Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Quanto dura e come si rinnova l'incarico dell'amministratore di condominio?

Successivamente alla riforma del condominio, dell'incarico dell'amministratore dura per un anno e allo scadere dell'anno si intende rinnovato per uguale durata.
27 Ottobre 2015 ore 11:00 - NEWS Amministratore di condominio

Durata dell'incarico dell'amministratore di condominio


CondominioQuella della durata dell'incarico dell'amministratore è una questione dai notevoli risvolti pratici, soprattutto quando i rapporti tra amministratore e condòmini si inaspriscono e matura in questi ultimi l'idea di cambiare amministratore.

Quanto dura l'incarico? Deve o può essere rinnovato? In caso affermativo, può essere rinnovato a tempo indeterminato? Bisogna convocare l'assemblea per l'eventuale proroga? La riforma del condominio apportata dalla L. n. 220/2012 ha generato qualche novità? Cosa può contestare il condomino?


Durata dell'incarico dell'amministratore: come era prima


Effettivamente la riforma del 2012 ha apportato delle modifiche in materia.

Dunque, per avere una visione più completa e chiara della questione, iniziamo dando un accenno alla precedente normativa.

Ebbene, l'art. 1129, co. 2, c.c. disponeva che l'incarico durava un anno e poteva essere sempre revocato dall'assemblea (in ogni tempo).

Al di là delle questioni controverse che detta norma portava, non v'era dubbio che allo scadere dell'anno l'incarico doveva essere riassegnato oppure no, salva la possibilità di revoca in ogni tempo.

Insomma, allo scadere dell'anno l'assemblea si doveva esprimere in qualche modo.

Finchè ciò non accadeva, l' amministratore continuava ad amministrare in regime di prorogatio con la possibilità, comunque, per ogni condomino di chiedere la nomina giudiziale in caso di inerzia dell'assemblea, chiamata a esprimersi sull'incarico.


Durata dell'incarico dell'mministratore: come è oggi


In seguito alla riforma del 2012 lo stesso articolo, al comma 10, oggi testualmente recita che l'incarico di amministratore dura un anno e si intende rinnovato per la stessa durata.

L'assemblea convocata per la revoca o le dimissioni delibera in ordine alla nomina del nuovo amministratore.

La nuova versione della norma sostanzialmente sembra allungare la possibilità della durata dell'incarico sino a due anni.

Non è ben chiaro quale possa essere l'utilità perseguita dalla norma se non quella di conferire stabilità ai rapporti e alla gestione del condominio, lasciando però la possibilità ai condòmini di bloccare il tutto al primo anno, esprimendo il dissenso al rinnovo.

A volere essere precisi, non è esattamente la durata che cambia, ma ciò che è possibile fare allo scadere dell'anno.

Ovviando così alle ambiguità create dalla soluzione dell'amministrazione in prorogatio (ad es., i dubbi su quali poteri poteva esercitare l'amministratore in regime di prorogatio).

Salva sempre, ovviamente, la possibilità di revoca in ogni tempo (v. art. 1129, co. 11, c.c.).

Insomma, allo scadere dell'anno va convocata un'assemblea ed è necessario indicare nell'ordine del giorno il rinnovo dell'incarico, oppure no?


Durata dell'incarico e revoca per gravi irregolarità


Assemblea di condominioVi è un rapporto tra le norme sulla durata dell'incarico e quelle relative alla revoca per gravi irregolarità?

Dunque, il mancato rispetto delle norme sulla durata dell'incarico potrebbe integrare un'ipotesi di grave irregolarità (con conseguente possibilità di revoca)?

La norma di cui all'art. 1129 c.c., co. 11, nel prevedere che la revoca dell'autorità giudiziaria possa essere disposta (anche) se vi sono gravi irregolarità, non ha però specificato (se non in via esemplificativa al successivo co.12) cosa dobbiamo intendere per gravi irregolarità, lasciando spazio alle decisioni giurisprudenziali.


Rinnovo dell'incarico e non necessità dell'ordine del giorno


Sul punto, proprio di recente è stato stabilito che non costituisce ipotesi di grave irregolarità la mancata indicazione dell'ordine del giorno nella convocazione dell'assemblea allo scadere del primo anno.
Secondo i giudici milanesi, non è necessario indicare alcunché all'ordine del giorno, con la motivazione che la riforma prevede la durata di un anno dell'incarico, tacitamente prorogabile per un altro anno salvo delibera di revoca assunta dall'assemblea medesima (Trib. Milano, decr. del 7 ottobre 2015).

