Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Diritto di recesso in caso di acquisti a distanza: come funziona?

NEWS Leggi e Normative Tecniche04 Agosto 2020 ore 09:24
Qual è la disciplina normativa relativa al diritto di recesso. Chi ha il diritto di recedere dal contratto di acquisto? Quando è possibile farlo e a che condizioni?

Che cos’è il diritto di recesso


Ogni qualvolta si acquista un prodotto o un servizio è bene sapere se, previo accordo delle parti o in base a quanto stabilito dalla legge, è possibile recedere dal contratto con il quale si è concluso l’acquisto.

Il diritto di recesso è il diritto del consumatore di sciogliere unilateralmente il contratto di acquisto. L’esercizio del diritto di ricesso, detto anche diritto di ripensamento, comporterà la restituzione del bene acquistato.

Diritto di recesso
Prima di approfondire la questione e vedere in quali casi è possibile avvalersi del diritto di recesso, dobbiamo precisare che questo istituto giuridico non deve essere confuso con quello che si definisce semplicemente cambio merce. Si pensi all’acquisto di un elettrodomestico o di un abito.
Il negoziante può concedere la sostituzione del bene venduto con altro uguale o differente (ad esempio un vestito di diversa taglia o colore) entro un certo termine.
È bene chiarire che il cosiddetto cambio merce è una concessione di chi vende il prodotto.

Appurata la differenza con il concetto di cambio merce, approfondiamo a questo punto la disciplina del diritto di recesso per coglierne tutti gli aspetti.


Diritto di recesso per il Codice Civile


Il diritto di recesso o di ripensamento è un istituto giuridico che tutela il consumatore che abbia fatto l’acquisto di un bene o un servizio. Il diritto di recesso è normato dal Codice Civile e dal Codice del Consumo ma tra le fattispecie in essi descritte vi sono delle differenze.


Il diritto di recesso disciplinato dal codice civile presenta delle caratteristiche diverse rispetto all’istituto regolamentato nel Codice del Consumo.

Diritto di recesso e Codice del Consumo
Ai sensi dell’articolo 1373 cc il diritto di recesso può essere riconosciuto a una delle parti mediante accordo. Qualora venga attribuita tale facoltà, la stessa dovrà essere esercitata prima che il contratto abbia avuto un principio di esecuzione.
Solo nei contratti a prestazione continuata o periodica tale facoltà può essere esercitata anche in un momento successivo ma il recesso sarà privo di efficacia per le prestazioni già eseguite o in corso di esecuzione.

Nei casi in cui sia stato previsto il versamento di un corrispettivo a fronte del recesso, esso ha effetto solo qualora la prestazione sia stata eseguita.
È fatto salvo ogni patto contrario che disciplini il diritto di recesso in maniera differente.


Il diritto di recesso per il Codice del Consumo


Ai sensi del Codice del Consumo il diritto di recesso è il diritto del consumatore di sciogliere unilateralmente il contratto di acquisto di un bene o di un servizio, concluso a distanza, o fuori dai locali dell’esercizio commerciale. Tale diritto potrà essere esercitato, senza alcuna penalità e senza indicare una motivazione specifica, entro il termine di 14 giorni lavorativi.

Recedere dal contratto
Il Codice del Consumo si pone l’obiettivo di offrire una tutela al consumatore che concluda un contratto di acquisto di un bene o servizio, a distanza (ad esempio via internet o mediante contatto telefonico) o fuori dai locali dove ha sede il punto vendita.

Il soggetto che viene tutelato è il consumatore, cioè la persona fisica non titolare di partita IVA, considerata parte debole rispetto al commerciante professionista.


Entro quanto tempo può essere esercitato il diritto di recesso


Il Codice del Consumo all’articolo 52 e seguenti dispone che, fatte salve alcune eccezioni (articolo 59) il consumatore dispone di un determinato lasso di tempo per poter recedere dal contratto a distanza o stipulato fuori dei locali commerciali.

Il termine è di 14 giorni lavorativi e nell’esercitare il diritto di recesso non è tenuto a fornire alcuna specifica motivazione.

