• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Apparecchi trattamento acqua

Per eliminare o ridurre in parte le sostanze nocive presenti nell'acqua, ci sono dosatori di sali, addolcitori, filtri, deferrizzatori, declorizzatori.
Pubblicato il

La progettazione e la realizzazione dei sistemi per la distribuzione, l'utilizzo e se necessario il trattamento dell'acqua nelle comuni abitazioni e negli edifici in generale, può apparire di primo acchito una cosa estremamente semplice, quasi banale rispetto agli altri tipi di impianti e sistemi tecnologici che caratterizzano le moderne abitazioni, massima espressione della tecnologia moderna. Tuttavia il dimensionamento e le scelte necessarie circa gli impianti di distribuzione, utilizzo e trattamento dell'acqua negli edifici possono mettere in imbarazzo non pochi progettisti. In generale, l'acqua distribuita dagli impianti idrici nelle abitazioni dovrebbe essere potabile, tuttavia possono anche esserci edifici nei quali non c'è la disponibilità di acqua potabile.

acqua potabilePer acqua potabile si intende l'acqua destinata al consumo umano quotidiano, con caratteristiche chimiche, fisiche e batteriologiche che devono essere conformi a quanto stabilito dalle specifiche leggi o regolamenti nazionali e o locali.

Dualmente per acqua non potabile si intende l'acqua che, pur non rispondendo alle suddette caratteristiche di acqua potabile, non deve comunque contenere sostanze o microrganismi pericolosi per le persone che la utilizzano o ne vengono semplicemente a contatto. L'acqua così come è disponibile in natura non è allo stato puro ma contiene in sospensione o disciolte in essa, sostanze di varia natura.

Tali sostanze, n generale, possono causare gravi danni sia agli impianti di distribuzione che gli apparecchi che utilizziamo comunemente in casa. Tra le sostanze più comuni presenti nell'acqua ci sono i sali di calcio e quelli di magnesio, generalmente disciolti, tali Sali come noto, si depositano quando l'acqua viene riscaldata, formando in tal modo incrostazioni molto particolarmente dure. In tal modo vengono compromessi i corretti funzionamenti dei più comuni componenti di un impianto idrico sanitario come: le valvole, i miscelatori, le pompe e i rubinetti di erogazione. Inoltre i Sali sono spesso causa della formazione, nelle tubazioni, di strozzature che limitano il regolare fluire dell'acqua. Analogamente, le incrostazioni riducono l'efficienza di scambio termico degli scambiatori di calore che si incrostano e possono surriscaldarsi fino a rottura.

Ciò può accadere sia per i vecchi tipi di impianti ad esempio con caldaia e radiatori che con i moderni impianti idronici costituiti da chiller o caldaie come generatori e fancoil, pur lavorando questi ultimi a temperature più basse rispetto ai primi. In ogni caso, la grandezza che indica la quantità di sali incrostanti presenti nell'acqua è la durezza espressa in gradi francesi. Tra gli altri elementi che si possono trovare nell'acqua ci sono: Sabbia e corpuscoli solidi, ferro che ne condiziona molto la potabilità e cloro. Quest'ultimo generalmente utilizzato per disinfettare l'acqua distribuita negli acquedotti, spesso sono presenti in anche microrganismi.

Dosatori, addolcitori, deferrizzatori, declorizzatori


Innumerevoli apparecchi sono disponibili in commercio per eliminare, o a ridurre entro limiti accettabili, le sostanze nocive presenti nell'acqua, essi possono essere classificati in dosatori di sali, addolcitori, filtri, deferrizzatori, declorizzatori. I dosatori immettono nell'acqua trattata dei sali stabilizzatori i quali hanno le funzioni principali di limitare la precipitazione dei sali incrostanti e formare dei sottili strati protettivi per le tubazioni contro le corrosioni.


incrostazioni compromettono impiantiGli addolcitori svolgono la funzione di trasformare i sali incrostanti in sali solubili attraverso delle resine scambiatrici di ioni. Inizialmente le resine sottraggono all'acqua dell'impianto gli ioni dei sali incrostanti e li sostituiscono con ioni dei sali solubili, successivamente le stesse resine cedono ad un'altra soluzione rigenerante, gli ioni dei sali incrostanti ed accumulano ioni di sali solubili.

