Appalto, consegna e accettazione dell'opera

NEWS DI Normative09 Luglio 2013 ore 02:17
La consegna e l'accettazione dell'opera appaltata, sia pur potendo avvenire contestualmente, sono fenomeni giuridicamente distinti con differenti conseguenze.

AppaltoTizio commissione all'impresa Alfa la realizzazione di un'abitazione su un terreno di sua proprietà.


Sempronio affida all'impresa Beta il compito di ristrutturare alcuni vani della sua unità immobiliare.


Il condominio Gamma appalta all'impresa Delta il rifacimento dell'intera facciata dell'edificio.


Si tratta, è evidente, di esempi classici di contratto d'appalto; questo, ai sensi dell'art. 1655 c.c. è il contratto col quale una parte assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di un'opera o di un servizio verso un corrispettivo in danaro.


Terminati i lavori l'opera dev'essere consegnata al legittimo proprietario: dal punto di vista giuridico intercorre una notevole differenza tra consegna ed accettazione dell'opera.


Una recente sentenza della Corte di Cassazione, resa nel solco dei precedenti pronunciamenti in materia, ci aiuta a comprenderla.


Opera appaltata e responsabilità


L'art. 1655 c.c. citato in principio parla chiaro: l'appaltatore s'impegna a realizzare l'opera con gestione a proprio rischio.


È lui, quindi, salvo ingerenze del committente o impossibilità di contravvenire agli ordini (errati) del direttore dei lavori (in tal caso a sua volta responsabile) che risponde della cattiva esecuzione delle opere.


In tal senso, di recente, i giudici di piazza Cavour hanno ribadito che in tema di appalto ed in ipotesi di responsabilità per vizi dell'opera, l'appaltatore, anche quando sia chiamato a realizzare un progetto altrui, è sempre tenuto a rispettare le regole dell'arte ed è soggetto a responsabilità anche in caso di ingerenza del committente, con la conseguenza che la responsabilità dell'appaltatore, con il derivante obbligo risarcitorio, non viene meno neppure in caso di eventuali vizi imputabili ad errori di progettazione o direzione dei lavori se egli, accortosi del vizio, non lo abbia tempestivamente denunziato al committente manifestando formalmente il proprio dissenso, ovvero non abbia rilevato i vizi pur potendo e dovendo riconoscerli in relazione alla perizia ed alla capacità tecnica da lui esigibili nel caso concreto (Cass. 21 giugno 2013, n. 15711).


Consegna e accettazione dell'opera


Appalto e consegnaAl termine dei lavori, com'è normale che sia e come si diceva in principio, l'appaltatore consegna al committente ciò che gli era stato commissionato, per restare agli esempi iniziali, la nuova costruzione, le stanze ristrutturate, la facciata mantenuta.


Il momento della consegna, dal punto di vista giuridico è particolarmente delicato: se ad esso, infatti, si accompagna, espressamente o tacitamente l'accettazione dell'opera, il committente, salvo che si tratti di vizi occulti o che si palesano successivamente, non può più contestare eventuali difformità già presenti in quel momento.


Proprio per questo distinguere la mera consegna dell'opera dalla consegna con accettazione è questione di fondamentale importanza.


La Suprema Corte, proprio nella sentenza succitata, ha avuto modo di rimarcare questa distinzione affermando che la presa in consegna dell'opera, in tema di appalto, da parte del committente non va confusa con l'accettazione della stessa e non implica, di per sé, la rinunzia a far valere la garanzia per i difetti conosciuti o conoscibili quando sia seguita dalla denunzia delle difformità e dei vizi dell'opera.


In modo più incisivo si è puntualizzato che, in materia di appalto, l'art. 1665 c.c., pur non enunciando la nozione di accettazione tacita dell'opera, indica i fatti e i comportamenti dai quali deve presumersi la sussistenza dell'accettazione da parte del committente e, in particolare, al quarto comma prevede come presupposto dell'accettazione (da qualificare come tacita) la consegna dell'opera al committente (alla quale è parificabile l'immissione nel possesso) e come fatto concludente la ricezione senza riserve da parte di quest'ultimo anche se non si sia proceduto alla verifica.


