7 regole per scegliere l'amministratore di condominio

NEWS DI Amministratore di condominio08 Febbraio 2015 ore 00:50
Per scegliere l'amministratore ogni assemblea condominiale deve attentamente valutare gli aspiranti canditati e l'esistenza dei requisiti professionali previsti.
condominio , riforma condominio

Riforma del Condominio e figura dell'amministratore


Con l'entrata in vigore nel 2013 della cosiddetta Riforma del Condominio, L. 220/2012, anche la figura dell' amministratore ha subito dei cambiamenti e ha visto delineati in maniera più precisa i contorni delle sue competenze professionali.

All'amministratore, infatti, viene richiesto di essere in possesso almeno di un diploma di scuola superiore, oltre ad aver frequentato un corso di formazione specifico per poter svolgere tale mansione.
È prevista, inoltre, la frequenza di corsi di formazione periodica ai fini di un adeguato aggiornamento professionale.

candidati amministratoriAl momento di scegliere il proprio amministratore, quindi, ogni assemblea condominiale deve valutare con cura gli aspiranti canditati e fare attenzione alla sussistenza di tutti i requisiti professionali previsti, oltre a verificare altri aspetti importanti che possono delineare una figura professionale valida, in grado di garantire una corretta gestione dell'edificio.

L'ANAMMI, Associazione Nazional-europea AMMinistratori d'Immobili, ha messo a punto un utile vademecum contenente le regole d'oro per scegliere l'amministratore giusto.


Regole per scegliere l'amministratore di condominio


1. La prima cosa da verificare è l'esistenza dei requisiti professionali minimi.
Come abbiamo visto, essi consistono nel possesso di un diploma di scuola superiore e nell'aver frequentato un corso di formazione di base.
Il D.M. 140 del ministero della Giustizia ha imposto, oltre al corso base, la cosiddetta formazione continua obbligatoria, che si esplica attraverso la frequenza di almeno 15 ore annuali di corso di aggiornamento.
Oltre a questo, è altrettanto importante che il soggetto aspirante a diventare amministratore di condominio non abbia subito alcuna condanna penale.

2. Quella dell'amministratore di condominio non è una figura professionale regolamentata, cioè non esistono specifici albi professionali per tale categoria.
Tuttavia la Legge 4 del 2013 stabilisce che le professioni di questo tipo possano essere regolamentate attraverso il rilascio di una certificazione di conformità.
Tale certificazione è emessa dalle associazioni di categoria, che attestano i requisiti di professionalità del soggetto e li certificano, assumendosene la responsabilità.
La presentazione del certificato da parte del professionista rappresenta per i condomini una garanzia molto importante.
Altro attestato significativo è la stipula di una polizza assicurativa per responsabilità civile, a copertura di eventuali errori commessi nello svolgimento del mandato.

3. Essere amministratore implica la conoscenza di elementi tecnici, norme giuridiche e aspetti fiscali e amministrativi, per cui il professionista dovrebbe essere un po' architetto o ingegnere, un po' avvocato e un po' fiscalista. Non potendo naturalmente riassumere in una sola figura tutte queste competenze, deve conoscerne tuttavia gli aspetti più importanti e, per farlo, avvalersi della consulenza di esperti.

4. Gli amministratori di condominio sono chiamati a occuparsi delle tematiche più disparate, quali risparmio energetico, ristrutturazioni, sicurezza degli impianti. Essi, quindi, devono essere in grado di rivestire un ruolo praticamente manageriale, di gestione completa del sistema edificio.

5. Le attuali procedure contabili e amministrative sono tali che un amministratore non può più dichiarare di fare tutto a mano. Deve avere quindi minime conoscenze informatiche in maniera da poter utilizzare correttamente un computer, i software dedicati per la sua attività e deve saper gestire l'eventuale sito web condominiale.

6. L'iscrizione a un'associazione di categoria è quindi importante, vista la mole di conoscenze e certificazioni richieste tra formazione base, aggiornamento professionale obbligatorio, certificazione di conformità.

7. Subito dopo la sua nomina, l'amministratore incaricato deve apporre fuori del palazzo una targa con il nome, i recapiti telefonici e l'orario di ricevimento, in modo da poter essere sempre facilmente reperibile per i condomini.

