Amministratore: nomina, revoca, compiti e funzioni

NEWS DI Amministratore di condominio04 Marzo 2014 ore 12:05
In ogni condominio con più di otto partecipanti si deve nominare un amministratore(art. 1129 c.c.), ossia un soggetto cui la legge demanda determinate attività.

Amministratore e riforma del condominio


Amministratore

L'amministratore, i suoi rapporti con il condominio e i requisiti per assumere l'incarico sono stati tra gli argomenti sui quali la riforma è intervenuta con maggiore incisività.

In ogni condominio con più di otto partecipanti si deve nominare un amministratore (art. 1129 c.c.).

Si tratta di un soggetto cui la legge demanda una serie di compiti che possono essere così riassunti: l'amministratore è un mandatario del condominio che opera con il fine della gestione e conservazione della parti comuni nell'interesse dei condomini.

Ad oggi si contano circa 40.000 amministratori professionisti, ossia persone che esercitano in modo organizzato e continuativo l'attività di amministrazione condominiale.

È un mercato con forti margini di crescita se si pensa che solo 1/3 del patrimonio immobiliare condominiale è amministrato da professionisti, mentre i restanti 2/3 degli immobili sono gestiti dai c.d. amministratori interni, cioè coloro che vivendo in condominio si interessano della gestione dell'edificio, molto spesso a turnazione, e quasi sempre a puro titolo di cortesia (fonte rapporto CENSIS-ANACI del marzo 2006).

Vediamo più nel dettaglio i requisiti richiesti per svolgere l'attività di amministratore di condominio , le modalità di nomina, revoca e conferma e le sue principali funzioni.


Requisiti per la nomina


Per essere nominato amministratore, salvo diverse disposizioni del regolamento di condominio, è necessario possedere i requisiti di cui all'art. 71-bis disp. att. c.c.

In poche parole, l'amministratore non deve avere riportato particolari condanne penali, non deve essere protestato e, se non si tratta di amministratore interno, deve aver seguito un corso di formazione iniziale, nonché seguire dei corsi di formazione periodica.

La riforma ha chiarito, sulla scorta dell'orientamento espresso dalla Cassazione, che anche le società di capitali possono assumere l'incarico di amministratori condominiali (cfr. art. 71-bis disp. att. c.c.).

Sebbene fosse da più parti ritenuta auspicabile una regolamentazione minima del settore che introducesse degli standard qualitativi a garanzia della serietà e correttezza dell'attività svolta, la regolamentazione appena sintetizzata non ha convinto appieno.


Quorum deliberativi per la nomina


Si è detto all'inizio che quando i condomini (ossia i proprietari delle unità immobiliari) sono più di nove, l'assemblea deve provvedere alla nomina di un amministratore; per tale atto (così come per molte altre decisioni dell' assemblea di condominio ) è necessaria una doppia maggioranza.

A norma dell'art. 1136 c.c., la deliberazione di nomina sarà valida se adottata dalla maggioranza degli intervenuti all'assemblea che rappresentino almeno 500 millesimi. Tale quorum deve essere raggiunto sia in prima che in seconda convocazione.

Se l'assemblea non riesce a nominare l'amministratore, ogni condomino potrà agire giudizialmente per ottenere dal Tribunale competente (ossia quello del luogo in cui è situato l'immobile) la nomina dell'amministratore. Si tratta della c.d. nomina giudiziaria che è subordinata al tentativo, andato a vuoto di nomina da parte dell'assemblea.

Tanto quando si perviene alla nomina per via assembleare, tanto quando si ricorre all'Autorità Giudiziaria, è incontestato che la delibera (assembleare) o il decreto (giudiziale) di nomina fanno sì che tra condominio ed amministratore si instauri un rapporto giuridico; esso va ricondotto nell'ambito del contratto di mandato (cfr. art. 1129 c.c. e in giurisprudenza su tutte si veda Cass. SS.UU 8 aprile 2008 n. 9148).

