Nuovi adempimenti per locatore e amministratore con l'anagrafe condominiale

NEWS Amministratore di condominio14 Gennaio 2016 ore 14:09
La legge di stabilità ha introdotto nuovi obblighi in capo al locatore e all'amministratore di condominio in relazione al contratto di locazione. Come valutarli?

Anagrafe condominiale


Anagrafe condominialeL’anagrafe condominiale rappresenta una delle novità più rilevanti introdotte nel codice civile dalla riforma del condominio (art. 1130 n. 6 c.c.).

Essa consiste in un registro che l’ amministratore è obbligato a tenere aggiornato – con la collaborazione fattiva dei condòmini – e che deve contenere:

a) le generalità dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento comprensive del codice fiscale e della residenza o domicilio;

b) i dati catastali di ciascuna unità immobiliare;

c) ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza delle parti comuni dell'edificio (il riferimento alle parti comuni dell’edificio è stato inserito nell’art. 1130 n. 6 c.c. ad opera del d.l. n. 145/2013, così detto decreto Destinazione Italia).

Si è accennato alla necessità della collaborazione dei condòmini. In sostanza la procedura da seguire per la formazione iniziale e l’aggiornamento del registro di anagrafe condominiale è la seguente:

a) l’amministratore chiede ai condòmini i dati suindicati, specificando un termine per l’adempimento;

b) i condòmini rispondono alla richiesta compilando il modulo inviatogli dall’amministratore (non è necessario inviare un modulo, ma la prassi ha portato a questa modalità di tenuta).

Nel caso di aggiornamento, ad esempio di cambio di residenza o di conduttore, spetta al condomino attivarsi per primo, in quanto non sempre l’amministratore può essere a conoscenza di questi cambiamenti.

Nell’ipotesi di omessa o incompleta comunicazione dei dati da parte del condomino – tanto nel caso di formazione iniziale, quanto di aggiornamento del registro – l’amministratore previo sollecito con raccomandata a.r. può agire d’ufficio per reperire i dati richiesti addossando le spese all’inadempiente.

Esempio: Tizio non comunica la sua residenza o i dati catastali della sua unità immobiliare.
In tal caso l’amministratore potrà reperire queste informazioni presso l’ufficio anagrafe ed il catasto, addossando il costo di queste certificazioni a Tizio.
Se nel compenso comunicato al momento dell’accettazione della nomina è preveduta una voce per quest’attività, allora l’amministratore potrà domandare ai condòmini anche questo compenso, oltre alle spese vive necessarie per l’ottenimento delle informazioni mancanti.


Dati dei conduttori e problematiche connesse


Se reperire informazioni in merito ai dati catastali, alla residenza e ai diritti reali esistenti sulle unità immobiliari non rappresenta un problema – per ciò esistono l’anagrafe comunale, il catasto e i pubblici registri immobiliari – altrettanto non può dirsi per i diritti personali di godimento sull’unità immobiliare.

Uno su tutti: il contratto di locazione. Ad oggi non esiste un’anagrafe pubblica dei contratti di locazione in essere, sicché chi volesse sapere se una determinata unità immobiliare è abitata da un inquilino non avrebbe altro strumento che quello di domandarlo ai diretti interessati.

Amministratore di condominioSiccome i contratti di locazione a uso abitativo di durata superiore a trenta giorni devono essere registrati all’agenzia delle entrate, teoricamente è possibile domandare al Tribunale di ordinare al suddetto ente di fornire queste informazioni al ricorrente che il giudice ha autorizzato considerandolo interessato (cfr. d.p.r. n. 131/86).

Una procedura lunga e costosa che, nei fatti, non è stata mai utilizzata, quanto meno non è stata utilizzata dagli amministratori di condominio .

Questi, in effetti, non avevano strumenti di facile utilizzo per ottenere informazioni sulla esistenza di contratti di locazione, meglio ottenere i dati dei conduttori, se proprietario e inquilino non glieli indicavano.


Anagrafe condominiale, locazione e Legge di stabilità 2016


La legge si stabilità per l’anno 2016 (l. n. 28 dicembre 2015, n. 208, pubblicata in Gazzetta Ufficiale in data 30 dicembre 2015) ha posto parziale rimedio a questo problema o quanto meno questa era l’intenzione del Legislatore.

L’art. 1, cinquantanovesimo comma, l n. 208/2015 è intervenuto modificando l’art. 13, primo comma, l. n. 431/98 (riguardante i contratti di locazione ad uso abitativo). Tale norma oggi recita:

[…]. È fatto carico al locatore di provvedere alla registrazione nel termine perentorio di trenta giorni, dandone documentata comunicazione nei successivi sessanta giorni, al conduttore ed all'amministratore del condominio, anche ai fini dell'ottemperanza agli obblighi di tenuta dell'anagrafe condominiale di cui all'articolo 1130, numero 6), del codice civile.