Appalto e accettazioneIn questo contesto, affermano gli ermellini rimarcando la differenza tra i due atti, la consegna costituisce un atto puramente materiale che si compie mediante la messa a disposizione del bene a favore del committente, mentre l'accettazione esige, al contrario, che il committente esprima (anche per facta concludentia) il gradimento dell'opera stessa […], con conseguente manifestazione negoziale la quale comporta effetti ben determinati, quali l'esonero dell'appaltatore da ogni responsabilità per i vizi e le difformità dell'opera ed il conseguente suo diritto al pagamento del prezzo (Cass. 21 giugno 2013, n. 15711).


Molto, in tal senso, può essere fatto dal contenuto del verbale delle operazioni che hanno portato alla consegna materiale dell'opera.


Nei casi dubbi che non sono risolti dalle parti, è il giudice a dover valutare il contenuto del succitato verbale.

riproduzione riservata
Articolo: Appalto, consegna e accettazione dell'opera
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 4 voti.

Appalto, consegna e accettazione dell'opera: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Appalto, consegna e accettazione dell'opera che potrebbero interessarti
Aspetti del contratto di prestazione d'opera manuale

Aspetti del contratto di prestazione d'opera manuale

Leggi e Normative Tecniche - Nel contratto d'opera manuale una persona si impegna a compiere un'opera o servizio non intellettuale con lavoro prevalentemente proprio e senza subordinazione.
Appalto, difformita' e vizi dell'opera

Appalto, difformita' e vizi dell'opera

Normative - Il contratto d'appalto per la costruzione di un immobile e le contestazioni per i vizi e le difformita' dell'opera. Come e contro chi agire ed in che tempi.
Appalto in condominio e responsabilità contrattuale

Appalto in condominio e responsabilità contrattuale

Condominio - Poteri dell'amministratore in relazione e la responsabilità contrattuale derivante dal contratto di appalto in condominio

Definizione Contratto Appalto

Normative - Il codice civile, il Decreto Legislativo 81/08 e gli articoli 86 ed 87 del decreto Legislativo 163/2006 definiscono in maniera univoca tutte le possibilità di gestione di un appalto.

Appalto, vizi dell'opera e loro denuncia

Normative - Il contratto d'appalto, prevedendo l'esecuzione dei lavori a rischio e pericolo dell'appaltatore, consente al committente una serie di azioni per i vizi dell'opera.

Vendita di cosa futura: come viene disciplinata dalla legge

Comprare casa - Quando si acquista un immobile ancora da costruire il contratto stipulato può essere una vendita di cosa futura o un contratto di appalto. Quali le differenze?

Garanzia per l'installazione degli impianti negli edifici

Leggi e Normative Tecniche - Per l'installazione degli impianti negli edifici l'impresa esecutrice deve prestare garanzia per la corretta esecuzione dell'opera anche ai sensi del codice del consumo.

Capitolato d'appalto: quando va utilizzato

Leggi e Normative Tecniche - Il capitolato d'appalto è un documento che regola i rapporti tra l'appaltante e l'appaltatore, obbligatorio negli appalti pubblici, opzionale nei lavori privati

Come comportarsi con l'impresa in ritardo con i lavori di ristrutturazione

Leggi e Normative Tecniche - L'impresa appaltatrice deve eseguire le opere nei termini convenuti, altrimenti rischia l'applicazione di una penale, se prevista, e una richiesta di risarcimento
REGISTRATI COME UTENTE
295.492 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Guaina in opera
    Guaina in opera...
    15.00
  • Posa in opera piastrelle in ceramica roma
    Posa in opera piastrelle in...
    24.00
  • Dipinto francese allegoria dell'astronomia del xix secolo
    Dipinto francese allegoria...
    875.00
  • Fornitura lastricato in porfido, Marino di Roma
    Fornitura lastricato in porfido,...
    45.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Faidatebook
  • Kone
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.