Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Gravi irregolarità dell'amministratore di condominio, come valutarle

Quando possono dirsi ricorrenti le gravi irregolarità che possono portare alla revoca dell'amministratore di condominio? Chi e come valuta la loro ricorrenza?
07 Settembre 2018 ore 09:38 - NEWS Amministratore di condominio

Gravi irregolarità dell'amministratore di condominio


La revoca dell' amministratore condominiale può essere disposta:

- dall'assemblea, in ogni momento, con il voto favorevole della maggioranza dei condòmini presenti in assemblea che rappresentino almeno la metà del valore millesimale dell'edificio (art. 1129, undicesimo comma, e 1136 c.c.);

- dall'Autorità Giudiziaria su ricorso di ciascun condòmino qualora l'amministratore abbia commesso gravi irregolarità.

Che cosa s'intende per gravi irregolarità?


Al riguardo, leggendo i provvedimenti giudiziali in materia, si può arrivare alle seguenti conclusioni, ossia, che le gravi irregolarità:

Revoca amministratore
- consistono in tutti quei comportamenti che portino a sospettare una gestione anomala da parte dell' amministratore di condominio ovvero che siano indici di una condotta poco trasparente da parte sua;

- tali irregolarità, comunque, devono consistere in supposizioni che trovino riscontro in elementi e dati oggettivi, insomma in qualcosa che sia documentabile non bastando un dubbio o una mera impressione (si veda al riguardo Trib. Milano 20 giugno 2018 n. 1963).

Esempio: non basta dire che l'amministratore di condominio non sua correttamente il conto corrente condominiale, ma per arrivare ad un provvedimento di revoca è necessario che la stessa contestazione sia provata.


Gravi irregolarità e revoca giudiziale


L'art. 1129 c.c. contiene un'elencazione – che la dottrina e la giurisprudenza hanno qualificato come meramente esemplificativa – delle gravi irregolarità che possono portare alla revoca giudiziale dell'amministratore di condominio .

Queste sono:

- omessa comunicazione all'assemblea dei provvedimenti giudiziari o amministrativi esulanti dalle sue attribuzioni;

- omessa rendicontazione della gestione;

- gravi irregolarità fiscali (previo tentativo di revoca assembleare);

- omessa apertura e/o utilizzazione del conto corrente condominiale (previo tentativo di revoca assembleare);

- l'omessa convocazione dell'assemblea per l'approvazione del rendiconto condominiale, il ripetuto rifiuto di convocare l'assemblea per la revoca e per la nomina del nuovo amministratore o negli altri casi previsti dalla legge;

- mancata esecuzione di provvedimenti giudiziari e amministrativi, nonché di deliberazioni dell'assemblea;

- la gestione secondo modalità che possono generare possibilità di confusione tra il patrimonio del condominio e il patrimonio personale dell'amministratore o di altri condomini;

- aver acconsentito, per un credito insoddisfatto, alla cancellazione delle formalità eseguite nei registri immobiliari a tutela dei diritti del condominio;

- nel caso di azione giudiziaria promossa per la riscossione delle somme dovute al condominio, l'aver omesso di curare diligentemente l'azione e la conseguente esecuzione coattiva;

- inottemperanza agli obblighi di cui tenuta dei registri condominiali e di fornire a chi l'ha richiesto attestazione dei pagamenti e delle liti in corso;

- l'omessa, incompleta o inesatta comunicazione dei propri dati e dei dati utili alla consultazione dei registri condominiali, così come previsto dall'art. 1129, secondo comma, c.c.

Revoca giudizialeQuesto l'elenco del codice: come si diceva, però, esso non è tassativo, ma aperto. Ciò sta a significare che le gravi irregolarità possono essere individuate anche in comportamenti non tipizzati, ma che siano comunque in grado di accendere un faro su una gestione poco trasparente o addirittura dannosa per il condominio.


Automaticità della revoca o valutazione giudiziale delle gravi irregolarità


Se l'amministratore di condominio non presenta il rendiconto di gestione entro i termini previsti dalla legge (180 gg, così come previsto dell'art. 1130 n. 10 c.c.), ovvero se non esegue le deliberazioni assembleari, oppure ancora se non s'interessa in modo costante e tempestivo della situazione contabile e dei versamenti dei condòmini, allora la revoca, dimostrato la ricorrenza della grave irregolarità, dovrà decretata automaticamente dall'Autorità Giudiziaria, ovvero questa ha un margine di discrezionalità nella valutazione del caso concreto?

La formulazione letterale della norma che disciplina la revoca giudiziale, sembrerebbe portare a concludere per la seconda ipotesi. L'art. 1129, undicesimo comma, c.c., specifica che a fronte del ricorso per revoca questa può essere disposta del giudice adito.

Può, ossia un potere che si estrinseca nella valutazione della situazione concreta che ha portato alla domanda giudiziale, non un obbligo di rimozione dell'amministratore all'avversarsi di una condizione posta dalla legge.

