Contratto di locazione: a chi spetta il pagamento delle bollette?

NEWS DI Burocrazia e utenze10 Ottobre 2017 ore 12:12
In caso di stipula di contratto di locazione di un immobile chi deve pagare le bollette? Cosa stabilisce la legge in mancanza di specifici accordi tra le part?

Contratto di locazione immobiliare e obblighi delle parti


In base al contratto di locazione il proprietario dell’immobile è obbligato a consegnare il bene locato e a mantenerlo in stato da servire all’uso convenuto.

Il conduttore è invece obbligato a utilizzare il bene ricevuto con la diligenza del buon padre di famiglia, a restituirlo alla data fissata e a pagare il canone nei modi e nei termini stabiliti.

Locazione e pagamento spese
Nell’ambito della ripartizione delle spese tra padrone di casa e inquilino, la legge prevede, all’articolo 1576 del codice civile, che tutte le spese necessarie siano a carico del proprietario, tranne quelle di piccola manutenzione imputabili al conduttore.

Spetteranno dunque a quest’ultimo le spese ordinarie, mentre dovranno essere sostenute dal padrone di casa quelle di straordinaria manutenzione.

Maggiori chiarimenti si possono trovare nella normativa che disciplina le locazioni di immobili urbani. In particolare, l'articolo 9 della legge 392/78 prevede che:

sono interamente a carico del conduttore, salvo patto contrario, le spese relative al servizio di pulizia, al funzionamento e all’ordinaria manutenzione dell’ascensore, alla fornitura dell’acqua, dell’energia elettrica, del riscaldamento e del condizionamento dell’aria, allo spurgo dei pozzi neri e delle latrine, nonché alla fornitura di altri servizi comuni. Le spese per il servizio di portineria sono a carico del conduttore nella misura del 90%, salvo che le parti abbiano convenuto una misura inferiore. Il pagamento deve avvenire entro due mesi dalla richiesta. (Legge 392/78)


Le spese sopra riportate, dovute dal conduttore in forza del contratto di locazione, sono definite oneri accessori rispetto al canone corrisposto per il godimento dell’immobile.
Vediamo innanzitutto cosa sono gli oneri accessori. Nell’ambito di questa categoria rientrano le spese condominiali e le bollette relative ai consumi periodici effettuati durante l’utilizzo della casa in affitto.


Pagamento delle bollette: a chi spetta?


Il contratto di locazione lascia alle parti la libertà di disciplinare e regolare molte questioni, tra le quali le spese per l'uso delle utenze. In mancanza di clausole esplicite relative alla ripartizione delle spese tra proprietario e inquilino, si dovranno applicare i criteri fissati dalla legge.

Quando si stipula un contratto di locazione è bene sapere che il canone non è l'unica somma di denaro versata dal conduttore. La legge pone infatti a carico dell’inquilino il pagamento degli oneri accessori. Una deroga alla normativa è consentita solo previo accordo tra le parti, in quanto la legge stessa fa salvo il patto contrario.

Pagamento bollette
Per capire come funziona il pagamento delle bollette (per acqua, luce e gas) ed evitare inutili controversie tra proprietario e conduttore, oltre a sapere cosa dice la legge, è necessario verificare chi sia il soggetto intestatario del contratto di fornitura del servizio.
Per scongiurare spiacevoli contrasti tra le parti, sarebbe meglio che le utenze venissero intestate all'inquilino. Quest'ultimo, in qualità di titolare del contratto di fornitura, sarebbe l’unico soggetto personalmente obbligato.

Adottando questa soluzione si eviteranno ripercussioni negative e spiacevoli inconvenienti sul padrone di casa. Qualora l'inquilino lasci la casa senza aver provveduto a pagare le bollette, la ditta fornitrice non potrà rivolgersi al proprietario dell'immobile che non dovrà farsi carico del debito altrui.

Qualora invece il padrone di casa rimanga il titolare delle utenze, potranno sorgere dubbi interpretativi e situazioni conflittuali. Ecco che in mancanza di accordi tra le parti, si applicherà quanto previsto dalla legge che impone gli oneri accessori a carico del conduttore.

Qualora il proprietario abbia un qualche interesse a mantenere l’intestazione del contratto o nei casi in cui il pagamento per i consumi sia riconducibile nell’ambito delle spese condominiali, sarà il proprietario a effettuare il pagamento della bolletta. Tuttavia il locatore potrà pretendere dal conduttore il rimborso del pagamento sostenuto.

Oltre a quanto stabilito dalla legge, appositi criteri di ripartizione delle spese tra proprietario e inquilino si rinvengono in apposite tabelle approvate dalle organizzazioni di categoria (inquilini e proprietari) e ispirate a principi equitativi. Ci si avvale così di una suddivisione delle spese effettuata in base alla tipologia di intervento. Per poter avere validità e poter essere applicate, le tabelle devono essere richiamate all’interno dei regolamenti condominiali e negli stessi contratti di locazione.


Rimborso del pagamento da parte dell'inquilino: tempi e modalità


Il padrone di casa che effettua il pagamento delle bollette per luce, acqua e gas, ha diritto di chiedere il rimborso della spesa da lui sostenuta. Ha tempo 2 anni, trascorsi i quali il diritto si prescrive. Un termine breve di prescrizione nasce dalla esigenza di contenere alla lunga le possibili contestazioni tra le parti del contratto di locazione.