Detto periodo decorre da:

  • il giorno di conclusione del contratto nel caso di contratti di servizi;

  • dal giorno in cui il consumatore o una terza persona acquisisce il possesso dei beni acquistati, qualora sia stato stipulato un contratto di vendita; qualora si acquistino più beni il termine decorre dall’acquisto dell’ultimo bene, ove vengano consegnati separatamente anche qualora venga effettuato un solo ordine. Lo stesso criterio in caso di lotti o pezzi multipli;

  • nel caso di consegna periodica di beni per un certo lasso di tempo dal giorno in cui il consumatore acquisisce il possesso del primo bene.


Come si esercita il diritto di recesso


Per poter recedere dal contratto il consumatore ha due modalità.
La prima consiste nell’inviare una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno entro il periodo di tempo stabilito. In alternativa, sarà possibile avvalersi di un modulo online che dovrà essere debitamente compilato qualora vengano effettuati acquisti tramite e commerce.

Si deve evidenziare che il diritto di recesso spetta solo al consumatore, mentre il commerciante non può avvalersene nel caso in cui l’accordo sia già stato concluso.
Il consumatore è considerato, infatti, la parte debole del contratto poiché acquista il prodotto senza poter toccare con mano la merce ma accettando termini e condizioni imposti dal ngoziante.

Al diritto di recesso consegue per il consumatore al rimborso del prezzo corrisposto previa restituzione della merce. Il prezzo potrà essere restituito mediante il sistema di pagamento utilizzato per concludere l’acquisto. Possono restare a carico dell’acquirente le spese di spedizione.

Il diritto di recesso disciplinato dal Codice del Consumo non riguarda i beni acquistati in negozio poiché non si ravvisano i requisiti per la tutela riconosciuta al consumatore: questi infatti può valutare attentamente la merce toccandola e provandola prima di effettuare l’acquisto.
Sarà possibile procedere con la restituzione solo ove il prodotto risulti danneggiato o difettoso.

