Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Mediazione e recesso, no alla provvigione svincolata dall’attività

Vessatoria la clausola contrattuale che prevede in caso di recesso il pagamento della provvigione al mediatore senza vincolarla allo svolgimento dell’attività.
12 Maggio 2021 ore 16:57 - NEWS Comprare casa

Provvigione agenzia immobiliare senza prova dell’attività


Vessatoria la clausola che prevede in caso di recesso del contratto di mediazione il pagamento di un corrispettivo parametrato al prezzo di vendita in maniera automatica, senza collegarlo al compimento effettivo dell’attività di ricerca e delle attività propedeutiche alla vendita.

Calcolo percentuale provvigione agenzia
Lo ha stabilito la Corte di Cassazione nella sentenza n. 19565 depositata il 18 settembre 2020.

Entriamo nello specifico, per comprendere come la Corte è pervenuta a tale conclusione; vedremo così che la Corte compie un excursus delle norme e della giurisprudenza.

Vedremo inoltre cosa hanno deciso i giudici del primo e del secondo grado.

La controversia nasce dalla contestazione circa la validità di una clausola contenuta nel contratto di mediazione con il quale i ricorrenti avevano affidato l’incarico di vendere un proprio immobile.

Tale clausola prevedeva, in caso di recesso, il pagamento di una somma pari ad una percentuale del prezzo di vendita.


Decisioni opposte tra primo e secondo grado


I ricorrenti recedevano anticipatamente dal contratto, ma non pagavano la detta somma e l’Agenzia immobiliare otteneva l’emissione del decreto ingiuntivo.

I consumatori, allora, si opponevano al decreto ingiuntivo affermando, per quello che qui interessa, il carattere vessatorio della clausola: denunciavano cioè il significativo squilibrio contrattuale derivante dall'applicazione della clausola che, nell’indicare il corrispettivo per il caso di recesso dei consumatori, non lo rapportava all’attività effettivamente svolta dall’Agenzia.

L’iniquità della previsione era confermata dalla scarsa differenza tra la percentuale prevista per il caso di recesso (1%) e quella prevista per la conclusione dell’affare (1,5%).

Il Giudice di Pace accoglieva l'opposizione e revocava il decreto ingiuntivo opposto, dichiarando nullo ed inefficace il contratto stipulato tra le parti.

Il Giudice applicava quindi le norme del Codice del Consumo (D. Lgs. n. 205/2006).

In secondo grado la situazione si capovolgeva: non venivano applicate le norme del Codice del Consumo, ma quelle di cui all’art. 1469 bis e ss. c.c., la clausola in questione non veniva qualificata vessatoria ed il Tribunale confermava il decreto ingiuntivo.

Contratto per vendita immobile
Si osservava, in particolare che la clausola poneva le parti su un piano paritario, prevedendo per entrambi la facoltà di recedere pagando lo stesso importo; inoltre la quantificazione non era per il Tribunale indice di vessatorietà, perché era ridotta di bene un terzo rispetto alla percentuale dovuta come provvigione.


Sentenza n. 19565/2020, i principi affermati


Per la Corte di Cassazione il ricorso è fondato; vediamo quali sono in sintesi i principi di diritto con cui la Corte conclude.

Ad essi dovrà attenersi nella sua decisione il Tribunale (in diversa composizione), al quale viene reinviato il giudizio.

Il primo principio afferma che la clausola contrattuale che attribuisca al mediatore il diritto alla provvigione anche nel caso di recesso del venditore può presumersi vessatoria ove il compenso non trovi giustificazione nella prestazione svolta dal mediatore.

Spetta al giudice di merito valutare se nel concreto il mediatore abbia svolto una qualche attività tra quelle propedeutiche e necessarie di ricerca dei soggetti interessati ad acquistare il bene.

Il secondo principio dichiara che si presume vessatoria la clausola che prevede che il professionista può trattenere una somma di denaro pagata dal consumatore nel caso in cui questi non concluda il contratto o receda, e non prevede il diritto del secondo ad avere il doppio della somma versata nel caso in cui sia il professionista a non concludere il contratto o a recedere.