Come effettuare la scelta dell'amministratore di condominio


Per compiere la scelta del soggetto da incaricare, i condomini dovrebbero pertanto:
selezionare una lista di candidati da esaminare;
sottoporre una serie di domande agli aspiranti amministratori;
farsi presentare dei preventivi con la lista delle prestazioni e dei costi.

scelta dell'amministratoreRiguardo quest'ultimo punto è importante che l'offerta del professionista sia adeguatamente dettagliata.
Essa infatti deve contenere almeno l'onorario annuo richiesto per la gestione ordinaria, quello previsto per adempimenti tributari e per la convocazione di assemblee straordinarie, le percentuali richieste per lavori straordinari e spese accessorie, come quelle di cancelleria.

È quindi opportuno diffidare da preventivi che non siano così dettagliati o da onorari troppo bassi, che potrebbero nascondere comportamenti illeciti (ad esempio accordi con le imprese a cui affidare i lavori, in cambio di percentuali sottobanco).

In genere un aspirante amministratore chiederà di effettuare un sopralluogo dell'immobile, in modo da valutare gli elementi da inserire nel suo preventivo e prepararsi ad affrontare eventuali domande dei condomini.

riproduzione riservata
Articolo: Amministratore di condominio: 7 regole per sceglierlo
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 6 voti.

Amministratore di condominio: 7 regole per sceglierlo: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Flaviana
    Flaviana
    Venerdì 12 Maggio 2017, alle ore 17:50
    Articolo che descrive bene le problematiche e i punti da tenere in considerazione quando si cerca un amministratore di condominio.
    Come giustamente avete fatto notare, non esiste un albo professionale per questa categoria, ciò rende (a mio avviso) un danno non solo agli amministratori stessi ma anche a noi condomi non siamo tutelati.
    La creazione di un albo professionale infatti, sarebbe una forma di garazia per noi condomi che potremmo avere maggiori garanzie sui prezzi che ci vengono proposti e la professionalità dell'amministratore. I
    o abito in un condominio di Palermo (molto grande) e mi sono rivolta all'associazione unai trovando un amministratore di condominio (pmcondomini) serio e abbastanza preciso ma prima di arrivare a lui sono passati circa 3 amministratori in un anno, un calvario!
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Flaviana
      Sabato 13 Maggio 2017, alle ore 22:57
      Ha pienamente ragione. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Amministratore di condominio: 7 regole per sceglierlo che potrebbero interessarti
Riforma del condominio e i supercondominii

Riforma del condominio e i supercondominii

Assemblea di condominio - Oggi, contrariamente a tale impostazione, l'applicazione delle norme dettate in materia di condominio negli edifici è esteso anche ai supercondomini ed ai condomini orizzontali.
Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Leggi e Normative Tecniche - Condominio 4.0: un convegno organizzato da Harley&Dikkinson a Roma per fare una analisi su tutte le opportunità lavorative relative alla gestione condominiale.
Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

Opere su parti di proprietà esclusiva nella riforma del condominio

Parti comuni - La riforma del condominio è intervenuta sul codice civile modificando l'art. 1122 o meglio,aggiornandolo alle pronunce giurisprudenziali che lo riguardavano

Assemblea fiume e le novità introdotte dalla riforma

Condominio - Assemblea fiume, ovvero la possiiblità di parteciapare ad estenuanti ed infinite riunioni condominiali. La riforma semplificherà le possibilità di rinvio.

Lavori straordinari e compenso dell'amministratore di condominio

Condominio - Nel caso in cui vengano deliberati interventi di manutenzione straordinaria, l'amministratore ha diritto ad ulteriori compensi solo se preventivamente concordati.

Un 2013 pieno di novità grazie alla riforma del condominio

Condominio - Il 2013 sarà un anno a suo modo storico per le norme condominiali; il 18 giugno, infatti, entrerà in vigore la riforma del condominio. E fino ad allora?

Riforma del condominio e videosorveglianza

Condominio - La riforma del condominio favorirà le procedure d'installazione degli impianti di videosorveglianza delle parti comuni mettendo alcuni punti fermi, vediamo quali.

Registro di contabilità condominiale prima e dopo la Riforma

Ripartizione spese - Il registro di contabilità condominiale è una delle novità introdotte dalla riforma e consente, se correttamente tenuto, di conoscere l'aggiornato stato dei conti.
REGISTRATI COME UTENTE
295.773 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
  • Inferriate blindate di sicurezza
    Inferriate blindate di sicurezza...
    329.00
  • Ristrutturazione bagno zona Roma
    Ristrutturazione bagno zona roma...
    3790.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Faidacasa.com
  • Weber
  • Faidatebook
  • Kone
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.