Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Le date di accensione del riscaldamento per zone climatiche

Le date di accensione del riscaldamento centralizzato e del suo spegnimento, in tutta Italia. Le 10 regole d'oro contro il caro bollette emanate da Enea e Mise.
19 Ottobre 2015 ore 11:20 - NEWS Impianti di riscaldamento

Accensione riscaldamento


Riscaldamento centralizzatoDal 15 ottobre in molti grandi comuni italiani come Milano, Torino e Venezia si sono accessi i riscaldamenti centralizzati nei condomini.

E negli altri comuni?
Ogni comune ha le sue date di accensione e anche di spegnimento, nonché le ore massime di accensione durante la giornata.
Tutto dipende dalla zona climatica in cui trova il proprio comune di residenza.

Vediamo quali sono queste zone climatiche, i comuni che vi rientrano e le ore massime giornaliere in cui possono essere accesi i riscaldamenti. In sintesi anche i consigli di Enea e e del Ministero dello sviluppo economico contro il caro bollette.


Riscaldamento centralizzato: le zone climatiche


I comuni italiani sono divisi in zone climatiche contrassegnate dalle lettere A, B, C, D, E ed F e indipendenti dall'ubicazione geografica ai fini del contenimento dei consumi di energia necessaria al funzionamento degli impianti termici di riscaldamento.

Accensione riscaldamento-zona climatica A: accensione dal 1 dicembre - spegnimento il 15 marzo.
Durata accensione giornaliera max: 6 ore. Comuni di Lampedusa, Linosa, Porto Empedocle

- zona climatica B: accension il: 1 dicembre-spegnimento il 31 marzo.
Durata accensione giornaliera: max 8 ore. Comuni di Agrigento, Catania, Crotone, Messina, Palermo, Reggio Calabria, Siracusa, Trapani

-zona climatica C: accensione: 15 novembre - spegnimento 31 marzo.
Durata accensione giornaliera: max 10 ore. Comuni di Bari, Benevento, Brindisi, Cagliari, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Imperia, Latina, Lecce, Napoli, Oristano, Ragusa, Salerno, Sassari, Taranto

- zona climatica D: accensione il 1 novembre – spegnimento il 15 aprile. Durata accensione giornaliera: max: 12 ore.
Comuni di Ancona, Ascoli Piceno, Avellino, Caltanissetta, Chieti, Firenze, Foggia, Forlì, Genova, Grosseto, Isernia, La Spezia, Livorno, Lucca, Macerata, Massa, Carrara, Matera, Nuoro, Pesaro, Pesaro, Pescara, Pisa, Pistoia, Prato, Roma, Savona, Siena, Teramo, Terni, Verona, Vibo Valentia, Viterbo

- zona climatica E: periodo di accensione, dal 1 ottobre al 15 aprile.
Durata accensione giornaliera: max 14 ore.
Comuni di Alessandria, Aosta, Arezzo, Asti, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia, Campobasso, Como, Cremona, Enna, Ferrara, Cesena, Frosinone, Gorizia, L'Aquila, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Modena, Novara, Padova, Parma, Pavia, Perugia, Piacenza, Pordenone, Potenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Rovigo, Sondrio, Torino, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Venezia, Verbania, Vercelli, Vicenza

- zona climatica F: nessun limite. Comuni di Belluno, Cuneo.


Riscaldamento: i consigli per risparmiare ed evitare sanzioni



In vista dell'accensione dei riscaldamenti centralizzati e per aiutare i consumatori a scaldare al meglio le proprie case, evitando sprechi e brutte sorprese nella bolletta, il ministero dello Sviluppo Economico e dell'ENEA ha reso disponibile un vademecum con 10 regole-base per un riscaldamento efficiente e più conveniente.

Ecco in sintesi queste regole:

-Regola N. 1 – Fare la manutenzione degli impianti: chi non la effettua rischia una multa non inferiore a 500 euro, in base a quanto stabilisce il DPR 74/2013

-Regola N. 2 - Controllare la temperatura ambiente: la normativa consente una temperatura di 20 - 22 gradi, ma 19° sono più che sufficienti a garantire il comfort necessario

-Regola N. 3 – Attenti alle ore di accensione: il tempo massimo di accensione giornaliero è indicato dalla legge e cambia a seconda delle zone climatiche in cui si trova il comune

-Regola N. 4 - Usare i cronotermostati: sono moderni dispositivi elettronici che consentono di regolare temperatura e tempo di accensione in modo da mantenere l'impianto in funzione solo quando si è in casa

-Regola N. 5 - Applicare valvole termostatiche: questi strumenti aprono o chiudono la circolazione dell'acqua calda nel termosifone e consentono di mantenere costante la temperatura in casa

