quale materiale è stato utilizzato, con quale colore è stato prodotto il primo esemplare, qual' è l'architetto che l'ha ideato e la casa madre di costruzione.

Come si riutilizzano gli oggetti di modernariato?


Alcuni di questi oggetti di arredamento sono del tutto attuali e quindi possono essere messi tranquillamente vicino a quelli a noi più contemporanei.
Altri devono essere contestualizzati.
Per essi sarebbe meglio creare un angolo apposito, che permetta di apprezzarli al meglio.

Come abbiamo detto prima, gli oggetti di modernariato possono essere tavoli , sedie, divani, scrivanie, tappeti ma anche piccoli elettrodomestici come: telefoni, giradischi, radio, televisioni, frigoriferi, lampade, lampadari e quant'altro il cui design ha fatto storia.
In merito a questi oggetti si deve dire che, essendo stati dimenticati per tanto tempo, possono non essere funzionati al momento dell'acquisto.
Si può rimediare comprando i componenti messi in vendita da chi ha lo stesso oggetto, ma poiché si trova in cattive condizioni, ne vende solo le parti interne.

sedie e divani che presentano una tappezzeria logora dal tempo che è passato, possono essere rifoderate andando a cercare stoffe moderne ma dal disegno contemporaneo al pezzo da rivestire. Tavoli, mobili, librerie possono essere riutilizzati così come si trovano, se non troppo rovinati, altrimenti si cercheranno mani esperte che li ripuliranno dai danni che il tempo può loro aver causato.

riproduzione riservata
Articolo: Arredare con oggetti di modernariato
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 2 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Arredare con oggetti di modernariato: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Arredare con oggetti di modernariato che potrebbero interessarti
Sanitari retrò

Sanitari retrò

Dopo l'ultramoderno, l'avveniristico, l'uso di materiali hig tech e il ricorso a forme futuristiche, il design del bagno sembra orientarsi maggiormente verso un gusto retrò.
Stile classico in bagno

Stile classico in bagno

Con lo stile classico decor e tradizione entrano nell?oasi più personale della casa, il bagno. L?ambiente si riempie di vasche romantiche e dal sapore...
Arredare la casa con carta da parati Vintage

Arredare la casa con carta da parati Vintage

Il vintage è tornato di gran moda. Per arredare la casa con un outfit dal sapore retrò consigliamo di decorare una o due pareti con carta da parati stile vintage.
Una cucina dal sapore retrò con i frigoriferi vintage

Una cucina dal sapore retrò con i frigoriferi vintage

Vorreste una cucina dal sapore retrò, che vi trasporti indietro nel tempo? Con i frigoriferi vintage potrete cambiare completamente il volto della vostra cucina...
Piastrelle retrò e personalizzate

Piastrelle retrò e personalizzate

Nuove ceramiche per la casa caratterizzate da grafiche e pattern retrò, ispirate alle classiche piastrelle degli anni '50 e '60 e utili anche come semplice decorazione.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.380 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Lotto di bambole in vari materiali
    Lotto di bambole in vari materiali...
    350.00
  • Vetrina olandese in radica di noce
    Vetrina olandese in radica di noce...
    2800.00
  • Credenza inglese intarsiata in radica di noce
    Credenza inglese intarsiata in...
    2300.00
  • Maschera africana dipinta a mano
    Maschera africana dipinta a mano...
    460.00
  • Tenda occhioli art88335
    Tenda occhioli art88335...
    74.00
  • Tappo piletta scarico doccia
    Tappo piletta scarico doccia...
    17.00
  • Klover termocamino esagonale kw 29 acqua sanitaria
    Klover termocamino esagonale kw 29...
    4300.00
  • Divano letto
    Divano letto...
    1100.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Kone
  • Weber
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.