Confini soggettivi e vessatorietà nel Codice del Consumo


Questi i passaggi salienti della decisione: in primis si chiarisce che il Codice del Consumo, che trova origine nella Direttiva Eu direttiva 93/13, ha la sua ragion d’essere (secondo la giurisprudenza della Corte di Giustizia) nella posizione di disparità nei contratti dove una delle due parti è un consumatore.

costi vendita immobile
Spostando l’attenzione sul concetto di clausola vessatoria, la Corte osserva che il Codice del Consumo, secondo la prescrizione della Direttiva 13 del 1993, prevede la nullità delle clausole vessatorie, definite all'art. 33 comma 1 come:

le clausole che, malgrado la buona fede, determinano a carico del consumatore un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto (art. 33 co.1 lett. D.Lgs n. 206/2005).


Si tratta di una enunciazione di ordine generale e, secondo la giurisprudenza della Corte di Giustizia, la previsione che in questi casi il consumatore è svincolato dalla clausola è norma di diritto pubblico.

L'art. 33, comma 2 del Codice del Consumo contiene poi un elenco di clausole dove la vessatorietà è relativamente presunta, cioè può essere esclusa se il professionista fornisce la prova contraria.


Valutazione della vessatorietà


La Corte ricorda poi che il Codice esclude la vessatorietà se:

le clausole o gli elementi di clausola … siano stati oggetto di trattativa individuale art. 34 co. 3, D. Lgs. n. 206/2005).

La prova spetta al professionista.

Inoltre si ricorda che il Codice prevede che:

la valutazione del carattere vessatorio della clausola non attiene alla determinazione dell'oggetto del contratto, nè all'adeguatezza del corrispettivo dei beni e dei servizi, purché tali elementi siano individuati in modo chiaro e comprensibile (art. 34 co.2 D. Lgs. n. 206/2005).


La Corte ricorda che nella sentenza n. 22357/2010 si è stabilito che la clausola che attribuisca al mediatore il diritto alla provvigione anche ove l'affare non si concluda per fatto del venditore può presumersi vessatoria qualora le parti non abbiano pattuito un meccanismo di adeguamento dell’importo all'attività sino a quel momento concretamente svolta dal mediatore.

La Corte osserva che nella sentenza del 2010 si spiegò che il compenso del mediatore, in quel caso si giustifica con lo svolgimento di una concreta attività di ricerca di terzi interessati e, aggiunge qui, l’accertamento dell'abusività della clausola va svolto anche nell'ipotesi in cui sia previsto il diritto di recesso, come quella in esame.


Valutazione della vessatorietà nel caso concreto


Non si tratta, dunque di sindacato sull'oggetto del contratto, vietato dall'art. 34 comma 2 del Codice del Consumo.
L'accertamento sulla vessatorietà della clausola è, invece, un dovere del giudice, che deve rilevare anche d'ufficio la nullità di una clausola che determina, a danno del consumatore, un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto.

Condizioni contrattuali vendita immobile con agenzia

Osservano poi i giudici che nel caso in esame la sentenza impugnata ha escluso la vessatorietà perché l’indennità per il caso di recesso è stabilita anche a carico dell’agenzia e perché vi è stata trattativa tra le parti.

Il giudice però, si osserva, non ha tenuto conto che il compenso andava rapportato all'attività concretamente svolta dal mediatore, aspetto che meritava particolare attenzione data la breve durata del contratto.

Ciò in quanto, su spiega poi, la clausola che riconosce il diritto al compenso svincolato dall'effettivo svolgimento dell'attività di ricerca dei terzi interessati all'affare e delle attività ad esse propedeutiche incide negativamente sull'equilibrio contrattuale previsto dall'art. 33 del Codice del Consumo.


Valutazione concreta del giudice e squilibrio contrattuale


La valutazione in concreto dell'attività svolta impedisce che il diritto alla provvigione da parte del mediatore possa essere svincolato dallo svolgimento di qualsiasi controprestazione.

Il sindacato sull'equilibrio contrattuale, uno dei cardini dell’attività interpretativa nei contratti conclusi con il consumatore risulta qui per i Giudici omesso.

Ricordano poi i Giudici che più volte la Corte di Giustizia ha affermato che, in assenza di un controllo del giudice sull’abusività delle clausole, il rispetto dei diritti di cui alla direttiva 93/13 non può essere garantito.