Pagamento spese inquilino
Una volta effettuata la richiesta di restituzione, l’inquilino avrà un termine di 2 mesi per provvedere al rimborso. Qualora abbia dei dubbi sugli importi richiesti, sempre nel termine di 2 mesi potrà chiedere al locatore di prendere in visione i giustificativi della spesa da lui anticipata.
Potrà infatti chiedere di visionare tutta la documentazione che attesti quanto il padrone di casa abbia corrisposto alla ditta fornitrice o all’amministratore del condominio. L'inquilino dovrà infatti essere certo che la spesa effettuata sia a lui effettivamente imputabile.
Qualora non faccia alcuna richiesta, qualunque ritardo o contestazione non saranno più legittimi.

I 2 mesi di tempo concessi all'inquilino per ottemperare ai propri obblighi decorrono dal momento di presentazione della richiesta da parte del locatore. È opportuno che la stessa sia redatta in forma scritta, al fine di costituire prova dell’avvenuta conoscenza da parte del debitore.

Cosa succede in caso di mancato pagamento di quanto dovuto da parte dell’inquilino?
In caso di inadempimento del conduttore, il padrone di casa sarà legittimato a richiedere la risoluzione anticipata del contratto di locazione. Potrà dunque, ai sensi di legge, intraprendere la procedura di sfratto per morosità.

L'articolo 5 della legge 392/78 dispone che:

il mancato pagamento del canone decorsi venti giorni dalla scadenza prevista, ovvero il mancato pagamento, nel termine previsto, degli oneri accessori quando l’importo non pagato superi quello di due mensilità del canone, costituisce motivo di risoluzione, ai sensi dell’articolo 1455 del Codice civile Legge 392/78


Condizione necessaria per poter sfrattare l’inquilino è che la morosità degli oneri accessori superi almeno il valore di 2 mensilità del canone dovuto. È bene sapere che in questo caso lo sfratto è dalla legge consentito quando anche l’inquilino provveda a versare regolarmente il canone di locazione.

Altro aspetto da chiarire è che gli oneri accessori non possono considerarsi parte della somma dovuta a titolo di canone mensile, in quanto devono essere considerati a parte.
Qualora il pagamento delle bollette venga compreso nel canone di locazione, dovrà essere chiarito nel contratto con apposita clausola.

riproduzione riservata
Articolo: Affitto: le bollette sono comprese?
Valutazione: 5.33 / 6 basato su 3 voti.

Affitto: le bollette sono comprese?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Affitto: le bollette sono comprese? che potrebbero interessarti
Per quanto tempo bisogna conservare le bollette?

Per quanto tempo bisogna conservare le bollette?

Burocrazia e utenze - Prima di buttare le bollette e le relative ricevute di pagamento di utenze e altre spese relative alla casa, la normativa impone il rispetto di una tempistica.
Maxi bollette della luce: prescrizione a due anni

Maxi bollette della luce: prescrizione a due anni

Burocrazia e utenze - Stop alle maxibollette della luce; dal 1° marzo riconosciuta la prescrizione breve di 2 anni a tutela dei consumatori. Lo dice l'Arara con una recente delibera.
Dal 2018 abolizione dei maxi conguagli per le bollette di luce e gas

Dal 2018 abolizione dei maxi conguagli per le bollette di luce e gas

Burocrazia e utenze - Da marzo 2018 potremo dire addio ai maxi conguagli effettuati nelle bollette relative ai consumi di luce, acqua e gas. Termine di prescrizione sarà di due anni.

Pagare le bollette a rate

Normative - Complice la crisi economica, sono sempre più numerosi gli utenti italiani che si avvalgono della possibilità di pagare a rate le bollette della luce e del gas.

Conservare bollette e fatture

Normative - Per quanto tempo bisogna conservare le attestazioni di pagamento? In questo articolo cercheremo di rispondere per quello che riguarda le spese relative alla casa.

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Bollette luce e gas

Impianti - Se davvero dovesse verificarsi la discesa dei prezzi delle bollette energetiche, i risultati saranno davvero sorprendenti: dall'inizio del 2009, sarà di oltre 230 euro l'anno il risparmio rispetto ai costi sostenuti a fine del 2008.

Registrare un contratto d'affitto

Affittare casa - I contratti di locazione, fatta eccezione per quelli di durata inferiore ai 30 giorni vanno tutti registrati e depositati presso l'ufficio dei registri immobiliari entro e non oltre i venti giorni che seguono la stipula del contratto.

Come registrare il contratto di locazione

Affittare casa - Tutta la procedura da seguire, le tasse da pagare e l'opzione alla cedolare secca per la registrazione del contratto di locazione di immobili ad uso abitativo.
REGISTRATI COME UTENTE
293.136 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Rimozione eternit
    Rimozione eternit...
    12.00
  • Ristrutturazione capannoni Milano e dintorni
    Ristrutturazione capannoni milano...
    299.00
  • Ristrutturazione negozi e pub Milano e provincia
    Ristrutturazione negozi e pub...
    299.00
  • Ristrutturazioni uffici Milano e dintorni
    Ristrutturazioni uffici milano e...
    299.00
Cersaie
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Pensiline.net
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.