-Regola N. 6 Installare pannelli riflettenti tra muro e termosifone

-Regola N. 7 Schermare le finestre la notte

-Regola N. 8 Fare il check up alla propria casa: è importante valutare l'isolamento termico sulle pareti e finestre dell'edificio. Sostituendole inoltre si avrà un risparmio anche in termini economici, potendo fruire dell'ecobonus, la detrazione fiscale del 65%

- Regola N. 9 Impianti di riscaldamento innovativi: se l'impianto di riscaldamento ha più di 15 anni, sarebbe opportuno sostituirlo con nuove caldaie a biomasse, pompe di calore o con impianti integrati dove la caldaia è alimentata con acqua preriscaldata da un impianto solare termico e/o da una pompa di calore alimentata da un impianto fotovoltaico.
Anche per questi interventi si può fruire delle detrazioni fiscali sulla casa, la riqualificazione energetica degli edifici 65% e del patrimonio edilizio del 55%

-Regola N. 10 Evitare ostacoli davanti e sopra i termosifoni.

In tema di impianti si ricordano due recenti novità:
- la nuova etichettatura per le caldaie, entrata in vigore da fine settembre recependo la direttiva europea Ecodesign
- il nuovo APE, l'attestato di prestazione energetica per gli immobili.

riproduzione riservata
Articolo: Accensione riscaldamento: date e zone climatiche
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 3 voti.

Accensione riscaldamento: date e zone climatiche: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
322.544 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Accensione riscaldamento: date e zone climatiche che potrebbero interessarti


Come distaccarsi dall'impianto di riscaldamento centralizzato?

Ripartizione spese - Ecco alcuni motivi e alcune informazioni su come distaccarsi dall'impianto di riscaldamento condominiale, ma per farlo bisogna prestare attenzione ad alcuni aspetti.

Riscaldamento: autonomo o centralizzato?

Ripartizione spese - L'impianto autonomo consente di impostare le temperature in base alle esigenze individuali, tuttavia non è detto che questo tipo di impianto porti sempre a dei consumi inferiori rispetto a quello centralizzato.

Orario di accensione del riscaldamento, l'assemblea è sovrana

Condominio - Nel condominio in cui abito l'assemblea condominiale ha deciso uno strano orario di accensione del riscaldamento, che cosa posso fare?

Termoregolazione e contabilizzazione autonoma

Ripartizione spese - La gestione e manutenzione dell'impianto è di competenza del condominio. In sostanza l'amministratore di condominio, dovrà provvedere a mantenerlo in buono stato.

Gestione del riscaldamento

Impianti di riscaldamento - A seguito del recepimento in Italia della Direttiva europea sull?efficienza energetica e dei conseguenti provvedimenti finanziari volti a incentivare

Impianto di riscaldamento condominiale, messa in esercizio, verifiche e ripartizione delle spese

Parti comuni - L'impianto di riscaldamento condominiale, come tutti gli impianti di riscaldamento deve rispettare precise norme in materia di messa in esercizio e manutenzione

Impianto di riscaldamento, uso e spese

Condominio - Con l?autunno, come d?abitudine, si ripropongono tutte le tematiche inerenti l?uso dell?impianto di riscaldamento ed i relativi costi.Vediamo le

Contabilizzazione del riscaldamento domestico

Impianti - Ottenere una riduzione della spesa energetica, sulla base dell'effettivo consumo, grazie a sistemi di controllo integrabili, che favoriscono la gestione del riscaldamento domestico.

Sistemi di contabilizzazione del calore

Impianti - Non c?è dubbio che l?adozione di un sistema di contabilizzazione del calore di casa introduca una serie di vantaggi, nella gestione del riscaldamento,
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img scudieriaugusto
Un condominio dove gli appartamenti hanno riscaldamento indipendente, di quali interventi previsti dall'ecobonus possono usufruire?Sicuramente il cappotto termico.Poi devono per...
scudieriaugusto 30 Giugno 2020 ore 22:02 2
Img patina
Buongiorno. Vorrei sapere se esistono indicazioni precise su come lasciare il termostato dei caloriferi quando il riscaldamento centralizzato è spento. In pratica la...
patina 24 Maggio 2019 ore 12:08 5
Img vuelle
Buongiorno a tutti, a novembre 2017 ho acquistato un appartamento da ristrutturare e, a oggi, non ho effettuato nessun tipo di lavoro. Per questo motivo, non ho mai abitato nel...
vuelle 31 Gennaio 2019 ore 18:31 3
Img tedwallenberg
Prima descrivo la situazione logistica: Appennino tosco emiliano, paese di montagna a 800 m. d'altezza, casa di tre piani (SEI appartamenti, due per piano) più p.t. adibito...
tedwallenberg 05 Marzo 2018 ore 23:57 2
Img zuzzurelonearistide
Ho appena acquistato un appartamento in condomino anni 70 dotato di impianto centralizzato a pavimento, purtroppo ad inizio lavori demolendo la pavimentazione del bagno le...
zuzzurelonearistide 27 Febbraio 2018 ore 11:11 3