La decisione raccoglie una prospettazione diffusa tra gli interpreti, secondo cui non è obbligatorio prevedere la discussione della revoca, se non su espressa richiesta dei condòmini; ciò, esattamente come prima (l'art. 1135 c.c., infatti, indicando gli argomenti da portare in discussione nell'assemblea ordinaria annuale non fa riferimento alla revoca), ma con la differenza che, in luogo del regime di prorogatio, ora il codice attribuisce pieni poteri all'amministratore finchè l'assemblea non si esprime.


Riforma, durata dell'incarico dell'amministratore e opposti orientamenti


Ad altri esiti perviene un opposto orientamento, secondo il quale invece l'assemblea non può limitarsi a prendere atto della volontà dell'amministratore di volere rimanere in carica.

E ciò sostanzialmente sulla base del principio per cui unico organo decisionale è l'assemblea del condominio, la quale non può semplicemente subire le comunicazioni e le decisioni dell'amministratore.

Nè il tutto può essere superato dalla possibilità di revoca, la quale, pur essendo liberamente esercitabile, è bene che sia sempre motivata, posto che la revoca senza giusta causa dà diritto all'amministratore di domandare il risarcimento del danno.


Dette norme restano sempre inderogabili da parte del regolamento, permanendo l'espresso divieto di deroga (anche) dell'art. 1129 c.c. di cui al penultimo comma dell'art. 1138 c.c. (nella precedente versione, ultimo comma).

Il provvedimento del Tribunale di Milano indicato è il primo provvedimento noto emesso in materia.

Non mancheranno certamente altre decisioni di opposto avviso, date le controverse interpretazioni presenti attualmente sul punto e alle quali si è accennato.

riproduzione riservata
Articolo: Amministratore di condominio: durata e rinnovo dell'incarico
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 2 voti.

Amministratore di condominio: durata e rinnovo dell'incarico: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Asti
    Asti
    Martedì 17 Novembre 2015, alle ore 13:17
    Buongiorno Avvocato, volevo chiederle se l'Amministratore convoca l'Assemblea dopo 180 gg dalla chiusura dell'esercizio per approvazione bilanci, si può chiedere sempre la revoca giudiziale, è sempre valida oppure ci sono delle eccezioni. " cosa si deve fare"Grato di una sua risposta invio distinti saluti Lino.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
323.342 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Amministratore di condominio: durata e rinnovo dell'incarico che potrebbero interessarti


Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

Revoca giudiziale dell'amministratore e onere della prova

Amministratore di condominio - La revoca giudiziale dell'amministratore può essere chiesta da ogni condomino, che deve provare la ricorrenza della causa che consente l'emissione del decreto.

Assemblea fiume e le novità introdotte dalla riforma

Condominio - Assemblea fiume, ovvero la possiiblità di parteciapare ad estenuanti ed infinite riunioni condominiali. La riforma semplificherà le possibilità di rinvio.

Compenso amministratore di condominio, senza accordo decide il giudice

Amministratore di condominio - Il compenso dell'amministratore di condominio è rimesso alla contrattazione tra le parti (non esistono tariffe). In mancanza di accordo è decido dal giudice.

Lavori straordinari e compenso dell'amministratore di condominio

Condominio - Nel caso in cui vengano deliberati interventi di manutenzione straordinaria, l'amministratore ha diritto ad ulteriori compensi solo se preventivamente concordati.

Attività fiscale dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio, quale legale rappresentante dei condomini, deve compiere l'attività fiscale inerente la gestione dell'edificio in condominio.

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

Opere su parti di proprietà esclusiva nella riforma del condominio

Parti comuni - La riforma del condominio è intervenuta sul codice civile modificando l'art. 1122 o meglio,aggiornandolo alle pronunce giurisprudenziali che lo riguardavano

Polizza RC professionale dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - Se è richiesto dall'assemblea condominiale, l'amministratore della compagine deve stipulare una polizza di responsabilità civile per l'esercizio della professione.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lorenzomasi
C'è compatibilità tra amministratore di condominio e tecnico asseveratore di lavori superbonus?...
lorenzomasi 08 Gennaio 2021 ore 11:54 1
Img luca1954
Salve. Tre settimane fa è stata convocata l'assemblea condominiale che aveva come ordine del giorno l'incarico ad un termotecnico per iniziare il discorso sul superbonus...
luca1954 29 Ottobre 2020 ore 18:56 3
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 31 Luglio 2020 ore 10:32 9
Img francesco.pepe
Buongiorno, vorrei sapere se esistono sentenze che esonerano il condomino ad assumere la carica di amministratore del condominio pur in presenza di delibere assembleari che lo...
francesco.pepe 07 Maggio 2020 ore 18:15 2
Img lisetta09
Mio figlio ha acquistato un appartamento in cui vi è un condominio di 6 proprietari. Il condominio è gestito dal marito di una proprietaria a titolo gratuito. Le...
lisetta09 23 Settembre 2018 ore 18:09 2