Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Amministratore di condominio revocato dall'Autorità Giudiziaria e nuova nomina

La legge sancisce l'impossibilità di nominare l'amministratore di condominio revocato dall'Autorità Giudiziaria; si tratta di un divieto a tempo o senza scadenza?
30 Gennaio 2019 ore 10:09 - NEWS Amministratore di condominio

Nomina e revoca dell'amministratore di condominio


L' amministratore di condominio è quella figura, incarnabile da una persona fisica o giuridica, cui l'assemblea condominiale affida l'incarico di gestione delle parti comuni dell'edificio.

Nomina giudiziale amministratore condominio
Incarico complesso, cui l'amministratore di condominio nominato deve adempiere dando seguito nel rispetto di quanto stabilito dagli artt. 1129-1130 c.c. e più in generale dalle norme che lo riguardano.

Come specificato dal quindicesimo comma dell'art. 1129 c.c. nel solco di quanto affermato dalla più autorevole giurisprudenza (su tutte Cass. SS.UU. 8 aprile 2008 n. 9148), il rapporto tra amministratore e condominio è disciplinato dalle norme dettate in materia di mandato.

L'amministratore di condominio, in sostanza, è un mandatario dei condòmini e agisce in loro nome e conto in relazione a quanto necessario per la gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio.

La nomina dell'amministratore è obbligatoria quando i condòmini sono più di otto (art.1129, primo comma, c.c.) e necessita sempre (cioè tanto se obbligatoria, tanto se facoltativa, tanto in prima, quanto in seconda convocazione) del voto favorevole della maggioranza dei presenti all'assemblea e di almeno la metà del valore dell'edificio.

Quando la nomina è obbligatoria e l'assemblea non vi provvede ci si può rivolgere all'Autorità Giudiziaria e ciò possono farlo tanto i singoli condòmini, quanto l'amministratore uscente.

La revoca, contrariamente alla nomina, è l'atto che pone la parola fine al rapporto contrattuale in essere. L'assemblea può deliberarla in qualunque momento (art. 1129, undicesimo comma, c.c.), salvo richiesta risarcitoria da parte dell'amministratore, se ingiusta (Cass. SS.UU. n. 20957/2004). La revoca può essere disposta anche dall'Autorità giudiziaria.


Revoca giudiziale dell'amministratore di condominio


La revoca giudiziale dell'amministratore di condominio è decretabile su istanza di anche un solo condòmino da parte del Tribunale (dal 31 ottobre 2021, ai sensi del d.lgs n. 116/2017, dal Giudice Onorario di Pace), quando ricorrono gravi irregolarità nella gestione.

La revoca giudiziale, afferma laconicamente e seccamente il tredicesimo comma dell'art. 1129 c.c., fa sì che l'assemblea non possa nominare nuovamente l'amministratore revocato.

Per sempre oppure per un dato periodo di tempo?

Alla domanda sta iniziando a dar risposta la giurisprudenza, ma andiamo per gradi per comprendere meglio la problematica.

Gravi irregolarità sono quelle individuate ed elencate esemplificativamente dall'art. 1129, undicesimo e dodicesimo comma, c.c.

Revoca amministratore condominio
Non aprire ovvero non utilizzare il conto corrente condominiale è una grave irregolarità.
Non convocare l'assemblea per l'approvazione del rendiconto entro centottanta giorni dalla chiusura dell'esercizio, idem.

Si badi: il vaglio della effettiva gravità dell'inadempimento gestionale è rimesso sempre all'Autorità Giudiziaria. Sebbene in alcuni provvedimenti giurisdizionali (si vedano ad es. Trib. Taranto decreto 21 settembre 2015 e Trib. Udine decreto 25 marzo 2014) sembra darsi una sorta di automaticità della revoca al ricorrere di un dato adempimento (es. mancata presentazione nei termini del rendiconto), la parola finale spetta sempre al giudice adito.


Definitività della revoca giudiziale dell'amministratore di condominio


Come si svolge un procedimento di revoca?

Questi in sintesi i passi:

- un condòmino che intende ottenere la revoca del proprio amministratore di condominio deve presentare, per il tramite di un legale, ricorso al giudice allegando alla sua domanda elementi dai quali emergano le gravi irregolarità che portino alla necessità di recidere il rapporto di mandato;

- controparte del condòmino (o dei condòmini), è l'amministratore personalmente e non nella sua qualità di legale rappresentante del condominio;

- si tiene una udienza o più di una davanti al Tribunale in composizione collegiale (si tratta di un procedimento in camera di consiglio, in sede di volontaria giurisdizione) dopo la quale viene emesso un provvedimento (un decreto) col quale viene disposta la revoca ovvero rigettata la domanda;

- avverso tale provvedimento, così stabilisce l'art. 64 delle disposizioni di attuazione del codice civile, proposto reclamo alla Corte d'Appello nel termine di dieci giorni dalla notificazione o dalla comunicazione.