Controllo che può essere effettuato anche d’iniziativa dal giudice per ovviare allo squilibrio tra il consumatore ed il professionista.

Omessa anche la verifica concreta dell’ipotesi per cui è vessatoria la clausola che consente:

al professionista di trattenere una somma di denaro versata dal consumatore se quest'ultimo non conclude il contratto o recede da esso, senza prevedere il diritto del consumatore di esigere dal professionista il doppio della somma corrisposta se è quest'ultimo a non concludere il contratto oppure a recedere (v. art. 33 co. 2 lett. e Cod. Cons.)

riproduzione riservata
Articolo: Agenti immobiliari e provvigione non legata alla prestazione
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Agenti immobiliari e provvigione non legata alla prestazione: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
330.337 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Agenti immobiliari e provvigione non legata alla prestazione che potrebbero interessarti


Nasce il broker immobiliare

Ristrutturazione - Nonostante la difficile congiuntura economica, l'Italia continua ad essere un paese di "proprietari di casa"

Agenzia immobiliare

Comprare casa - Per scegliere un immobile per l'affitto o per l'acquisto ci si rivolge ad agenzie immobiliari, in modo da poter essere assistiti in tutte le fasi dell'operazione.

Salone immobiliare di Firenze

Arredamento - Dall?11 al 14 marzo 2010 si svolgerà a Firenze, presso il Teatro Tenda Saschall la quinta edizione del Salone Immobiliare.Dopo il successo della scorsa

Acquistare casa

Comprare casa - Guida agli aspetti fiscali per l'acquisto della casa: quali sono le imposte da pagare, gli onorari professionali e le agevolazioni di cui si può usufruire.

Home staging

Comprare casa - L'Home Staging è una tecnica di marketing immobiliare che si sta molto diffondendo tra coloro che sono impegnati in investimenti immobiliari.

Mercato immobiliare e web

Condominio - L?era di Internet è ormai entrata in una fase di intenso sviluppo, in cui pure in Italia il numero di utenti della rete è sempre più in crescita anche

Tasse vendita casa: le novità della manovra 2020

Fisco casa - Brutte notizie per chi vende casa entro 5 anni: aumentano del 6% le imposte sulle plusvalenze immobiliari. Ecco cosa prevede la Legge di Bilancio sull'argomento

Classamento Catastale

Catasto - Che cosa è il classamento catastale per un immobile e a cosa serve? In base a quali parametri di solito viene assegnato ad un immobile il classamento catastale.

Niente Superbonus 110% per la sostituzione delle vetrate

Fisco casa - Gli interventi sulle vetrate degli immobili non rientrano nel superbonus 110%. L'Agenzia delle Entrate non ammette deroghe poiché non costituiscono superfici opache.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img stefaniatosi
Ciao a tutti,ho acquistato una casa, prima casa, nel 2018 con l'ottica di effettuare determinati lavori.Poi ci sono stati dei problemi con i permessi in comune e ho deciso di...
stefaniatosi 06 Aprile 2021 ore 20:57 2
Img utente 1
Salve, un anno e mezzo fa mio marito ha visto un appartamento con un privato e siamo partiti con la trattativa.A giugno dello scorso anno, dopo insistenze di una nota agenzia, i...
utente 1 29 Marzo 2020 ore 17:02 7
Img rossella24
Buonasera, a dicembre 2018, il mio compagno ha firmato il compromesso di vendita con versamento di una caparra e includendo la possibilità di poter entrare ugualmente...
rossella24 29 Febbraio 2020 ore 18:39 2
Img elisalivorno
Ho trovato il compratore per la casa, lui deve prendere il mutuo, adesso ho tutti i documenti, certificato agibilità, relazione, ACE, dichiarazioni, atto acquisto casa ecc.
elisalivorno 24 Gennaio 2020 ore 17:10 2
Img numbor
Ciao a tutti, vi sottopongo una questione, premetto che la casa è a San Marino. La mia compagna nel 2002 ha acquistato un piccolo appartamento senza garage o posto auto...
numbor 21 Ottobre 2019 ore 12:42 3