riproduzione riservata
Articolo: Acquisti e diritto di recesso
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Acquisti e diritto di recesso: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Barbaraoropesa
    Barbaraoropesa
    1 giorni fa
    Buongiorno, ho acquistato delle tende da sole e dopo il montaggio ci siamo resi conto che la misura è sbagliata. Posso chiedere al venditore la sostituzione con tende della misura giusta? Grazie
    rispondi al commento
  • Alberto13
    Alberto13
    Sabato 30 Maggio 2020, all or 10:52
    La settimana scorsa è venuto a casa un venditore di fumo per ristrutturazione casa vi era la possibilita' di detrarre il 50% delle tasse.
    Mi sono fatto coinvolgere, credendo che a luglio 2020 avrei detratto il 50% della spesa, ma mi venne il dubbio..
    Chiamai subito i CAFdi provincia e mi dissero che il rimborso sarebbe stato in 10 anni! ...aimhe' avevo firmato il contratto con caparra:
    Chiamai l'agente che mi rispose e titubante gli dissi che non era stato leale, mi dice " e ma sta cambiando... " cosa sta cambiando ? i decreti post datati ?
    Non sapendo che rispondermi mette giu' il telefono, tento piiu' volte di richiamarlo leggo e rileggo il contratto che in base alla legge 21/2014 il diritto di recesso è escluso.
    Mi sentivo perso, chiamo l'azienda e mi dice che per recedere dalla firma ho 15 gg di tempo, faccio modulo email e inoltro, ora il dubbio è la caparra versata è persa ?
    rispondi al commento
  • Lucafrancescatti
    Lucafrancescatti
    Martedì 28 Maggio 2019, all or 20:32
    BuonaseraHo acquistato una doccia e mobile con lavabo per il mio bagno. Il contratto firmato a casa mia senza visionare la merce specifica che secondo il codice del consumo non si può recedere in quanto beni confezionati su misura. Il problema è che i lavori sono stati eseguiti da cani, la doccia perde acqua da sotto il piatto doccia, il lavabo spande acqua, i faretti si sono bruciati e cosa più importante il contratto non è stato rispettato perché era prevista una copertura che non è mai stata montata dagli operai e a detta loro e dell'azienda stessa è impossibile da montare perché non esiste (però l'agente che ha fatto il contratto ha specificato nello stesso che la doccia doveva essere chiusa sopra). Posso recedere nei termini previsti oppure devo tenermi danni, beffa e anche l'onere di pagare il tutto?? Grazoe
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Lucafrancescatti
      Lunedì 17 Giugno 2019, all or 17:44
      Difficile a dirsi, così, senza studio delle carte. Ti consiglio d rivolgerti ad un'associazione per la tutela dei diritti dei consumatori, mi pare la soluzione più adeguata.
      rispondi al commento
  • Slvia
    Slvia
    Martedì 19 Settembre 2017, all or 23:42
    Oggi mi è successa una cosa abbastanza spiacevole, ho ricevuto a casa un venditore di materassi, dopo varie contrattazioni ho firmato il contratto e dato la caparra.
    Dopo poche ore mi sono accorta che le misure indicate nell'ordine non erano corrette e ho richiamato il venditore che molto gentilmente è tornato a casa mia a controllare.
    Verificato l'errore mi ha chiesto un supplemento di prezzo per un "fuori misura". a quel punto non me la sono sentita di andare avanti e gli ho chiesto di recedere dal contratto.
    Lui molto adirato mi ha restituito l'assegno e se n'è andato, portandosi però con se tutte e 3 le copie del contratto.
    Chiedo se rischio qualcosa, se la ditta mi può richiedere di ottemperare all'acquisto.
    rispondi al commento
  • Silvia
    Silvia
    Venerdì 31 Marzo 2017, all or 14:23
    Mia figlia si è fatta convincere da un venditore porta a porta a comprare una macchina per il caffè ma si è subito pentita, il venditore non ha consegnato subito l'articolo ma lo porterà il 15 aprile dietro pagamento.
    È possibile rescindere il contratto?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Silvia
      Mercoledì 12 Aprile 2017, all or 15:12
      Dipende che tipo di documenti le sono stati consegnati, in linea generale sì, se recede entro 15gg dalla firma del contratto.
      rispondi al commento
  • Laura
    Laura
    Sabato 14 Gennaio 2017, all or 14:19
    Chiedo gentilmente un'opinione. Lavoro come commessa in un negozio d'abbigliamento.
    Avevamo ordinato dei capi, ma il fornitore non ha rispettato le date di consegna.
    Posso avvalermi di qualche legge per restituire la merce, per il ritardo consegna.
    rispondi al commento
  • Pietro
    Pietro
    Mercoledì 11 Gennaio 2017, all or 16:26
    Ho acquistato una cameretta con misure standard cioè senza alcuna modifica,  ho pagato con bonifico l'intera cifra, quando me l'hanno consegnata a casa mi sono reso conto che le misure non vanno bene per la mia stanza (errore mio).
    Posso esercitare il diritto di recesso?
    Il negozio mi ha detto che perderei il 20% oltre alle spese di trasporto
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Pietro
      Venerdì 13 Gennaio 2017, all or 18:15
      No, non puoi esercitare recesso, salvo diversa indicazione contrattuale. O forse è proprio il contratto a dire quello che ti ha detto il negozio?
      rispondi al commento
  • Mikela
    Mikela
    Lunedì 5 Dicembre 2016, all or 20:57
    La settimana scorsa ho firmato un contratto per l'acquisto di infissi in pvc da una ditta in un locale non commerciale (è venuto a casa mia a fare la consulenza) . Poi ho scoperto che il prezzo richiesto da loro è esorbitante non avendone io esperienza in  materia mi sono fidata.
    Nel contratto c'è la clausa che non posso rescindere perché sono beni su misura ma loro non hanno iniziato a fabbricare le finestre e me lo hanno detto che arriveranno e saranno fabbricate a febbraio .
    L'acquisto mi vincolava anmche a un finanziamento....posso rescindere dal contratto o devo per forza tenermelo?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Mikela
      Venerdì 9 Dicembre 2016, all or 12:21
      L'art. 59 del codice del consumo esclude l'esercizio del diritto di recesso se si tratta di beni personalizzati. Poi, per capire se ci sono altre ragioni che potrebbero farlo esercitare andrebbe letto il contratto.Se vuoi una consulenza più dettagliata ti consiglio di rivolgerti al servizio di consulenza a pagamento del sito Lavorincasa.it  Consulenza Legale, Fiscale e Condominiale 
      rispondi al commento
  • Lucyppi75
    Lucyppi75
    Lunedì 26 Settembre 2016, all or 15:33
    Buongiorno, sabato (2 giorni fa) ho acquistato alcuni mobili presso un mobilificio, firmando un contratto e impegnandomi nel pagamento di un acconto con saldo alla consegna. Questa mattina ho scritto loro via mail che vorrei annullare solo una parte dell'ordine, e procedere con il resto. Premetto che si parla di arredi su commessa di cui non ho ancora scelto il colore e non ho ancora pagato nessun acconto perché devono venire a casa a prendere delle misure. Possono chiedermi qualcosa o fare problemi? Grazie, Lucy
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Lucyppi75
      Martedì 27 Settembre 2016, all or 18:30
      Il diritto di recesso "libero e senza costi" se non è diversamente pattuito, vale solamente per gli acquisti negoziati fuori dai locali commerciali. Nel tuo caso, mi pare più probabile che forse potrai recedere ma che ti sarà applicata una penale (prevista dal contratto).Se desideri una consulenza personalizzata, ti invito a provare il servizio del sito Lavorincasa.it <a title="Consulenza Legale
      rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
316.473 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Acquisti e diritto di recesso che potrebbero interessarti