Tale mandato si presume oneroso ed il compenso dev'essere analiticamente indicato dall'amministratore all'atto dell'accettazione della nomina.

Così salvo diversa deliberazione assembleare l'amministratore che accetta l'incarico avrà diritto ad essere retribuito.

La misura del compenso sarà decisa sulla base dell'accordo delle parti; in mancanza secondo gli usi o dal giudice.

Una volta nominato, l'amministratore dura in carica un anno e, salvo revoca, l'incarico s'intende rinnovato per un periodo di eguale durata (cfr. art. 1129 c.c.): nel corso di questo periodo di tempo egli deve porre in essere tutti quegli atti utili ad adempiere al proprio compito.


Attribuzioni dell'amministratore


Amministratore condominialeLa norma di riferimento relativamente alle attribuzioni dell'amministratore è rappresentata dall'art. 1130 c.c.

A mente di tale disposizione l'amministratore, tra le varie cose deve:

a) eseguire le deliberazioni dell'assemblea dei condomini e curare l'osservanza del regolamento di condominio;

b) disciplinare l'uso delle cose comuni e la prestazione dei servizi nell'interesse comune, in modo che ne sia assicurato il miglior godimento a tutti i condomini;

c) riscuotere i contributi ed erogare le spese occorrenti per la manutenzione ordinaria delle parti comuni dell'edificio e per l'esercizio dei servizi comuni;

d) compiere gli atti conservativi dei diritti inerenti alle parti comuni dell'edificio;

e) tenere il registro di anagrafe condominiale;

f) rendere il conto della sua gestione entro 180 giorni dalla chiusura dell'anno di gestione.

L'elenco appena riportato non è esaustivo.

Si tratta di attività che, come si è detto all'inizio, sono finalizzate alla gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio. Così per l'erogazione delle spese per i servizi comuni se i condomini si renderanno morosi potrà agire in giudizio per il recupero del credito; potrà stipulare contratti di assicurazione al fine di compiere atti conservativi dell'immobile, ecc.

Oltre che all'approvazione dei conti di gestione, l'assemblea ordinaria dovrà provvedere alla conferma o alla revoca e di conseguenza alla nomina di un nuovo amministratore.

Per la revoca dell'amministratore sono richieste le stesse maggioranze previste per la nomina. È dubbio se la conferma debba essere equiparata alla nomina o se costituisca un atto autonomo ed indipendente. Nel primo caso per essere confermato in carica l'amministratore dovrà ottenere i voti della maggioranza degli intervenuti all'assemblea che rappresentino 500 millesimi. Nel secondo caso sarà sufficiente, in seconda convocazione, 1/3 dei millesimi che rappresenti 1/3 del valore dell'edificio.

Qualora non si raggiungano le maggioranze richieste, l'amministratore uscente proseguirà provvisoriamente nel suo incarico; ciò fino alla conferma o nomina del nuovo amministratore. È il c.d. caso della prorogatio imperii che trova fondamento nella presunzione di conformità alla volontà dei condomini e nell'esigenza di dare continuità amministrativa al condominio (sul punto si veda Cass. 23 gennaio 2007 n. 1405).


Revoca dell'amministratore


La revoca assembleare oltre che alla fine del mandato potrà intervenire in qualsiasi momento (art. 1129 c.c.).

A parte che per volontà assembleare la rimozione dell'amministratore può essere decretata dall'Autorità Giudiziaria su ricorso proposto da ogni condomino quando:

a) l'amministratore non abbia presentato il conto della propria gestione;

b) quando vi siano gravi irregolarità nella gestione (l'art. 1129, dodicesimo comma, c.c. ne contiene un'elencazione esemplificativa);

c) qualora a seguito della notificazione di un atto di citazione in giudizio o di un provvedimento amministrativo esorbitanti dalle sue funzioni non ne abbia dato avviso all'Autorità Giudiziaria.

