Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Requisiti e responsabilità dell'amministratore quando è interno al condominio

Quali differenze comporta la scelta dell'amministratore di condominio scelto tra uno dei condòmini, cioè di un amministratore interno? Profilo e responsabilità.
28 Dicembre 2018 ore 09:42 - NEWS Amministratore di condominio

Amministratore di condominio, nomina e durata dell'incarico


Per amministratore interno, per esteso amministratore di condominio interno, s'intende che la persona incaricata di svolgere il ruolo è scelto tra uno dei condòmini.

Per condòmini si intendono i proprietari delle unità immobiliari facenti parte dell'edificio o più ampiamente del complesso edilizio. Ciò vuol dire che sebbene possa apparire tale, nel senso proprio della locuzione amministratore interno non è considerabile tale, ad esempio, il conduttore di una delle abitazioni presenti nel palazzo.

Amministratore di condominio
L'amministratore di condominio interno, al pari di ogni altro amministratore di condominio è equiparabile a un mandatario della compagine, ossia ad una persona che assume l'incarico di porre in essere uno o più atti giuridici per conto del mandante.

Da tale considerazione possiamo trarre due conclusioni:

- al pari di ogni altro amministratore esterno al gruppo dei condòmini, l'amministratore interno deve essere votato dall'assemblea con le stesse maggioranze previste per la nomina di un qualunque amministratore, ossia tanto in prima, quanto in seconda convocazione con il voto favorevole della maggioranza dei presenti alla riunione che rappresentino almeno la metà del valore dell'edificio;

- l'amministratore interno dura in carica un anno, può essere revocato in qualunque momento e per gravi irregolarità anche dall'Autorità Giudiziaria e come per l'amministratore esterno, dopo la prima nomina, in mancanza di revoca, prosegue automaticamente nell'incarico per un periodo di uguale durata.


Requisiti dell'amministratore di condominio e dell'amministratore di condominio interno


La differenza sostanziale e profonda tra amministratore interno e mandatario esterno non è quella inerente alla qualità di condòmino, ma riguarda il requisiti che il secondo deve possedere, o se si vuole che l'amministratore interno non deve avere.

Amministratore interno di condominio
È utile guardare alla lettera della legge per chiarire il senso di questa affermazione.
Il riferimento normativo è rappresentato dall'art. 71 bis delle disposizioni di attuazione del codice civile.

Questo specifica due tipologie di requisiti che devono essere posseduti da chi vuol assumere incarichi di amministratore condominiale . Si tratta di requisiti detti di onorabilità e professionalità.

Chi può assumere incarico di amministratore di condominio?



  • Chi ha il godimento dei diritti civili;

  • chi non è stato condannato per delitti contro la pubblica amministrazione, l'amministrazione della giustizia, la fede pubblica, il patrimonio o per ogni altro delitto non colposo per il quale la legge commina la pena della reclusione non inferiore, nel minimo, a due anni e nel massimo a cinque anni;

  • chi non è stato sottoposto a misure di prevenzione divenute definitive, salvo che non sia intervenuta la riabilitazione;

  • chi non è interdetto o inabilitato;

  • colui il cui nome non risulta annotato nell'elenco dei protesti cambiari.


Questi requisiti devono essere posseduti al momento dell'assunzione dell'incarico, nonché mantenuti durante il suo svolgimento, pena l'automatica caducazione del rapporto contrattuale.
È sempre l'art. 71-bis disp. att. c.c. a sottolinearlo.

Quanto ai requisiti di professionalità e più generalmente culturali e professionali, secondo la legge chi vuole assumere l'incarico di amministratore condominiale deve:

- essere in possesso del diploma di scuola secondaria di secondo grado;

- deve aver frequentato un corso di formazione iniziale e svolgere attività di formazione periodica in materia di amministrazione condominiale.


Guardando all'amministratore interno, le eccezioni poste dalla legge riguardano proprio questi ultimi due requisiti.
In tal senso, infatti, il secondo comma dell'art. 71-bis delle disposizioni di attuazione del codice civile specifica che questi ultimi due requisiti non sono necessari qualora l'amministratore sia nominato tra i condomini dello stabile.

Il cosiddetto amministratore interno, quindi, dev'essere probo e onesto, ma non necessariamente acculturato e formato per quell'attività. C'è chi dice che in questo modo è salvaguardato il diritto alla gestione diretta della proprietà. Dubito, mi si permetta, della bontà di questa conclusione, posto che alle volte la corretta tutela del diritto necessita di un sapere tecnico specialistico che non possediamo.


Compiti e responsabilità dell'amministratore interno


Una volta assunto l'incarico, al di là della mancanza dei requisiti di professionalità, l'amministratore interno è tenuto a eseguire le medesime incombenze del suo collega estraneo al gruppo dei condòmini e risponde per i medesimi inadempimenti.

Quali sono i principali compiti dell'amministratore interno?



  • Deve aprire (dove non esista) e utilizzare un conto corrente intestato al condominio;

  • deve eseguire gli adempimenti fiscali (versamento ritenute d'acconto, ecc.);

  • deve esporre in luoghi accessibili anche a terzi nei pressi dell'edificio la targa con i propri dati;

  • deve convocare l'assemblea per l'approvazione del rendiconto entro centottanta giorni dalla chiusura dell'esercizio;

  • deve perseguire con le opportune e dovute azioni giudiziarie i condòmini morosi.