In sostanza, si è imposto al proprietario dell’unità immobiliare di comunicare all’amministratore di condominio degli estremi della registrazione del contratto.

Ciò vuol dire che non sarà più sufficiente comunicare all’amministratore il nome del conduttore, ma entro sessanta giorni dalla registrazione del contratto bisognerà comunicargli anche gli estremi di questo adempimento. Il fatto che la comunicazione debba essere documentata sembrerebbe fare riferimento alla necessità di allegare alla comunicazione copia della ricevuta di registrazione o quanto meno un suo estratto.
Tale documento deve entrare a fare parte del registro di anagrafe condominiale, in quanto è la stessa norma ad imporlo specificando che la comunicazione documentata dev’essere adempiuta anche ai fini della tenuta dell’anagrafe condominiale.

E se il proprietario non agisce in questi termini, cioè non comunica all’amministratore gli estremi della registrazione?
Allora l’amministratore potrà agire in giudizio chiedendo l’emissione di un decreto ingiuntivo.

È evidente, almeno ad avviso di chi scrive, che la norma non abbia risolto il problema di fondo, ossia la possibilità per l’amministratore condominiale, in assenza di fattiva collaborazione dei diretti interessati, di conoscere con certezza il nominativo del conduttore, non essendo ancora esistente un’anagrafe pubblica dei contratti di locazione che consenta di dare risposta a questa interrogazione.

Come dire: se il proprietario non comunica nulla, l’amministratore non ha a disposizione gli strumenti per conoscere con certezza queste informazioni, così come li ha per la residenza, i dati catastali, ecc. ecc.

riproduzione riservata
Articolo: Anagrafe condominiale: le novità nella legge di Stabilità 2016
Valutazione: 5.33 / 6 basato su 3 voti.

Anagrafe condominiale: le novità nella legge di Stabilità 2016: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Anagrafe condominiale: le novità nella legge di Stabilità 2016 che potrebbero interessarti
Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri
Anagrafica condominiale e dati relativi alle condizioni di sicurezza

Anagrafica condominiale e dati relativi alle condizioni di sicurezza

Tabelle millesimali - La riforma del condominio, in vigore dal 18 giugno 2013, ha introdotto l'obbligo di tenuta dell'anagrafe condominiale e dei dati sulle condizioni di sicurezza.
I registri condominiali dopo l'entrata in vigore della riforma

I registri condominiali dopo l'entrata in vigore della riforma

Assemblea di condominio - I registri condominiali, ossia il registro verbali, l'anagrafica condominiale e il registro di contabilità, rappresentano una delle novità della l. n. 220/12.

L'amministratore del piccolo condominio

Condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.

Condòmini sempre più esposti ai creditori del condominio

Parti comuni - Qualora i creditori del condominio siano insoddisfatti sono pignorabili le quote del singolo condomino anche se non moroso. Le novità della Corte di Cassazione.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

Condominio e notifiche

Condominio - Chi può ricevere gli atti giudiziari che un condomino o un terzo notifica alla compagine condominiale?Si pensi all?impugnazione della deliberazione

Amministratore e passaggio di consegne

Condominio - Una recente sentenza del Tribunale di Bari, la n. 967 del 17 marzo 2010, ci permette di chiarire, allo stato attuale, quali siano gli strumenti a disposizione

Documenti condominiali e privacy

Condominio - I documenti condominiali sono atti visionabili dai condomini, ma è necessario operare delle distinzioni per evitare violazioni della riservatezza di qualcuno.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img 64brunica
Buon giorno,scrivo in merito alla nuova normativa dei reati depenalizzati tra cui l'appropriazione indebita.L'amministratore condominiale che commette un comportamento di questo...
64brunica 08 Aprile 2015 ore 10:26 5
Img 64brunica
Buon giorno,l'amministratore ha da poco nominato una s.a.s. a conduzione familiare.All'atto della nomina ha presentato una lettera di benvenuto con alcuni suoi dati (p. IVA,...
64brunica 17 Marzo 2015 ore 11:23 1
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
Img sillysally
Buonasera,l'amministratore ha qualche responsabilità nel non aver mai avvisato il proprietario per un intero anno che gli inquilini non pagavano le spese condominiali?In...
sillysally 23 Maggio 2014 ore 21:16 3
Img 64brunica
Salve,a seguito di una diffida nei confronti dell'amministratore per una sua inerzia, lo stesso circa 35 gg dopo mi invia R/R da me non esauriente. Tale spesa della R/R e da...
64brunica 14 Luglio 2015 ore 10:38 1
REGISTRATI COME UTENTE
304.750 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Velux
  • Black & Decker
  • Vimec
  • Claber
  • Saint-Gobain ISOVER
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.