Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri
15 Giugno 2018 ore 09:43 - Amministratore di condominio

Revoca dell'amministratore e proroga dei poteri


All'amministratore di condominio che viene revocato non spetta alcun compenso extra per il periodo successivo alla cessazione dell'incarico.
Non c'è prorogatio dei poteri, fino all'insediamento del nuovo amministratore, in caso di volontà contraria da parte dell'assemblea condominiale.

Lo ha deciso la Corte di Cassazione con la sentenza n.12120 dello scorso 17 maggio 2018. Spieghiamo meglio di cosa si tratta.
La vicenda esaminata dalla Suprema Corte trae origine dal decreto ingiuntivo presentato da un amministratore di condominio uscente, per ottenere il pagamento del compenso, a suo dire dovuto, in attesa dell'incarico del nuovo amministratore.
Dopo vari giudizi, il caso giunge davanti alla Corte di Cassazione, che accogliendo le ragioni dei condomini, respinge le richieste dell'amministratore ricorrente.

Amministratore di condominio
Premesso che l'incarico dell'amministratore relativo alla gestione delle parti comuni di uno stabile può cessare per scadenza del mandato, revoca da parte dell'assemblea o anche per dimissioni, è importante chiarire come debba essere gestito il periodo precedente all'avvio della gestione da parte dell'amministratore subentrante, al fine di salvaguardare l'interesse del condominio.

Può capitare che, per svariati motivi, un nuovo amministratore non venga nominato immediatamente e che il condominio resti per un periodo scoperto.
Poiché l'obiettivo da perseguire è quello di evitare vuoti di potere a scapito dei condomini, i giudici hanno istituito la cosiddetta prorogatio dei poteri che si applica ogni qualvolta un amministratore venga a mancare. Il titolare del potere è legittimato a esercitarlo fino all'insediamento del successore. L'amministratore cessato dalla carica continuerà pertanto ad esercitare i poteri di cui all'articolo 1130 del codice civile fino all'inserimento del nuovo.

In base al principio della prorogatio l'amministratore del caso analizzato pretendeva una somma a titolo di compenso. Secondo i giudici di legittimità, tale principio sussiste nell'interesse e in conformità alla volontà dei condomini. In caso di volontà contraria non troverà applicazione.

In questa situazione, qualora sia stato nominato un nuovo amministratore e stabilito un termine per il suo ingresso nella gestione condominiale, il periodo che va dalla data della delibera di nomina del nuovo amministratore e l'avvio del nuovo incarico è un periodo di passaggio di consegne che non comporta ulteriori compensi in capo all'amministratore uscente. A maggior ragione questo succederà qualora l'inizio della nuova gestione sia ritardato dalla mancata consegna della documentazione condominiale per colpa del precedente amministratore.

riproduzione riservata
Articolo: Amministratori di condominio: se revocati niente compensi extra
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Amministratori di condominio: se revocati niente compensi extra: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
Notizie che trattano Amministratori di condominio: se revocati niente compensi extra che potrebbero interessarti

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.

Il giudizio di revoca e l'amministratore

Condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario della compagine e riceve l'incarico dall'assemblea con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti alla riunione.

Revoca giudiziale dell'amministratore e onere della prova

Amministratore di condominio - La revoca giudiziale dell'amministratore può essere chiesta da ogni condomino, che deve provare la ricorrenza della causa che consente l'emissione del decreto.


Gravi irregolarità dell'amministratore

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario dei condomini e deve agire rispettando determinate regole pena la possibilità di essere revocato anche per via giudiziale.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

Revoca dell'amministratore e vizi dell'immobile

Condominio - L'amministratore è nominato dall'assemblea ed il suo incarico ha durata annuale. Tuttavia, la stessa assise, può provvedere alle revoca dell'amministratore in qualsiasi momento.

Revoca giudiziale dell'amministratore di condominio, si passa dal mediatore?

Amministratore di condominio - In tema di revoca giudiziale dell'amministratore di condominio, trattandosi di procedimento di volontaria giurisdizione, non è necessaria la mediazione. Oppure si?

Amministratore di condominio, diritto alla retribuzione e limiti

Condominio - L?amministratore è il mandatario dei condomini in relazione alla gestione e conservazione delle parti comuni dell?edificio

Consumi d'acqua, la mancata rendicontazione può portare alla revoca dell'amministratore

Condominio - In ogni condominio, questa almeno è la prassi che invale nel nostro paese, la compagine delega ad una società le operazioni di lettura dei contatori dell'acqua
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img cusi92
Salve,mi sto informando per l'acquisto di un appartamento in un condominio frutto di demolizione e ricostruzione in zona sismica 3.Dopo alcune verifiche (da me suggerite),...
cusi92 27 Luglio 2021 ore 18:28 1
Img boy986
Buongiorno,vivo al piano terra di un condominio degli anni '60 e da quando ho cambiato gli infissi e isolato i muri perimetrali con pannelli depron e intonaco mi si forma condensa...
boy986 26 Luglio 2021 ore 09:54 6
Img fabio vasciarelli
Buongiorno a tutti,scrivo per chiedere un parere riguardo l'allargamento della porta del mio box.Siamo 4 condomini con 4 villette a schiera che condividono soltanto la rampa di...
fabio vasciarelli 23 Luglio 2021 ore 13:33 3
Img davidmalan
Buongiorno,abito in uno stabile di Milano e il condomonio è molto interessato al Superbonus 110%.Il nostro amministratore ci ha presentato con molto entusiasmo un General...
davidmalan 22 Luglio 2021 ore 09:45 4
Img mozzilla
Salve a tutti,mi sto cimentando nella sostituzione dei miei vecchi infissi in alluminio.Ho pensato a degli infissi in pvc.Essendo in condominio saranno bicolore (bianco dentro e...
mozzilla 17 Luglio 2021 ore 09:21 9