Condominio e amministratore interno
Nessuna deroga o eccezione di competenza: l'amministratore interno deve conoscere la materia e saper fare quanto richiesto dalla legge come se fosse un amministratore professionista.

Al massimo, dove l'incarico sia svolto in maniera gratuita, la responsabilità potrà essere valutata con minore rigore. Ciò, tuttavia, non vuol dire esonero da responsabilità.


Revoca dell'amministratore interno


Come qualunque amministratore, anche l'amministratore interno può essere revocato dal proprio incarico.

Come può avvenire la revoca dell'ammistratore interno?



  • Per via assembleare in ogni momento con le medesime maggioranze previste per la nomina, cioè tanto in prima quanto in seconda convocazione con il voto favorevole della maggioranza dei condòmini presenti in assemblea e almeno la metà del valore millesimale dell'edificio;

  • per via giudiziale, quando ricorrono gravi irregolarità nella gestione.

Alla revoca può unirsi, o meglio può seguire in quanto non contestuale nella sede giudiziaria, un'azione di responsabilità civile contrattuale per il danno derivante dagli inadempimenti nell'assolvimento del proprio incarico (inadempimenti che possono anche assumere la veste di inesatti adempimenti).

riproduzione riservata
Articolo: Amministratore interno al condominio: requisiti e responsabilità
Valutazione: 3.50 / 6 basato su 4 voti.

Amministratore interno al condominio: requisiti e responsabilità: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Francesco  pepe
    Francesco pepe
    Giovedì 7 Maggio 2020, alle ore 13:06
    Volevo sapere se esiste una sentenza nella quale si ribadisce il concetto che un condomino non è obbligato ad assumere la carica di amministratore del condominio anche in presenza di delibera dell`assemblea.
    rispondi al commento
  • Steve82
    Steve82
    Venerdì 25 Ottobre 2019, alle ore 12:19
    Da poco ho acquistato una piccola villetta ubicata in un complesso formato da due costruzioni: una con 6 famiglie e l'altra, formata da 3 famiglie.
    Tutte proprietarie. Le due costruzioni sono divise da un parcheggio.
    Il problema sorge per il contatore dell'acqua, inizialmente intestato alla ditta costruttrice ed ora che questa ha cessato di esistere, non ha intestatario.
    Nello specifico vi è un unico contatore per tutte e nove le famiglie.
    Scartata la prima ipotesi di effettuare lavori per avere ognuno il contatore proprio per il cospicuo costo, abbiamo pensato di richiedere il codice fiscale.
    La domanda è: Il referente interno/amministratore interno che con verbale di nomina e modello AA5/6 richiede l'attribuzione del codice fiscale che responsabilità ha e che compiti deve svolgere?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Steve82
      Mercoledì 13 Novembre 2019, alle ore 15:20
      Se non è amministratore, nulla, è solo un referente a fini anagrafico-fiscali. Se è amministratore, allora dovrà chiedervi le quote per pagare la bolletta. In ogni caso, ciascuno di voi, meglio se lui, si deve attivare presso l'ente erogatore per regolarizzare la situazione.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.201 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Amministratore interno al condominio: requisiti e responsabilità che potrebbero interessarti


Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

L'amministratore da chi viene nominato per un piccolo condominio?

Amministratore di condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.

Ripartizione compenso dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - Una volta incaricato l'amministratore, salvo diverso accordo, ha diritto ad una retribuzione, la quale nell'art. 1135 c.c. ha sollevato qualche interrogativo.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.

Amministratore e passaggio di consegne

Condominio - Una recente sentenza del Tribunale di Bari, la n. 967 del 17 marzo 2010, ci permette di chiarire, allo stato attuale, quali siano gli strumenti a disposizione

Amministratore di condominio e servitù

Condominio - L'amministratore di condominio non può agire in giudizio per ottenere il riconoscimento di una servitù perché questa azione non rientra tra i suoi poteri.

Condòmini sempre più esposti ai creditori del condominio

Parti comuni - Qualora i creditori del condominio siano insoddisfatti sono pignorabili le quote del singolo condomino anche se non moroso. Le novità della Corte di Cassazione.

La nomina dell'amministratore è obbligatoria

Amministratore di condominio - La nomina dell'amministratore è obbligatoria, se l'assemblea non provvede i comproprietari possono rivolgersi all'Autorità Giudiziaria affinché provveda alla nomina.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 31 Luglio 2020 ore 10:32 9
Img francesco.pepe
Buongiorno, vorrei sapere se esistono sentenze che esonerano il condomino ad assumere la carica di amministratore del condominio pur in presenza di delibere assembleari che lo...
francesco.pepe 07 Maggio 2020 ore 18:15 2
Img andreaangelelli
Buongiorno. Venduta casa, devo andare dal notaio per il rogito. Quali documenti devo portare? Mi è stato detto che il Notaio chiede anche una dichiarazione...
andreaangelelli 01 Febbraio 2019 ore 11:39 5
Img lisetta09
Mio figlio ha acquistato un appartamento in cui vi è un condominio di 6 proprietari. Il condominio è gestito dal marito di una proprietaria a titolo gratuito. Le...
lisetta09 23 Settembre 2018 ore 18:09 2
Img angelica90
Salve, sono proprietaria di un appartamento in condominio dal 2016. L'amministratore di condominio è un condomino che a titolo gratuito si occupa del condominio. Ad oggi...
angelica90 30 Giugno 2018 ore 21:02 10