Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Alterazione del decoro architettonico e poteri dell'amministratore

Sie definisce il decoro architettonico come bene comune, a tutti i condomini, costituito dall'insieme degli elementi, linee architettoniche, ecc. l'estetica di un edificio.
31 Ottobre 2011 ore 15:06 - NEWS Amministratore di condominio

Alterazione del decoro condominialeIl codice civile non fornisce la nozione di decoro architettonico né tanto meno chiarisce come esso debba essere considerato.

Al silenzio della legge hanno supplito, come spesso accade, le pronunce della Cassazione e dei giudici di merito.

In questo contesto è opinione dominante quella che definisce il decoro architettonico come bene comune (a tutti i condomini) costituito dall'insieme degli elementi (linee architettoniche, fregi, ecc.) in grado i caratterizzare, sia pur in modo estremamente semplice, l'estetica di un edificio (cfr. tra le tante Cass. n. 851/07).

Con ciò la Cassazione ha voluto evidenziare che può denotarsi un particolare aspetto estetico meritevole di tutela sia nel palazzo di particolare pregio storico ed artistico sia nella semplice costruzione moderna.


Quando può dirsi che un intervento altera l'estetica?


Secondo la Cassazione l'apprezzabilità dell'alterazione del decoro deve tradursi in un pregiudizio economico che comporti un deprezzamento sia dell'intero fabbricato che delle porzioni in esso comprese, per cui, sotto tale profilo, è necessario tener conto dello stato estetico del fabbricato al momento in cui l'innovazione viene posta in essere (così Cass. 25 gennaio 2010 n. 1286).

Sia l'assemblea che in singolo condomino possono ledere il decoro dell'edificio.
Nel primo caso la soluzione è l'impugnazione della decisione che dispone l'intervento alterativo e l'eventuale remissione in pristino se l'opera è stata già effettuata.

Nel secondo caso il condominio , in persona dell'amministratore, potrà avanzare le medesime richieste direttamente contro il condomino esecutore dell'opera.In entrambe le ipotesi è lecito, contestualmente alla domanda di riduzione in pristino, domandare il risarcimento dei danni che l'intervento alterativo ha prodotto.

D'altronde se il danno all'estetica è danno economico perché non potrebbe essere possibile chiederne il ristoro?

Alterazione del decoroSe ad agire è il singolo nulla quaestio:
lui potrà avanzare le proprie richieste nella sua qualità di condomino.

Ma se ad agire è l'amministratore, egli per ciò che concerne la domanda risarcitoria potrà agire sulla base dei propri poteri o necessiterà di un'autorizzazione assembleare.

Alla domanda ha dato risposta il Tribunale di Roma propendendo per la prima soluzione.

Secondo l'ufficio giudiziario capitolino, infatti, poiché l'azione risarcitoria è volta alla salvaguardia di beni-interessi di rilevanza condominiale, quali il decoro architettonico, e al rispetto di precetti del regolamento interno di cui s'assume la trasgressione, essa rientra nel novero delle materie per le quali l'art. 1131 c.c. abilita l' amministratore all'avvio di relativa procedura giudiziaria anche in difetto di preventivo deliberato autorizzativo poiché comprese nel proprio ordinario mancipium, legittimazione che include ed abbraccia anche le eventuali connesse pretese risarcitone (v. Cass. 22.10.1998 n. 10474; Cass. 30.10.2009 n. 23065) (Trib. Roma 19 settembre 2011 n. 17849).

riproduzione riservata
Articolo: Alterazione del decoro e poteri dell'amministratore
Valutazione: 3.67 / 6 basato su 3 voti.

Alterazione del decoro e poteri dell'amministratore: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
328.080 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Alterazione del decoro e poteri dell'amministratore che potrebbero interessarti


Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

Provvedimenti dell'amministratore e diritti dei condomini

Condominio - La Cassazione, con una sentenza dello scorso 11 maggio, la n. 10347, torna ad occuparsi dei poteri dell?amministratore, dei loro limiti e del corretto

Decoro architettonico, nozione e regolamentazione

Parti comuni - Il decoro architettonico del condominio, ovvero l'estetica dell'edificio, è tutelata dalla legge e può essere più severamente tutelata dai condòmini. In che modo?

Amministratore di condominio e servitù

Condominio - L'amministratore di condominio non può agire in giudizio per ottenere il riconoscimento di una servitù perché questa azione non rientra tra i suoi poteri.

Amministratore di condominio, cause, poteri e limiti

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio ha il potere di agire e resistere in giudizio senza necessità di autorizzazione assembleare nelle materie di sua stretta competenza.

I provvedimenti dell'amministratore

Condominio - L'amministratore è il mandatario dei condomini. Egli agisce per loro nome e conto ai fini della gestione delle parti comuni dello stabile.

Quando si può realizzare un foro su facciata condominiale per scarico fumi cucina?

Parti comuni - Forare la facciata condominiale per lo scarico della cucina è operazione che ciascun condòmino può porre in essere, ma entro quali limiti e a quali condizioni?

Attività fiscale dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio, quale legale rappresentante dei condomini, deve compiere l'attività fiscale inerente la gestione dell'edificio in condominio.

L'amministratore della comunione

Condominio - Nella prassi quotidiana, non fosse altro per le maggiori difficoltà pratiche dovute alla gestione, si è soliti affrontare e analizzare le problematiche
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 25 Febbraio 2021 ore 09:49 11
Img lorenzomasi
C'è compatibilità tra amministratore di condominio e tecnico asseveratore di lavori superbonus?...
lorenzomasi 08 Gennaio 2021 ore 11:54 1
Img iside1707
Buongiorno, Siamo un contesto di 4 unità e da luglio i rapporti con i miei vicini si sono incrinati. Il mio vicino tiene la cassa e paga le bollette e fino ad ora siamo...
iside1707 29 Dicembre 2020 ore 19:41 3
Img sirimarco
Buongiorno, nel nostro condominio abbiamo effettuato un lavoro straordinario abbastanza costoso, in una prima riunione l'amministratore ha spiegato che la ripartizione spese si...
sirimarco 01 Dicembre 2020 ore 21:43 4
Img kettyveronese
Buonasera. Nell'atrio di ingresso del nostro condominio esiste un vano contatori ENEL che normalmente è chiuso a chiave. Giorni fa, dovendo affittare il mio appartamento...
kettyveronese 30 Luglio 2020 ore 18:46 6