Si tratta delle c.d. ipotesi di revoca giudiziaria, che verrà adottata con decreto dal giudice competente, ossia il Tribunale del luogo in cui è situato l'immobile.

riproduzione riservata
Articolo: Amministratore: nomina, revoca, compiti e funzioni
Valutazione: 4.91 / 6 basato su 11 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Amministratore: nomina, revoca, compiti e funzioni: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Claudio
    Claudio
    Giovedì 11 Marzo 2010, alle ore 10:39
    Buongiorno amministro un condominio nel quale 3 condomini hanno la maggioranza dei millesimi (cioè superano i 501 ) e i restanti non raggiungono la maggioranza dei millesimi ma hanno quella dei partecipanti all'assemblea.Posso i 3 nominare un nuovo amministratore anche se non hanno la doppia maggioranza? e i restanti condomini possono confermarmi avendo solo 1/3 dei millesimi del valore dell'edificio?Ho sentito parlare di una sentenza in merito che dice che l'amministratore puo' essere confermato (N.B. no nominato) con 1/3 dei M/M. Grazie
    rispondi al commento
  • Impugnazione Delle Deliberazioni Condominiali : Condominiale.Lavorincasa.it
    Impugnazione Delle Deliberazioni Condominiali : Condominiale.Lavorincasa.it
    Mercoledì 24 Febbraio 2010, alle ore 14:49
    [...] In sostanza, a seconda dell’oggetto della deliberazione, sarà necessario raggiungere un determinato quorum per poter deliberare (si pensi, ad esempio, alla nomina dell’amministratore). [...]
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Amministratore: nomina, revoca, compiti e funzioni che potrebbero interessarti
Revoca dell'amministratore giudiziario

Revoca dell'amministratore giudiziario

L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.
Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri...
Conferma nomina amministratore condominiale

Conferma nomina amministratore condominiale

L'assemblea condominiale annuale provvede alla conferma o alla revoca dell'amministratore, ma è obbligatoria solamente nei condomini con più di quattro partecipanti.
Revoca giudiziale dell'amministratore e onere della prova

Revoca giudiziale dell'amministratore e onere della prova

La revoca giudiziale dell'amministratore può essere chiesta da ogni condomino, che deve provare la ricorrenza della causa che consente l'emissione del decreto.
Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare...
Discussioni Correlate nel Forum LavorincasaTag ForumAmministratore
Img thelma63
Buongiorno,volevo chiedere un'informazione, abito in un condominio, siamo in 9 abitazione, posso imporre un amministratore esterno?Ci siamo sempre arrangiati tra di noi, ora lo...
thelma63 05 Marzo 2014 ore 18:32 6
Img 64brunica
Buon giorno,l'amministratore ha da poco nominato una s.a.s. a conduzione familiare.All'atto della nomina ha presentato una lettera di benvenuto con alcuni suoi dati (p. IVA,...
64brunica 17 Marzo 2015 ore 11:23 1
Img cesaresalvadeo
Da qualche tempo si susseguono assemblee per sostituire l'amministratore del condominio dimissionario senza raggiungere un risultato.Alcuni condomini propongono un nominativo,...
cesaresalvadeo 27 Gennaio 2016 ore 15:33 1
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.224 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Inferriate blindate di sicurezza
    Inferriate blindate di sicurezza...
    329.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
  • Ristrutturazione bagno zona Roma
    Ristrutturazione bagno zona roma...
    3790.00
  • Sostituzione vasca da bagno genova
    Sostituzione vasca da bagno genova...
    490.00
  • Riprese di getto fessurazioni verticali AcquaSTOP Milano
    Riprese di getto fessurazioni...
    250.00
  • Ideal standard sanitari sospesi vaso wc sedile
    Ideal standard sanitari sospesi...
    627.00
  • Tenda 224 diamante
    Tenda 224 diamante...
    241.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Kone
  • Weber
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.