Revoca amministratore condominio
Non tutti sono d'accordo con questa conclusione, almeno non lo sono quei giudici secondo i quali lo sforamento del termine di presentazione del rendiconto, comporta la commissione di una grave irregolarità in re ipsa, ossia esistente per il solo mancato rispetto del suddetto termine, cui deve conseguire la decretazione della revoca. Chi scrive si domanda: davvero basta presentare il rendiconto il cento ottantunesimo giorno, anziché il centottantesimo per revoca l'amministratore?


Provvedimento di revoca, conseguenze e reclamo



Come stabilisce l'art. 1129, tredicesimo comma, c.c. l'amministratore di condominio revocato dall'Autorità Giudiziaria non può essere nominato dall'assemblea.

La norma, inserita nell'art. 1129 c.c. che è tra quelli assolutamente inderogabili, lascerebbe intendere che:

- l'amministratore revocato dal giudice non può mai più essere nominato dall'assemblea;

- una deliberazione contraria, ossia la nomina dell'amministratore di condominio revocato al giudice, dovrebbe essere considerata nulla, perché contraria ad una disposizione inderogabile di legge.

L'amministratore di condominio che subisse la revoca giudiziale del proprio incarico avrebbe possibilità di reclamare contro quel provvedimento. Così è stabilito dell'art. 64 delle disposizioni di attuazione del codice civile, il quale precisa che avverso il decreto motivato col quale il Tribunale adito dovesse disporre la revoca, l'amministratore ha facoltà di presentare reclamo alla Corte d'appello nel termine di dieci giorni dalla notificazione o dalla comunicazione.
Tale facoltà è riconosciuta anche al condòmino o ai condòmini ricorrenti che abbiano visto il loro ricorso rigettato.

A far data dal 31 ottobre 2021 il ricorso per la revoca dovrà essere presentato al Giudice di pace, mentre il reclamo al Tribunale.

riproduzione riservata
Articolo: Amministratore di condominio: come valutare gravi irregolarità
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Amministratore di condominio: come valutare gravi irregolarità: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Jean1
    Jean1
    Lunedì 4 Maggio 2020, alle ore 18:52
    Per inadempienze amministratore possono essere inquadrate il mancato regolamento condominiale e la mancanza di anagrafe condominiale?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
322.900 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Amministratore di condominio: come valutare gravi irregolarità che potrebbero interessarti


Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.

Il giudizio di revoca e l'amministratore

Condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario della compagine e riceve l'incarico dall'assemblea con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti alla riunione.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

Revoca giudiziale dell'amministratore e onere della prova

Amministratore di condominio - La revoca giudiziale dell'amministratore può essere chiesta da ogni condomino, che deve provare la ricorrenza della causa che consente l'emissione del decreto.

Gravi irregolarità dell'amministratore

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario dei condomini e deve agire rispettando determinate regole pena la possibilità di essere revocato anche per via giudiziale.

Ripartizione compenso dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - Una volta incaricato l'amministratore, salvo diverso accordo, ha diritto ad una retribuzione, la quale nell'art. 1135 c.c. ha sollevato qualche interrogativo.

Amministratore di condominio, diritto alla retribuzione e limiti

Condominio - L?amministratore è il mandatario dei condomini in relazione alla gestione e conservazione delle parti comuni dell?edificio

Dimissioni dell'amministratore di condominio. Quando sono possibili?

Amministratore di condominio - È consuetudine parlare della revoca dell'amministratore di condominio. Si sa che il legale rappresentante dei condomini può essere revocato in qualsiasi momento dall'assemblea.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img anonimo
Mi chiamo Alberto e vorrei avere chiarimenti su una questione che riguarda i rifiuti. Vivo in un condominio e da diversi anni uno dei condomini si occupa di portare fuori i...
anonimo 08 Gennaio 2021 ore 15:19 2
Img lorenzomasi
C'è compatibilità tra amministratore di condominio e tecnico asseveratore di lavori superbonus?...
lorenzomasi 08 Gennaio 2021 ore 11:54 1
Img iside1707
Buongiorno, Siamo un contesto di 4 unità e da luglio i rapporti con i miei vicini si sono incrinati. Il mio vicino tiene la cassa e paga le bollette e fino ad ora siamo...
iside1707 29 Dicembre 2020 ore 19:41 3
Img carlocorneo
Buongiorno, mi chiedevo se ai fini del calcolo del tetto di spesa (plafond fiscale per solo l'isolamento termico) è possibile conteggiare oltre alle abitazioni e ai negozi,...
carlocorneo 29 Dicembre 2020 ore 18:27 1
Img gafforoberto
Salve, ho acquistato un appartamento in un condominio all’asta, l’appartamento era l’unico in cui non erano stati installati i ripartitori sui termosifoni...
gafforoberto 22 Dicembre 2020 ore 11:58 9