Al termine di questo iter, cioè solamente dopo l'eventuale reclamo, ovvero trascorsi dieci giorni dalla sua comunicazione o notificazione senza che venga proposto, il provvedimento di revoca diviene definitivo.


Nomina amministratore condominio revocato dall'Autorità Giudiziaria


È questo punto che bisogna valutare la norma di cui al tredicesimo comma dell'art. 1129 c.c.: l'assemblea può rinominare un amministratore di condominio che è stato revocato dall'Autorità Giudiziaria?

Detta diversamente: il divieto di nomina è permanente oppure ha una scadenza?

La stringatezza della norma sembrerebbe lasciare intendere per il divieto di nomina sine die. Una soluzione forse troppo severa, specie davanti al quell'orientamento che sanziona come gravi le irregolarità anche solamente formali.

Per dirne una, si pensi al termine di presentazione del rendiconto: centottanta giorni dalla chiusura dell'esercizio e presentazione del rendiconto al giorno numero duecento.
Formalmente una grave irregolarità comportante revoca. Davvero si può pensare che solo per questa ragione l'assemblea non possa più nominare quell'amministratore revocato in sede giudiziale?

Revoca giudiziale amministratore condominio
Per il Tribunale di Trieste, che si è uniformato a un precedente espresso dal Tribunale di Velletri, le cose non stanno così.

In una sentenza resa nel mese di dicembre del 2018 è stato affermato che quanto previsto dal tredicesimo comma dell'art. 1129, co. 13, c.c. fa sì che resti precluso all'assemblea il potere di riconferma immediata dell'amministratore di condominio rimosso dal Tribunale, essendo tuttavia limitato tale divieto solamente avendo riguardo all'esercizio di gestione successivo a quello in cui è avvenuta la revoca (in tal senso Trib. Trieste 11 dicembre 2018 n. 792, in senso conf. Trib. Velletri 30 ottobre 2017, n. 3061).


Per la giurisprudenza che fin qui si è espressa sulla materia, dunque, l'avverbio nuovamente, contenuto nella succitata norma, va inteso nel senso di delimitazione temporale del divieto al solo esercizio successivo alla revoca giudiziale, non anche a quelli futuri.

Quindi ciò vorrebbe dire che l'amministratore che si è appropriato di somme dei condòmini e che per svariate ragioni, pur essendo stato revocato dal giudice, non può essere perseguito penalmente può essere nominato nuovamente dal condominio?
Stando a questa presa di posizione, sì.

riproduzione riservata
Articolo: Amministratore di condominio revocato dall'Autorità Giudiziaria
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 2 voti.

Amministratore di condominio revocato dall'Autorità Giudiziaria: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
328.214 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Amministratore di condominio revocato dall'Autorità Giudiziaria che potrebbero interessarti


Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.

Conferma nomina amministratore condominiale

Condominio - L'assemblea condominiale annuale provvede alla conferma o alla revoca dell'amministratore, ma è obbligatoria solamente nei condomini con più di quattro partecipanti.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

Revoca giudiziale dell'amministratore e onere della prova

Amministratore di condominio - La revoca giudiziale dell'amministratore può essere chiesta da ogni condomino, che deve provare la ricorrenza della causa che consente l'emissione del decreto.

L'amministratore da chi viene nominato per un piccolo condominio?

Amministratore di condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.

Il giudizio di revoca e l'amministratore

Condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario della compagine e riceve l'incarico dall'assemblea con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti alla riunione.

Nomina giudiziaria dell'amministratore di condominio

Condominio - La nomina dell?amministratore è un atto di competenza dell?assemblea dei condomini.Quando in un condominio ci sono più di quattro comproprietari

La nomina dell'amministratore è obbligatoria

Amministratore di condominio - La nomina dell'amministratore è obbligatoria, se l'assemblea non provvede i comproprietari possono rivolgersi all'Autorità Giudiziaria affinché provveda alla nomina.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 25 Febbraio 2021 ore 09:49 11
Img lorenzomasi
C'è compatibilità tra amministratore di condominio e tecnico asseveratore di lavori superbonus?...
lorenzomasi 08 Gennaio 2021 ore 11:54 1
Img lisetta09
Mio figlio ha acquistato un appartamento in cui vi è un condominio di 6 proprietari. Il condominio è gestito dal marito di una proprietaria a titolo gratuito. Le...
lisetta09 23 Settembre 2018 ore 18:09 2
Img angelica90
Salve, sono proprietaria di un appartamento in condominio dal 2016. L'amministratore di condominio è un condomino che a titolo gratuito si occupa del condominio. Ad oggi...
angelica90 30 Giugno 2018 ore 21:02 10
Img xabax
Buongiorno, avrei bisogno di delucidazioni su come comportarsi in questo caso. Vi espongo il problema: pare che abbia delle vecchie rate non pagate, l'amministratore mi ha...
xabax 27 Ottobre 2017 ore 11:31 2