È bene evidenziare che l'addolcimento può rendere l'acqua chimicamente molto aggressiva, fino a corrodere le tubazioni, la durezza deve essere mantenuta sempre al disopra di un certo limite, facilmente misurabile. I filtri, in generale hanno il compito di trattenere sabbia e i corpuscoli solidi sospesi nell'acqua. Come indica il nome, i deferrizatori sono in grado di ridurre la quantità di ferro contenuta nell'acqua, gli ossidi di ferro accumulati possono essere asportati con interventi di lavaggi programmati. Analogamente, i decloratori permettono di ridurre la quantità di cloro presente nell'acqua per mezzo di sostanze a mezzo di sostanze assorbenti e riducenti.

riproduzione riservata
Apparecchi trattamento acqua
Valutazione: 5.17 / 6 basato su 6 voti.
gnews

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
  • Ing.granato
    Ing.granato
    Venerdì 7 Settembre 2012, alle ore 11:45
    Cillichemie, Culligan e Thomas alcuni nomi principali. E' bene installare l'addolcitore (molti già comprendono il filtro) subito dopo il contatore, funzionano a corrente o a mano.
    rispondi al commento
  • Andrea Marchi
    Andrea Marchi
    Giovedì 6 Settembre 2012, alle ore 11:18
    Buongiorno, volevo installare un impianto per il trattamento delle acque di casa, utilizzate per uso sanitario, cucina e riscaldamento.
    I problemi sono:
    - presenza sabbia (rilevata nei rubinetti)
    - durezza dell'acqua (ho rilevato 37°F)
    - l'idraulico di fiducia mi dice che c'è troppa pressione.
    Quindi vi chiedo cortesemente:
    1) Devo installare 3 apparecchi (filtro, addolcitore, riduttore) o ne posso prendere uno solo, o due che fanno tutte e 3 le funzioni?
    2) Posso farli installare tutti a 3 a monte e in cascata nella conduttura nel sottoscala del condominio?
    3) Per l'addolcitore, se montato nel sottoscala non avrei a disposizione la corrente, ne esistono a batteria?
    So che ci sono anche manuali, ma non vorrei dover ogni settimana ricordarmi di girare il filtro.
    Consigli e prezzi per i dispositivi di cui sopra?
    Grazie mille
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
346.794 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img alessandra caria
Ciao a tutti, io da anni ormai bevo l'acqua del rubinetto, che è buona nella mia zona. Ho montato un semplice filtro a carbonio, di quelli che si cambiano ogni 3 mesi, che...
alessandra caria 02 Novembre 2023 ore 14:02 1
Img bond 01
Ciao a tutti, ho una casa di campagna con pozzo artesiano e una cisterna scavata e intonacata sotto terra (non ermeticamente chiusa, ma chiusa solo con apribotola in ferro, quindi...
bond 01 03 Settembre 2023 ore 20:41 3
Img checo79
Stavo cercando info ma trovo solo roba generica ovverosistemi difiltraggio, mineralizzazione, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare dell’acquaUn...
checo79 14 Marzo 2023 ore 12:21 3
Img armando81
Buonasera, volevo qualche parere circa la sostituzione del mio vecchio serbatoio di casa in polietilene che dopo circa 15anni si è lesionato e perde acqua.Il Serbatoio...
armando81 24 Agosto 2022 ore 17:16 3
Img ale.lava.fusa.89
Buongiorno,spero di trovare qualche altra persona nella mia stessa situazione e sapere come muovermi e/o comportarmi con l’acqua di casa.Ho fatto fare gli esami...
ale.lava.fusa.89 02 Luglio 2022 ore 10:13 3