Recesso e recesso fuori dai locali commerciali

Normative - L'acquisto di un bene o di un servizio in un locale commerciale oppure fuori da esso, ad esempio tramite Internet, influisce e non poco sul diritto di recesso.

Gravi motivi del conduttore per il recesso dal contratto di locazione

Affittare casa - Il recesso del conduttore per gravi motivi per essere esercitabile senza poter essere contestato deve fondarsi su motivi reali e deve essere comunicato nei modi di legge.

Multe salate per le compagnie telefoniche accusate di condotte illecite

Burocrazia e utenze - Agicom multa le compagnie telefoniche per teleselling scorretto, accusandole di aver violato le norme del codice del consumo di recepimento della consumer rights

Mancata indicazione dei gravi motivi di recesso dalla locazione e sanatoria

Affittare casa - Il conduttore di un appartamento può sempre recedere dal contratto di locazione se vi sono gravi motivi, ma nella lettera di recesso è tenuto ad indicare i motivi.

Appalto tra privati e diritto di recesso

Leggi e Normative Tecniche - Nell'appalto l'interesse giuridicamente rilevante alla realizzazione del progetto è solo del committente. Di conseguenza egli può sempre recedere, salvo indennizzo.

Locazione: infiltrazioni e recesso del contratto

Affittare casa - Le infiltrazioni non possono essere sempre considerate alla stregua di gravi motivi utili a eserictare il diritto di recesso dal contratto di locazione.

Cosa succede quando avviene la disdetta del contratto di locazione?

Proprietà - Il contratto di locazione ha una durata determinata. Tuttavia, può essere disdettato dal proprietario o dal conduttore alle condizioni disciplinate dalla legge.

Come annullare una compravendita immobiliare?

Comprare casa - Come annullare un contratto di compravendita immobiliare: quali sono le tutele del venditore e dell’acquirente. I casi in cui il contratto può perdere gli effetti

Acquisti nei locali commerciali: regole a tutela degli acquisti

Leggi e Normative Tecniche - Le principali regole a tutela degli acquisti effettuati nei locali commerciali. La compravendita di beni e oggetti di consumo.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img 64brunica
Buona sera,volevo sottoporre il seguente quesito:Alcuni giorno or sono, è  stato approvato all'unaminità il consuntivo e il preventivo.Poiché la riunione...
64brunica 11 Febbraio 2014 ore 22:15 4
Img mm71
Buongiorno, ho ricevuto un box doccia ordinato a catalogo nel negozio del mio installatore. Sono in fase di ristrutturazione e mi sono affidato a questa ditta. Il box doccia...
mm71 05 Agosto 2019 ore 09:28 4
Img dianabarbieri
Salve a tutti e...aiuto! ...sono disperata! :-( Ho ordinato delle inferriate per la mia villetta a schiera con richieste molto specifiche, corredate da mail, foto d'esempio e...
dianabarbieri 10 Marzo 2018 ore 10:15 5
Img manueltrizzo
Buongiorno Sono in affitto con un contratto di locazione agevolata che va dal 01/08/2014 al 31/07/2019. Sto pensando di trasferirmi per comprare casa. Devo comunicarlo 6 mesi...
manueltrizzo 14 Aprile 2019 ore 09:27 4